Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Cesaro, Laura (2018) L'immagine audiovisiva traduce e rilegge la società della videosorveglianza. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document (tesi dottorato Laura Cesaro)
68Mb

Abstract (italian or english)

La ricerca mira a indagare la rilevanza della pratica e degli apparati di videosorveglianza nelle narrazioni audiovisive contemporanee, focalizzando l’attenzione su questioni e nodi concettuali che caratterizzano la fase recente del dibattito scientifico, che si è intensificato e ha acquistato sempre maggiore rilevanza a partire dall’attentato dell’11 settembre 2001. Il lavoro di ricerca, di vocazione multidisciplinare, a partire dalla rilettura del progetto panottico proposta da Michel Foucault, tratteggia le reciproche interrelazioni tra il dibattito scientifico promosso dai Surveillance Studies Centre e dal Visual Culture, e il sempre più diffuso e pervasivo impianto mediatico. Sebbene si inseriscano riferimenti e analisi a testi documentari o pratiche visuali, il corpus comprende per lo più forme di narrazione finzionale, composte sia da film, sia da serie televisive. Lo studio ha avuto inizio da casi ritenuti ‘sintomatici’ per la letteratura scientifica in merito al tema quali Minority Report (Steven Spielberg, 2002) o Panic Room (David Fincher, 2002). Le produzioni prese in esame sono state analizzate con l’intento di porre in tensione ordini di scala spaziale e configurazioni sensibili quali le modalità di figurazione dei corpi, assoggettati a una tracciabilità sempre più invasiva, con intento di individuare assi strutturali di una possibile organizzazione sistemica delle produzioni audiovisive.

Abstract (a different language)

The research aims to investigate the relevance of the practice and videosurveillance equipment in contemporary audiovisual narratives, focusing attention on issues and conceptual issues that characterize the recent phase of the scientific debate, which has intensified and acquired even more importance starting from the September 11, 2001. The research work, of multidisciplinare vocation, starting from the rereading of the panoptic project proposed by Michel Foucault, outlines the mutual interrelations between the scientific debate promoted by the Surveillance Studies Center, the Visual Culture, and the always more widespread and pervasive media system. Although references and analysis are inserted in documentary texts or visual practices, the corpus includes mostly forms of fictional narration, composed of both films and television series. The study began examining cases considered 'symptomatic' for scientific literature on the topic such as Minority Report (Steven Spielberg, 2002) or Panic Room (David Fincher, 2002). The observed productions were analyzed with the intent to energize orders of spatial scale and sensitive configurations such as the way to make bodies appear, subjected to an increasingly invasive traceability, with the intent to identify structural axes of a possible systemic organization of audiovisual productions.

Statistiche Download
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Polato, Farah
Ph.D. course:Ciclo 31 > Corsi 31 > STORIA, CRITICA E CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI
Data di deposito della tesi:04 September 2019
Anno di Pubblicazione:30 November 2018
Key Words:Panopticon, Synopticon, sousveillance, Surveillance Studies Centre, Surveillance Movies, dispositif, assemblage, occhio nel cielo, sicurezza nazionale, interfaccia.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:12033
Depositato il:07 Nov 2019 13:03
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

D. Kammerer, Video Surveillance in Hollywood Movies, in «Surveillance & Society», 2(2/3) 2004, pp. 464-473. Cerca con Google

S. Lefait, Surveillance on Screen: Monitoring Contemporary Films and Television Programs, Scarecrow Press, Lanham 2013. Cerca con Google

T. Y. Levin, U. Frohne, P. Weibel (a cura di), CTRL space: rhetorics of surveillance from Bentham to Big Brother, Mit press, Cambridge 2002. Cerca con Google

J. McGregor Wise, Surveillance and film, Bloomsbury Academic, New York, London 2016. Cerca con Google

A. Somaini, Visual Surveillance. Transmedial Migrations of a Scopic Form, in «Film and Media Studies», n. 2, 2010, pp. 145-159. Cerca con Google

C. Zimmer, Surveillance Cinema: Narrative between Technology and Politics, in «Surveillance & Society», n. 8(4), 2011, pp. 427-440. Cerca con Google

Ad., Surveillance cinema, NYU Press, New York 2015. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record