Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Rhazzali, Mohammed Khalid (2009) L'islam in carcere. Il vissuto religioso dei musulmani nelle prigioni italiane. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]PDF Document
Tesi non accessibile per motivi correlati alla proprietà intellettuale. Visibile a: nobody

1617Kb

Abstract (english)

The sociology of total institutions and that dealing with religious phenomena have seldom met regarding the issue of religion in prisons. In particular regarding the subjective experiential and inner dimension of religion in the life of inmates, scientific works are rather limited in scope and recent.
The aim of this research is to focus exactly on this array of issues, having as its specific object the religious experience of Muslims in Italian prisons. As inmates, Muslims seem to face an extreme version of their status as immigrants, forced in a space defined by rules and a logic which are other than those of their culture of origin and which cannot often be easily mediated by the spontaneity of their behaviour. Thus, for Muslims who experience a condition of dejection, existential defeat and mortification within the total institution, religion is experienced as a possibility to rebuild self-esteem, and as the key to access a newfound experience of order in the organisation of life, besides of course being an obvious and problematic element for the affirmation of identity.
This inquiry gives ample attention to the collective dimension of the Muslim presence in Italian prisons and to the relationship between Islamic inmates and the organizations running correctional institutions, but it focused especially on the reconstruction of the ways in which religion operates in the subjective dimension of the inmates.
The first part of the paper provides an essential history of correctional institutions, stressing the progressive emergence of a space for religious practice, in part as an enforced form of discipline, and in part seen as the acknowledgement of the spiritual dignity of inmates; emphasis is put also on the role of religious assistants, who for a long time were the only figures in charge of the spiritual care of inmates, and the expression of the only dominant religion, and who in recent time experienced differentiation with the emergence of the laic roles of counsellors, social workers, psychologists.
Building on these premises, the paper then examines some of the main theoretical elaborations within the fields of sociology, anthropology and philosophy, regarding the nature and the meaning of correctional institutions, in order to further widen the background for the chosen theme. In this perspective, the paper considers aspects of the work of Durkheim, Kircheimer, Foucault and in particular Goffman; the latter's notion of Self is later employed in a rather crucial manner. The paper moreover describes the present state of European studies focusing on religion within total institutions, and stresses the characteristics and the significance of the inquiries most recently carried out in Great Britain (Jim Beckford) and in France (Farhad Khosrokhavar), which identified with more precision and efficacy the issue of religiosity in prisons, in a perspective capable of not neglecting the collective dimension.
The second part of the paper deals with the research method employed in actuality, and presents a description and an analysis of the results of empirical research. The investigation was carried out in three Italian correctional institutions, by means of ethnographical and participating observation, but above all through a series of in-depth interviews with the inmates. The interviews took place with recourse to various languages and idioms to create dialogue (Italian, French, Fusha Arabic, Arabic dialects, Veneto region dialect...): these different means of verbal expression are combined in various manners in the everyday life of inmates, and are a non-univocal referent, within the same person, regarding the experiential dimension of the relationship with religion. Access to this dimension is possible by engaging the interviewee in an exercise, an often neither easy nor spontaneous game, in which the interviewer himself is involved in a complex dramatic interplay. In this regard, it should be mentioned that the author, at the same time a practicing Muslim and a convinced actor of sociological research, found himself forced to exploit his personal involvement in the object of the investigation is a common methodological issue inherent in this kind of research (see the Quraishi case). It was in fact necessary to overcome the fact that most of the interviewees resisted the idea of a dialogue on religion free from statements of principle and the proclamation of identity; the situation called for an effort in introspection, aimed at stressing the complex non-univocal and difficult to circumscribe dimension of religion as inner life with a pervasive presence in other spheres of outer life. In this perspective it is possible to go beyond the threshold of the Islamic Self, a symbolic horizon socially shared by all members of the Umma, which in itself would allow a simple, univocal and non contradictory relationship between each and everyone and that which is true and right in a religious sense. The Islamic Self represents a framework the Muslim can employ to find shelter from all uncertainty, but in this process it blocks the emergence and the resolution of a series of issues that contemporary everyday life in non-homogeneous cultural contexts necessarily poses. The interviewees show the presence of plural identities: different situations, the shift from one language to the other, or from a topic to another, all mark also a partial shift in identity. Upon further analysis, the re-composition of identity-syntheses is further complicated by the interplay of ethnic and national reference, and even by the identification with different European contexts among which there is no lack of a certain tension.
The next step was an analysis of the organisation of Islam in prisons, beginning with the collective dimension and with issues regarding the difficulties posed by the practice of Salat and of prayer within prison space. Having established this base, an attempt was carried out to identify the main typologies of Muslims to be found in a prison, from born-again Muslims to non-practicing individuals, from multazimin and mutashaddin, to so called "suspended" Muslims; it was moreover ascertained that, for the time being, there is no fundamentalist presence, or at least not in an organised fashion.
All these guidelines of inquiry lead to a series of issues based in a context in which inmates are rarely able to gain actual control of their experience. The more Muslim inmates tend to receive without reduction or pre-emptive simplification their religious experience, the more we see the emergence of a dimension we could label as that of experiential Self, in which essential notions of Muslim religiosity are set in problematic motion, on the one hand maintaining and exalting their strength, and on the other hand demanding a valorisation of life and of intellectual experience which doctrinal convictions alone are unable to immediately provide. Communication with God and the daily challenge of the attacks launched by Shaytan against the vulnerability of the Nafs are tenaciously present elements in Muslim introspection, even more when, as in prison, the experience of time becomes extreme and destiny, the will of God, the uncertain relationship with the future and the impendence of death become insistently returning themes. The return to religious practice typical of inmates is an attempt to bring structure and order in everyday life, but also in bodily emotions and interpersonal relations: it oscillates between ascetic intensity and mysticism on the one hand, and an analgesic way to kill time on the other.
It must be considered how inseparably intertwined Islamic categories and experiential and ideological articulations are in European cultures, moreover so if we realise the at times contradictory complexity in the self-narration of Islamic inmates when they are stimulated to discuss their relationship with Islam. For this very reason, prisons too seem to be the source of a request, which often cannot find a proper formulation, demanding at the same time the acknowledgement of Islamic identity, but also its collocation among the many dimension which constitute the reality of Europe and European Muslims themselves. It is a recurring feature, in prisons too, for Muslims to feel distressed over the fact that the mediation of their relationship with the western world, from the street to the prison cell, takes place by means of stereotypes which they feel do not represent them, but which they nevertheless are forced to accept and deal with, in the same way in which they are forced to subject themselves to the rules of correctional institutions.

Abstract (italian)

La sociologia delle istituzioni totali e quella dedicata al fenomeno religioso non si sono frequentemente incrociate sul tema della religione in carcere. In particolare, relativamente limitata e recente è la produzione scientifica riguardante la dimensione soggettiva, esperienziale ed interiore della religione nella vita dei carcerati.
La presente ricerca ha inteso muovere esattamente verso quest'ordine di questioni scegliendo come proprio specifico obiettivo il vissuto religioso dei musulmani nelle prigioni italiane. Nel carcere i musulmani sembrano incontrare la replica esasperata del loro essere in quanto immigrati costretti in uno spazio caratterizzato da regole e da logiche estranei alla loro cultura di provenienza e spesso non facilmente mediabili con la spontaneità del loro comportamento. La religione quindi si presenta al musulmano che vive una condizione di avvilimento, di sconfitta esistenziale e di mortificazione nell'istituzione totale come una possibilità di ricostituzione di un autostima, e come accesso ad una ritrovata esperienza d'ordine nell'organizzazione della vita, oltre che ovviamente ma anche problematicamente come affermazione identitaria.
L'indagine pertanto, pur dedicando ampia attenzione alla dimensione collettiva della presenza musulmana nelle carceri e al rapporto tra i detenuti di fede islamica e l'organizzazione delle strutture detentive, si è concentrata sulla ricostruzione dei modi in cui la religione opera nella dimensione soggettiva del detenuto.
La tesi concentra nella sua prima parte il ripercorrimento delle essenziali linee della storia dell'istituzione carceraria, evidenziando il progressivo delinearsi al suo interno di uno spazio dedicato alla pratica religiosa, in parte imposta come forma di disciplinamento, in parte concepita come riconoscimento di una irriducibile dignità  spirituale del detenuto, evidenziando in relazione ad esso il ruolo progressivamente assunto dagli assistenti religiosi, per molto tempo figure uniche destinate ad una cura spirituale dei detenuti ed espressione dell'unica religione dominante, sino alla recente differenziarsi dei ruoli laici dell'educatore, dell'assistente sociale, dello psicologo...
A partire da queste premesse si è poi proceduto a sottolineare quelli aspetti in alcune delle principali elaborazioni teoriche, sia sociologiche che antropologiche, che filosofiche della natura e dei significati dell'istituzione carceraria, che maggiormente sembrano costituire le premesse necessarie ad una messa a fuoco del tema prescelto. In questa chiave, si sono ripercorsi aspetti del pensiero di Durkheim, Kircheimer, Foucault e in particolare Goffman della cui nozione di Self si è fatto, come poi si vedrà, un uso particolarmente rilevante. In questa prospettiva si è anche tratteggiato lo stato presente degli studi dedicati in contesto europeo alla religione nell'istituzione totale sino a segnalare le caratteristiche e la portata degli studi che più recentemente in Inghlterra (Jim Beckford) ed in Francia (Farhad Khosrokhavar), hanno identificato con più precisione ed efficacia la questione della religiosità in carcere in una prospettiva capace di non trascurare la dimensione collettiva.
La seconda parte del lavoro è quella in cui abbiamo esposto le modalità con le quali è concretamente avvenuta la ricerca e descritto ed analizzato i risultati della ricerca empirica condotta. L'indagine sviluppata in tre istituti di pena italiani si è svolta oltre che nella forma dell'osservazione etnografica e partecipante, soprattutto attraverso una serie di interviste in profondità, durante le quali si è dialogato con i detenuti ricorrendo ai diversi idiomi (Italiano, francese, Arabo Fusha, dialettali arabi, dialetto veneto...) che si combinano in vario modo nella loro vita quotidiana e che riferiscono in modo non univoco in una stessa persona della dimensione vissuta del rapporto con la religione. Dimensione alla quale è possibile accedere impegnando l'intervistato in un esercizio spesso non semplice né spontaneo, in cui la figura stessa dell'intervistatore viene ad essere implicata in un complesso gioco drammatico. A questo proposito, va ricordato in questo caso l'autore della ricerca contemporaneamente musulmano praticante e convinto attore della ricerca sociologica, si è trovato nella condizione di dover mettere a frutto un suo personale coinvolgimento nell'oggetto studiato, situazione non ignota alla problematica metodologica inerente a questo tipo di ricerca (Si vede il caso Quraishi). Si è trattato infatti di superare la resistenza di gran parte degli intervistati a concepire un discorso sulla religione non bloccato sul paino delle affermazioni di principio e sulla proclamazione di un'identità, ma ad assumere uno sforzo introspettivo rivolto ad evidenziare la dimensione complessa non univoca né facilmente circoscrivibile della religione come interiorità e come presenza pervasiva nelle diverse sfere dell'esistenza. In questa direzione. E' possibile andare superando la soglia vigilata da ciò che si è definito come Self islamico, ovvero un orizzonte simbolico socialmente condiviso da tutti i componenti della Umma che di per sé consentirebbe un rapporto semplice univoco e non contraddittorio di tutti e di ciascuno con ciò che religiosamente è vero e giusto. Il Self islamico rappresenta una cornice nella quale il musulmano può rifugiarsi ponendosi al riparo da qualsiasi incertezza, ma anche sbarrando la strada ad un complesso di interrogativi che la sua vita nel mondo di oggi ed in contesti culturali disomogenei non può non presentargli. Nelle interviste si è evidenziato quindi il darsi di identità plurime dove la diversità delle situazioni, il passaggio da una lingua ad una lingua, da discorso a discorso, segna anche un parziale mutamento identitario. Su questa linea, si è visto poi come la ricomposizione di sintesi identitarie sia ulteriormente complicato dal gioco dei riferimenti etnici, nazionali e dalle stesse identificazioni con quei contesti europei con i quali, pure non manca una continua tensione polemica.
Si è quindi proceduto ad un'analisi dell'organizzazione dell'islam in carcere muovendo dalla dimensione collettiva e dalle questioni relative alle difficoltà che incontra la pratica della Salat e della preghiera nello spazio carcerario. Si è cercato, partendo da questo quadro, di identificare le principali tipologie di musulmano presente in carcere, dai riconvertiti ai non praticanti, passando per i multazimin ed i mutashaddin, sino ai cosiddetti sospesi., avendo modo di verificare come per il momento non si sia costituita in forma organizzata un vera e propria presenza fondamentalista.
Comunque, tutti questi percorsi finiscono per alludere ad un complesso di questioni che affondano in un vissuto del quale raramente il detenuto riesce ad avere un effettivo controllo. Quanto più egli tende a ricevere, senza ridurla, o semplificarla preventivamente, la propria esperienza affiora una dimensione che potremo definire quella del Self esperienziale in cui le nozioni essenziali della religiosità musulmana si muovono in forma assai problematica, per un verso mantenendo ed esaltando la loro forza, per un altro richiedendo una valorizzazione del vissuto e della stessa esperienza intellettuale che le convinzioni dottrinali non sono in grado immediatamente di fornire. La comunicazione con Dio, il confronto quotidiano con gli assalti che Shaytan lancia contro la vulnerabilità della Nafs, sono un elemento tenacemente presente nella autointrospezione del musulmano, a maggior ragione quando, come avviene in carcere, l'esperienza del tempo si fa estrema e i temi del destino, del volontà di Dio, dell'incerto rapporto con il futuro e dell'incombere della morte ritornano insistenti. Rispetto a queste aperture abissali, la ripresa della pratica religiosa a cui si assiste in carcere si configura come tentativo di dare struttura ed ordine alla giornata, ma anche alle emotività al corpo, alle relazioni interpersonali, qualcosa che oscilla tra l'intensità ascetica e l'esperienza mistica per un verso, ed un'analgesica occupazione del tempo.
Una considerazione che per altro sembra giustificata, quanto più si apprezzi la complessità anche contraddittoria verso la quale va la narrazione di sé del detenuto musulmano, stimolato sul tema del suo rapporto con l'islam, è l'indistricabilità dell'intreccio che ormai sembra essersi formato tra categorie islamiche e articolazioni esperienziali ed ideologiche delle culture europee. Per questo anche dal carcere sembra provenire una richiesta, che spesso non sa trovare una giusta formulazione che chiede contemporaneamente riconoscimento dell'identità islamica, ma anche collocazione di questa nell'insieme delle molte dimensioni che costituiscono la realtà europea ed innanzitutto degli stessi musulmani d'Europa. Ritorna frequente anche in carcere il disagio di musulmani che si sentono mediati dal loro rapporto con l'occidente, dalla strada al carcere, da stereotipi con i quali sentono di avere molto a che spartire ma che si sentono comunque costretti a subire in maniera non diversa da come si sottomettono ai regolamenti dei penitenziari.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Pace, Vincenzo
Correlatore:Khosrokhavar, Farhad
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 20 > Corsi per il 20simo ciclo > SOCIOLOGIA: PROCESSI COMUNICATIVI E INTERCULTURALI NELLA SFERA PUBBLICA
Data di deposito della tesi:31 January 2009
Anno di Pubblicazione:2009
Parole chiave:Islam, carcere, soggettività, istituzione totale, Corano, Umma, Fondamentalismo
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Sociologia
Codice ID:1813
Depositato il:31 Jan 2009
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Acquaviva S., Pace E., Sociologia delle religioni. Problemi e prospettive, Nis, Roma, 1992. Cerca con Google

Ahmed H., Muslim Religious Provision in HM Prison Service, in “Prison Service Journal”, 137, 2001, pp. 19–21. Cerca con Google

Alberoni F. et alii, L’attivista di partito, il Mulino, Bologna, 1967. Albrecht H. J., Ethnic Minorities, Crime and Criminal Justice in Cerca con Google

Germany, in Tonry M. (ed.), Ethnicity, Crime and Immigration. Comparative and Cross-national Perspectives, University of Chicago Press, Chicago, 1997, pp. 31-99. Cerca con Google

Alietti A., Padovan D., Sociologia del razzismo, Carocci, Roma, 2000. Cerca con Google

Allen B., Russo M. (a cura di), Revisioning Italy. National Identity and Global Culture, University of Minnesota Press, Minneapolis, 1997. Cerca con Google

Allievi S., Dassetto F., Il ritorno dell'Islam. I musulmani in Italia, Edizioni Lavoro, Roma, 1993. Cerca con Google

Allievi S., Immigrazioni e religioni in Europa. Identità in trasformazione, in Procacci C. e Salamone N. (a cura di), Mutamento sociale e identità, Giuffré, Milano, 1997. Cerca con Google

Allievi S., Islamofobia? Nuove forme di definizione e stigmatizzazione dell’alterità, in “Religioni e Società”, 2, 2003, pp. 3-30. Cerca con Google

Ambrosiani M., La fatica di integrarsi, il Mulino, Bologna, 2001. Cerca con Google

Ambrosiani M., Utili invasori. L’inserimento degli immigrati nel mercato del lavoro italiano, Franco Angeli, Milano, 1999. Cerca con Google

Arkoun M, Pour une critiche del la raison islamique, Maison neuve- Larose, Paris, 1984. Cerca con Google

Atwan A. B., The secret history of Al-Qaeda, Saqi, London, 2006. Cerca con Google

Babès L., L’altro Islam, Edizione Lavoro, Roma, 2000. Cerca con Google

Babès L., L’islam positif. La religion des jeunes musulmans de France, L’Atelier, Paris, 1997. Cerca con Google

Barbagli M., Immigrazione e Criminalità in Italia, il Mulino, Bologna, 1998; Cerca con Google

Barbagli M., Immigrazione e reati in Italia, il Mulino, Bologna, 2002. Cerca con Google

Barbagli M. (a cura di), Rapporto sulla criminalità in Italia, il Mulino, Bologna, 2003 Cerca con Google

Bauman Z., Dentro la globalizzazione, Laterza, Bari, 1998. Cerca con Google

Bauman Z., Il disagio della postmodernità, Bruno Mondadori, Milano, 2002. Cerca con Google

Bauman Z. , La società dell’incertezza, il Mulino, Bologna, 1999. Cerca con Google

Bastenier A., Dassetto F., Immigration et espace public, Ciemi Harmattan, Paris, 1993. Cerca con Google

Bausani A. (a cura di), Il Corano, Rizzoli, Milano, 2006. Cerca con Google

Beccaria C., Dei delitti e delle pene, in Opere, vol. I, a cura di Sergio Romagnoli, Firenze, Sansoni, 1958. Cerca con Google

Beck U., La società del rischio, Carocci, Roma, 2000. Cerca con Google

Beck U., I rischi della libertà, il Mulino, Bologna, 2000. Cerca con Google

Beckford J. A., Social theory and religion, Cambridge Univerity press, Cambridge, 2003. Cerca con Google

Beckford J. A., Gilliat S., Religion in prison, Cambridge University press, Cambridge, 1998. Cerca con Google

Beckford J. A., Joly D., Khosrokhavar F., Muslims in Prison: Challenge and Change in Britain and France, Macmillan Palgrave, Basingstoke, 2005. Cerca con Google

Beckford J. A., Religione e società nel regno unito, in Aa Vv., La religione degli europei, Fondazione Giovanni Agnelli, Torino, 1994. Cerca con Google

Bentham J., Panopticon, ovvero la casa d’ispezione, a cura di Michel Foucault e Michelle Perrot, Marsilio, Venezia, 2002 Cerca con Google

Berger P. L., Luckmann T., La realtà come costruzione sociale, il Mulino, Bologna, 2000. Cerca con Google

Berto D. et alii, Il detenuto extracomunitario nel carcere penale di Padova. Analisi della situazione sociale, sanitaria e tossicologica Cerca con Google

dei detenuti extracomunitari detenuti presso il carcere penale di Padova, ORIV, “Quaderni di Ricerca” n. 2, Venezia, 1997, pp. 83-119. Cerca con Google

Bonetti P., La nuova legge sull’immigrazione. Una prima lettura, Sussidio C, Milano, 1998. Cerca con Google

Boudon R., Metodologia della ricerca sociologica, il Mulino, Bologna, 1996. Cerca con Google

Boudrari H., L’Islam maghrebino, in Atlante delle religioni, UTET, Torino, 1996. Cerca con Google

Bourdieu P., Esquisse d'une théorie de la pratique, précédé de trois études d’ethnologie kabyle, Droz, Genève, 1972 ; trad. it. Cortina, Milano, 2003. Cerca con Google

Burnett R., Farrell G., Reported and Unreported Racial Incidents in Prisons, University of Oxford – Centre for Criminological Research (Occasional Papers), 1994, n. 14. Cerca con Google

Cardano, M, La ricerca etnografica, in L. Riolfi (a cura di), La ricerca qualitativa, Nis, Roma,1997. Cerca con Google

Caritas/Migrantes, Dossier statistico Immigrazione, Anterem, Roma, 2007. Cerca con Google

Caritas/Migrantes, Dossier statistico immigrazione, IDOS, Roma, 2004. Cerca con Google

Celli A., A proposito di un “Allah piadoso”. La metafora carceraria nella letteratura aljamada cinquecentesca, in Gambin F. (a cura di), Alle radici dell’Europa. Mori, giudei e zingari nei paesi del Mediterraneo occidentale, vol. I, secoli XV-XVII, SEID, Firenze, 2008. Cerca con Google

Choueiri M.Youssef, Il fondamentalismo islamico, il Mulino, Bologna1993. Cerca con Google

Clifford J., I frutti puri impazziscono : etnografia, letteratura e arte nel secolo 20°, Bollati Borringhieri, Torino, 1993. Cerca con Google

Cohen R., Global diasporas: an introduction, UCL Press, London, 1997. Cerca con Google

Collins R., Theoretical Sociology, Harcourt Brace Jovanovich Inc., Orlando, 1982 (trad. it. Il Mulino, Bologna, 1992). Cerca con Google

Colombo A, Savona E., Sociologia della devianza, il Mulino, Bologna 2003. Cerca con Google

Colombo E., Le società multiculturali, Carocci, Roma, 2002. Cerca con Google

Dal Lago A., E. Quadrelli, Lo straniero e il nemico. Materiale per l’etnografia contemporanea, Costa & Nolan, Genova, 1998. Cerca con Google

Dal Lago A., La produzione della devianza. Teoria sociale e meccanismi di controllo, Feltrinelli, Milano, 1981. Cerca con Google

Dal Lago A., Non-persone. L'esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, Milano, 1999. Cerca con Google

Dal Lago A., La tautologia della paura, in “Rassegna Italiana di Sociologia”, 1999, XL, 1, pp. 5-42. Cerca con Google

Dassetto F., Bastenier A., Europa: nuova frontiera dell’islam, Lavoro, Roma 1993. Cerca con Google

Dassetto F., L’Islam in Europa, F. Agnelli, Torino, 1994. Cerca con Google

Durkheim E., De la division du travail social, 1893; trad. it. Edizioni Comunità, Milano, 1971. Cerca con Google

Etienne B., L’islam radical, Hachette, Parigi 1987. Cerca con Google

Fillieule R., Sociologie de la délinquance, PUF, Paris, 2001. Cerca con Google

Fitzgerald M., Ethnic Minorities and the Criminal Justice System, HMSO, London, 1993. Cerca con Google

Foucault M., Pierrot M. (a cura di), La casa d’ispezione, Marsilio, Venezia, 2002. Cerca con Google

Foucault, Sorvegliare e punire. Nascita della prigione, Einaudi, Torino, 1977. Cerca con Google

Frétigné C., Sociologie de l’exclusion, Harmattan, Paris, 1999. Cerca con Google

Gaballo G., Etnografia del carcere: il caso di Borgo San Nicola, in “Il dubbio”, n. 3, 2002. Cerca con Google

Garfinkel H., Studies in Ethnomethodology, Englewood Cliffs, Prentice- Hall, 1967. Cerca con Google

Geertz C., Interpretazione di culture, il Mulino, Bologna, 1987. Cerca con Google

Geertz C., Islam. Analisi socioculturale dello sviluppo religioso in Marocco e Indonesia, Morcelliana, Brescia 1973. Cerca con Google

Gellner E., Muslim society, Cambridge University Press, Cambrige 1981. Cerca con Google

Genders E., Player E., Johnston V.J., Race Relations in Prisons, Clarendon, Oxford, 1989. Cerca con Google

Giddens A., Le conseguenze della modernità, il Mulino, Bologna, 1994. Cerca con Google

Göle N., Islam, espace pubblique europée et civilité, in www.eurozine.com/articles/article_2007-05-03-gole-fr.html Vai! Cerca con Google

Goffman E., Asylum. Le istituzioni totali: i meccanismi dell'esclusione e della violenza, Torino, Einaudi, 1968. Cerca con Google

Goffman E., La vita quotidiana come rappresentazione, il Mulino, Bologna, 1995. Goffman E., Stigma, Laterza, Bari, 1970. Cerca con Google

Gottfredson M. R., Hirschi T., A general theory of crime, Stanford University Press, Stanford, 1990. Cerca con Google

Gritti R., Allam M., Islam, Italia: chi sono e cosa pensano i musulmani che vivono tra noi, Guerini, Milano, 2001. Cerca con Google

Guolo R, Attori sociali e percorsi di rappresentanza nell’islam italiano, in Saint Blancat C. (a cura di), L’islam in Italia, Edizioni Lavoro, Roma 1999. Cerca con Google

Guolo R., L’Islam è compatibile con la democrazia?, Laterza, Roma, 2004. Cerca con Google

Guolo R., Xenofobi e xenofili. Gli italiani e l’islam, Laterza, Bari- Roma, 2003. Cerca con Google

Hart P. M., The real Michael Collins, Macmillan, London, 2005. Cerca con Google

Hervieu-Léger D., La religion pour mémoire, Cerf, Paris, 1993. Cerca con Google

Kepel G., A Ouest d’Allah, Seuil, Paris, 1994. Cerca con Google

Khaled F. A., L’islam contemporaneo, Filoramo G. (a cura di), L’Islam, Laterza, Roma-Bari, 1999 Cerca con Google

Khosrokhavar F., L’islam dans les Prisons, Balland, Paris, 2004. Cerca con Google

Khosrokhavar F., L’islam des Jeunes, Flammarion, Paris 1997. Cerca con Google

Khosrokhavar F.,Quand Al Qaïda parle. Témoignages derrière les barreaux, Paris, Grasset, 2006. Cerca con Google

Kvale Steinar, Interviews. An introduction to qualitative research interviews, Sage, London, 1996. Cerca con Google

Lazzarini G., La società multietnica, FrancoAngeli, Milano, 1993. Cerca con Google

Lazzarini G., Razionalità e senso in un passaggio d’epoca, Franco- Angeli, Milano, 1999. Cerca con Google

Lemert E., Devianza. Problemi sociali e forme di controllo, Giuffrè, Milano, 1981. Cerca con Google

Little Donald P., Did Ibn Taymiyya Have a Screw Loose?, in “Studia islamica”, 41, 1975, p. 93-111 (http://www.jstor.org/pss/1595400). Vai! Cerca con Google

Little Donald P., The historical and historiographical significance of the detention of Ibn Taymiyya, in “International Journal of Middle East Studies”, 4, 3, 1973, pp. 311–27. Cerca con Google

Kaiser G., Kriminologie: ein Lehrbuch, C.F. Müller, Heidelberg, 1996. Cerca con Google

Killias M., Précis de criminologie, Stämpfli, Berna, 1991. Cerca con Google

Matza D., Come si diventa devianti, il Mulino, Bologna, 1977. Cerca con Google

Mcdermott K., Where the action is in Prisons, in “The British Journal of Criminology”, 1988, 28, pp. 357-375. Cerca con Google

McEvoy K, Paramilitary imprisonment in Northern Ireland – resistance, management and release, Oxford University Press, Oxford 2001. Cerca con Google

Melossi D., Stato, Controllo Sociale, Devianza, Mondadori, Milano, 2002. Cerca con Google

Melotti U., Migrazioni internazionali e integrazione sociale: il caso italiano e le esperienze europee, in Delle Donne M., Melotti U., Petilli Cerca con Google

S. (a cura di), Immigrazione in Europa: solidarietà e conflitto, Centro Studi Terzo Mondo, Roma, 1993. Cerca con Google

Melucci A, Verso una sociologia riflessiva, il Mulino, Bologna, 1998. Cerca con Google

Melucci A., Il gioco dell’io: il cambiamento di sé in una società globale, Feltrinelli, Milano, 1991. Cerca con Google

Melucci A., Verso una sociologia riflessiva, il Mulino, Bologna 1998. Cerca con Google

Merton R. K., Teoria e struttura sociale, il Mulino, Bologna, 1959. Cerca con Google

Modood, T., R. Berthoud, J. Lakey, P. Smith, S. Virdee, S. Beishon, Ethnic Minorities in Britain, Diversity and Disadvantage, Policy Studies Institute, London, 1997 Cerca con Google

Morcellini M. (a cura di), Torri crollanti. Comunicazione, media e nuovi terrorismi dopo l’11 settembre, Franco Angeli, Milano, 2002. Cerca con Google

Olivier C., Dumont P., Radicalisme islamiques, Harmattan, Paris, 1985. Cerca con Google

Pace E., Guolo R., I fondamentalismi, Laterza, Bari, 1998. Cerca con Google

Pace E., L’islam in Europa: modelli di integrazione, Carocci, Roma, 2004. Cerca con Google

Pace E., Sociologia dell’islam, Carocci, Roma, 2004. Cerca con Google

Palidda S., Devianza e vittimizzazione tra i migranti, ISMU-Franco Angeli, Milano, 2001. Cerca con Google

Palidda S., Le migrazioni come crimine, in Basso P., Perocco F. (A cura di), Immigrazione e trasformazione della società, Franco Angeli, Milano, 2000. Cerca con Google

Palidda S., Polizia postmoderna. Etnografia del nuovo controllo sociale, Feltrinelli, Milano, 2000. Cerca con Google

Palidda S. (sous la direction de), Délit d'immigration. La construction sociale de la déviance et de la criminalité parmi les immigrés en Europe, COST-Communauté Européenne, Bruxelles, 1996. Cerca con Google

Perocco F. (a cura di), Alcol e immigrazione: bibliografia specifica, Fondazione Benetton Studi Ricerche, Treviso, 1998. Cerca con Google

Quinlivan P., Rose P., The Fenians in England: 1865–1872, John Calder, London, 1982. Cerca con Google

Quraishi M, Muslims and Crime. A Comparative Study, Aldershot, Ashgate, 2005. Cerca con Google

Quraishi M., Researching Muslim Prisoners. Methodological considerations, in “International Journal of Social Research Methodology”, 11, 5, 2008, pp. 453-467. Cerca con Google

Reckless W. C., The Crime Problem, Appleton-Century-Crofts, New York, 1961. Cerca con Google

Ryder C., Inside the wire: the untold story of the Northern Ireland prison service, Methuen, London, 2001. Cerca con Google

Romania V., Farsi passare per italiani, Carocci, Roma, 2006. Cerca con Google

Rusche G. e Kirchheimer O., Pena e struttura sociale, il Mulino, Bologna, 1978. Cerca con Google

Saint-Blancat C. (a cura di), L’islam in Italia, una presenza plurale, Lavoro, Roma, 1995. Cerca con Google

Saint-Blancat C., L’islam della diaspora, Edizioni Lavoro, Roma 1995. Cerca con Google

Sayad A., L’immigration ou les paradoxes de l’altérité, De Boeck Université, Bruxelles, 1991. Cerca con Google

Schutz A., Lo straniero. Saggio di psicologia sociale, in Saggi sociologici, Utet, Torino, 1979. Cerca con Google

Sciolla L. (a cura di), Identità: percorsi di analisi in sociologia, Rosemberg & Sellier, Torino, 1983. Cerca con Google

Sellin T., Culture Conflict and Crime, Social Science Research Council, New York, 1938 (trad. it. in Melossi D., Stato, controllo sociale, devianza. Teorie criminologiche e società tra Europa e Stati Cerca con Google

Uniti, Bruno Mondadori, Milano, 2002). Cerca con Google

Shaw R.D., Chaplains to the Imprisoned. Sharing Life with the Incarcerated, Haworth Press, New York, 1995. Cerca con Google

Sheriff S., Presentation to the Victim Support Annual Conference, July 3rd, University of Warwick, 2001. Cerca con Google

Spalek B. (ed), Islam, Crime and Criminal Justice, Willan, Cullompton, 2002. Cerca con Google

Spalek B., Victim Work in the Probation Service: perpetuating notions of an ideal victim, in Chui W. & Nellis M. (eds), Moving Probation Forward, Pearson, Essex, 2003. Cerca con Google

Spalek B., El-Hassan S., Muslim Converts in Prison, in “The Howard Journal of Criminal Justice”, 46, 2, 2007, pp. 99-114. Cerca con Google

Sykes G. H., Matza D., Techniques of Neutralization: a Teory of Delinquency, in “American Sociological Review”, 22, 6, pp. 664-670. Cerca con Google

Tabboni S. (a cura di), Vicinanza e Lontananza, Franco Angeli, Milano, 1986. Cerca con Google

Tietze N., Jeunes musulmans de France et d’Allemagne, Harmattan, Paris, 2002. Cerca con Google

Wacquant L., Les prisons de la misère, Raisons d’agir, Parigi, 1999. Cerca con Google

Weber M., Economia e società, Edizioni di Comunità, Milano, 1968. Cerca con Google

Wieeviorka M. (a cura di ), Violence en France, Paris, Seuil, 1999. Cerca con Google

Wieviorka M., Il razzismo, Laterza, Bari, 2000. Cerca con Google

Zincone G., Uno schermo contro il razzismo. Per una politica dei diritti, Donzelli, Roma, 1994. Cerca con Google

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record