Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Fasan, Erika (2009) Dal veneto minore ai fasti imperiali: il documentario italiano tra realismo e propaganda (1925-1945). [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
2345Kb

Abstract (inglese)

of the images of World War II and of the Resistance, and the silent and hidden face revealed by many documentaries, in primis those of Francesco Pasinetti.

The candidate’s subject of the research is the evolution of Italian documentary cinema from the ‘30’s to mid-40’s with a few partial references of the production of the ‘20’s. This is because a large part of the examined documents come from the Archives of the Luce Institute, which, from 1926-27, optimized the typologies of audio-visual products and communication strategies that this research, as well as a large part of the reference bibliography, has demonstrated to be almost unchanged over the considered years.
The introduction underlines how, from the ‘30’s, the apparent absence of masters, as elsewhere were Flaherty, Grierson or Ivens, or of a unifying school, as a result gives a critic storiography’s skeptical position to the documentary production and the poor amount of studies over this subject. The following chapters deal with the movies in question. The films are analyzed, as can be foreseen, from a diachronic point of view, but, above all, by pointing out their different purposes or requests: from the cinema archives’ educational-informative documentaries to the most clearly propagandistic ones, even concerning war, made by Luce, and, starting from 1938, by Incom. A chapter of the thesis was devoted to the auteur documentaries, particularly Cines’ under the direction of Emilio Cecchi (we analyzed the films by lasetti, Bragaglia, Poggioli, Vergano, Barbaro, Perilli, Gabriellino D’Annunzio who wanted to discover, among other things, the locations of archeology and art): we tried to demonstrate the exceptionality of these materials and a few others, such as I cantieri dell’Adriatico by Umberto Barbaro or Il pianto delle zitelle by Giacomo Pozzi Bellini, in comparison with a remaining propagandistic production or a production in which Luce does not use the important names that it has. The second part of this chapter is devoted to the quality documentary and is related to the production of the so-called Fascist “left” (made up of young academics, a few of them already secretly anti-Fascists), whose battle, above all, during the first years of World War II, aims at affirming a realistic view that, abandoning the conventions and falsenesses of the old way to make a show, opens the gate to the popular world, to the Italian society like it is and not like the myths and the slogans of the regime in the contemporary propagandistic documents represent it. Particular attention was paid to the documentaries made in Northern Italy, from Gente di Chioggia by Basilio Franchina to Comacchio by Fernando Cerchio, and, above all, by Francesco Pasinetti, author to whom the greatest attention was devoted in this work and, in particular, to his relationships with the Fascist culture and the city of Venice of which he is the most detailed and inspired poet.
The largest part of the examined documents is relevant to the newsreels and documentaries of the Institute Luce with a Venetian location to outline, not only the relationship between film and propaganda or film and poetical needs of a specific director, but the modes by which the cinema could interpret the Italian territory and, specifically, this region. A few important figures: 250 records (the word indicates the single references of the Archives and, therefore, can be used either for newsreels or documentaries or film libraries) from Belluno (meant as a chief town and province), 370 from Padova, 50 from Rovigo, 100 from Treviso, 960 from Venice, 290 from Verona, 120 from Vicenza. The analysis of such a rich group of materials allowed us to identify a series of recurrences (also deductable by numbers) in the objects and modes of the communication of newsreels and allowed to compare them with those of other regions or other forms of communication. This comparison was particularly interesting in the case of Venice, a city suspended between formalism and worldiness of the Luce newsreels, between the historical strength The candidate’s subject of the research is the evolution of Italian documentary cinema from the ‘30’s to mid-40’s with a few partial references of the production of the ‘20’s. This is because a large part of the examined documents come from the Archives of the Luce Institute, which, from 1926-27, optimized the typologies of audio-visual products and communication strategies that this research, as well as a large part of the reference bibliography, has demonstrated to be almost unchanged over the considered years.
The introduction underlines how, from the ‘30’s, the apparent absence of masters, as elsewhere were Flaherty, Grierson or Ivens, or of a unifying school, as a result gives a critic storiography’s skeptical position to the documentary production and the poor amount of studies over this subject. The following chapters deal with the movies in question. The films are analyzed, as can be foreseen, from a diachronic point of view, but, above all, by pointing out their different purposes or requests: from the cinema archives’ educational-informative documentaries to the most clearly propagandistic ones, even concerning war, made by Luce, and, starting from 1938, by Incom. A chapter of the thesis was devoted to the auteur documentaries, particularly Cines’ under the direction of Emilio Cecchi (we analyzed the films by lasetti, Bragaglia, Poggioli, Vergano, Barbaro, Perilli, Gabriellino D’Annunzio who wanted to discover, among other things, the locations of archeology and art): we tried to demonstrate the exceptionality of these materials and a few others, such as I cantieri dell’Adriatico by Umberto Barbaro or Il pianto delle zitelle by Giacomo Pozzi Bellini, in comparison with a remaining propagandistic production or a production in which Luce does not use the important names that it has. The second part of this chapter is devoted to the quality documentary and is related to the production of the so-called Fascist “left” (made up of young academics, a few of them already secretly anti-Fascists), whose battle, above all, during the first years of World War II, aims at affirming a realistic view that, abandoning the conventions and falsenesses of the old way to make a show, opens the gate to the popular world, to the Italian society like it is and not like the myths and the slogans of the regime in the contemporary propagandistic documents represent it. Particular attention was paid to the documentaries made in Northern Italy, from Gente di Chioggia by Basilio Franchina to Comacchio by Fernando Cerchio, and, above all, by Francesco Pasinetti, author to whom the greatest attention was devoted in this work and, in particular, to his relationships with the Fascist culture and the city of Venice of which he is the most detailed and inspired poet.
The largest part of the examined documents is relevant to the newsreels and documentaries of the Institute Luce with a Venetian location to outline, not only the relationship between film and propaganda or film and poetical needs of a specific director, but the modes by which the cinema could interpret the Italian territory and, specifically, this region. A few important figures: 250 records (the word indicates the single references of the Archives and, therefore, can be used either for newsreels or documentaries or film libraries) from Belluno (meant as a chief town and province), 370 from Padova, 50 from Rovigo, 100 from Treviso, 960 from Venice, 290 from Verona, 120 from Vicenza. The analysis of such a rich group of materials allowed us to identify a series of recurrences (also deductable by numbers) in the objects and modes of the communication of newsreels and allowed to compare them with those of other regions or other forms of communication. This comparison was particularly interesting in the case of Venice, a city suspended between formalism and worldiness of the Luce newsreels, between the historical strength
of the images of World War II and of the Resistance, and the silent and hidden face revealed by many documentaries, in primis those of Francesco Pasinetti.


Abstract (italiano)

Il lavoro di ricerca del candidato ha come oggetto l’evoluzione del cinema documentario italiano dagli anni Trenta alla metà degli anni Quaranta, con alcune parziali incursioni nella produzione degli anni Venti. Questo perché parte consistente dei materiali esaminati provengono dall’Archivio dell’Istituto Luce che, proprio a partire dal 1926/27, mette a punto tipologie di prodotti audiovisivi e strategie comunicative che anche questa ricerca, al pari di buona parte della bibliografia di riferimento, ha dimostrato mantenersi sostanzialmente immutate nel corso degli anni presi in considerazione.
Dalle pagine introduttive in cui si sottolinea come una, almeno apparente, assenza fin dagli anni Trenta di maestri come altrove sono Flaherty, Grierson o Ivens o di una scuola unificante si traduca in una posizione scettica della storiografia critica nei confronti della produzione documentaria e in una conseguente scarsità di studi in materia, si passa ai capitoli di analisi dei film in questione. Film analizzati prevedibilmente in prospettiva diacronica, ma soprattutto evidenziando le diverse finalità o istanze di cui essi si fanno carico: dai documentari educativo-informativi delle cinemateche a quelli più dichiaratamente propagandistici e di argomento bellico prodotti dal Luce e, a partire dal 1938, dalla Incom.
Un capitolo della tesi è stato dedicato anche alle manifestazioni del documentario d’autore, in particolare di quello della Cines sotto la direzione di Emilio Cecchi (si sono analizzati film di Blasetti, Bragaglia, Poggioli, Vergano, Barbaro, Perilli, Gabriellino D’Annunzio che vanno alla scoperta, tra le altre realtà, di località d’archeologia e d’arte): si è tentata di dimostrare l’eccezionalità, di questi e di pochi altri materiali, come I cantieri dell’Adriatico di Umberto Barbaro o Il pianto delle zitelle di Giacomo Pozzi Bellini, ad una produzione per il resto prevalentemente propagandistica o nella quale il Luce, sebbene attivo, non impegna le grandi firme di cui pure dispone. Il secondo nucleo di questo capitolo dedicato al documentario di qualità è quello legato alla produzione della cosiddetta “sinistra” fascista (composta da giovani intellettuali, alcuni dei quali già segretamente antifascisti), la cui battaglia, soprattutto durante i primi anni del secondo conflitto mondiale, è finalizzata all’affermazione di una linea realistica che, uscendo dalle convenzioni e dalle falsità del vecchio modo di fare spettacolo, spalanchi le porte al mondo popolare, alla società italiana così come è e non come, nei coevi documentari di propaganda, la rappresentano i miti e gli slogan del regime. Con un’attenzione particolare ai documentari realizzati nel Nord Italia, da Gente di Chioggia di Basilio Franchina a Comacchio di Fernando Cerchio, passando soprattutto per la figura autoriale cui è stata dedicata maggiore attenzione in questo lavoro di ricerca: quella di Francesco Pasinetti, in particolare nelle sue relazioni con la cultura fascista e la città di Venezia, di cui risulta essere il più attento e ispirato cantore.
La parte quantitativamente più consistente dei materiali esaminati è, però, quella relativa ai cinegiornali e documentari dell’Istituto Luce di ambientazione veneta per delineare non più, o non tanto, il rapporto tra pellicola e propaganda o pellicola ed istanze poetiche di un determinato regista, quanto piuttosto le modalità con cui la cineinformazione ha saputo leggere il territorio italiano, e questa regione in particolare. Qualche numero indicativo: 250 record (termine che indica le singole rispondenze dell’Archivio, quindi utilizzabile tanto per cinegiornali che per documentari o materiali di repertorio) per Belluno (inteso come capoluogo e provincia), 370 per Padova, 50 per Rovigo, 100 per Treviso, 960 per Venezia, 290 per Verona, 120 per Vicenza. L’analisi di un così significativo corpus di materiali ha consentito di identificare una serie di ricorrenze (rilevabili anche numericamente) negli oggetti e nelle modalità della comunicazione cinegiornalistica e ha permesso di raffrontarle con quelle di altre realtà regionali o di altre forme comunicative. Raffronto, questo, che si è rivelato particolarmente interessante nel caso di Venezia, città sospesa tra l’ufficialità e la mondanità dei cinegiornali Luce, la carica storica delle immagini della seconda guerra mondiale e della Resistenza e il volto silenzioso e nascosto svelato da molti documentari, in primis quelli di Francesco Pasinetti.


Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Brunetta, Gian Piero
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 21 > Scuole per il 21simo ciclo > STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO
Data di deposito della tesi:30 Gennaio 2009
Anno di Pubblicazione:2009
Parole chiave (italiano / inglese):documentario, veneto
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica
Codice ID:1746
Depositato il:30 Gen 2009
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

1)AA.VV., 2007, La memoria inquieta del Novecento, Brescia, Casa della Memoria. Cerca con Google

2)Aprà Adriano, 1998, «Primi approcci al documentario italiano», in A proposito del documentario italiano, Roma, Archivio audiovisivo del movimento operaio. Cerca con Google

3)Argentieri Mino, 1979, L’occhio del regime. Informazione e propaganda nel cinema del fascismo, Firenze, Vallecchi. Cerca con Google

4)Argentieri Mino, 2003, L’occhio del regime, Roma, Bulzoni Editore. Cerca con Google

5)Augé Marc, 2007, Disneyland e altri non luoghi, Torino, Bollati Boringhieri. Cerca con Google

6)Barbaro Umberto, 1976, Neorealismo e realismo II, Roma, Editori Riuniti. Cerca con Google

7)Bauman Zygmunt, 2006, Modernità liquida, Roma-Bari, Editori Laterza, ed. or. 2000. Cerca con Google

8)Ben-Ghiat Ruth, 2000, La cultura fascista, Bologna, Il mulino. Cerca con Google

9)Benjamin Walter, 1966, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Torino, Einaudi. Cerca con Google

10)Bernagozzi Giampaolo, 1973, Propaganda di regime e giudizio della storia, ciclo di lezioni, proiezione di cinegiornali Luce, Bologna, Steb. Cerca con Google

11)Bernagozzi Giampaolo, 1980, Il cinema corto, Firenze-Milano, La casa Usher Cerca con Google

12)Bernagozzi Giampaolo, 1983, Il mito dell’immagine, Bologna, Clueb. Cerca con Google

13)Bernardi Sandro, 2001, «Immagini di paesaggio», in Augusto Sainati (a cura di), La Settimana Incom. Cinegiornali e informazione negli anni ’50, Torino, Lindau. Cerca con Google

14)Bertozzi Marco, 2008, Storia del documentario italiano. Immagini e culture dell’altro cinema, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

15)Bevilacqua Piero, 2002, Il paesaggio nelle fotografie dell’Istituto Luce, Roma, Editori Riuniti, Istituto Luce. Cerca con Google

16)Bloch Marc, 1969, Apologia della storia o Mestiere di storico, Torino, Einaudi. Cerca con Google

17)Borghi Marco, 1998, «Il nemico: controllo del territorio e repressione antipartigiana in area veneta», in Geografia della Resistenza. Territori a confronto, Vittorio Veneto, Tipse. Cerca con Google

18)Brunetta Gian Piero, 1969, Umberto Barbaro e l’idea di neorealismo (1930-1943), Padova, Liviana Editrice. Cerca con Google

19)Brunetta Gian Piero, 1972, Intellettuali e cinema di propaganda tra le due guerre, Bologna, Casa Editrice Prof. Patron Editore. Cerca con Google

20)Brunetta Gian Piero, 1975, Cinema italiano tra le due guerre. Fascismo e politica cinematografica, Milano, Mursia. Cerca con Google

21)Brunetta Gian Piero, 1979a, «Mise en page dei cinegiornali e mise en scène mussoliniana», in Riccardo Redi (a cura di), Cinema italiano sotto il fascismo, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

22)Brunetta Gian Piero, 1979b, Storia del Cinema italiano 1895-1945, Roma, Editori Riuniti. Cerca con Google

23)Brunetta Gian Piero, 1985, La cinepresa e la storia : fascismo, antifascismo, guerra e Resistenza nel cinema italiano, Milano, Edizioni Scolastiche B. Mondadori. Cerca con Google

24)Brunetta Gian Piero, Gili Jean A., 1990, L’ora d’Africa del cinema italiano (1911-1989), Rovereto, Materiali di lavoro. Rivista di Studi Storici. Cerca con Google

25)Brunetta Gian Piero, 1993, Storia del cinema italiano 2. Il cinema del regime (1929-1945), Roma, Editori Riuniti. Cerca con Google

26)Brunetta Gian Piero, 1994, «Il cinema come storia», in Miro Gori Gianfranco (a cura di), La storia al cinema. Ricostruzioni del passato, interpretazione del presente, Città di Castello, Bulzoni Editore. Cerca con Google

27)Brunetta Gian Piero, 1995, «I primi cent’anni», in AA. VV., La città del cinema. I primi cent’anni del cinema italiano, Milano, Skira Editore. Cerca con Google

28)Brunetta Gian Piero (a cura di), 2000, Storia del cinema mondiale - Vol. 3 - L'Europa - Le cinematografie nazionali, Torino, Einaudi. Cerca con Google

29)Brunetta Gian Piero, 2001a, Avventure nei mari del cinema, Roma, Bulzoni Editore. Cerca con Google

30)Brunetta Gian Piero, 2001b, Cent’anni di cinema italiano 1. Dalle origini alla seconda guerra mondiale, Roma-Bari, Editori Laterza. Cerca con Google

31)Brunetta Gian Piero, 2001c, Cent’anni di cinema italiano 2. Dal 1945 ai giorni nostri, Roma-Bari, Editori Laterza. Cerca con Google

32)Brunetta Gian Piero, 2001d, «La Civic Culture» nei cinegiornali Incom degli anni ’50», in Augusto Sainati (a cura di), op. cit. Cerca con Google

33)Brunetta Gian Piero, 2002, «Cinema», in De Grazia Victoria, Luzzatto Sergio (a cura di), Dizionario del fascismo, vol. I, Torino, Einaudi. Cerca con Google

34)Brunetta Gian Piero, 2003a, Guida alla storia del cinema italiano 1905-2003, Torino, Giulio Einaudi Editore. Cerca con Google

35)Brunetta Gian Piero, 2003, «Istituto Nazionale L.U.C.E.», in Enciclopedia del Cinema, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani. Cerca con Google

36)Brunetta Gian Piero, 2004a, «I sommersi e i salvabili» in Archivi per la Storia. Rivista dell’Associazione Nazionale Archivistica Italiana, Modena, Mucchi Editore. Cerca con Google

37)Brunetta Gian Piero, Faccioli Alessandro (a cura di), 2004b, L’immagine di Venezia nel cinema del Novecento, a cura di Gian Piero Brunetta e Alessandro Faccioli, Istituto veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Cerca con Google

38)Brunetta Gian Piero, 2004c, «da Venezia al lido: nascita della nuova capitale dell’immaginazione collettiva» in Ciacci Leonardo (a cura di), Venezia é una città, un secolo di interpretazioni del cinema documentario, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

39)Brunetta Gian Piero, 2007, «Il caso e il destino», in Brunetta Gian Piero (a cura di), La bottega veneziana. Per una storia del cinema e dell’immaginario cinematografico, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Cerca con Google

40)Buccheri Vincenzo, 2004, Stile Cines. Studi sul cinema italiano 1930-1934, Milano, Vita e Pensiero. Cerca con Google

41)Cannistraro Philip V., 1975, La fabbrica del consenso. Fascismo e mass media, Roma-Bari, Editori Laterza. Cerca con Google

42)Carabba Claudio, 1974, Il cinema del ventennio nero, Firenze, Vallecchi Editore. Cerca con Google

43)Cardillo Massimo, 1983, Il duce in moviola, Bari, Dedalo. Cerca con Google

44)Cecchi Emilio, 1976, Taccuini, Milano, Mondadori. Cerca con Google

45)Chaplin Charles, 1977, La mia autobiografia, Milano, Mondadori. Cerca con Google

46)Cofrancesco Dino, 2001, «La Civic Culture» nei cinegiornali Incom degli anni ’50», in Augusto Sainati (a cura di), op. cit. Cerca con Google

47)Costa Antonio, 1981, «Paesaggio e cinema», in AA. VV., Paesaggio immagini e realtà, Milano, Electa. Cerca con Google

48)D’Autilia Gabriele, 2002, «Istituto Luce», in De Grazia Victoria, Luzzatto Sergio (a cura di), op. cit. Cerca con Google

49)De Felice Renzo, 1966a, Mussolini il fascista, vol. I. La conquista del potere, 1921-1925, Torino, Einaudi Cerca con Google

50)De Felice Renzo, 1966b, Mussolini il duce, vol. II. Gli anni del consenso, 1929-1936, Torino, Einaudi. Cerca con Google

51)De Grazia Victoria, 1993, Le donne nel regime fascista, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

52)Farassino Alberto, 1982, «Quei dieci anni di cinema italiano», in AA. VV., Anni Trenta. Arte e cultura in Italia, Milano, Mazzotta. Cerca con Google

53)Ferro Marc, 1980, Cinema e storia. Linee per una ricerca, Milano, Feltrinelli. Cerca con Google

54)Foa Vittorio, 1996, Questo Novecento, Torino, Einaudi. Cerca con Google

55)Forgacs David, Gundle Stephen, 2007, Cultura di massa e società italiana : 1936-1954, Bologna, Il mulino. Cerca con Google

56)Frabotta Maria Adelaide, 2002, Il governo filma l’Italia, Roma, Bulzoni Editore. Cerca con Google

57)Freddi Luigi, 1949, Il cinema, Roma, L’Arnia. Cerca con Google

58)Freddi Luigi, 1994, Il cinema, Roma, Gremese. Cerca con Google

59)Gentile Emilio, 1999, Il mito dello Stato nuovo, Roma-Bari, Editori Laterza. Cerca con Google

60)Gili Jean A., Stato fascista e cinematografia. Repressione e promozione, Roma, Bulzoni. Cerca con Google

61)Grignaffini Giovanna, 1980, «Pasinetti “minore”», in Ierace Ilario, Giovanna Grignaffini (a cura di), L'arte del cinematografo: articoli e saggi teorici, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

62)Hemingway Ernest, 1993, Per chi suona la campana, Milano, Mondadori, ed. or. 1940. Cerca con Google

63)Hemingway Ernest, 1967, Dal nostro inviato Ernest Hemingway, Milano, Mondadori. Cerca con Google

64)Ierace Ilario, 1980, «L’arcangelo», in Ierace Ilario, Giovanna Grignaffini (a cura di), op. cit. Cerca con Google

65)Isnenghi Mario, 1984, «I luoghi della cultura», in Lanaro Silvio (a cura di), op. cit. Cerca con Google

66)Isnenghi Mario, 1994, L’Italia in piazza. I luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Milano, Mondadori. Cerca con Google

67)Isnenghi Mario, 1996, L’Italia del fascio, Firenze, Giunti. Cerca con Google

68)Lanaro Silvio (a cura di), 1984, Il Veneto, Torino, Einaudi. Cerca con Google

69)Laura Ernesto G., 1986, L’immagine bugiarda, Roma, ANCCI. Cerca con Google

70)Laura Ernesto G., 1995, Fotogrammi di guerra, frammenti di cinema. L’immagine della guerra in cento anni di cinema italiano, Roma, Eserciti e Popoli Edizioni. Cerca con Google

71)Laura Ernesto G., 2004, Le stagioni dell’aquila. Storia dell’Istituto Luce, Roma, Istituto Luce S.p.A. Cerca con Google

72)Le Goff Jacques, 1978, «Documento/Monumento», in Enciclopedia Einaudi, vol. V, Torino, Einaudi. Cerca con Google

73)Lenci Giuliano, 1996, «L’amministrazione comunale di Padova nel periodo fascista», in Lenci Giuliano, Segato Giorgio (a cura di), Padova nel 1943. Dalla crisi del regime fascista alla Resistenza, Padova, Il Poligrafo. Cerca con Google

74)Luzzatto Sergio, 1998, Il corpo del duce, Torino, Einaudi. Cerca con Google

75)Luzzatto Sergio, 2001, L’immagine del duce. Mussolini nelle fotografie dell’Istituto Luce, Roma, Editori Riuniti. Cerca con Google

76)Macchioni Iodi Rodolfo, Emilio Cecchi, Milano, Mursia Editore. Cerca con Google

77)Melanco Mirco, 2005, Paesaggi, passaggi e passioni. Come il cinema italiano ha raccontato le trasformazioni del paesaggio dal sonoro ad oggi, Napoli, Liguori Editore. Cerca con Google

78)Metz Christian, 1972, Semiologia del cinema. Saggi sulla significazione nel cinema, Milano, Garzanti. Cerca con Google

79)Mida Massimo, Quaglietti Lorenzo, 1980, Dai telefoni bianchi al neorealismo, Roma-Bari, Laterza. Cerca con Google

80)Mida Massimo, 1988, Compagni di viaggio: colloqui con i maestri del cinema italiano, Roma, Rai-Eri. Cerca con Google

81)Montanaro Carlo, 1983, «Appunti per una storia del cinema muto a Venezia», in Roberto Ellero (a cura di), L’immagine e il mito di Venezia nel cinema, Venezia, Comune di Venezia. Cerca con Google

82)Montanaro Carlo (a cura di), 1997, Venezia nel cinema di Francesco Pasinetti, Venezia, Quaderni della videoteca Pasinetti. Cerca con Google

83)Montanaro Carlo, 1999, «Francesco Pasinetti», in Farinati Valeria (a cura di), Profili veneziani del novecento, Venezia, Supernova. Cerca con Google

84)Montanaro Carlo, 2004a, «La Venezia di Pasinetti», in Brunetta Gian Piero, Faccioli Alessandro (a cura di), op. cit. Cerca con Google

85)Montanaro Carlo, 2004b, «Venezia è abitata», in Ciacci Leonardo (a cura di), op. cit. Cerca con Google

86)Montanaro Carlo, 2005, Dall’argento al pixel. Storia della tecnica del cinema, Genova, Le Mani. Cerca con Google

87)Montanaro Carlo, 2006, «Francesco Pasinetti», in Gian Piero Brunetta (a cura di), Dizionario dei registi del cinema mondiale - Vol. 3 - P-Z, Torino, Einaudi. Cerca con Google

88)Montanaro Carlo, 2007, «I ragazzi di bottega», in Gian Piero Brunetta (a cura di), op. cit. Cerca con Google

89)Mosse George L., 1975, La nazionalizzazione delle masse : simbolismo politico e movimenti di massa in Germania dalle guerre napoleoniche al Terzo Reich, Bologna, Il mulino. Cerca con Google

90)Mussolini Benito, 1934, Scritti e discorsi dal 1927 al 1928, Milano, Hoepli. Cerca con Google

91)Nepoti Roberto, 1988, Storia del documentario, Bologna, Patron Editore. Cerca con Google

92)Nichols Bill, 2006, Introduzione al documentario, Milano, Il Castoro. Cerca con Google

93)Odin Roger, 1998, L’age d’or du documentaire. Europe: années cinquante, Paris, L’Harmattan. Cerca con Google

94)Ortoleva Peppino, 1991, Scene dal passato: cinema e storia, Torino, Loescher. Cerca con Google

95)Pasinetti Francesco, 1939, Storia del Cinema, Roma, Edizioni di Bianco e Nero. Cerca con Google

96)Pasinetti Francesco, 1945, La regia cinematografica,Venezia, Rialto. Cerca con Google

97)Pasinetti Francesco, 1948, Filmlexikon: piccola enciclopedia cinematografica redatta sulla base del Kleines Filmlexikon di Charles Reinert, Milano, Filmeuropa. Cerca con Google

98)Pellanda Marina, 2004, «Venezia: la singolarità di un soggetto mutevole», in Ciacci Leonardo (a cura di), op. cit. Cerca con Google

99)Pellegrini Glauco, 1970, Non toglietemi il prossimo, Roma, Nuovissima. Cerca con Google

100)Pellegrini Glauco, 1981, Il maestro veneziano, Venezia, Corbo e Fiore. Cerca con Google

101)Perniola Ivelise, 2004, Oltre il neorealismo. Documentari d’autore e realtà italiana del dopoguerra, Roma, Bulzoni Editore. Cerca con Google

102)Perniola ivelise, 2006, «Documentari fuori regime», in Caldiron (a cura di), Storia del cinema italiano 1934/1939, Roma-Venezia, Centro Sperimentale di Cinematografia-Marsilio. Cerca con Google

103)Petragnoli Leopoldo, 1997, «Venezia negli anni Trenta», in Montanaro Carlo (a cura di), op. cit. Cerca con Google

104)Petrillo Gianfranco, 1994, Fascismo, Milano, Editrice Bibliografica. Cerca con Google

105)Pizzo Marco, D’Autilia Gabriele (a cura di), 2004, Fonti d’archivio per la storia del Luce 1925 – 1945, Roma, Luce. Cerca con Google

106)Reberschak Maurizio (a cura di), 2002, La scoperta del cinema. Francesco Pasinetti e la prima tesi di laurea sulla storia del cinema, Roma, Luce. Cerca con Google

107)Reberschak Maurizio, 2004, «Francesco Pasinetti, i giovani, Venezia», in Brunetta Gian Piero, Faccioli Alessandro (a cura di), op. cit. Cerca con Google

108)Redi Riccardo, 1991, La Cines. Storia di una casa di produzione italiana, Roma, CNC Edizioni. Cerca con Google

109)Renzi Renzo (a cura di), 1992, Il cinema dei dittatori: Mussolini, Stalin, Hitler, Bologna, Grafis. Cerca con Google

110)Rotha Paul, Griffith Richard, 1964, Storia del cinema, Torino, Einaudi. Cerca con Google

111)Ruskin John, 1990, Le pietre di Venezia, Milano, Biblioteca universale Rizzoli, ed. or. 1853. Cerca con Google

112)Sainati Augusto, 2001, «Stile e formato dell’informazione Incom», in Sainati Augusto (a cura di), op. cit. Cerca con Google

113)Santomassimo GianPasquale, 2003, «Propaganda», in De Grazia Victoria, Luzzatto Sergio (a cura di), Dizionario del fascismo, vol. II, Torino, Einaudi. Cerca con Google

114)Sciannameo Gianluca, 2006, Nelle Indie di quaggiù. Ernesto De Martino e il cinema etnografico, Bari, Palomar. Cerca con Google

115)Sorlin Pierre, 1979, Sociologia del cinema, Milano, Garzanti. Cerca con Google

116)Sorlin Pierre, 1999, L’immagine e l’evento. L’uso storico delle fonti audiovisive, Torino, Paravia. Cerca con Google

117)Tinazzi Giorgio, 1985, Michelangelo Antonioni, Milano, Il castoro. Cerca con Google

118)Tinazzi Giorgio (a cura di), 1966, Il cinema italiano dal fascismo all’antifascismo, Padova, Marsilio. Cerca con Google

119)Tinazzi Giorgio (a cura di), 1996, Il secolo che si vede, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

120)Toffanin Giuseppe, 1946, «La vita quotidiana a Padova durante la guerra», in in Lenci Giuliano, Segato Giorgio, (a cura di), op. cit. Cerca con Google

121)Tosi Virgilio, 1999, Quando il cinema era un circolo: la stagione d’oro dei cineclub, Roma, Fondazione Scuola Nazionale di Cinema. Cerca con Google

122)Turri Eugenio, 1979, Semiologia del paesaggio italiano, Milano, Longanesi & C. Cerca con Google

123)Turri Eugenio, 1998, Il paesaggio come teatro. Dal territorio vissuto al territorio rappresentato, Venezia, Marsilio. Cerca con Google

124)Zangrandi Ruggero, 1963, Il lungo viaggio attraverso il fascismo : contributo alla storia di una generazione, Milano, Feltrinelli. Cerca con Google

125)Zangrando Fiorello, 1993, La passione e la ragione. Scritti cinematografici di Fiorello Zangrando, Venezia, Quaderni della Videoteca Pasinetti. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record