Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Greco, Antonio (2009) Competitività e semplificazione normativa nel federalizing process. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
623Kb

Abstract (inglese)

The research proposes to analyze the policies of normative and bureaucratic simplification, especially looking on the up – to - date and the most important innovations the legislator has introduced in the national and regional legal system. The issue seems to be a very living matter, not only because of the uninterrupted overstock of the regulatory outturn in the matter, but also because it pulls down in the vive debate about the federal structure the constitutional legal system has taken on further to the reformation of the Title V of the Constitution, notably with respect to the never finished debate about the national and the regional legislative power. The most recent researches in the field confirm the relevance of the investigation, and they reinforce data that are not comforting at all: the World Bank has recently positioned Italy at the 70th place in a ranking comparing 155 countries depending on their normative environment and their red tapes. Italy has been the next –to – last country among the OCSE ones, and just put ahead of Greece. The same report puts into prominence that in Italy the business start – up requires nine administrative procedures to be ended, and that the respective medium charge is ten time bigger than the one in the other OCSE countries. It is not by accident that the organizations representing the different realities of the economic world (Confindustria and he National Union of the Chambers of Commerce, for instance) are going on demanding the setting up of slimmer administrative procedures, just to warrant a more intense effectiveness to the requirement of citizens. The also invoke a better regulation able to detect the laws and the rules of each field. The research will begin with the spotting of the reasons that have triggered this empasse, also explaining the different stages follow that have one after the other in the governance of simplification.
The first rudimental attempt of simplification is to be set in the enabling act n. 537/1993, that aimed to realize a model of normative and bureaucratic simplification at the same time: it delegated Italian govern to enact a sequence of governmental acts following the procedure of the art. 17 co. 2 l. n. 400/1988 with the aim of oversemplying 123 administrative procedures listed in an apposite attachment to the law. Therefore, this law did not want to simplify the administrative procedure itself, but it contemplated the criteria of simplification the Government should had to follow. It lets us to understand immediately the limit of this model: at the end, the enabling act became itself a normative sheet, enabling floods of governmental rules. It seemed to be a mytological monster: everytime a law was repealled, a new governmental rule revived, everytime a rule of simplification was set up, one or more rule of complication appeared.
The yearly law of simplification, introduced in the Italian legal system by the law n. 59/1997 and continued by the laws n. ll. nn. 127/1999, 191/1998, 50/1999, 340/2000, was introduced from the beginning of its appearence like an operative weapon able to achieve policies of normative and administrative simplification, but it demonstrated be a mere enabling act too, even if tried to outperform the limits of the previous law. Especially, it enlarged the criteria the Government had to follow in the exercise of the delegation power, with the aim of simplifying the activity of Public Administration. These criteria expressed in the art. 20 of the law wanted the administrative procedures about the same fields to be individuated, just to reduce the number of administrations and agencies involved in them. They also wanted to reduce the administrative phases in which the procedures consisted, and to let the space to the re-arrangement of the administrative structures. Another goal consisted the government bodies envolved in the same procedure to cooperate in the so called “Conferenza di servizi”, and to reduce the deadlines of the same procedures.
The problem was very the legislator seemed to have no clear ideas about the criteria of the delegation. Just a year passed and the Parliament changed the criteria enabling the act n. 191/1988. The new criteria were made to consist in the suppression of the old inactual criteria regardin to the several aims of the legislation in each field and the european communitarian principles; the suppression of the administrative procedures implying more costs than advantages; the suppression of the dispension from the Foundamental law about the administrative procedure.
These considerations let us to understand that even if the new criteria were intended to enlarge the delegated power of the Government, they caused the reform of the rules the Government had prepared in the meantime. Moreover, the accrueing of such different criteria caused the check of compatibility with the European legal system.
It deserves also do be put into prominence that the enlargement of the criteria did not solve the problems occurred in the law n. 537/1993. On the contrary, it replied its bad habits. The law n. 59 and its following reviews perpetuatd a manner of simplification strictly joined to the administrative procedures listed in an apposite attachment,and, at the end, they accentuated the hypertrophic feature of the governmental rules one more time. The last ones also maintenined a very limitated capacity of semplifyng the procedures. As a consequence, the outturns were very unsatisfying: the enabling act wanted 206 administrative procedure to be simplified, but only 91 of those were, and 62 governmental rules were to be hired.
That being so, even if a lot of scholars have overemphasized the results that were reached, it is clear the first policies were too experimental to reach remarkable goals. Overall, the lack of a clear strategy was unmistakable.
In front of the uneffectiveness of the efforts outlined above, the latest normative processingshows important innovations with respect with the traditional models. The yearly law of simplification occurred in 2004 (2003 passed without a yearly law), the last to be passed, is featured by the so called technique of the “guillotine”, also known as “cutting laws”. Its frame is described by the art. n. 14 co. 12. It prescribes the Government has 24 months (from the day the same law of simplification was enacted) to identify the in-force-laws of the entire legal system and to put into prominence the normative contradictions and the inconsistencies referred to the several legislative fields. At this aim it establishes some criteria, especially viewing at the implicitly or explicitly repealed laws, and the oldest ones (let. a,b); at the normative prescriptions that are necessaries to the regulation of each field, and at those that can not be repealed without the violation of the constitutional rights of the citizens or without producing prompt or unprompt effects on public finance (let. c, d, g); at the set up of the normative prescriptions in each legal field or in each matter (let. e).
According to the art. 15 of the yearly law, the Govenmental acts are supposed to repeal the laws enacted before January, 1th 1970 (even if afterwards modified), and to armonize the unrepealed laws enacted before January, 1th 1970 with the following ones.
These prescriptions represent a turning-point of the policies of simplification and the attempt to decrease the “normative stock”, but they still reveal a problematic aspect that will deserve to be considered looking at the constitutional jurisprudence. What especially outcrops is the long range of the delegated power. It appears to be very problematic referring to the art. 76 Cost., that requires the enabling acts to be very defined an clear about the object of the power delegated. On the opposite, the reference referred to the whole legislation enacted before January 1th 1970 seems to be too much enlarged.
The problem also shows to be very interesting if considering that, even if the 2005 yearly law remained unenforced, the very recent proposal of anabling act proposed by Prof. Bassanini on March 31th, 2008 suggests again to adopte technique of the “guillotine”. The so called “Schema di disegno di legge per la semplificazionee la qualità della regolazion” requires the Government to adopt decree laws intended to enumerate the laws or the normative acts with no effectiveness or, even if, that are obsolete.
The setting of these proposals reveal the opportunity of the method of this research in the measure in which, beginning from the 90’s as it can be seen above, it wants to discover and to explain the different steps in the process of simplification. Indeed, like in the historical courses and recourses, the proposal of Prof. Bassanini reverberates the structure of the law n. 537/1993, because it delegates the Government to enact laws following the procedure of the art. 17 co. 2 l. n. 400/1988.

Abstract (italiano)

Nelle pagine che seguono ci si propone di ricostruire le politiche di semplificazione normativa ed amministrativa, in considerazione dei significati delle riforme di recente attuate o promosse. L’attualità del tema è infatti riferibile all’incessante produzione normativa in materia, come al vivo dibattito sulla forma federale disegnata dal riformato Titolo V. L’allarme destato da autorevoli ricerche di settore (nel 2006 la Banca mondiale ha posizionato l’Italia penultima tra i Paesi OCSE per complicazione normativa e amministrativa) e le pressioni di Confindustria e Unioncamere per la definizione di procedure adeguate alle istanze dell’economia, evidenziano un empasse di cui occorre individuare le cause. Punto di partenza è a tal fine la riconsiderazione dei pregressi tentativi di semplificazione, anzitutto a livello statale.
L’apripista l.n. 537/93 prevedeva la semplificazione di 123 procedimenti tramite l’emanazione di appositi regolamenti. In ciò stava però il limite del modello, che finiva per attuarsi in un’alluvione di regolamenti e dunque in una complicazione. Stessa sorte per le ll. nn. 127/99, 191/98, 50/99, 340/00: la volontà di attribuire maggiori spazi ad interventi governativi di semplificazione portava a successive riformulazioni dei principi di delega, con confusione nelle direttive legislative e con la sostituzione dell’ipertrofia legislativa di primo grado con quella di secondo. Le innovazioni arrivavano con la l. 246/05 che, col meccanismo ghigliottina o taglia–norme, prevedeva un’ampia delega al Governo per l’abrogazione della normativa anteriore al 1.01.70 non ritenuta indispensabile.
I dubbi di legittimità costituzionale sono però evidenti e quanto mai attuali visto il disegno di legge Bassanini del 31.03.08, che all’art 2 co. 3 e 4 ripropone la ghigliottina per tutte le disposizioni ormai prive di contenuto normativo o obsolete. Se si aggiunge che in tale proposta si ritrova lo spettro della proliferazione dei regolamenti giusta l’assunzione a modello della l. 537/93, si ha conferma della validità metodologica dello studio dei “corsi ed i ricorsi storici” nella nostra legislazione.
Rileva altresì la normativa regionale, anzitutto per verificare la legittimità di una delegificazione statale in materie di competenza regionale, quale si avrebbe secondo il disegno Bassanini, basato su un’interpretazione estensiva del potere sostitutivo (art. 120 Cost.) quantomeno controvertibile.
La ricerca considera pertanto i precedenti sui “livelli minimi essenziali”(sent.181/06, sull’interpretazione stretta dell’art. 117 Cost.) e l’attualità della collaborazione tra livelli di governo ex l. 246/05 (intese Stato–Regioni). Più nel dettaglio, provvede a comparare i modelli di semplificazione regionali (talvolta precorritori di quelli statali: v. ll. 15/02 e 1/05 Lombardia) per enucleare i più virtuosi.
A chiudere la disamina della semplificazione normativa, è la riflessione sui più recenti interventi positivi in materia, primo fra i quali emerge il d.l. n. 118/2008.
Nella seconda parte considera inoltre la semplificazione amministrativa. Rilevano l’autocertificazione e la d.i.a. di cui alla l. 80/05, per il carattere innovativo ma anche per i fattori di complicazione ancora impliciti.
L’art. 19 co. 2 L. n. 241/1990 contemplava infatti un regime particolarmente accelerato per l’inizio dell’attività imprenditoriale, sia pure soltanto per taluni casi da individuare con regolamento, in relazione ai quali prevedeva si potesse dare inizio all’attività nel momento immediatamente successivo alla denuncia. Il combinato disposto con il co. 1 (modificato dall’art. 2 co. 10 L.n. 537/1993), inoltre, assegnava all’Amministrazione un termine di sessanta giorni dalla denuncia di inizio attività per la verifica d’ufficio dei requisiti di legge necessari, e per disporre l’eventuale divieto di prosecuzione dell’attività e la rimozione dei suoi effetti. E’ una chance che, sia pure in soltanto con riguardo ai quei casi tassativamente elencati, vigente il nuovo art. 19 il privato non si vede più riconosciuta, essendo ora tenuto, in un momento che precede l’inizio dell’attività, a presentare una dichiarazione “corredata, anche per mezzo di autocertificazioni, delle certificazioni e delle attestazioni normative richieste” (art. 3 co. 1 d.l. n. 35/2005). Pertanto, decorsi i trenta giorni di cui l’amministrazione dispone per l’istruttoria e la comunicazione all’interessato, l’istante non può ancora dar corso allo svolgimento dell’attività, dovendo inoltrare una ulteriore comunicazione (non prevista nel regime ante riformam) all’amministrazione alla quale è stata presentata la denuncia.
Il nuovo procedimento disegnato dall’art. 3 d.l. n. 35/2005, da questo sia pur limitato punto di vista, ha dunque aggravato gli adempimenti dell’interessato, sdoppiando la denuncia di inizio attività in una pre – denuncia (o dichiarazione della volontà di dare inizio ad una attività) ed in una comunicazione di “avvertimento dell’effettivo inizio dell’attività”.
In una prospettiva de iure condendo la ricerca chiarisce inoltre il rapporto tra la dichiarazione di inizio attività e i “decreti – Bersani” del 2006, intervenuti nella piena vigenza ed applicazione della novellata dichiarazione di inizio attività, ma la cui disciplina attende tutt’ora di trovare compiuta applicazione e, come da più parti annunciato, adeguata correzione.
Come si è avuto modo di considerare, uno dei pregi del d.l. n. 35/2005 consiste nel carattere generale della sua portata, attesa anche la sua collocazione sistematica nell’alveo della legge fondamentale sul procedimento amministrativo, tale da eliminare alla radice la necessità di interventi settoriali successivi. I c.d. “decreti Bersani”, invece, pur introducendo importanti novità in ordine allo start – up delle attività economiche, rappresentano per diversi aspetti il tendenziale ritorno ad un approccio atomistico alla semplificazione.
L’attenzione va riposta in primo luogo sul d.l. n. 223/2006 (Disposizioni per il rilancio economico e sociale per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché interventi in materia di entrate e di contrasto all’evasione fiscale), convertito nella l. n. 248/2006, che introduce tre importanti novità in ordine all’iscrizione negli albi e registri di categoria. L’art. 3 co. 1 lett. a) infatti abolisce l’iscrizione in “registri abilitanti” e fa venir meno la necessità di dimostrare requisiti professionali soggettivi - con esclusione dei requisiti riguardanti la tutela della salute e la tutela igienico sanitaria degli alimenti - in ordine ad una serie di attività di distribuzione commerciale “riguardanti il settore alimentare e della somministrazione degli alimenti e delle bevande”. Già l’applicazione di tale della previsione ha incontrato – e per alcuni versi ancora incontra - difficoltà di rilievo. L’abolizione dei registri si riferisce evidentemente al R.E.C., il registro esercenti commercio tenuto presso le Camere di Commercio. Il D.lgs. n. 114/1998, che disciplinava le condizioni di accesso all’iscrizione, prescriveva come necessari il possesso di requisiti morali e la dimostrazione da parte dell’interessato, in via alternativa, di: a) aver frequentato, con esito positivo, un corso professionale avente ad oggetto l’attività di somministrazione di alimenti e bavande istituito o riconosciuto dalle regioni; b) aver frequentato, con esito positivo, corsi di una scuola alberghiera o di altra scuola a specifico indirizzo professionale; c) aver superato un apposito esame di idoneità dinnanzi all’apposita commissione costituita presso la Camera di Commercio al quale si poteva accedere con il possesso di un titolo di studio universitario o di istruzione secondaria superiore, ovvero con la dimostrazione della c.d. pratica commerciale.
Orbene, l’abolizione del R.E.C. si risolve in una semplificazione per i soggetti titolari dei requisiti a norma delle lett. a) e b), che possono ora rivolgersi direttamente al Comune per ottenere l’autorizzazione all’esercizio dell’attività, ma comporta, stando alla lettera, l’impossibilità di esercizio – e, contestualmente, l’impossibilità di accedere al regime della dichiarazione di inizio attività - per tutti quei soggetti che conseguivano i requisiti professionali a norma della lett. c), e quindi con la frequenza ai corsi di cui si investivano le Camere di commercio quali enti funzionali investite della gestione del R.E.C.: con l’abolizione di quest’ultimo, infatti, le Camere di commercio si trovano private infatti anche della relative funzioni. Sul punto, in attesa di un intervento correttivo, il Ministero dello sviluppo economico è ad oggi intervenuto con una sola comunicazione, che si limita peraltro a consentire lo svolgimento degli esami a favore di coloro ne avessero fatto istanza entro il 4 luglio 2006, data di adozione del decreto Bersani. Nell’evidenziare l’incompletezza della disciplina sovraesposta, emerge altresì come l’istruzione della comunicazione sia per lo meno lesiva del principio di legittimo affidamento di quanti avessero già conseguito l’attestato di frequenza del corso tenuto presso le Camere di Commercio. Non va inoltre sottaciuto, con una anticipazione dei propositi della ricerca che si esporranno nel paragrafo successivo, come la soluzione del problema coinvolga anche gli ordinamenti regionali, titolari, a norma dell’art. 117 co. 3 Cost., della competenza legislativa concorrente in materia di professioni.
Al riguardo si osserva che la Regione Marche è già intervenuta sul punto con la l.r. n. 287/1991, perpetuando la possibilità di esame presso la Camera di Commercio, ai fini dell’attestazione del possesso del requisito professionale indispensabile – stante la permanenza dei requisiti relativi alla tutela della salute ed alla tutela igienico sanitaria degli alimenti - per l’esercizio dell’attività.
Un altro settore commerciale interessato dal decreto Bersani è “la produzione e vendita di prodotti della panificazione”.
La materia trovava disciplina nella l. n. 1002/1956, che nel combinato disposto degli artt. 2 e 3 prevedeva un iter piuttosto articolato: i soggetti interessati all’attività in oggetto, infatti, erano tenuti ad esperire ben due procedimenti di licitazione. In primo luogo dovevano conseguire un’autorizzazione rilasciata dalla Camera di commercio, tenuta a valutare, con l’ausilio di una apposita commissione, “l’opportunità del nuovo impianto in relazione alla densità dei panifici esistenti e del volume della produzione nella località ove è stata chiesta”. Ottenuta l’autorizzazione, l’effettivo esercizio dell’attività rimaneva peraltro subordinato al conseguimento di una licenza, rilasciata dalla medesima “Camera di commercio (…) previo accertamento della efficienza degli impianti e della loro rispondenza ai requisiti tecnici ed igienico-sanitari previsti dalla presente legge e dalle leggi e regolamenti vigenti anche in materia di igiene del lavoro (…)”.
A ciò si aggiunga, ex art. 7, che le licenze di panificazione necessitavano di un visto annuale della Camera di commercio.
Orbene, la novella del 2006 interviene ridisegnando ex novo l’istituto ed eliminando, in particolare, la programmazione e la valutazione discrezionale che si potevano evincere dal combinato disposto sopra ricordato. Ne consegue l’espressa sostituzione del regime complesso con la dichiarazione di inizio attività, secondo l’art. 19 l. n. 241/1990 come novellato che, nella fattispecie considerata, riversa un importante impatto di semplificazione.
A completare il quadro degli interventi di semplificazione, è il d.l. n. 7/2007 (Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese). La principale novità introdotta dal decreto è la “comunicazione unica” per la nascita d’impresa, disciplinata dall’art. 9, che rivoluziona il modello già vigente incardinato presso lo sportello unico per le imprese.
La novella, anch’essa tutt’oggi inattuata, merita di essere confrontata nel combinato disposto con la dichiarazione di inizio attività e con la disciplina delle attribuzioni dello sportello unico per le attività produttive (sul punto, si deve osservare come anche la disciplina del titolo I l. n. 59/1997 sia attualmente oggetto di una serie di disegni di legge).
A supportare l’interesse per un quadro normativo tanto asistematico, sempre più oscuro e di difficile interpretazione a causa delle modifiche ed abrogazioni implicite nella lettera delle norme, interviene inoltre il già citato disegno di legge Bassanini del 31 Marzo 2008, secondo il quale i procedimenti amministrativi dovranno concludersi entro trenta giorni. Peraltro lo stesso disegno di legge finisce col delegare il Governo ad emanare una serie di decreti ex art. 17 co. 3 l. n. 400/1988 al fine di ampliare il termine a 60 giorni in ordine a procedimenti vagamente definiti “complessi”, da individuare tassativamente, pari sino al 33,33% del totale dei procedimenti amministrativi. La stessa norma prevede inoltre, per un aggiuntivo 10% dei procedimenti amministrativi, una ulteriore dilatazione dei termini fino a 120 giorni. In sintesi, il 40% dei procedimenti amministrativi avrà un tempo medio di ben tre mesi.
Tali previsioni, lungi dal semplificare, rischiano invero di inficiare i risultati ottenuti dalla riforma del decreto competitività del 2005, e di segnare il ritorno ad un approccio particolaristico, e perciò normativamente inflattivo, alla semplificazione dei procedimenti amministrativi.
Per quanto attiene in particolare alla competenza regionale,la ricerca si propone anzitutto, sotto un profilo generale, di analizzare l’impatto degli istituti di semplificazione più significativi posti in essere dal legislatore statale, in specie della d.i.a., sulla legislazione regionale. Infatti l’art. 3 d.l. n. 35/2005, nel contenere una norma dalla vocazione generale, in virtù della quale ad essere identificati devono essere i soli casi di inapplicabilità, supera la diffusa tecnica legislativa a livello regionale diretta a determinare con regolamento i singoli casi di applicabilità della d.i.a.
L’interesse per tale trattazione discende dalla considerazione che nell’ordinamento costituzionale previgente alla Riforma del Titolo V Cost., la l. n. 241/1990 rappresentava una legge – quadro, recante quindi i principi che le regioni avrebbero dovuto recepire nell’esercizio della potestà legislativa concorrente.
Era l’art. 29 a definire i principi contenuti nella medesima l. n. 241/1990 quali principi generali dell’ordinamento giuridico, vincolanti sia per le regioni a statuto ordinario sia per quelle a statuto speciale, che vi si sarebbero dovute uniformare entro un anno dalla entrata in vigore dalla legge.
Il procedimento amministrativo dunque, con la l. n. 241/1990, aspirava ad assumere il carattere dell’omogeneità su tutto il territorio nazionale.
Tuttavia la l. cost. n. 131/2003 di riforma del Titolo V Cost., ha reso incerto il contesto di relazioni dell’esercizio dei compiti delle Regioni in ordine alla semplificazione dei procedimenti, in specie con riguardo all’ambito materiale delle attività produttive. La riforma del titolo V, infatti, ha determinato una rivoluzione copernicana nell’assetto competenziale Stato – Regioni, attribuendo alla legislazione regionale residuale (trattasi, come noto, di competenza piena, con il limite delle materie trasversali statali) le principali materie riferibili allo sviluppo economico ed alle attività produttive: basti pensare all’agricoltura, all’artigianato, al turismo e all’industria alberghiera, alla pesca (nelle acque interne), già elencate nell’art. 117 Cost. previgente tra le materie a competenza concorrente; ma anche all’industria ed al commercio che, oggi parimenti innominate, sono pure da annoverare nel novero della competenza residuale regionale.
Ebbene, l’ampiezza dell’ambito di azione regionale trova un profilo problematico proprio in ordine alla portata dell’art. 19 l. n. 241/1990 in tali materie, in considerazione dell’impossibilità di riferirvi quanto previsto dall’art 1 co. 4 lett. b) della c.d. legge La Loggia, a norma del quale il legislatore statale deve indicare alle Regioni i principi fondamentali in materia di legislazione concorrente, anche con riferimento ai principi fondamentali in materia di autorizzazioni e concessioni: una previsione che, evidentemente, attiene alle materie elencate dal co. 3 dell’art. 117, ma non a quelle ascrivibili alla competenza residuale di cui al co. 4.
La vexata quaestio, a ben vedere, discende dall’inclusione, tra le materie di competenza esclusiva statale, del solo “ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato (…)”, e non anche del “procedimento amministrativo”. Essa si presta ad essere sciolta soltanto in via interpretativa: nell’ambito della ricerca sarà pertanto fondamentale orientare costituzionalmente l’analisi sul punto. In questa sede merita infatti di essere osservato come il ricorso alla “connessione naturale esistente fra la disciplina del procedimento e la materia dell’organizzazione”, sancita da C. cost. n. 465/1991 possa rappresentare un solido punto di partenza, che porterebbe a sostenere l’unicità ed omogeneità della disciplina del procedimento amministrativo tanto in ordine alle materie di cui al co. 3, a titolo di principi fondamentali, quanto in ordine alle materie di cui al co. 4, a titolo di competenza esclusiva statale trasversale. Ed infatti, proprio in questo senso, la citata sentenza della Corte costituzionale, sia pure nell’ambito di un obiter dictum, sembra offrire un aiuto alla soluzione dell’interrogativo, sancendo che “il procedimento amministrativo non coincide con uno specifico ambito materiale di competenza, in quanto modo di esercizio delle diverse competenze”.
Esaurita siffatta trattazione, la ricerca svolge una disamina sugli ordinamenti regionali, al fine di offrire un quadro sulle forme di semplificazione poste in essere dai legislatori regionali ed esaminare i modelli virtuosi. E’ opportuno infatti rilevare che alcune Regioni hanno già avviato importanti processi di semplificazione e in alcuni casi, come in quello emblematico della abolizione dei libretti sanitari e di altri certificati analoghi (effettuata dalle leggi di alcune regioni come Lombardia e Emilia Romagna), si sono spinte molto in avanti, ottenendo peraltro l’avallo della Corte costituzionale (si veda la sent. n. 162 del 2004).
La Regione Lombardia, in particolare, ha approvato nelle ultime due legislature una serie di significativi interventi in materia semplificazione amministrativa, tra i quali è opportuno ricordare la già citata l.r. n. 15/2002 che, oltre ad appianare l’ordinamento normativo, ha introdotto la denuncia di inizio attività in luogo degli atti autoritativi per le attività il cui esercizio non richieda preventive valutazioni discrezionali della P.A., ed il silenzio assenso. Con la l.r. n. 1/2005 (Interventi di semplificazione – Abrogazione di leggi e regolamenti regionali), inoltre, si segnala per le disposizioni relative alla liberalizzazione dell’attività d’impresa: a tal fine, prevede il principio che fa assurgere la d.i.a. a regola, e dispone che l’avvio, lo svolgimento, la trasformazione e la cessazione dell’attività d’impresa non siano soggetti a provvedimenti di autorizzazione, licenza o assenso.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Antonini, Luca
Correlatore:Bertolissi, Mario
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 21 > Scuole per il 21simo ciclo > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:31 Gennaio 2009
Anno di Pubblicazione:2009
Parole chiave (italiano / inglese):SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA - SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA - RIFORMA TITOLO V - SVILUPPO ECONOMICO
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/08 Diritto costituzionale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Codice ID:1832
Depositato il:31 Gen 2009
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

AINIS M., La legge oscura. Come e perchè non funziona, Laterza, 2002 Cerca con Google

AMOROSINO S., Lo stallo della semplificazione amministrativa: fattori critici e ipotesi di rilancio, in Foro Amm. TAR, 2004 Cerca con Google

ANTONINI L., BERTOLISSI M., Percorsi sbagliati per battere la burocrazia, in Sole 24 – Ore, 17 luglio 2004. Cerca con Google

ANTONINI L., GRECO A., Decentramento e semplificazione in materia di attività d’ impresa, in OSSERVATORIO ISTITUZIONI DECENTRAMENTO E SUSSIDIARIETA’ Cerca con Google

DELL’UNIONCAMERE, Rapporto sullo stato del decentramento in Italia, UNIONCAMERE, 2006 Cerca con Google

BARAZZONI F., DE MAGISTRIS V., La qualità della regolazione nelle regioni italiane, in F. BASILICA (a cura di), La qualita’ della regolazione, MAGGIOLI, 2006 Cerca con Google

BASSANINI F., PAPARO S., TIBERI G., Competitività e regolazione: un intralcio o una risorsa? Metodologie, tecniche e strumenti per la semplificazione burocratica e la qualità della regolazione, in Sviluppo o declino. Il ruolo delle istituzioni per la competitività del paese, a cura di e F. BASSANINI, Astrid, 2005 Cerca con Google

BERTINI P., Apparati amministrativi e celerità d’azione. Le vicende di un difficile rapporto, in Foro Amm., n. 6/1998 Cerca con Google

BOTTIGLIERI C., Commentario alla legge sul procedimento amministrativo, 2002, Cedam Cerca con Google

CAIDEN G.E., Administrative Reform. Proceed with caution, in International Law Journal of Public Administration, vol. 22, n. 6/1999 Cerca con Google

CARBONE L., TIBERI G., La better regulation in ambito comunitario, in Quad. cost., 2001 Cerca con Google

CARPENTIERI P., Il silenzio assenso nel sistema dell’art. 20 l. 7 agosto 1990 n. 241 e dei reg. governativi 26 aprile 1992 n. 300 e 9 maggio 1994 n. 407: un istituto ancora non adeguatamente Cerca con Google

disciplinato, in Foro Amm. n. 9/1997 Cerca con Google

CARTABIA M., Semplificazione amministrativa, riordino normativo e delegificazione nella legge annuale di semplificazione, in Diritto Pubblico, 2000 Cerca con Google

CASSESE S., GALLI G., DE CAPRARIIS G., VESPERINI G., ARSI’ M., L’Italia da semplificare, Il MULINO, 1998 Cerca con Google

CASSESE S., La riforma amministrativa all’inizio della quinta Costituzione dell’Italia unita, in Foro it., 1994, V Cerca con Google

CASSESE S., La semplificazione amministrativa e l’orologio di Taylor, in Rivista trimestrale di diritto pubblico, 1999 Cerca con Google

CASSESE S., MATTARELLA, L’eccesso di regolazione e i rimedi, in L’Italia da semplificare: Le Istituzioni, n. , 1998 Cerca con Google

CHITI M.P., Semplificazione delle regole e semplificazione dei procedimenti: alleati o avversari? in Foro Amm. CDS, n. 3/ Cerca con Google

COCOZZA V., La delegificazione: modello legislativo, attuazione, ……, 2003. Cerca con Google

CONFINDUSTRIA Quattro proposte per l’attuazione del decalogo nel d.d.l. annuale di semplificazione, pubblicato in www.semplificazione.it Vai! Cerca con Google

CONFINDUSTRIA, Guidelines per la qualità della regolamentazione – Una proposta delle Confindustrie del nord – ovest, pubblicato in www.semplificazione.it Vai! Cerca con Google

CORSO G., Attività economica e deregulation, in Riv. trim. dir. pubbl., 1998 Cerca con Google

CUOCOLO L., Aspetti problematici della legge di semplificazione per il 2005, in www.associazionedeicostituzionalisti.it Vai! Cerca con Google

DENTE B., BASSANINI F. (a cura di), Gli sportelli unici per le attivita’ produttive: fallimento o rilancio? Libri di Astrid, Passigli, 2007 Cerca con Google

DESIDERI A., Lo sviluppo economico locale. Verso una nuova materia regionale? in Regioni e attivita’ produttive – rapporto sulla legislazione e sulla spesa n. 3, GIUFFRE’, 2004 Cerca con Google

DI NITTO T., SANDULLI A., I procedimenti amministrativi: un bilancio qualitativo e quantitivo, in http://www.unpan1.un.org/intradoc/groups/public/documents/CAIM ED/UNPAN020967. pdf Vai! Cerca con Google

FERRARA R., Le “complicazioni” della semplificazione amministrativa: verso un’amministrazione senza qualità? in Dir proc. Amm., 1999 Cerca con Google

FERRARA R., Le complicazioni della semplificazione amministrativa: verso un’amministrazione senza qualità?, in Diritto processuale amministrativo, n. 2/1999 Cerca con Google

FILIPPI M., Le raccomandazioni dell’OCSE in tema di qualità della regolazione, in Codificazione, semplificazione, e qualità delle regole, a cura di M. SANDULLI, 2005 Cerca con Google

FONTANA F., ROSSI M., Semplificazione, un volano per l’efficienza, in Guida agli enti locali, n. 49/2006 Cerca con Google

LAZZARA P., Procedimento e semplificazione,…… , 2005 Cerca con Google

LUPO N., La prima legge annuale di semplificazione. Commento alla legge n. 50/1999, Centro di ricerca sulle Amministrazioni pubbliche Vittorio Bachelet, GIUFFRÈ, 2000 Cerca con Google

MARZARO GAMBA P., La denuncia di inizio attività edilizia: profili sistematici, sostanziali e processuali, Milano, 2006 Cerca con Google

MENY Y., Semplificazione o complicazione? Riflessioni comparate, in VANDELLI L., GIARDINI G., La semplificazione amministrativa, Dogana – Maggioli, 1999 Cerca con Google

MENY Y., Le riforme amministrative in Italia e in Europa, in Le riforme amministrative italiane: un confronto europeo, Convegno Spisa 8 marzo 1999, …, 2000, Cerca con Google

MIDENA E., Analisi di impatto della regolazione e analisi tecnico-normativa, in Giornale dir. amm., 2001 Cerca con Google

MONDELLI M., La percezione delle imprese – Interventi in materia di DIA e silenzio assenso, in F. BASILICA (a cura di), La semplificazione. politiche europee e piano d’azione nazionale, Cerca con Google

MAGGIOLI, 2006 Cerca con Google

MORFUNI E., L’introduzione dell’AIR in Italia, Giornale dir. amm., 2002 Cerca con Google

NATALINI A., I limiti delle semplificazioni, in Le istituzioni del federalismo Cerca con Google

NATALINI A., Il tempo delle riforme amministrative, Bologna, 2006 Cerca con Google

NATALINI A., La terza semplificazione, in Giornale di diritto amministrativo, n. 10/2003 Cerca con Google

OCSE, Rapporto della Conferenza di Pechino in http://www.ocse.com/documents.html Vai! Cerca con Google

OECD, C (95) Recommendetion of the Council on improving the quality of government regulation Cerca con Google

PARISIO V., I silenzi della Pubblica Amministrazione, GIUFFRE’, 1996 Cerca con Google

PATRONI GRIFFI F., Codificazione, delegificazione, semplificazione: il programma del Governo, in Giornale di diritto amministrativo, 2000 Cerca con Google

PATRONI GRIFFI F., Codificazione, delegificazione, semplificazione: il programma di governo, in Giornale di diritto amministrativo, n. 3/2000 Cerca con Google

PATRONI GRIFFI F., La delegificazione in Italia, in Rassegna mensile il consiglio di Stato, n. 4/1988 Cerca con Google

PETROCCHI C., Il problema della burocrazia, MIGLIARESI, 1944 Cerca con Google

PIZZORUSSO, La pubblicazione degli atti normativi, Giuffrè, 1963 Cerca con Google

PROIETTI R., La denuncia di inizio attività alla luce del nuovo art. 19 della legge n. 241/1990, in Urbanistica e appalti, n. 8/2005 Cerca con Google

RAGANELLA E., Il decreto legge 35/2005 sulla denuncia di inizio attività: più ombre che luci, in Urbanistica e appalti n. 6/2006 Cerca con Google

OECD, Reference Checklist for Regulatory Decision – Making, consultabile in http://www.oecd.org/document/checklist.html Vai! Cerca con Google

SAVINI G., Esperienze di nuova codificazione: i “codici di semplificazione di settore”, CEDAM, 2007 Cerca con Google

SCHULTZ V.F., I principi del diritto romano, Sansoni, 1995 · SCIULLO G., La legge di semplificazione 2005, in Giornale di diritto amministrativo, n. 4/2006 Cerca con Google

TALARICO P., Disciplina delle attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nella Regione Marche, in Discipl. comm. e servizi, n. 1/2006 Cerca con Google

TAPSCOTT D., The Digital Economy: Promise and Peril, in The Age of Networked Intelligence, NY, 1996 Cerca con Google

TENORE V., L’incidenza della nuova legge n. 241/1990 sulle pubbliche amministrazioni, CEDAM, 2005 Cerca con Google

TORCHIA L., La modernizzazione del sistema amministrativo: semplificazione e decentramento, in Le regioni, 1997 Cerca con Google

TRAVI, La liberalizzazione, in Riv. trim. dir. pubbl., 1998 Cerca con Google

TRAVI, La riforma del procedimento legislativo nella l. n. 537/1993, in Le regioni, n. 5/1994 Cerca con Google

TRIPODI E.M. (a cura di), Le attività economiche liberalizzate dai decreti Bersani, MAGGIOLI, 2007 Cerca con Google

TRIPOLI G., Le Camere di commercio nello sviluppo dell’autonomia funzionale, in O. GASPARI, A. PIRAINO (a cura di), Il gioco della cooperazione, quaderni Sspal, 2007 Cerca con Google

VESPERINI G., Che fine ha fatto la semplificazione amministrativa?, Milano, 2006; A. SANDULLI, La semplificazione amministrativa tra riforma e restaurazione, in Giornale di diritto Cerca con Google

amministrativo, 1989 Cerca con Google

VESPERINI G., Il governo della semplificazione, in Giornale di diritto amministrativo, n. 3/2007 Cerca con Google

VESPERINI G., La semplificazione amministrativa nelle regioni, in F. BASILICA (a cura di), La semplificazione, MAGGIOLI, 2006, p. 684. Cerca con Google

VESPERINI G., Le nuove misure di semplificazione, in Giornale di diritto amministrativo, 1997 Cerca con Google

VIRGILIO R., Riordino e riforma della legislazione per mezzo di testi unici e codici, Jovene, 2007 Cerca con Google

VUOLO A., La semplificazione nell’ordinamento policentrico, in www.federalismi.it. Vai! Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record