Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Nicoletto, Carlo (2010) Caratterizzazione qualitativa di alcuni ortaggi tipici del Veneto. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
16Mb

Abstract (inglese)

RADICCHIO
Experiment 1: Variegato di Castelfranco
SUMMARY
For Veneto region, chicories unquestionably represent an unique living patrimony in its kind. The specific organoleptic characteristics, the strong link with the territory and the long history make them an extremely precious reality, worthy to be safeguarded. Among chicories the "Variegato di Castelfranco", is one of the most appreciated and sought vegetable that grows during the winter period.
Thanks to its qualitative characteristics this kind of chicory has become more and more famous and sought not only by Italian consumers but also by Europeans (Germany, France, United Kingdom, Austria and Switzerland) and others from overseas (United States, Canada, Mexico, Chile). Besides it obtained the IGP label in July 2006. In the last years, the demand of the market, have become more and more strict from the qualitative point of view, especially towards the salubriousness and the nutritional and healthy characteristics. Starting from these objectives, a study has been conducted to appraise the influence of the environment on some quanti-qualitative parameters of the plant, such as productivity, and dry matter, protein, nitrogen, nitrates, antioxidants, polyphenols content. Particularly a variety trial has been conducted among chicories of 4 different classes of precocity. Four places (Cavallino, Cavarzere, Lendinara, Monselice) were taken in account. In the different locations, 5 plants, representative of the whole population, have been sampled in each plot. Each plant was then divided into external, intermediate and inner leaves, external, intermediary and inner leaf blades, external, intermediate and inner veins, stem and roots. Each different samples have been analyzed and the resulting data have been submitted to ANOVA.
The results in this experience underlined higher averaged weights of the inner leaves in the case of the plants of class precocity 3 and 4. Higher dry matter content was observed in plants grown on sandy soils while as far as nitrogen content is concerned, the greatest concentrations were noticed in the inner leaves of plants sampled in clay soils of Cavarzere and Lendinara, probably because of the higher N availability of this kind of soils as a consequences of reduced nutrient leaching. The content of nitrates underlined a smaller accumulation in the sandy soils in comparison to that clay, probably due to the elevated retention of water in the former that mostly makes nitrogenous mixtures more available for the plant. Anyway, with the exception of roots and the stem, the presence of nitrates in the remaining edible portions of the plant did not overcome the most restrictive limits imposed by the UE. This allows to say that the chicory "Variegato di Castelfranco", from this point, is a healthy vegetable for the consumer. About antioxidants content, results showed that plants with a longer growing cycle had higher content of these compounds. Such result is justified by the longer period of exposure to adverse low temperatures which stimulated the production of inhibitors of oxidation. Among portions of the plant, external leaf blades were the richest of antioxidants mainly because they were submitted to prolonged factors of stress during the whole growing cycle in field. The quantities of polyphenols in the plant, being compounds with antioxidant action, followed the courses introduced by the inhibitors of the oxidation.

Experiment 2: Rosso di Treviso tardivo
SUMMARY
There is currently a great deal of interest in phytochemicals as bioactive components of food, especially antioxidant compounds that could benefit human health. Radicchio Rosso di Treviso tardivo (Cichorium intybus L., group rubifolium), a typical vegetable of north-eastern Italy, has gained increasing commercial interest in recent years due to its particular shape and culinary features. These properties are obtained by a forcing process that could affect quality and nothing is known about changes during the forcing process.
The experiment was conducted in Veneto (north-eastern Italy, 45°36’N; 12°10’E) with plants grown in a loamy soil and analyzed at harvest and during the forcing process (0-10 and 20 forcing days-FD).
Results showed that the antioxidant capacity (AOC), phenols and ascorbic acid contents of this chicory decreased with different intensity during the forcing process. The outer inedible leaves displayed high AOC, which could provide phenolic extracts that could be used as natural antioxidants or to functionalize foods. Concerning nitrogen compounds, nitrate and nitrite contents in edible portions never exceed the most restrictive EU limits. A continuous reduction in NO3 content was observed during the forcing process, while NO2 showed a peak at 10 FD. Organic N significantly increased during the forcing process due to NO2 reduction. The properties verified so far mean that this chicory can be considered an interesting and healthy vegetable for the consumer, also after the forcing process.

ASPARAGO
Experiment 1: Asparago bianco
SUMMARY
The asparagus is a well known vegetable in Veneto, especially in those areas (Bassano and the Pianura Padana) where it is considered a typical product. In the last years the market and singles consumers are increasingly asking for qualitative food, especially regarding healthy and nourishing food features. Concerning the white asparagus, few analysis and evaluations were made in the past years. This was the main reason to conceive a test, an analysis which aimed to evaluate the contents of nitrates, nitrites, antioxidants and polyphenols contained in the spear of the regional varieties.
Qualitative tests on white asparagus stems were realized in 2008 at the Department of environmental Agronomy and Vegetal Productions (University of Padua), considering material coming from the Experimental Flower and Vegetable Centre “Po di Tramontana” located in Rosolina -RO- (45° 4' N- 12° 14'E). Since 2005, 31 hybrids of white asparagus have been compared in this centre: the most examined Italian varieties have been “Eros” and “Zeno” together with the Dutch one “Grolim”.
After the picking stage occurred in April, three harvests were performed on 15/4, 22/4 and 29/4, each of them named R1, R2, R3 respectively. Later the spears were cut, washed, and left at the temperature of 4°C, in order to keep them fresh after the picking. The day after, only extra stems were selected (Ø 16mm) for the qualitative tests: they were weighed and cut 220 mm from the apex, dividing the discard portion from the good one. Then they were cut horizontally in three equal parts and diced, in order to evaluate the expected qualitative variations from the apex to the basis.
The results confirm that “Grolim” shows heavier stems and the higher percentage of dried substance. It has also demonstrated in all types of varieties the higher levels of dried substance in the apex, probably due to the great presence of bracts. Asparagus also indicates low contents of nitrates and nitrites, showing a decrease of nitrates from the basis to the apex, while nitrites decrease from the apex to the basis. About antioxidants and phenols content, the test has pointed out a concentration of them at the top, especially in the “Grolim” variety. This result is probably due to stress. In fact when plants are overstressed, they try to overcome this unpleasant condition by producing more antioxidants, as apex is embedded, during its emerging effort, it products oxidation depressors.

Experiment 2: Asparago verde
SUMMARY
Asparagus is a very popular vegetable in the Veneto region especially in areas of Bassano and the Po Valley where it is considered a typical product. In recent years the demands of the market and especially of the consumer have become more and more driven in terms of quality, particularly in respect of health, nutrition and healthy food. As for the green asparagus, the information on these issues are limited. In this regard has been set a test to assess the content of nitrates, nitrites, antioxidants and polyphenols and pigments present in the shoot of a green asparagus variety (Eros), cultivated in two areas of Veneto.
The qualitative analysis in green shoots, were made in 2008 at the Department of Environmental Agronomy and Crop Productions of the University of Padova on material from Barbona (PD) and Piombino Dese (PD). The first asparagus plantation has been implanted since three years and the second since eight.
During the shoots harvest, which took place in April and May, six sampling moments were performed on 10/4, 17/4, 24/4, 2/5, 8/5 and 15/5 identified with R1, R2, R3, R4, R5, R6, respectively. Once cut the shoots were calibrated, washed and placed at 4°C to keep the product until destructive analysis made on the day after the harvest. In this moment we took the extra class shoots (diameter >16 mm) to use for qualitative analysis. They were weighted and then cut to 270 mm from the apex in order to separate waste portion from the commercial one. This fraction was cut perpendicular to the longitudinal axis in order to obtain three equal parts (90 mm each) to assess any changes in shoot quality characteristics. The results obtained in this experiment showed that asparagus of Piombino Dese had a lower content of dry matter but a greater weight. The nitrate content was not influenced by location, while in shoot parts a decreasing trend from the base to the apex was observed and even with the advancing of the harvest season. For nitrites there were no significant changes.
The pigments content increased during the advancing of the harvest season in Piombino Dese that showed the highest shoot values. The content of these chemical compounds grew exponentially from waste to the apex portion and the chlorophyll a content was higher than the chlorophyll b and xanthophylls + carotenoids.
The antioxidants and polyphenols determination showed that the apical part is the place where they are most concentrated and Piombino Dese expressed higher values. This behavior is justified by the increased exposure of the apical area to stress situations caused by the shoot emergence through the soil and by the increasing of xanthophylls and carotenoids content. These two conditions determined an increase of oxidation inhibitors synthesized by the plant.

PATATA DOLCE
SUMMARY
This work was aimed to evaluate qualitative and healthy properties of sweet potato cultivated in Veneto region. Sweet potato belongs to the family of Convolvulaceae and its scientific name is Ipomoea batatas (L.) Lam.. This family presents over 50 genera and more than 1000 species, but only I. batatas is commonly cultivated. This plant is an herbaceous perennial plant with edible tuberous roots. From an economical point of view, sweet potato is the seventh most important foo crop in terms of production with 9 million hectares and 140 million tons. It’s cultivated throughout the tropics and warm temperate regions of the world. It’s cultivated especially in developing Countries from which comes out the 95% of world output. Nowadays the largest producer of sweet potato is China with more the 80% of the world supply. In Italy, instead, this crop is considered a niche crop, mainly cultivated in the northern east of Italy in about 400 ha and with 8500 tons. In the last years an increasing interest by the consumer was observed so we need to know Italian sweet potato health properties as a further tool of promotion.
The research object of our work, that is only the first step of our sweet potato characterization, is to determine antioxidant activity (AOA), total phenols (TF), ascorbic acid (AA), sugars, nitrate, nitrite and organic nitrogen. This experiment was conducted in 2008 in the north-east of Italy. The harvesting area was characterized by clay-loamy soil, with average temperature between 15°C and 30°C and 450 mm of rainfall during growing cycle. To better characterize this crop we considered both the whole plant and only storage roots. About plant we considered plants with lobed (LL) and triangular (TL) leaves; 4 sampling moments during growing cycle and 5 plant parts (leaf blades, stem, vines, fibrous roots, enlarged roots and storage roots) were taken in account. About roots 4 weight classes and 3 roots portion (proximal, intermediate and distal) were considered.
The results obtained showed that the higher dry matter content was observed in the 2nd sampling and roots had the higher dry matter percentage, no differences were found between plants with triangular and lobed leaves. The AOA was lower than other varieties cultivated in the world. Anyway the AOA didn’t change during growing cycle and, in whole plant was higher in TL and in general in leaf blades. Exactly the same situation was found for total phenols. About AA we found an increasing trend in the plant during growing cycle and this result was probably due to enlarged roots that are the best source of AA. The content of nitrate and nitrite was, on the whole, very low and the higher concentration of nitrate was observed, as expected, in veins. Concerning the qualitative analysis on storage roots, slight differences for dry matter were found among weight classes and the same we can say for different portions. AOA was independent of the weight of the root, but was higher in proximal and distal portions. For AA Italian sweet potato had lower content than literature values and they are concentrated in the intermediate portion. Anyway it has to be considered that this is a white fleshed sweet potato, without pigments and carotenoids. Also for roots nitrate and nitrite content was very low and the higher sugar content was found in the weight class between 200 and 400 g. This can be useful to say that this is the sweeter weight class to send to the market.

Abstract (italiano)

RADICCHIO
Prova 1: Variegato di Castelfranco
RIASSUNTO
Per la regione Veneto, i radicchi rappresentano indiscutibilmente un patrimonio unico nel suo genere. Tra le cicorie che hanno stretto un forte legame con questa Regione vi è il radicchio Variegato di Castelfranco, uno dei più pregiati e ricercati ortaggi presenti nel periodo invernale. Grazie alle sue caratteristiche qualitative, con il passare del tempo, questa tipologia di radicchio è divenuta sempre più richiesta dai consumatori non solo locali, ma anche a livello nazionale. E’ stata inoltre denominata con il marchio IGP nel luglio del 2006.
Negli ultimi anni, le richieste del mercato e soprattutto di chi consuma il prodotto, sono diventate sempre più esigenti dal punto di vista qualitativo, soprattutto nei confronti della salubrità e delle caratteristiche nutrizionali e salutistiche di ciò che viene ingerito. Partendo da questi obiettivi, in 4 differenti classi di precocità del Variegato di Castelfranco è stato condotto uno studio volto a valutare l’influenza dell’ambiente di coltivazione su alcuni parametri quanti-qualitativi della pianta quali: produttività, contenuto di sostanza secca, azoto proteico, nitrati, capacità antiossidasica totale (CAT) e fenoli totali (FT). Inoltre si sono presi in considerazione gli effetti delle condizioni pedoclimatiche e di quattro località (Cavallino, Cavarzere, Lendinara, Monselice) nei confronti degli aspetti qualitativi sopra citati. Nei diversi rilievi si è operato con un numero di piante sufficientemente rappresentative della coltura in atto (5 per parcella). Queste sono state raccolte (estirpate) e destinate al rilievo distruttivo isolando le foglie esterne dalle intermedie e interne (grumolo), lamine delle foglie esterne, intermedie e del grumolo, nervature delle foglie esterne, intermedie e del grumolo, fusto e radici. Il materiale delle singole porzioni, provenienti dalle 5 piante, è stato poi accuratamente mescolato per ottimizzare l’omogeneità del campione. I diversi campioni sono stati poi sottoposti alle analisi qualitative previste.
I risultati ottenuti in questa esperienza hanno evidenziato pesi medi del grumolo superiori nel caso delle piante di classe di precocità 3 e 4. Contenuti significativi di sostanza secca sono stati osservati in piante allevate su terreni sabbiosi mentre per quanto riguarda l’azoto proteico, le maggiori concentrazioni sono state rilevate nelle foglie del grumolo delle piante estirpate dai terreni argillosi di Cavarzere e Lendinara, mentre i nitrati hanno evidenziato un minor accumulo nelle piante provenienti dal terreno sabbioso rispetto a quello argilloso. In ogni caso, ad eccezione delle radici e del fusto, il contenuto di nitrati nelle restanti porzioni edibili della pianta non ha superato i più restrittivi limiti imposti dalla UE. Ciò consente dunque di affermare che il radicchio Variegato di Castelfranco, sotto questo profilo, non risulta essere un ortaggio dannoso per la salute del consumatore.
Nei confronti della CAT, piante a ciclo colturale più lungo si sono distinte per l’elevata presenza di questi composti. Tale risultato è giustificabile dal prolungato periodo di esposizione a temperature più rigide delle piante, queste si sono difese producendo più inibitori dell’ossidazione. Nell’ambito delle porzioni di pianta, le lamine delle foglie esterne si sono dimostrate le più ricche di antiossidanti poichè, al contrario delle altre frazioni della parte aerea, sono state verosimilmente sottoposte a prolungati stress biotici e abiotici durante tutto il ciclo colturale in campo. I quantitativi di polifenoli presenti nella pianta, in quanto anch’essi composti con azione antiossidante, hanno seguito gli andamenti presentati dagli inibitori dell’ossidazione.

Prova 2: Rosso di Treviso tardivo
RIASSUNTO
Il radicchio Rosso di Treviso tardivo, una delle tipologie di radicchio molto conosciuta nella Regione Veneto, è una cicoria che ha stretto un forte legame con la Provincia di Treviso dove è diventata una delle più pregiate e ricercate orticole presenti durante la stagione autunno-vernina.
Con il passare del tempo questo radicchio è divenuto sempre più famoso e ricercato non solo dai consumatori locali ma, negli ultimi anni, ha iniziato ad essere apprezzato anche in altre regioni del nostro Paese oltre che in alcuni mercati esteri per le sue peculiari caratteristiche organolettiche.
Di recente, infatti, le esigenze del mercato, spinto dalle richieste dei consumatori, si sono indirizzate verso prodotti caratterizzati da aspetti qualitativi, sempre più mirate nei confronti della salubrità e delle caratteristiche nutrizionali e salutistiche. In quest’ottica, si è condotto uno studio volto a valutare l’influenza di diversi aspetti agronomici e tecnico-colturali su alcune caratteristiche qualitative della pianta quali: contenuto di nitrati, nitriti, antiossidanti e polifenoli. In questa prova è stata considerata l’evoluzione dei principali aspetti qualitativi sopra citati durante il processo di forzatura imbianchimento realizzato presso un’azienda di Zero Branco caratterizzata da terreno franco.
Nei diversi rilievi si è operato con un numero di piante sufficientemente rappresentative della coltura in atto (5 per parcella). Queste sono state raccolte (estirpate) e destinate al rilievo distruttivo isolando le foglie esterne dalle intermedie e interne (grumolo), lamine delle foglie esterne, intermedie e del grumolo, nervature delle foglie esterne, intermedie e del grumolo, fusto e radici. Il materiale delle singole porzioni, provenienti dalle 5 piante, è stato poi accuratamente mescolato per ottimizzare l’omogeneità del campione. I diversi campioni sono stati poi sottoposti alle analisi qualitative previste.
I risultati ottenuti in questa esperienza hanno evidenziato che nei confronti del contenuto di antiossidanti, le lamine delle foglie esterne si sono dimostrate le più ricche di antiossidanti verosimilmente perché, al contrario delle altre frazioni della parte aerea, sottoposte a diversificate e prolungate fonti di stress durante tutto il ciclo colturale in campo. Nel corso della fozatura-imbianchimento questi composti hanno presentato un generale decremento nelle prime fasi dell’intervento dovuto alla scomparsa quasi completa delle foglie esterne per effetto dei processi di marcescenza. Nonostante ciò, i valori al momento della commercializzazione si sono mantenuti ancora piuttosto elevati.
I quantitativi di polifenoli presenti nella pianta, in quanto anch’essi composti con azione antiossidante, hanno seguito gli andamenti presentati dagli inibitori dell’ossidazione.
In relazione al contenuto di nitrati e nitriti, i valori non hanno superano i più restrittivi limiti imposti dall’UE per altri ortaggi da foglia. Inoltre il processo di forzatura-imbianchimento ha determinato un’ulteriore riduzione dei livelli dimostrando che, da questo punto di vista, il radicchio Rosso di Treviso tardivo risulta essere salubre per il consumatore.

ASPARAGO
Prova 1: Asparago bianco
RIASSUNTO
L’asparago è un ortaggio molto conosciuto nel Veneto soprattutto nelle aree di Bassano, Cimadolmo e Codevigo dove è considerato un prodotto tipico di queste zone. Negli ultimi anni le esigenze del mercato per soddisfare le richieste del consumatore sono diventate sempre più spinte dal punto di vista qualitativo, particolarmente nei confronti della salubrità e delle caratteristiche nutrizionali e salutistiche degli alimenti. Per quanto riguarda l’asparago bianco, le informazioni relative a questi aspetti risultano molto modeste e pertanto si è ritenuto opportuno impostare una prova per valutare il contenuto di nitrati, nitriti, antiossidanti e polifenoli presenti nel turione delle varietà maggiormente coltivate a livello regionale.
Le analisi qualitative in turioni bianchi sono state effettuate nel 2008 presso il Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali dell’Università degli Studi di Padova su materiale proveniente dal Centro Sperimentale Ortofloricolo “Po di Tramontana”di Veneto Agricoltura, sito a Rosolina in provincia di Rovigo (45° 4’ N–12° 14’E). In questo Centro Sperimentale, infatti, dal 2005 è in corso una prova di confronto varietale tra 31 ibridi di asparago. Nell’ambito di questi si sono prese in esame le tre varietà di asparago per la produzione di turione bianco più coltivate nella Regione: “Eros”, e “Zeno” di origine italiana e “Grolim” di provenienza olandese. Durante la fase di raccolta dei turioni, avvenuta nel mese di Aprile, sono stati eseguiti tre prelievi di campioni in data 15/4, 22/4 e 29/4 contraddistinti con R1, R2, R3 rispettivamente. Una volta raccolti, i turioni sono stati calibrati, lavati e posti a temperatura di 4 °C per conservarli al meglio fino al rilievo distruttivo effettuato il giorno seguente. In questo momento si sono prelevati i turioni di categoria extra (Ø > 16 mm) da destinare alle analisi qualitative che sono stati pesati e successivamente recisi a 220 mm dall’apice in modo da separare la quota di scarto da quella commerciabile. Quest’ultima frazione è stata tagliata perpendicolarmente all’asse longitudinale al fine di ricavare tre parti uguali che permettono di valutare eventuali variazioni delle caratteristiche qualitative passando dall’apice alla parte basale.
I risultati ottenuti in questa esperienza hanno messo in luce che la cultivar Grolim ha presentato il maggior peso di turioni e la percentuale di sostanza secca più elevata; quest’ultimo aspetto ha espresso in tutte le varietà i livelli più alti nella parte apicale per la notevole presenza di brattee. La determinazione del contenuto di antiossidanti e polifenoli ha evidenziato che la parte apicale è quella dove sono più concentrati e Grolim ha presentato le risposte più elevate. Tale comportamento è giustificato dalla maggiore esposizione della zona apicale a situazioni di stress dovute all’accrescimento del turione nel terreno fino all’emergenza, che determinano un incremento degli inibitori dell’ossidazione sintetizzate dalla pianta. Il contenuto di nitrati e nitriti, seppur con differenze tra le varietà, è risultato molto basso ed ha evidenziato una tendenziale diminuzione per i primi passando dalla base all’apice, mentre per i secondi il decremento è risultato dall’apice alla base.

Prova 2: Asparago verde
RIASSUNTO
L’asparago è un ortaggio molto conosciuto nel Veneto soprattutto nelle aree di Bassano, Cimadolmo e Codevigo dove è considerato un prodotto tipico. Negli ultimi anni le esigenze del mercato per soddisfare le richieste del consumatore sono diventate sempre più spinte dal punto di vista qualitativo, particolarmente nei confronti della salubrità e delle caratteristiche nutrizionali e salutistiche degli alimenti. Per quanto riguarda l’asparago verde, le informazioni relative a questi aspetti risultano molto modeste e pertanto si è ritenuto opportuno impostare una prova per valutare il contenuto di nitrati, nitriti, antiossidanti e polifenoli oltre ai pigmenti presenti nel turione di una varietà (Eros), coltivata in due località del Veneto.
Le analisi qualitative in turioni verdi, sono state effettuate nel 2008 presso il Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali dell’Università degli Studi di Padova su materiale proveniente da Barbona (PD) e Piombino Dese (PD). La prima asparagiaia era stata impiantata da tre anni mentre la seconda da otto.
Durante la fase di raccolta dei turioni, avvenuta nel mese di Aprile e Maggio, sono stati eseguiti sei prelievi di campioni in data 10/4, 17/4, 24/4, 2/5, 8/5 e 15/5 contraddistinti con R1, R2, R3, R4, R5, R6 rispettivamente. Una volta raccolti, i turioni sono stati calibrati, lavati e posti a temperatura di 4 °C per conservarli al meglio fino al rilievo distruttivo effettuato il giorno seguente la raccolta. In questo momento si sono prelevati i turioni di categoria extra (Ø > 16 mm) da destinare alle analisi qualitative che sono stati pesati e successivamente recisi a 270 mm dall’apice in modo da separare la quota di scarto da quella commerciabile. Quest’ultima frazione è stata tagliata perpendicolarmente all’asse longitudinale al fine di ricavare tre parti uguali (90 mm) permettendo così di valutare eventuali variazioni delle caratteristiche qualitative passando dall’apice alla parte basale. I risultati ottenuti in questa esperienza hanno messo in luce che, gli asparagi di Piombino Dese hanno un minor contenuto di sostanza secca ma un maggior peso unitario. Il contenuto di nitrati non è stato influenzato dalle località, mentre nelle parti edibili del turione è sceso passando dalla base all’apice e anche avanzando con la stagione. Per i nitriti non si sono riscontrate variazioni significative.
Il contenuto di pigmenti è andato via via crescendo mano a mano che avanzava la stagione manifestando a Piombino Dese i valori più elevati. Il contenuto di questi composti è cresciuto in modo esponenziale passando dallo scarto all’apice e il contenuto di clorofilla a è stato maggiore rispetto alla clorofilla b e a xantofille + carotenoidi.
La determinazione del contenuto di antiossidanti e polifenoli ha evidenziato che la parte apicale è quella dove sono più concentrati e a Piombino Dese si sono riscontrate le risposte più elevate. Tale comportamento è giustificato dalla maggiore esposizione della zona apicale a situazioni di stress dovute all’emergenza del turione dal terreno e dall’aumento delle xantofille + carotenoidi che determinano un incremento degli inibitori dell’ossidazione sintetizzati dalla pianta.

PATATA DOLCE
RIASSUNTO
In questo studio sono state valutate le caratteristiche salutistiche e qualitative della patata dolce (Ipomoea batatas (L.) Lam.) coltivata in Veneto. Questa regione, infatti, risulta essere la più interessata a livello nazionale, dalla coltivazione di questa convolvulacea. Dal punto di vista produttivo la patata dolce è classificata al settimo posto nel Mondo con 9 milioni di ettari e 140 milioni di tonnellate. Viene coltivata prevalentemente nella fascia tropicale, ma la sua coltivazione si spinge anche in aree temperate.
Negli ultimi anni, a livello regionale, si è osservato un crescente interesse da parte del consumatore e di conseguenza si è resa necessaria una maggiore e approfondita conoscenza di questo ortaggio al fine di soddisfare le esigenze del mercato. Al fine di caratterizzare questa orticola sono stati presi in esame durante il ciclo colturale e in diverse parti della pianta alcuni dei principali aspetti qualitativi quali capacità antiossidasica totale (CAT), fenoli totali (FT), acido ascorbico (AA), zuccheri, nitrati (NO3), nitriti (NO2) e azoto organico.
La prova è stata condotta nel 2008 presso un’azienda situata ad Anguillara Veneta (45°13’ N – 11°88’ E) in provincia di Padova. Nelle prime fasi del ciclo colturale sono stati effettuati dei rilievi volti ad identificare i fenotipi presenti in coltura, successivamente per ciascun fenotipo sono stati condotti 4 rilievi distruttivi che hanno previsto l’estirpamento di 10 piante e la loro successiva suddivisione in lamine fogliari, tralci + piccioli e radici. Inoltre negli ultimi 3 rilievi si è considerato anche il fusto e le radici sono state distinte in non ingrossate (fibrose), poco ingrossate e ingrossate (riserva). Ciascuna delle distinte parti è stata mescolata al fine di ricavare un campione omogeneo, ritenuto rappresentativo della coltivazione, in seguito destinato alle analisi qualitative. Alla raccolta le radici ingrossate sono state suddivise in 4 classi di peso (<99, 100-199, 200-399 e >400 g) e anche per queste sono state eseguiti i rilievi di laboratorio. Inoltre ciascuna radice è stata sezionata in 3 porzioni (prossimale, intermedia e distale) e ulteriormente analizzata.
I risultati ottenuti hanno consentito di mettere in evidenza le interessanti caratteristiche qualitative che contraddistinguono la batata coltivata nell’ambiente veneto. A livello produttivo gli ecotipi maggiormente coltivati in questa Regione, contraddistinti da foglia a cuore e foglia lobata, non hanno espresso valori elevati. Per quanto riguarda le caratteristiche organolettiche, si è osservata la notevole capacità antiossidasica, il contenuto di fenoli totali e di acido ascorbico presenti nelle lamine fogliari e, in genere, nella parte aerea. Queste risposte, una volta approfondite ulteriormente, rendono interessante la biomassa aerea per un eventuale impiego come ortaggio fresco creando in questo modo un nuovo ed innovativo prodotto per il Veneto e l’Italia. In alternativa le parti epigee, rappresentando uno scarto di produzione, potrebbero essere sfruttate per l’estrazione di composti funzionali da parte dell’industria da impiegare per uso cosmetico, medicinale e per l’arricchimento di alcuni cibi.
Nei confronti delle radici, che, in Italia, fino al momento attuale rappresentano la parte edibile di questa coltura, il contenuto di inibitori dell’ossidazione è stato sufficientemente elevato, considerando che gli ecotipi presi in esame sono caratterizzati da polpa bianca e, conseguentemente, priva di carotenoidi e antociani. In relazione alla presenza di carboidrati a livello radicale, il quantitativo di zuccheri totali è stato più elevato nella classe di peso 200-399 g che, di conseguenza, sotto il profilo qualitativo potrebbe essere ritenuta l’intervallo ponderale ottimale per il mercato.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Pimpini, Ferdinando
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > SCIENZE DELLE PRODUZIONI VEGETALI > AGRONOMIA AMBIENTALE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):radicchio, asparago, batata, capacità antiossidasica totale, fenoli totali, acido ascorbico, azoto proteico, nitrati, nitriti
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/04 Orticoltura e floricoltura
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali
Codice ID:2357
Depositato il:29 Set 2010 11:57
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record