Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Mangialardo, Alessia (2018) Nuove forme di riuso e rigenerazione del patrimonio immobiliare pubblico - innovative esperienze italiane di partecipazione e di creazione di valore. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 31 Ottobre 2020 per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

2758Kb

Abstract (inglese)

The question of how to enhance the Italian public real-estate assets is a topic widely debated by local authorities and the central government. The reuse and enhancement of a public asset of immense size no longer used for public purposes and at risk of abandonment is a challenge for the Italian territories and for the government finances.
For a long time, the lawmaker's effort in this field has focused on facilitating the public procedures for the alienation of public buildings. The bases of these policies were the need to enter the property on the market to entrust them to operators which would hold the appropriate financial resources and knowledge able to redevelop the buildings and ensure new uses.
At an ex-post evaluation, facilitation and market access measures through traditional valuation tools have not yielded the hoped outcome. Growing downturns on real estate sales may be similar to the market for non-performing loans - estimated at no more than 30% of their real value as reported by the Bank of Italy - imposes new solutions to avoid the sale and the abandonment of such assets.
In public real-estate assets suspended among the negligence of the administrations and the exclusion from the traditional real estate market logic, in recent years innovative forms of enhancement of public real-estate properties took place. These are promoted by a citizenship that is eager to get involved in enhancing its territory. If traditional operators no longer have the interest or resources to transform public areas and buildings, the creative class, represented by associations, artists and companies, fab-lab, creative industries, digital manufacturing workshops, craft workshops and professional firms, rediscovers abandoned real estate assets to launch innovation projects with cultural and social purposes. At the core of these activities is the desire to restart the territories affected by the structural crisis that has hit our country through culture and the sharing of projects and ideas.
The present research aims to study these innovative forms of enhancement of public real-estate properties promoted from bottom-up processes, from initiatives taken by local citizenship. In particular, the goal is to identify the conditions for predicting the success of such projects and, from a real-estate economics point of view, to what extent similar actors can generate new economic value in the enhanced real-estate assets.
Often, governments encourage the development of similar initiatives that revitalize properties and establish new ecosystem with culture and enterprise, simultaneously promoting economic development and urban regeneration. From reserve of financial value, public properties are thus transformed into new commons, of which citizenship reappears to start new social and economic activities.
Although bottom-up processes are a well-established procedure in Europe, in the literature the theme is still experimental. For this reason, research is based on the analysis and interpretation of some empirical successful experiences in Italy and it can be distinguished in three phases.
A first experimental survey was conducted on fifteen successful case studies in Italy. The basics of descriptive statistics have allowed us to identify some of the elements common to most of the experiences. Among them, the importance of active citizenship, temporary uses, the conceptual framework of commons and the attractiveness of creative industries.
The second step explores in more detail the dynamics of bottom-up processes and deepens some aspects of macro and micro-territorial scale. The dataset has been expanded through fifty experiences that have been explored through multivariate statistics techniques. In particular, cluster analysis has allowed identifying some internal groups to the datasets with similar characteristics. From the analysis emerged some elements that can represent many predictors for the success of the bottom-up enhancement experiences in Italy. From the macro-territorial point of view, the importance of the endowment of social capital in a territory has emerged. Large cities have always been characterized by a high level of social and human capital and, for this reason, bottom-up processes are typically an urban phenomenon. Nevertheless, similar mechanisms can also occur where social capital is latent. In this case, administrations have promoted specific public policies to stimulate citizenship to pursue such initiatives.
From the micro-territorial scale, the cluster analysis allowed to identify some architectural, managerial and legal aspects. Bottom-up enhancement processes take place in small buildings in a good state of conservation. Such mechanisms require an emblematic figure, the social entrepreneur, to ensure their economic sustainability. From a legal perspective, flexibility is the necessary element to ensure contractual formulas that are appropriate to the needs of proprietary and the users of the assets.
If the positive externalities that bottom-up processes generate locally (new jobs, urban regeneration, new community services) are clear, the economic benefits, from a purely real-estate point of view, are less evident. The third step concerns the value creation process that similar mechanisms are able to generate in the enhanced asset. The discounted cash flow analysis conducted on a case study is the procedure employed to estimate the value generated by bottom-up processes. To measure in the high degree of uncertainty associated with the value chain that characterizes bottom-up initiatives, the estimation model has been combined with the Monte Carlo simulation. The results show that from a near-zero initial value, bottom-up processes have contributed to increasing this value, demonstrating how similar processes represent a valid alternative to traditional administrative procedures for enhancing abandoned property assets.
From a practical point of view, research highlights new perspectives for enhancing public property assets and provides a valid support for administrations to promote similar practices.
Finally, scientific results link two issues - the enhancement of public real-estate assets and bottom-up processes - which are now treated distinctly in the literature and show the effectiveness of such practices in the regeneration of territories.

Abstract (italiano)

La questione su come valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico è un tema ampiamente dibattuto dalle amministrazioni locali e dal governo centrale. Il riuso e la valorizzazione di un patrimonio pubblico di immense dimensioni non più utile ai fini pubblicistici e a rischio di abbandono è una sfida per i territori italiani e per le finanze delle amministrazioni.
Per un lungo periodo, lo sforzo del legislatore in materia di valorizzazione è stato incentrato sull’agevolazione delle procedure di alienazione degli immobili pubblici. Alla base di queste vi era la necessità di immettere i beni sul mercato per affidarli a operatori che disponessero delle appropriate risorse finanziarie e conoscenze in grado di riqualificare gli immobili e assicurarne nuovi usi.
A una valutazione ex post, le misure di agevolazione e di accesso al mercato attraverso i tradizionali strumenti di valorizzazione non hanno dato l’esito sperato. I crescenti tentativi di vendite al ribasso di beni immobili pubblici possono essere posti in analogia al mercato dei crediti deteriorati che sono stimati al massimo al 30% del loro reale valore così come segnalato da Banca d’Italia. Tali esiti fallimentari hanno imposto la ricerca di nuove soluzioni per evitare la svendita e l’abbandono di tali beni.
In un patrimonio sospeso tra l’incuria da parte delle amministrazioni e l’esclusione dalle tradizionali logiche del mercato immobiliare negli ultimi anni hanno avuto luogo innovative forme di valorizzazione promosse da una cittadinanza desiderosa di mettersi in gioco per valorizzare il proprio territorio. Se gli operatori tradizionali non hanno più l’interesse né le risorse per trasformare aree e manufatti, la creative class, rappresentata da associazioni, artisti e imprese, fab-lab, industrie creative, atelier di manifattura digitale, laboratori artigianali e studi professionali, riscopre il patrimonio immobiliare abbandonato per avviare progetti d’innovazione a sfondo culturale e sociale. Alla base di queste attività vi è il desiderio di far ripartire i territori segnati dalla crisi strutturale che ha colpito il nostro paese attraverso la cultura e la condivisione di progetti e idee.
La presente ricerca mira a studiare queste innovative forme di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico promosse dal basso, dalle iniziative portate avanti dalla cittadinanza locale. In particolare, l’obiettivo è di individuare le condizioni in grado di predire il successo di simili progetti, e, dal punto di vista estimativo, in quale misura simili attori siano in grado di generare nuovo valore economico nel patrimonio immobiliare valorizzato.
Spesso le amministrazioni favoriscono lo sviluppo di simili iniziative che rivitalizzano gli immobili a costi contenuti e instaurano inediti ecosistemi di cultura e impresa, promuovendo simultaneamente sviluppo economico e rigenerazione urbana. Gli immobili pubblici si trasformano così da riserva di valore finanziario in nuovi beni comuni, di cui la cittadinanza si riappropria per avviare nuove realtà sociali ed economiche.
Sebbene i processi di valorizzazione dal basso siano una procedura ormai consolidata in ambito europeo, in letteratura il tema è ancora sperimentale e in via di definizione. Per questo motivo, la ricerca è basata sull’analisi e sull’interpretazione di alcune evidenze empiriche di successo in Italia e può essere distinta in tre fasi.
Una prima indagine sperimentale è stata condotta su quindici casi studio di successo in Italia. Le metodologie a fondamento della statistica descrittiva hanno permesso di individuare alcuni elementi comuni alla maggior parte delle esperienze. Fra questi, l’importanza di una cittadinanza attiva, gli usi temporanei, il quadro concettuale dei beni comuni e l'attrattività delle industrie creative.
Il secondo step indaga più dettagliatamente le dinamiche dei processi di valorizzazione dal basso e approfondisce alcuni aspetti a scala macro e micro-territoriale. Il dataset di esperienze di valorizzazione è stato ampliato passando a cinquanta esperienze che sono state esaminate attraverso le tecniche di statistica multivariata. In particolare, l’analisi cluster ha permesso di individuare alcuni gruppi interni al dataset con caratteristiche simili. Dall’analisi sono emersi alcuni elementi che possono rappresentare altrettanti predittori per il successo delle esperienze di valorizzazione dal basso in Italia. Dal punto di vista macro-territoriale è emersa l'importanza della dotazione di capitale sociale in un territorio. Le grandi città sono da sempre caratterizzate da un’alta dotazione di capitale sociale e umano e, per questo motivo, i processi di valorizzazione dal basso sono tipicamente fenomeni urbani. Ciononostante simili meccanismi possono avvenire anche in realtà dove il capitale sociale è latente. In questo caso le amministrazioni hanno promosso specifiche politiche pubbliche per stimolare la cittadinanza a portare avanti simili iniziative.
A scala micro-territoriale, l’analisi cluster ha permesso di individuare alcuni aspetti a livello di architettonico, gestionale e giuridico. I processi di valorizzazione dal basso avvengono in edifici di piccole dimensioni in buono stato di conservazione. Simili meccanismi necessitano di una emblematica figura, quella dell’imprenditore sociale, per garantire la loro sostenibilità economica nel tempo. Dal punto di vista giuridico, la flessibilità è l’elemento necessario per garantire formule contrattuali appropriate alle esigenze dell’amministrazione proprietaria e degli ideatori del progetto.
Se sono evidenti le esternalità positive che i processi bottom-up generano a livello locale (nuovi posti di lavoro, rigenerazione urbana, nuovi servizi per la comunità), i vantaggi economici, da un punto di vista puramente immobiliare, sono meno evidenti. Il terzo step riguarda il processo di creazione di valore che simili processi sono in grado di generare nel patrimonio valorizzato. L'analisi dei flussi di cassa scontati condotta su un caso studio è la procedura utilizzata per stimare il valore generato dai benefici che la mobilitazione dal basso genera per le amministrazioni proprietarie. Per misurare nell'elevato grado di incertezza associata alla catena del valore che caratterizza le iniziative bottom-up, il modello di stima è stato combinato con la simulazione Montecarlo. I risultati evidenziano che da un valore iniziale pressoché nullo, i processi bottom-up hanno contribuito ad accrescere del 60% tale valore, dimostrando come simili processi rappresentino una valida alternativa alle tradizionali procedure delle amministrazioni per valorizzare gli asset immobiliari abbandonati.
Dal punto di vista pratico, la ricerca mette in luce nuove prospettive di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico e fornisce un valido supporto alle amministrazioni per promuovere simili pratiche.
I risultati scientifici, infine, connettono due temi – la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico e i processi di mobilitazione dal basso – ad oggi trattati distintamente in letteratura e dimostra l’efficacia di simili pratiche nella rigenerazione dei territori.

Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Stellin, Giuseppe
Correlatore:Micelli, Ezio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 30 > Corsi 30 > INGEGNERIA ECONOMICO GESTIONALE
Data di deposito della tesi:16 Febbraio 2018
Anno di Pubblicazione:20 Febbraio 2018
Parole chiave (italiano / inglese):processi di valorizzazione bottom-up, processi partecipati, valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, rigenerazione dal basso
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/22 Estimo
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
Codice ID:11139
Depositato il:31 Ott 2018 09:50
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Accornero M., Alessandri P., Carpinelli L., Sorrentino A.M., 2017. Non-Performing Loans and the Supply of Bank Credit: Evidence from Italy, Banca d’Italia Occasional Paper, No. 374. Cerca con Google

Agenzia del Demanio, 2015, Strategie e strumenti per la valorizzazione del patrimonio pubblico, testo disponibile all’indirizzo: http://www.agenziademanio.it/export/download/demanio/agenzia/EPAS_Strategie-e-strumenti-per-la-valorizzazione-del-patrimonio-immobiliare-pubblico.pdf (ultimoaccesso/15/01/2016). Vai! Cerca con Google

Agnoli E., 2014. Spazio Grisù: recupero creativo e riattivazione produttiva a Ferrara, Imprese & Città, 4: 66-69. Cerca con Google

Aiken M., Cairns B., Thake C., 2008. Community ownershipand management of assets, Institute for Volountary Action Research, London. Cerca con Google

Albrechts L., 2002. The planning community reflects on enhancing public involvement. Views from academics and reflective practitioners, Planning Theory & Practice, 3(3): 331–347. Cerca con Google

Alferj P., 2014 «Un cantiere di tre piani in stile neoclassico», Imprese & Città, n. 4, pp. 62-65. Cerca con Google

ANCE, 2015, Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni – Dicembre 2015, testo disponibile al sito: http://www.ance.it/search/SearchTag.aspx?tag=scenari&id=48&pcid=30&pid=27&docId=23138 (ultimoaccesso/23/01/2016). Vai! Cerca con Google

Andersson L., 2009, Urban Experiments and Concrete Utopias, Platform4 a ‘Bottom-up’ Approach to the Experience City, in Hans K., Architecture and stages in the experience city, relazione presentata al convegno “Architecture and Stages in the Experience City”, Haalborg, 4-5 settembre, pp. 84-95. Cerca con Google

Andres L., 2013, Differential spaces, power hierarchy and collaborative planning: a critique of the role of temporary uses in shaping and making places, Urban Studies, 50: 759-775. Cerca con Google

Arena G., Iaione C., 2012. L’Italia dei beni comuni, Carocci, Roma. Cerca con Google

Bailey N., 2012. The role, organization and contribution of community enterprise to urban regeneration policy in the UK, Progress in Planning 77: 1-35. Cerca con Google

Barraket J., Archer V., 2009, «Changing the rules in use? An examination of the role of social enterprise in local governance», relazione presentata al convegno “International Social Innovation Research Conference 2009- Social Innovation: Reconfiguring Markets, Blurring Sector Boundaries and Challenging Institutional Arrangements”, Oxford, 14-16 settembre. Cerca con Google

Bawens M., Niaros V., 2017. Value in the Commons Economy: Development in Open and Contributory Value Accounting, P2P Foundation, Amsterdam. Testo disponibile al sito: https://www.boell.de/en/2017/02/01/value-commons-economy-developments-open-and-contributory-value-accounting (ultimoaccesso 22/10/2017). Vai! Cerca con Google

Beaumont J., Nicholls W., 2008. Plural governance, participation and democracy in cities, International Journal of Urban and Regional Research, 32(1): 87–94. Cerca con Google

Bloom P. N., Dees J.G., 2008. Cultivate Your Ecosystem, Stanford Social Innovation Review, Winter 2008: 46-53. Cerca con Google

Bonetti T., 2016. La rigenerazione urbana nell'ordinamento giuridico italiano: profili ricostruttivi e questioni aperte, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Bordieu P., 1986. The forms of capital. In: Richardson J. (Eds.) Handbook of Theory and Research for the Sociology of Education, Greenwood, Westport. Cerca con Google

Branca D., 2011, «Spazi temporanei come palestra per una filiera di associazioni e piccole imprese», Territorio n. 56, pp. 79-81. Cerca con Google

Brunetta G., Moroni S., 2011. La città intraprendente, Carocci, Roma. Cerca con Google

Bruni L., 2011. Il significato del limite nell’economia dei beni comuni. Sophia – Ricerche sui fondamenti e la correlazione dei saperi, 2011(2): 212-225. Cerca con Google

Byrne, P.; Cadman, D., 1996. Risk, Uncertainty and Decision-making in Property Development, 2nd ed.; E.&F.N. Spon, Londra. Cerca con Google

Caggiaguerra G., Gatti M.P., 2016. Un intervento normativo per sbloccare la rigenerazione urbana in Italia. Proposta del 15 giugno 2015, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Camagni R., 2017. Regional Competitiveness: Towards a Concept of Territorial Capital, in Capello R. (Eds.), Seminal Studies in Regional and Urban Economics, pp. 115-131. Cerca con Google

Camagni R., Micelli E., Moroni S., 2014. Diritti edificatori e governo del territorio: verso una perequazione urbanistica estesa? Introduzione, Italian Journal of Regional Science-Scienze Regionali, 2: 5-8. Cerca con Google

Cammelli M., 2016. Re-cycle: pratiche urbane e innovazione amministrativa per ricomporre le città, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Cammelli M., 2017. Qualche appunto in tema di imprese culturali. Aedon 2: 0-0, testo disponibile al sito: https://www.rivisteweb.it/doi/10.7390/87050 (ultimoaccesso/15/10/2017). Vai! Cerca con Google

Campagnoli G., 2015, Riusiamo l’Italia da spazi vuoti a start up culturali e sociali, Il Sole 24 Ore Libri, Milano. Cerca con Google

Carta M., 2011. Città creativa 3.0. Rigenerazione urbana e politiche d valorizzazione delle armature culturali, in Cammelli M., Valentino P.A., Citumorphosis. Politiche culturali per città che cambiano, Giunti, Firenze. Cerca con Google

Carta M., 2016. L'urbanistica re-ciclica. Un'agenda urbana per la società circolare, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Ciaramella A., 2012. Esperienza di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico in Italia: il caso del fondo FIP, Techne, 3: 132-139. Cerca con Google

Cities Institute-London Metropolitan University, 2005. Strategies for creative spaces: lessons learned November 2006, testo disponibile al sito: http://www.citiesinstitute.org/library/i60627_3.pdf (ultimoaccesso/23/01/2016). Vai! Cerca con Google

Cohendet P., Zapata S., 2009. Innovation and creativity: is there economic significance to the creative city? Management International, 13: 23-36. Cerca con Google

Coleman J 1988. Social Capital in the Creation of Human Capital, American Journal of Sociology, 94: 95-120. Cerca con Google

Colomb C., 2012. Pushing the urban frontier: temporary use of space, city marketing and the creative city discourse in 2000s Berlin, Journal of Urban Affairs, 34: 131-152. Cerca con Google

Comitato Economico e Sociale Europeo, 2010, Libro Verde- Le industrie culturali e creative, un potenziale da sfruttare, testo disponibile al sito: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52010DC0183&from=IT (ultimoaccesso/23/01/2016). Vai! Cerca con Google

Coscia C., Piccolo A., 2012. Modelli di analisi per un management consapevole di istituzioni culturali complesse, Territorio, 9: 16-31. Cerca con Google

Cottino P., Zeppetella P., 2009. Creatività, sfera pubblica e riuso sociale degli spazi, Cittalia, fondazione anci ricerche, 4(2009): 1-62. Cerca con Google

Crosta P., 2011. Riuso temporaneo, come pratica che “apprende” la cittadinanza? Territorio, 56: 82-83. Cerca con Google

Cuthill M., 2003. The contribution of human and social capital to building community well-being: A research agenda relating to citizen participation in local governance in Australia,Urban Policy and Research, 21(4): 373–391. Cerca con Google

D’Alpaos C., Marella G., 2014. Urban planning and option values, Applied Mathematical Sciences, 8: 157-160. Cerca con Google

Davie G., 2017. Social Entrepreneurship: A Call for Collective Action, in: Tirmizi S., Vogelsang J., (Eds) Leading and Managing in the Social Sector. Management for Professionals. Springer, Cham, pp. 41-52. Cerca con Google

Defourny J., Nyssens M., 2010. Social entreprise in Europe: at the crossroads of market, public policies and third sector, Policy and society, 29(3): 231-242. Cerca con Google

Demattè C., 2016. Dimensioni e profili del mercato dei Npl corporate, atti del convegno tenuto all'università Bocconi di Milano, 2 Marzo. Cerca con Google

Drake G., 2003. This place gives me place: place and creativity in the creative industries, Geoforum, 34: 511-524. Cerca con Google

Erto, P., 2008. Probabilità e Statistica per le Scienze e L’ingegneria, 3rd ed.; Mc Graw Hill: Milano. Cerca con Google

Elishakoff, I., 2003. Notes on philosophy of Monte Carlo methodology. International of Applied Mechanics, 39: 3–14. Cerca con Google

European Regional Development Fund & Interreg IVC programme, 2010. Creative metropoles situation analysis of 11 cities final report, testo disponibile al sito: http://docplayer.net/10998464-Creative-metropoles-situation-analysis-of-11-cities-final-report.html (ultimoaccesso/23/01/2016). Vai! Cerca con Google

Evans A.H., 1996. Monte Carlo analysis: A practical application to development appraisal. Journal of Property and Finance, 3: 271–281. Cerca con Google

Fabrizi C., Pico R., Casolaro L., Graziano M., Manzoli E., Soncin S., Esposito E., Saporito G., Sodano T., a cura di, 2015, «Mercato immobiliare, imprese della filiera e credito: una valutazione degli effetti della lunga recessione», Banca d’Italia, Questioni di Economia e Finanza, n. 263, pp. 1-57. Cerca con Google

Fell J., Grodzicki M., Reiner O’Brien E., 2016. A Role for Systemic Asset Management Companies in Solving Europe's Non-Performing Loan Problems, European Economy; 1:71-85. Cerca con Google

Finan S., 2014. Transient places: the public benefits of short term artist-led spaces, IJAMCP-Irish Journal of Arts Management & Cultural Policy, 2: 2-11. Cerca con Google

Floreani, F., 2004. Entreprise Risk Management, Pubblicazioni dell’I.S.U; Università Cattolica, Milano. Cerca con Google

Florida R., 2003. L'ascesa della carte creativa, Mondadori, Milano. Cerca con Google

Forrest R., Kearns A., 2001. Social Cohesion, Social Capital and the Neighbourhood, Urban Studies, 38(12): 2125-2143. Cerca con Google

Fraley C., and Raftery A., 1998. How many clusters? Which clustering method? Answers via model-based cluster analysis, The computer journal 41(8): 578-588. Cerca con Google

Fusco Girard L., 2011. Multidimensional evaluation processes to manage creative, resilient and sustainable city, Aestimum, 59: 123-133. Cerca con Google

Gabellini P., 2016. Re-cycle, ovvero rilavorare lo spazio urbanizzato, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Gabrielli, L.; French N.S., 2004. The Uncertainty of Valuation. Journal of Property Investments and. Finance ,22: 484–500. Cerca con Google

Gabrielli, L.; French N.S., 2005. Discounted cash-flow: Accounting for uncertainty. Journal of Property Investments and Finance, 2005, 23: 75–89. Cerca con Google

Garcìa M., 2006. Citizenship practices and urban governance in European cities, Urban Studies, 43(4): 745-765. Cerca con Google

Gasparri W., 2016. Suolo, bene commune? Contenimento del consumo di suolo e funzione sociale della proprietà privata, Diritto pubblico, 1: 69-190. Cerca con Google

Gastaldi F., 2011. Ruolo del capitale sociale territoriale nella promozione dello sviluppo locale. In Buratti N., Ferrari C., (Eds.), La valorizzazione del patrimonio di prossimità tra fragilità e sviluppo locale, FrancoAngeli, Milano. Cerca con Google

Gastaldi F., Camerin F., 2017. Verso una nuova fase del processo di valorizzazione del patrimonio militare italiano? Territorio, 80: 151-156. Cerca con Google

Giani L., 2012. Valorizzazione, alienazione e razionalizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, TECHNE – Journal of Technology for Architecture and Environment, 3(2012): 34-44. Cerca con Google

Gimpelevich, D., 2011. Simulation—Based excess return model for real estate development: A practical Monte Carlo simulation-based method for quantitative risk management and project valuation for real estate development projects illustrated with a high-rise office development case study, Journal of Property, Investestments and Finance, 29: 115–144. Cerca con Google

Glaeser E. L., Laibson D. and Sacerdote B. 2002. An economic approach to social capital. The economic journal, 112: 437-458. Cerca con Google

Glaeser E. L., Ponzetto G.A.M., Zou Y., 2016. Urban networks: Connecting markets, people, and ideas, Papers in Regional Science 95(1): 17-59. Cerca con Google

Gonzalez M.G., 2017, Planning, Urban sprawl and spatial planning. European Journal of Geography, 8(1): 32-43. Cerca con Google

Guzzi F., 2016. Il contenimento del consumo di suolo alla luce delle tecniche di rigenerazione urbana e di valorizzazione dell'esistente, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Henneberry J., 2017. Transience and Permanence in Urban Development, Wiley Blackwell, Hoboken. Cerca con Google

Hilbrandt H., 2017. Insurgent participation: consensus and contestation in planning the redevelopment of Berlin-Tempelhof airport, Urban Geography, 38(4): 537-556. Cerca con Google

Hoesli, M.; Morri, J., 2010. Investimento Immobiliare—Mercato, Valutazione, Rischio e Portafogli, 3rd ed.; Hoepli: Milano. Cerca con Google

Kamvasinou K., Roberts M., 2014. Interim spaces: vacant land, creativity and innovation in the context of uncertainty. In P. Barron & M. Mariani (Eds) Terrain vague: interstices at the edge of the pale, Routledge, London, 187-200. Cerca con Google

Kelliher, C., 2000. Using Monte Carlo simulation to improve long-term investment decisions, Appraisal Journal, 68: 44–57. Cerca con Google

Jacobides M.G., Cennamo C., Gawer A., 2016. Paradigm shift or label profusion? A critical examination of Ecosystems in Strategy Research, ICRIOS Seminar, Milano, 05-10-2016, Università Bocconi. Cerca con Google

Jayaraman, S.; Mascagni, M. 2013. A Review of Monte Carlo Methods in Real Estate; Florida State University: Tallahassee, FL, USA, testo disponibile al sito: http://ww2.cs.fsu.edu/~jayarama/RealEstateMCMReport.pdf (ultimoaccesso 17/06/2017). Vai! Cerca con Google

Johnson, R. A., Wichern D. W. 2002., Applied Multivariate Statistical Analysis. (6th ed.), Prentice-Hall, New Jersey. Cerca con Google

Iaione C., 2016. La città collaborativa: la “governance” dei beni comuni per l'urbanistica collaborata e collaborativa, in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

IBL, 2011. Uscire dalla crisi. Un’agenda di privatizzazioni, IBL Policy paper, Milano. Cerca con Google

Inguaggiato V., 2011. Gangeviertel, un caso aperto di riuso temporaneo per produzione culturale, Amburgo, Territorio, 56: 40-42. Cerca con Google

Inti I., 2005, Spazi Urbani Residuali e Azioni Temporanee, un’occasione per ridefinire i territori, gli attori e le Politiche urbane, DrPPT_Dottorato in Pianificazione Territoriale e Politiche Pubbliche del Territorio, Università IUAV di Venezia. Cerca con Google

Inti I., Inguaggiato V., 2011. Riuso temporaneo, Territorio, 56: 14-17. Cerca con Google

Inti I., (a cura di), 2011. Che cos’è il riuso temporaneo?, Territorio, 56: 18-28. Cerca con Google

Inti I., Cantaluppi G., Persichino M., 2014. Temporiuso. Manuale per il riuso temporaneo di spazi in abbandono, Altreconomia, Milano. Cerca con Google

ISTAT, 2015. Indicatori territoriali per le politiche di sviluppo. testo disponibile all’indirizzo: http://www.istat.it/it/archivio/16777 (ultimoaccesso 09/10/16). Vai! Cerca con Google

Louekary M., 2006. The creative potential of Berlin: creating alternative models of social, economic and cultural organization in the form of network forming and open-source communities, Planning, Practice&Research, 21: 463-481. Cerca con Google

MacCallum, S.H., 2003. The Entrepreneurial Community in Light of Advancing Business Practices and Technologies. In: Foldvary F.E., Klein D.B. (Eds.), The Half-Life of Policy Rationales, New York: New York U.P., pp. 227-242. Cerca con Google

Mangialardo, A., 2017. Il Social Entrepreneur per la Valorizzazione del Patrimonio Immobiliare Pubblico, Scienze Regionali, 16: 473-480. Cerca con Google

Mangialardo A., Micelli E., 2017. New bottom-up approaches to enhance public real estate property. In Stanghellini S., Morano P., Bottero M., Oppio A., (Eds.), Appraisal: From Theory to Practice, Springer International Publishing AG, Green Energy and Technology, Cham, pp. 53-62. Cerca con Google

Mayer M., 2003. The onward sweep of social capital: causes and consequences for understanding cities, communities and urban movements. International journal of urban and regional research, 27(1): 108-130. Cerca con Google

Micelli E., Mangialardo A., 2016. Riuso urbano e immobili pubblici: la valorizzazione del patrimonio bottom-up, Territorio, 79: 109-117. Cerca con Google

Michieli, I.; Michieli, M., 2002. Trattato di Estimo, 7th ed., Edagricole: Milano. Cerca con Google

Nèmeth J., Langhorst J., 2014. Rethinking urban transformation: temporary uses for vacant land, Cities, 40: 143-150. Cerca con Google

Olivi M., 2014. Beni pubblici tra privatizzazioni e riscoperta dei beni comuni, Amministrazione in cammino, 1-22. Testo disponibile al sito: http://www.amministrazioneincammino.luiss.it/app/uploads/2014/04/Olivi_Beni-pubblici_privatizzazioni_beni-comuni.pdf (utlimoaccesso 22/10/2017). Vai! Cerca con Google

Ostanel E., 2017. Urban regeneration and social innovation: The role of communitybased organisations in the railway station area in Padua, Italy, Journal of Urban Regeneration & Renewal, 11(1): 79-91. Cerca con Google

Ostrom E., Governare i beni collettivi. Istituzioni pubbliche e iniziative delle comunità,Marsilio, 2006 Cerca con Google

Pagliari G., 2016. Ripensare lo strumento pianificatorio: dal modello del «controllo» a quello della «coerenza», in Fontanari E., Piperata G. (Eds.) Agenda RE_CYCLE, Il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Peck J., 2012, «Recreative city: Amsterdam, vehicular ideas and the adaptive spaces of creativity policy», International journal of urban and regional research, n. 36.3, pp. 462-485. Cerca con Google

Pignaris C., 2015. Carta della partecipazione: processi inclusivi per l’uso dei beni comuni, in Beni comuni – sharing economy – riuso, conference proceedings - Urban Promo 2015, Milano, 17-20 novembre. Cerca con Google

Putnam R, Leonardi R, Nanetti R Y 1993. Making democracy work. Civic Tradition in Modern Italy, Princeton University Press, Princeton NJ. Cerca con Google

Radywyl N, Biggs C., 2013. Reclaiming the commons for urban transformation, Journal of Cleaner Production, 50: 159-170. Cerca con Google

Reynolds E., 2011. Interwhile uses, Journal of Urban Regeneration and Renewal, 4(4): 371- 380. Cerca con Google

Rietveld Landscape, 2010, Curatorial Statement, brochure of the Dutch Pavillon, XII Mostra Internazionale di Architettura People meet in architecture, Venezia. Cerca con Google

Robiglio M., 2017. RE–USA: 20 American Stories of Adaptive Reuse, Jovis, Marano Vicentino. Cerca con Google

A Toolkit for Post-Industrial CitiesSarstedt M., Mooi E., 2014. A concise guide to market research. (2nd ed.). Springer Texts in Business and Economics, Verlag Berlin Heidelberg. Cerca con Google

Sennett R., 2008. The open city. In: Burdett R, Sudjic D (Eds.) The endless city (pp. 290-97). Phaidon, London. Cerca con Google

Serifang G., Smith A., 2007. Grassroots innovations for sustainable development: Towards a new research and policy agenda, Environmental Politics, 16(4): 584-603. Cerca con Google

Sivarethinamohan, R., 2005. Operations Research (Ascent Series); McGraw Hill Education: New York. Cerca con Google

Studio Urban Catalyst, 2003, Urban Catalyst, strategies for temporary uses – potential for development of urban residual areas in European metropolises, testo disponibile al sito: http://www.templace.com/think-pool/one786f.html?think_id=4272 (ultimoaccesso/23/01/2016). Vai! Cerca con Google

Swyngedouw E., 2005. Governance Innovation and the Citizen: The Janus Face of Governance-beyond-the-State, Urban Studies, 42(11): 1991-2006. Cerca con Google

Terranova F., 2012. Strategie politiche e finanziarie per valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico, TECHNE – Journal of Technology for Architecture and Environment, 3(2012): 18-33. Cerca con Google

Tronconi O., 2007. Il processo di dismissione del patrimonio immobiliare pubblico, in Tronconi, O., Ciaramella, A. e Pisani, B. (Eds.), La gestione di edifici e patrimoni immobiliari, Il sole 24 Ore, Milano, pp. 17-22. Cerca con Google

Van Stein S., 2010. Temporality at use, in Vacant NL. Where architecture meets ideas, brochure of the Dutch Pavillon, XII Mostra Internazionale di Architettura People meet in architecture, Venezia. Cerca con Google

Vianello D., 2012. A piccoli passi per uscire dal tunnel, TECHNE – Journal of Technology for Architecture and Environment, 3(2012): 45-54. Cerca con Google

Vivant E., 2013. Creatives in the city: urban contradictions of the creative city, City, 4: 57-63. Cerca con Google

Westerink J., Kempenaar A., van Lierop M., van der Valk A., van den Brink A., 2017. The participating government: Shifting boundaries in collaborative spatial planning of urban regions, Environment and Planning C: Politics and Space, 35(1): 147-168. Cerca con Google

Westlund H., 2012. Social capital and regional development; research achievements and remaining problems. Italian Journal of Regional Science - Scienze Regionali, 11(2): 7-22. Wilson A., 1991. Experiments in Probabilistic Cost Modelling, Building Cost Techniques: New Directions, in Brandon, P.S., (Eds.); E. & F.N. Spon, Londra, pp. 169–180. Cerca con Google

Wilson A:, Tewdwr-Jones M., Comber R., 2017. Urban planning, public participation and digital technology: App development as a method of generating citizen involvement in local planning processes, Environment and Planning B: Urban Analytics and City, 0(0)_ 1-17. Cerca con Google

Woolcook M 2004. Why and how planners should take social capital seriously. Journal of the American Planning Association, 70(2): 183-18. Cerca con Google

Zamagni S., Venturi P. 2017. Da Spazi a Luoghi. Aiccon, Forlì. Cerca con Google

Zamagni S., Venturi P., Rago S., 2015. Impresa Sociale - Valutare l’impatto sociale. La questione della misurazione nelle imprese sociali,. Rivista di impresa sociale, 6 (12): 77-97 Cerca con Google

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record