Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Romano, Silvia (2009) CALCIUM SCORE E
MORTE IMPROVVISA GIOVANILE DA
ATEROSCLEROSI CORONARICA.
[Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Thesis not accessible for intellectual property related reasons.
Visibile to: nobody

2557Kb

Abstract (english)

Title: Calcium score and sudden death in the young due to atherosclerotic coronary artery disease
Purpose- Coronary calcium score (CCS) assessed by Multislice Computed Tomography (MSCT) and by Electron Beam Computed Tomography (EBCT) has been demonstrated to predict coronary events beyond standard risk factors. Our aim was to assess coronary calcium score as screening tool to detect atherosclerotic coronary artery disease at risk of sudden death (SD) in young people.
Methods- Among 80 consecutive young victims of coronary SD, formalin fixed hearts were available for ex vivo 16 slice MSCT (LightSpeed Plus, GE Company, Milwakee, WI, USA) in 60 patients
(M/F=54/6), age range 19-39 (mean 31±4.7). Twenty older patients with coronary SD (age range 44-76, mean 59±12, M/F=17/3 ) were used for comparison. CCS was evaluated by Agatston and volume scoring methods. Serial sections investigation of major coronary arteries and staining with H&E, trichrome and von Kossa was performed.
Results- In young coronary SD victims, single vessel disease was found in 42 (70%), the left anterior descending branch was the most frequently involved vessel (56 cases, 93%) and plaques mostly consisted of fibrocellular intimal hyperplasia (35 cases, 58%). Acute thrombosis did occur in 27 (45%) -either by rupture (8 cases, 30%) or erosion (19 cases, 70%)-, whereas 33 patients (55%) showed absence of thrombosis. By comparing young and older SD victims, a multivessel disease was detected in 18 (30%) versus 16 (80%), fibroatheromasic plaques with lipid core in 25 (42%) versus 20 (100%), luminal thrombosis was due to cap rupture in 8 cases (13%among all cases and 30% among those with thrombosis) versus 20 (100%). Coronary calcium was detected by MSCT in 20% of young and in 65% of older patients, with a mean CCS of 15 Agatstone
(volume score 13) and 269 Agatstone (volume score 316), respectively. In the young, a positive CCS was exceptional under the age of 30 (4% versus 32% >30 yrs) and its was detected in 67% with multivessel versus none with single vessel disease; and in 10% with erosion versus 87% with rupture .
Conclusions- While CCS is a strong predictor of coronary artery disease extent and increases with age, a negative CCS in the young does not exclude the presence of atherosclerotic plaques at risk of SD
which mostly consists of a single vessel disease due to fibrocellular intimal proliferation. Moreover, CCS it is not a marker of unstable atherosclerotic plaques prone to luminal thrombosis.

Abstract (italian)

Premesse: Il calcium score coronarico misurato con la Tomografia Computerizzata Multistrato (MSCT) o con la Electron Beam (EBCT), ha dimostrato, tramite numerosi studi su campioni ampi di popolazione adulta, di essere un predittore di eventi coronarici indipendente, in aggiunta agli altri fattori di rischio cardiovascolare, di avere un elevato valore predittivo negativo per la presenza di patologia coronarica significativa e di correlare significativamente con l’estensione della patologia coronarica.
Obiettivi: Lo scopo di questo studio è stato di valutare il possibile ruolo del calcium score nel predire la morte improvvisa giovanile da patologia aterosclerotica coronarica tramite l’esame dei cuori ex vivo di giovani vittime (di età ? 35 anni), decedute improvvisamente per morte improvvisa da aterosclerosi coronarica.
Metodi: A partire dai 483 casi di morte improvvisa giovanile raccolti dal 1980 al 2006 nella regione Veneto, 80 casi risultavano dovuti ad aterosclerosi coronarica. Di questi sono stati presi in esame 60 cuori fissati in formalina (età compresa tra i 19 e i 35 anni, media 31 ± 4, 54 maschi e 6 femmine). 20 casi consecutivi di vittime più anziane di morte improvvisa coronarica (età compresa tra 44 e 76, media 59 ± 12, 17 maschi e 3 femmine) sono stati utilizzati come controlli.
E’ stata eseguita una tomografia computerizzata a 16 strati dei cuori (con LigthSpeed Plus, General Electric Company Milwakee, WI, USA). E’ stato misurato il Calcium Score tramite Agatstone score e Volume score. Sezioni in serie di tutte le principali coronarie epicardiche sono state analizzate e routinariamente processate con colorazioni Ematossilina-Eosina, Tricromica di Heidenhain e von Kossa.
Risultati: Nelle giovani vittime di morte improvvisa, una patologia monovasale è stata riscontrata in 42 casi (70%), la coronaria discendente anteriore era il vaso più frequentemente coinvolto (56 casi, 93%) e l’iperplasia intimale fibrocellulare la tipologia di placca più frequentemente riscontrata (35 casi, 58%). In 27 casi (45%) vi era presenza di trombosi coronarica, sia da rottura di placca (8 casi, 30%) che da erosione di placca (19 casi, 70%), mentre nei restanti 33 casi (55%) vi era assenza di trombosi. Confrontando le vittime giovani con i controlli più anziani, si è riscontrata una malattia multivasale nel 30% (18 casi su 60) verso l’80% (16 casi su 20), placche ateromasiche con core lipidico nel 42% (25 casi) verso il 100% (20 casi), trombosi coronarica dovuta a rottura del cappuccio fibroso in 8 casi (13% di tutti i casi e 30% dei casi con trombosi) verso 20 (100%).
Un Calcium Score positivo è stato evidenziato nel 20% dei giovani (12 casi su 60) e nel 65% dei controlli (12 casi su 20) con valori medi più bassi nei giovani (15 Agatstone score e 13 Volume score) verso i controlli (269 Agatsone score e 316 Volume score). Nei giovani un Calcium Score positivo è risultato eccezionale in età ? 30 anni (4%) rispetto a età > 30 anni (32%), si è riscontrato nel 67% dei casi con malattia multivasale e in nessuno dei casi con malattia monovasale e nel 10% dei casi di erosione di placca verso l’87% dei casi con rottura di placca.
Conclusioni: Il Calcium Sore è un forte predittore dell’estensione della patologia coronarica anche nel giovane ed aumenta con l’età. Un Calcium Score negativo nel giovane però non esclude la presenza di aterosclerosi coronarica a rischio di morte improvvisa, che in età giovanile più di frequente consiste in una patologia monovasale con esuberante proliferazione fibrocellulare intimale priva di core lipidico e, nella maggior parte dei casi, con assenza di trombosi. Inoltre il calcium score non è risultato in grado di evidenziare le placche aterosclerotiche instabili prone alla trombosi acuta endoluminale.
L’aterosclerosi giovanile si conferma una malattia profondamente diversa da quella dell’età più avanzata e pertanto il valore che il calcium score ha mostrato di possedere nella popolazione adulta e a anziana non è risultato trasferibile in età giovanile.

Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Basso, Cristina
Ph.D. course:Ciclo 20 > Scuole per il 20simo ciclo > SCIENZE MEDICHE, CLINICHE E SPERIMENTALI > SCIENZE CARDIOVASCOLARI
Data di deposito della tesi:01 February 2009
Anno di Pubblicazione:January 2009
Key Words:calcium score morte improvvisa giovanile aterosclerosi coronarica tomografia computerizzata multistrato
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/11 Malattie dell'apparato cardiovascolare
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Scienze Medico Diagnostiche e Terapie Speciali
Codice ID:1900
Depositato il:01 Feb 2009
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record