Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Da Rin Fioretto, Vera (2008) Il percorso della presa in carico di bambini in etĂ  0-6 anni collocati in comunitĂ  educativa: una ricerca quali-quantitativa. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
3061Kb

Abstract (inglese)

Context and objectives
From an economical and professional point of view, residential care units for vulnerable children are becoming more and more an expensive service for local communities.
Today’s culture induces to think that “every child has a right to have a family" (art.1 L 149/2001); for this reason, many institutes for vulnerable children have turned into small units, some of them for very young children (0-6 years old).
The main goal of our research is to make people start thinking about the effectiveness and efficiency of the intervention provided by residential services for vulnerable children separated from their families.
Can the separation of very young children from their birth families and their placement in residential care lead to the outcome that “every child has the right to have a family” as legally stated?
What are the elements which can contribute to achieve this goal and, on the contrary, those which can stop it? In order to answer this question we worked on the following objectives:
1.Reorganising the placement in residential care of 115 children separated from their families in order to highlighten the elements which influence short- and-long-term outcomes in the residential care process. In particular this process has been reorganised in three stages:

· Removal from the birth family
· The length of stay in residential placement
· Discharge
2.Comparing different subjects’ point of view (professionals, birth family) about the helping process, with particular attention to birth families’ point of views.
3.Analysing the helping processes of 32 children belonging to the 20 out of 115 families chosen in order to identify the families’ skills, those of the children and the services, to identify the positive or negative outcome’s prognostic elements.

Methodology and research tools
The present study is composed of two parts:
1.The first is quantitative; here the pathways of 115 children placed in residential care are analysed through data collected by different social workers into personal report. This analysis is intended to create a link between the following variables:
- Placement reasons
- children age and gender
- The age and degree of the birth family
- The period of time in the community for vulnerable children The time spent in residential care communities
- The type of the social help given to the biological family the type of social help provided by different services to birth families
- The existence of visit programs for children and their families
- Outputs at the time of case closing (occurred between 1998 and 2005)
- Outputs in 2007
2.The second one, a qualitative analysis on 32 children removed from their 20 birth families (chosen among those 115 of the sample) made through interviews according to the point of view of:
- the birth parent suffering from the child removal
- the social worker who managed the case
- the pedagogical professional /educators responsible for the child’s stay in residential care
The study consisted of a 60-minute semi-structured interview. Overall, 55 interviews were collected recorded and then faithfully transcripted on a word file.

Sample
The subjects are 115 children removed from their birth families and placed in residential care in the years 1998-2005 with a length of stay period between 7 days and 3 years.
The 115 children are so divided: 38% Italians, 62% foreigners; 30,44% are less than 1 year old; 20,87% hasn’t been recognised by their birth parents and, among these, 22 out of 24 children are Italians.

Main results
As regards the 115 children, the outcome at the exit’s time is the following:
Foster care 34,79% (8,70 % within birth family, 26,09% out of the birth family)
Family reunification 29.57%
Adoption 24,35%
As regards the 32-children sample, 16 of them were reintroduced in their families and the outcome is still the same in 2007.
The outcome in 2007 for the remaining 16 children is the following:
Among The 9 children placed in foster care were replaced in their families, 2 were adopted, 2 are in foster care sine die
Among the 2 children in Foster care within birth family:
1 is still now in foster care
1 has been replaced in his family
Among the 5 children placed in communities for mother and child:
1 is in foster care within birth family
3 children still live in foster care
1 has been replaced in his family
In 2007, 21 children are living in their birth families.
Among the elements which seem to influence the outcomes there are: nationality, placement reason, stay period and, most of all, the way in which the placement in residential care and the project were carried out, from the placement into families to social workers’ permanence.
In analysing the cases we found out that the elements influencing this outcome are:
- Helping project defined from beginning and agreed by all actors
- clear procedures for the placement process for all subjects involved
- long-term parents’ involvement within the project
- prompt intervention
- parents’ confidence in the social services and/or the community
- constant presence of a referential interlocutor for parents
- domicile services and foster care after parents’ separation

Abstract (italiano)

Contesto e obiettivi della ricerca
La comunità residenziale è un servizio che costa sempre di più alle comunità locali in termini sia di impegno professionale che economico. La cultura oggi prevalente induce a ritenere che “Ogni minore ha diritto a una famiglia” (art. 1, L.149/01) A seguito di ciò molti istituti si sono trasformati in piccole comunità per minori e alcuni accolgono in particolare bambini molto piccoli (0-6)
La ricerca che presentiamo è finalizzata ad avviare una riflessione sull’efficacia e l’efficienza dell’aiuto erogato dalle comunità per minori a bambini molto piccoli temporaneamente allontanati dalla famiglia di origine.
L’allontanamento dei bambini molto piccoli dalla famiglia di origine e il conseguente collocamento in comunità per minori può effettivamente condurre all’esito di garantire al minore “il diritto a vivere nella propria famiglia”, come vuole la legislazione attuale? Quali sono i fattori che possono contribuire a realizzare tale processo e quali quelli che possono impedirlo? Tali questioni sono state affrontate attraverso il lavoro sui seguenti obiettivi:
1. Ricostruire i percorsi della presa in carico di una popolazione di 115 minori che è stata allontanata dalla famiglia di origine. In particolare la presa in carico è stata ricostruita nelle tre fasi:
- allontanamento;
- periodo di permanenza in comunitĂ ;
- periodo successivo alla dimissione.
2. Confrontare i punti di vista degli attori, sullo stesso percorso di presa in carico, che hanno partecipato al processo (operatori dei servizi di base e specialistici, operatori delle comunità residenziali, famiglia d’origine) con particolare attenzione alla rilevazione del punto di vista della famiglia di origine.
3. Analizzare in profonditĂ  i percorsi di 32 bambini appartenenti a 20 nuclei familiari, fra i 115 totali, per individuare le competenze poste in atto dalla famiglia naturale, dal bambino e dai servizi.

Metodologia e strumenti di ricerca
La ricerca si compone di due parti:
una documentaria-quantitativa in cui si analizzano i percorsi di 115 bambini collocati in comunità per minori attraverso un’analisi dei dati raccolti dai diversi operatori sociali che hanno seguito il caso nelle cartelle. Si tratta di un’analisi retrospettiva che intende mettere in relazione tra loro le seguenti variabili:
- il motivo dell’allontanamento dalla famiglia e dell’inserimento in comunità;
- l’età e il sesso dei minori;
- il tempo di permanenza in comunitĂ ;
- il tipo di intervento effettuato dai diversi servizi con la famiglia di origine;
- l’esistenza o meno di un programma di viste e incontri tra il minore e la famiglia;
- l’esito al momento della chiusura del caso (avvenuto tra il 1998 e il 2005);
- l’esito al 2007.
una qualitativa in cui si analizzano in profondità i percorsi dall’allontanamento dalla famiglia di origine ad oggi di 32 bambini appartenenti a 20 famiglie di origine (scelti tra i 115 del campione quantitativo) attraverso la rilevazione del processo della presa in carico dei servizi dal punto di vista:
- del genitore che ha subito l’allontanamento del minore
- dell’operatore sociale che lo ha effettuato e che ha seguito il processo di presa in carico
- dell’educatore che ha accompagnato il percorso del bambino in comunità.
La rilevazione è avvenuta attraverso un’intervista semi-strutturata della durata di circa 60’. Complessivamente sono state raccolte 55 interviste, audioregistrate e poi trascritte fedelmente su testo word.

Campione
I soggetti sono 115 bambini che sono stati allontanati dalle loro famiglie di origine e collocati in comunitĂ  per minori negli anni 1998-2005, con un periodo di permanenza in comunitĂ  variabile tra i 7 giorni e i 3 anni.
I 115 bambini sono: 38% di nazionalità italiana; 62%, straniera; il 30,44% di bambini ha meno di 1 anno al momento di ingresso in comunità; il 20,87% di bambini non è riconosciuto dalla nascita, dei non riconosciuti 22 su 24 sono di nazionalità italiana.

Risultati principali
Sui 115 bambini l’esito al momento della dimissione è il seguente:
§ affido familiare 34,79% (8.70% intrafamiliare, 26.09% eterofamiliare)
§ riunificazione familiare 29.57%
§ adozione 24,35%.
Rispetto alla popolazione dei 32 bambini della parte qualitativa, 16 bambini hanno avuto come esito la riunificazione familiare e questo esito è mantenuto al 2007.
L’esito al 2007 per i 16 bambini restanti è il seguente:
• dei 9 bambini andati in affido eterofamiliare:
ĂĽ 3 sono stati riunificati con la famiglia;
ĂĽ 2 sono in adozione;
ĂĽ 4 sono in adozione mite;
• dei 2 bambini andati in affido intrafamiliare:
ü 1 è ancora in affido intafamiliare;
ü 1 è stato riunificato con la sua famiglia di origine;
• dei 5 bambini trasferiti in comunità M/B:
ü 1è in affido intrafamiliare;
ĂĽ 3 sono ancora in comunitĂ  M/B;
ü 1 è stato riunificato con la sua famiglia
• al 2007, 21 bambini risultano essere in famiglia di origine:
Analizzando i percorsi di presa in carico, gli aspetti critici che sembrano influenzare maggiormente gli esiti sono i seguenti:
· progetto di presa in carico definito sin dall’inizio e condiviso da tutti gli attori
· chiare modalità, per tutti i soggetti coinvolti, di attuazione del progetto di presa in carico;
· coinvolgimento duraturo dei genitori nel progetto;
· fiducia nei servizi e/o nella comunità da parte dei genitori;
· presenza costante per i genitori di un interlocutore di riferimento all’interno dei servizi;
· supporto domiciliare e presa in carico del nucleo familiare anche nel periodo post-dimissione.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Milani, Paola
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 19 > Corsi per il 19simo ciclo > SCIENZE PEDAGOGICHE E DIDATTICHE
Data di deposito della tesi:24 Febbraio 2009
Anno di Pubblicazione:2008
Parole chiave (italiano / inglese):presa in carico; bambini in comunitĂ  residenziale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PED/01 Pedagogia generale e sociale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze dell'Educazione
Codice ID:1584
Depositato il:24 Feb 2009
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

AYASSE, R.H., Addressing the needs of foster children. The foster youth service program, Social Work Education, 1995 Cerca con Google

BASTIANONI P., Interazioni in comunitĂ . Vita quotidiana ed interventi educativi, Carocci Editore, Roma, 2000 Cerca con Google

BATTISTELLI, E.S., The Health Care of Children in Out-of-Home-Care: a Survey of State Child Welfare Commissioners, Washington, DC: Child Welfare League of America, 1998 Cerca con Google

BELOTTI V., Le dimensioni dell’accoglienza. Il contrasto all’istituzionalizzazione di bambini ed adolescenti dei servizi residenziali socioeducativi del Veneto, I sassolini di Pollicino n.22, gennaio 2007 Cerca con Google

BELOTTI V.,CASTELLAN M. (a cura di ) “Nessuno è minore. Relazione sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza nella Regione Veneto. Anno 2006” Cerca con Google

BIANCHI E,., VERNĂ’ F. (a cura di), Le famiglie multiproblematiche non hanno solo problemi, Fondazione Zancan, 1995 Cerca con Google

BLUMER H., Symbolic Interactionism. Perspective and Method, Englewood Cliffs, Prentice Hall, 1969, pp. 149-150. Cerca con Google

BOUDON R., The Logic of Sociological Explanation, Penguin Book, Harmondsworth (Middlesex, England), 1971 Cerca con Google

BOWLBY J., Attaccamento e perdita. La separazione dalla madre, Boringhieri, Torino, 1975 Cerca con Google

BRUNER J. (1990), La ricerca del significato. Per una psicologia culturale, Bollati Boringhieri, Torino, 2003 Cerca con Google

BULLOCK R. et al., Children going home, the re-unification of families, WARREN HOUSE PRESS Cerca con Google

CANALI C. et al., Figli e genitori di nuovo insieme, la riunificazione famigliare. Guida per apprendere dall’esperienza, Fondazione Zancan, Padova, 2001 Cerca con Google

CANALI C. et al., La valutazione di efficacia nei servizi alle persone, Fondazione Zancan, Padova, 2003 Cerca con Google

CANALI C. et al. ( a cura di) La valutazione di outcome nei servizi per l’età evolutiva e la famiglia, Alberto Brigo Editore. Rovigo, 2005 Cerca con Google

CANALI C. et al. Conoscere i bisogni e valutare l’efficacia degli interventi per bambini, ragazzi e famiglie in difficoltà” Fondazione Zancan ; Alberto Brigo Editore, Rovigo, 2008 Cerca con Google

CAVAGNOLI P et al. Trent’anni di presenza nel campo del disagio giovanile, Tipografia Alcione, Trento, 2006 Cerca con Google

CENTRO NAZIONALE DOCUMENTAZIONE E ANALISI SULL’INFANZIA E L’ADOLESCENZA Diritti e opportunità. Orientamenti alla progettazione degli interventi previsti dalla L. 285/97, Presidenza Consiglio dei ministri, Dipartimento affari sociali, Firenze, 1998 Cerca con Google

CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE ED ANALISI PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA I bambini e gli adolescenti fuori dalla famiglia. Istituto degli Innocenti, FIRENZE, 1999; Cerca con Google

CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE ED ANALISI PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA I minori in affidamento familiare, Istituto degli Innocenti, FIRENZE, 2002 Cerca con Google

CIRILLO S.,” Cattivi genitori” , Cortina ed., Milano 2005 Cerca con Google

CORBETTA P., La ricerca sociale:metodologia e tecniche. I paradigmi di riferimento, vol. I, Il Mulino, Bologna, 2003 Cerca con Google

DARTINGTON SOCIAL REASEARCH UNIT, Going Home, the return of children separeted from their families, Summary Papers Cerca con Google

DELENS-RAVIER I., Valutazione multidimensionale dell’istituto dell’affido di minori in MILANI P. ( a cura di) Manuale di educazione familiare Edizioni Erikson, 2001, Trento Cerca con Google

DELLI ZOTTI G., Introduzione alla ricerca sociale, Franco Angeli, Milano, 1997 Cerca con Google

DEMETRIO D., Micropedagogia. La ricerca qualitativa in educazione, La Nuova Italia, Firenze, 1992 Cerca con Google

DI NICOLA P,, La famiglia come protagonista e il sostegno alla genitorialità, in Quaderni del centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza, n.20, Tras-formazioni in corso. La formazione nazionale ed interregionale fra la L285/87 e la L451/97, Istituto degli Innocenti, Firenze, 2002 Cerca con Google

DIANA P, MONTESPERELLI P., Analizzare le interviste ermeneutiche, Carocci, Roma, 2005 Cerca con Google

DOLCI D., Dal trasmettere al comunicare, Sonda, Casale Monferrato (AL),1988 Cerca con Google

DONATI P., Fondamenti di politica sociale 1, Nuova Italia Scientifica, Roma 1993 Cerca con Google

DOSREIS S.et al., Mental health services for youths in foster Care and disabled youths, Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 2001 Cerca con Google

EISNER E. W., PESHKIN A., Qualitative Inquiry in Education. The continuino Debate, Teachers College Press, New York, 1990. Cerca con Google

FADIGA L. (a cura di ), Una nova cultura dell’infanzia e dell’adolescenza. Scritti di Alfredo Carlo Moro, Franco Angeli, Milano, 2006 Cerca con Google

FREIRE P., La pedagogia degli oppressi, EGA, 2002 Cerca con Google

GIANTURCO G., L’intervista qualitativa. Dal discorso al testo scritto, Guerini Studio, Milano, 2004 Cerca con Google

CENTRO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE E ANALISI PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA, I bambini e gli adolescenti negli istituti per minori, Istituto degli Innocenti di Firenze, 2004 Cerca con Google

MALUCCIO A. et al., Teaching Family Riunification trad it. in CANALI C. et al., Figli e genitori di nuovo insieme. La riunificazione familiare”, Fondazione Zancan, Padova 2001 Cerca con Google

MALUCCIO A., Promoting Client and Worker Competence in Child Welfare, National Conference on Social Welfare, Washington D.C:, 1981 Cerca con Google

MANTOVANI S. (a cura di), La ricerca sul campo in educazione, Mondadori, Milano, 1998 Cerca con Google

MILAN G., Aspetti e problemi. La relazione educativa adulto-bambino in ORLANDO CIAN D. (a cura di), Il bambino protagonista quale educazione?, Edizioni UNICOPLI, Milano,1998 Cerca con Google

MILANI P. (a cura di), Manuale di educazione familiare, Edizioni Erickson, Trento, 2001 Cerca con Google

MILANI P., Dalla tutela del bambino al sostegno alla famiglia: problemi e strategie educative in CANALI C.e al., Figli e genitori di nuovo insieme. La riunificazione familiare, Fondazione Zancan, Padova, 2001 Cerca con Google

ORLANDO CIAN D., Metodologia della ricerca pedagogica, La Scuola, Brescia, 1997 Cerca con Google

ORLANDO CIAN D. ( a cura di), Il bambino protagonista quale educazione?, Edizioni UNICOPLI, Milano,1998 Cerca con Google

ORLANDO CIAN D., Educazione familiare e pedagogia in MILANI P.(a cura di) Manuale di educazione familiare Edizioni Erickson, Trento, 2001, Cerca con Google

OSSERVATORIO REGIONALE PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA, Nuove politiche regionali oltre la 285: il percorso verso le famiglie e l’adolescenza, 2002 Cerca con Google

PALUMBO M., GARBARINO E., Strumenti e strategie della ricerca sociale. Dall’interrogazione alla relazione, Angeli, Milano, 2004 Cerca con Google

PECORA P. et al The Child Welfare Challenge. Policy, Practice and Research , W. de Gruyter ed., New York, 2000 Cerca con Google

POMPEI A., Strumenti e metodi per la costruzione di obiettivi valutabili, in POMPEI A. et al. (a cura di), Il lavoro per progetti individualizzati, FONDAZIONE ZANCAN, Padova, 2000 Cerca con Google

PORTELLI A., Intervento alla tavola rotonda, in: LANZARDO L. (a cura di), Storia orale e storie di vita, Angeli, Milano, 1989 Cerca con Google

REGIONE DEL VENETO Minore, famiglia, territorio: crescere in comunitĂ  nel Veneto, Piano Formativo Regionale 2002/2003 Cerca con Google

REGIONE DEL VENETO, Le comunitĂ  per minori nel Veneto. La mappa territoriale nel 2005, 2006 Cerca con Google

REGIONE DEL VENETO Nessuno è minore. Anno 2007 I sassolini di Pollicino n.28, 2008 Cerca con Google

REGIONE DEL VENETO, Linee guida 2008 per i servizi sociali e socio sanitari. L’affido familiare in Veneto, 2008 Cerca con Google

REGIONE DEL VENETO, La cura e la segnalazione . Le responsabilità nella protezione e nella tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel Veneto. Approvazione delle Linee Guida 2008 per la protezione e la tutela del minore, 2008 Cerca con Google

REGIONE TOSCANA, Istituto degli Innocenti di Firenze, Bambini e ragazzi in affidamento familiare e nei servizi residenziali in Toscana, Ricerca sui dati delle zone socio-sanitarie al 30 giugno 2005 Collana Editoriale “Infanzia, adolescenza e famiglia”, Firenze 2007 Cerca con Google

REICHARDT C., COOK T., Beyond qualitative vs. quantitative methods, in: COOK T., REICHARDT C., Qualitative and Quantitative Methods in Evaluation Research, Sage, London, 1979 Cerca con Google

RESEARCH SERVICES AT CASEY FAMILY PROGRAMS, Improving Family Foster Care, The foster care alumni studies, stories from the as to shape the future, Marzo 2005 Cerca con Google

ROSE W., Migliorare l’analisi dei bisogni e l’efficacia per i minori e le famiglie, in CANALI C. et al. (a cura di), La valutazione di efficacia nei servizi alle persone Cerca con Google

SORZIO P., La ricerca qualitativa in educazione, Carocci, Roma, 2005 Cerca con Google

SPENCE D. P. (1984), VeritĂ  narrativa e veritĂ  storica, Martinelli, Firenze, 1987. Cerca con Google

STAHMER D. et al,. Developmental and behavioral needs and service use for young children in child welfare, Pediatrics, 2005 Cerca con Google

TOFFANO E., DE STEFANI P. (a cura di), A scuola con i diritti dei bambini. Esperienze di educazione ai diritti umani promosse dal Pubblico Tutore del Veneto, CLEUP, Padova Cerca con Google

VECCHIATO T. (a cura di) La valutazione della qualitĂ  nei servizi Fondazione Zancan, Padova, 2000, pag. 35 Cerca con Google

VECCHIATO T. Dispensa del Corso di formazione “L’attuazione dell’assistenza domiciliare integrata prevista dal piano sanitario nazionale 1998/2000”; Fondazione Zancan, anno 1999 Cerca con Google

VERNĂ’ F., Lo sviluppo del welfare di comunitĂ  : dalle coordinate concettuali al gruppo di lavoro, Carocci Editore, 2007 Cerca con Google

VERNO’ F., SPINELLI G. (a cura di), Progettare prevenzione. Tracce per la costruzione di opportunità per l’infanzia e l’adolescenza, EDIZIONI UNICOPLI, 2000, Milano Cerca con Google

XODO C., Capitani di sé stessi, Editrice La scuola, Brescia, 2003 Cerca con Google

RIVISTE Cerca con Google

CAI M., La qualità dell’accesso ai servizi come livello essenziale di cittadinanza in Studi Zancan n.4/ 2003 Cerca con Google

CAMPANINI A., Conferenza Nazionale sull’infanzia e l’adolescenza, in “Rassegna di Servizio Sociale”, n. 4, 1998 Cerca con Google

CATARSI E., “ Il ruolo dell’animatore di educazione familiare” in Studium Educationis n.1, 2002 Cerca con Google

MANOUKIAN OLIVETTI F.,Quanto è sociale il lavoro dei servizi, in Animazione sociale n.10 ,2004 Cerca con Google

MANOUKIAN OLIVETTI F. “Per una nuova progettualità del lavoro sociale, in Animazione sociale n.1, 2005 Cerca con Google

MILANI P., Tutela del minore e genitorialitĂ :primi appunti per una pedagogia dei genitori in Minori e Giustizia n.2, 2007 Cerca con Google

MILANI P.,Vecchi e nuovi percorsi per la pedagogia della famiglia in Studium Educationis, n.1, 2002 Cerca con Google

MIRON J.M. La narration rèflexive de cas vècus en formation parentale cit. in MILANI P.,Vecchi e nuovi percorsi per la pedagogia della famiglia in Studium Educationis, n.1, 2002 Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record