Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Liubachyna, Anna (2018) State forest management organizations in the EU: current performance and future trends. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione accettata
1684Kb

Abstract (inglese)

Public institutions own the greater proportion of the world’s forests and wooded areas —about 86%. In general, there are important regional variations of the proportion of state and private or municipal ownership. Recent European studies in the forestry sector show that nearly half of the European Union (EU) forests are publicly owned – around 42%.
Considering the importance of forest resources, it is essential to ensure they are used sustainably. National governments and different agreements regulate use of forest resources; however, the actual manager has the greatest responsibility over the exploitation of the resource. Bearing in the mind the ownership structure of the forests in Europe, state forest organizations play an important role in the management of forest resources. This key place is justified by the overall duties they are dealing with and of course by their resourcefulness and significant influence on stakeholders. The future of forests and forestry strongly depends on the direction of state forest organizations development.
In fact, the forestry sector has undergone enormous changes in the past decades, but the forest institutions in many countries have been slow to adapt to these changes. Changes in the forest sector normally do not happen quickly, it takes a longer time that in other sectors. The main reasons to explain this fact are that, firstly, investments in forestry may take several generations to yield returns. Secondly, foresters are generally conservative, feeling more comfortable with forest botany rather than with social concerns that prevail forestry nowadays. Therefore, while the demands and expectations of society have changed, the structure of most forest institutions have remained largely unchanged. Despite the conservative mode of most forest institutions, a number of changes have taken place in the sector. Agrawal, Chhatre, and Hardin (2008) state that major features of modern forest governance include decentralization of forest management, logging concessions in publicly owned commercially valuable forests, and timber certification, mainly in temperate forests in the developed world and, additionally privatization of state-owned enterprises. In addition, the rise of labor costs and a decrease in timber prices forced the sector to undertake radical rationalization of production processes. It resulted in intensive mechanization of harvesting and personnel reduction.
Despite the importance of state owned forest and the changes it faces, there is little literature about management of state forests, the lack of such literature is particularly palpable in the European countries. Therefore, this work aims to contribute to narrowing the knowledge gap about the topic by clarifying the role of state forest in the EU countries, its status, trends, challenges and opportunities. The work applies a combination of qualitative and quantitative methods, including a review of reporting system, qualitative, quantitate data analysis, Principal Component Analysis, cluster analysis and case study research. Chapter II of the dissertation investigates the reporting system of State Forest Management Organizations (SFMOs). This chapter explores how SFMOs report about their activities, what kind of information is available and the way they present it to the public. Therefore, the questions of transparency and accountability of State organizations are examined. Chapter III seeks to group SFMOs in the EU according to their management priorities and to see if they are influenced by characteristics of the forest sector of their countries. The existence of different forest management alternatives is essential for sustainable forest management (SFM) and this knowledge should be shared between forest experts, the forest industry, and various interest groups. Chapter IV presents a discussion about a management model of the Cansiglio (CF) forest in Italy (a publicly owned forest) as a case study. In this case, I analyze the main priorities, outcomes and possible scenarios for the future development of this publicly owned forest.
In terms of the main findings about the information disclosure of SFMOs, there is the lack of a coordinated reporting framework or a minimum standard of indicators in common use. Comparability between SFMOs is limited due to the use of different indicators, periods and units of measure. Another important focus of the dissertation is the comparative synthesis of different management models of SFMOs; it can be observed that the countries under study show an application of different management priorities and SFMOs apply diverse business strategies. With the help of the cluster analysis, we obtained three SFMOs’ clusters (C1, C2, and C3) and three outliers (O1, O2 and O3). The clusters present different approaches SFMOs use in prioritizing pillars of SFM: C1 has diversified goals, C2 behaves as a protector of public interests and C3 is commercially oriented. This division is partly defined by natural conditions of the country where the organizations are located, but also by the decisions of an organization itself (e.g. profit-oriented in Ireland, a country with a low forest cover and, on the other side, Czech Republic – profit oriented SFMO in the country with a high forest cover). The case study (the Cansiglio forest in Italy, Veneto region) presents a management model of a publicly owned forest with clear objectives and a vision for the next 5-10 years. The CF has diversified goals providing production of timber and social services. Specific attention is given to recreational activities as there is an increased demand from society for ecotourism and outdoor recreation. The management of the forest is performed by the regional administration together with some private actors (e.g. concessioner, logging companies). Among four presented scenarios, the fourth scenario "Long-term forest concessions signed by private enterprises" was evaluated as the most promising.
To conclude, SFMOs in Europe have adopted different organizational models in their management. However, they have common tendencies. Among the most notable are (i) they are owned by the state but function as a private unit; (ii) functions of supervision and management are separated and divided between different institutions; (iii) SMFOs often engage the help of private companies to perform some activities; (iv) SFMOs increase attention to the environmental and social pillar of SFM; (v) SFMOs have low level of information disclosure. As the main recommendations to SFMOs, there are two clear priorities: the need to optimize the balance between the three SFM pillars (social, economic and ecological) and also a need for improvement in their reporting systems and communications with the public.

Abstract (italiano)

Le istituzioni pubbliche sono proprietarie della maggior parte delle foreste e delle altre aree boscate del mondo, circa l’86%. Esistono tuttavia importanti differenze a livello regionale nella proporzione tra proprietà statali, private o comunali. Studi europei nel settore forestale mostrano che quasi la metà delle foreste dell'Unione europea (UE) sono di proprietà pubblica - circa il 42%.
Considerando l'importanza delle risorse forestali, è essenziale assicurarne un uso sostenibile. I governi nazionali e diversi accordi intergovernativi regolamentano l'utilizzo delle risorse forestali, tuttavia, sono i gestori forestali che hanno la più alta responsabilità sullo sfruttamento delle risorse forestali. Tenendo presente la struttura fondiaria delle foreste europee, le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali hanno un ruolo importante nella gestione delle risorse forestali. Questa importanza è giustificata dagli impegni globali che hanno assunto e, naturalmente, dalle numerose risorse a disposizione e dall’influenza che hanno sugli stakeholder. Il futuro delle foreste e della gestione forestale dipende quindi fortemente dalla direzione di sviluppo delle organizzazioni di gestione delle foreste demaniali.
Il settore forestale ha subito enormi cambiamenti negli ultimi decenni, ma le istituzioni forestali di molti paesi sono state lente ad adattarsi a questi cambiamenti. I cambiamenti nel settore forestale normalmente non sono rapidi e sicuramente sono più lenti che in altri settori. Le ragioni principali per spiegare questo sono diverse. In primo luogo, gli investimenti forestali possono richiedere diverse generazioni per produrre ritorni d’investimento. In secondo luogo, i forestali sono generalmente conservatori, sentendosi più a proprio agio con la botanica forestale piuttosto che con le questioni sociali che prevalgono il settore oggi. Pertanto, mentre le esigenze e le aspettative della società sono cambiate, la struttura della maggior parte dei dipartimenti forestali è rimasta sostanzialmente invariata. Nonostante l’approccio conservativo della maggior parte dei dipartimenti forestali, numerose modifiche hanno avuto luogo nel settore. Agrawal, Chhatre e Hardin (2008) affermano che le principali caratteristiche di una moderna governance forestale includono il decentramento della gestione, concessioni di taglio in foreste pubbliche di alto valore commerciale e la certificazione forestale, soprattutto nelle foreste temperate del mondo sviluppato, oltre alla privatizzazione delle organizzazioni di gestione delle foreste demaniali. In aggiunta, l'aumento del costo del lavoro e la diminuzione dei prezzi del legname hanno costretto il settore a intraprendere una radicale razionalizzazione dei processi produttivi, risultata in intensa meccanizzazione delle utilizzazioni e della riduzione del personale.
Nonostante l'importanza delle foreste statali e dei cambiamenti che sta vivendo, c'è una scarsa letteratura scientifica sulla gestione delle foreste statali, e questa mancanza è particolarmente riscontrabile in Europa. Pertanto, questo lavoro mira a contribuire alla riduzione del divario conoscitivo sul tema chiarendo il ruolo delle foreste statali nei paesi dell'UE, il suo status, le tendenze, le sfide e le opportunità. Il lavoro si basa su una combinazione di metodi qualitativi e quantitativi, tra cui una revisione del sistema di reporting, l'analisi quantitativa e qualitativa dei dati, la Principal Component Analysis, l'analisi dei cluster e casi studio. Il capitolo II della tesi esamina il sistema di reporting delle organizzazioni di gestione delle foreste demaniali. Questo capitolo esplora come le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali riportano le loro attività, quali informazioni sono disponibili e il modo in cui le presentano al pubblico. Pertanto, anche le questioni della trasparenza e della responsabilità delle organizzazioni statali sono incluse. Il capitolo III tenta di raggruppare le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali dell'UE in base alle loro priorità e vedere se sono influenzate dalle caratteristiche del settore forestale dei loro paesi. L'esistenza di diverse alternative di gestione forestale è essenziale per una Gestione Forestale Sostenibile e questa conoscenza dovrebbe essere condivisa tra esperti forestali, industria e gruppi di interesse. Il capitolo IV presenta una discussione sul modello di gestione della foresta di Cansiglio in Italia (foresta di proprietà pubblica) come caso di studio. In questo caso, sono analizzate le principali priorità gestionali, i risultati e le direzioni future.
Dai principali risultati sulla divulgazione di informazioni delle organizzazioni di gestione delle foreste demaniali, emerge la mancanza di un quadro di reporting coordinato o di uno standard minimo di indicatori di uso comune. La comparabilità tra le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali è tuttavia limitata a causa dei differenti indicatori, periodi e unità di misura. Un altro aspetto importante della tesi è la sintesi comparativa di diversi modelli di gestione delle organizzazioni di gestione delle foreste demaniali; si può osservare che i paesi in esame mostrano un'applicazione di diverse priorità di gestione e le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali applicano diverse strategie di business. Con l'aiuto dell'analisi cluster abbiamo ottenuto tre cluster (C1, C2 e C3) e tre outliers (O1, O2 e O3). I cluster presentano diversi approcci che le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali usano per le priorità dei pilastri della Gestione Forestale Sostenibile: C1 ha obiettivi diversificati, C2 si comporta come protettore di interessi pubblici e C3 è commerciale. Questa divisione è in parte definita dalle condizioni naturali del paese in cui si trovano le organizzazioni, ma anche dalle decisioni dell’organizzazione stessa (ad esempio, da un lato, in Irlanda è orientata al profitto in un paese con una bassa copertura forestale, dall'altro, in Repubblica Ceca, l’organizzazione di gestione delle foreste demaniali è orientata al profitto in un paese con invece un'alta copertura forestale). Il caso studio (foresta del Cansiglio in Italia, regione Veneto) presenta un modello di gestione di una foresta pubblica con traguardi specifici e una prospettiva di sviluppo per i prossimi 5-10 anni. La foresta del Cansiglio si pone diversi obiettivi per la produzione di legname e la fornitura di servizi sociali. Una particolare attenzione è rivolta alle attività ricreative in quanto vi si è creata una crescente domanda da parte della società per l'ecoturismo e la ricreazione all'aperto. La gestione della foresta viene eseguita dall'amministrazione regionale insieme ad alcuni gestori privati (ad esempio concessionari, imprese boschive). Tra i quattro scenari presentati, il quarto scenario "Concessioni forestali a lungo termine firmate da imprese private" è stato valutato come il più promettente.
Per concludere, le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali in Europa hanno adottato diversi modelli organizzativi nella loro gestione. Tuttavia, hanno delle tendenze comuni. Tra i più notevoli sono le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali (i) che sono posseduti dallo Stato ma che funzionano come unità privata; (ii) la maggior parte delle quali decide di separare le funzioni di supervisione e di gestione tra le varie istituzioni; (iii) che spesso impegnano l'aiuto di società private per svolgere alcune attività; (iv) che aumentano l'attenzione sul pilastro ambientale e sociale di gestione sostenibile delle foreste; (v) che hanno un basso livello di divulgazione di informazioni. Le prioritarie raccomandazioni per le organizzazioni di gestione delle foreste demaniali sono due: la necessità di ottimizzare l'equilibrio tra i tre pilastri di gestione sostenibile delle foreste (sociale, economico e ecologico) e di migliorare i propri sistemi di comunicazione con il pubblico.

Statistiche Download
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Secco, Laura
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 30 > Corsi 30 > TERRITORIO, AMBIENTE, RISORSE E SALUTE
Data di deposito della tesi:24 Maggio 2018
Anno di Pubblicazione:16 Aprile 2018
Parole chiave (italiano / inglese):State forest enterprise, forest governance, European forestry, reporting practice, corporate responsibility, state ownership, forest management, public enterprise, cluster analysis, European forestry, public organization, forest organization, ecosystem services, Cansiglio Forest, scenario analysis, Italy
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/01 Economia ed estimo rurale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali
Codice ID:11236
Depositato il:31 Ott 2018 08:59
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record