Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Furlan, Francesco (2018) Il racconto escatologico-apocalittico e le dinamiche di conflitto.
Temi e testi escatologici della produzione arabo-islamica e cristiana a confronto (sec. VII-IX).
[Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document
1958Kb

Abstract (italian or english)

This thesis analyses the eschatological productions, both Christian and Muslim, written in the two centuries after the birth of Islam.
In works such as the Syriac apocalypses of Pseudo-Methodius and Pseudo-Ezra the sudden expansion of Muslim troops was mainly perceived by Eastern Christians as an apocalyptic trial, a sign of the End of Time. On the Muslim side, the main eschatological a collection, is the Kitab al-Fitan by Nu'aym b. Hammd (d. 843) shows the existence of a vital apocalyptic production which rose in correspondence to times of internal and external strife.
This work wishes to survey some of the main themes common to both of these eschatological productions (such as the depiction of the enemy, the development of messianic figures, the role of Jerusalem in the end-time, etc.); the use of a comparative perspective bears a fundamental theoretical contribution, by highlighting the presence of direct references between the different traditions, but also by underlining the common processes of eschatological production and development.
Some final remarks deal with the contemporary use of these traditions, made by both Muslim and Christian fundamentalists, who look for a prophesied roadmap to read the current world events.

Abstract (a different language)

Questo lavoro si propone di analizzare le produzioni escatologiche musulmane e cristiane redatte nei due secoli successivi alla nascita dell'Islam. Se da parte cristiana la dirompente espansione delle truppe musulmane fu interpretata come segno di tribolazione apocalittica, allo stesso modo, da parte musulmana, in tempi di conflitti esterni ed interni, si sviluppò una vitale produzione di tradizioni escatologiche, come testimoniato dal Kitab al-Fitan di Nu'aym b. Hammad (m.843), di cui si riporta la traduzione di circa 300 tradizioni.
Questo lavoro vuole evidenziare quali siano i temi comuni alle due tradizioni escatologiche, e come sia avvenuta l'adozione da parte di queste di un comune schema di comprensione metastorica degli eventi.
La prospettiva comparativa ha permesso infatti di individuare numerosi rimandi diretti fra queste tradizioni (e quella ebraica). Infine viene fatto un breve cenno all'uso contemporaneo di queste tradizioni e alla duratura impronta che l'escatologia lascia sulla visione geografica del mondo.

Statistiche Download
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Cremonesi, Chiara and Amir-Moezzi, Mohammad Ali
Ph.D. course:Ciclo 30 > Corsi 30 > STUDI STORICI, GEOGRAFICI E ANTROPOLOGICI
Data di deposito della tesi:03 July 2018
Anno di Pubblicazione:03 July 2018
Key Words:Islam, apocalittica, escatologia, hadith, letteratura siriaca, VIII secolo Islam, apocalyptic, eschatology, hadith, syriac literature, VIII century
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-STO/06 Storia delle religioni
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell'Antichità
Codice ID:11272
Depositato il:06 Nov 2019 10:13
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record