Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Bonfatti, Valentina (2010) Genetic analysis of milk protein composition and of its relationship with renneting properties of individual cow milk. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
986Kb

Abstract (inglese)

Milk coagulation properties (MCP) are a fundamental aspect in cheese production, but un unfavorable trend over year on MCP have been observed in several countries. The cheese yield has decreased, accentuating the necessity to provide dairies with milk well suited for dairy products manufacture. During the past decades the focus of milk production has been kg’s of milk protein, but total milk protein content is a poor indicator of MCP, and the lack of an appropriate high-throughput analysis for routine determination of milk coagulation is currently limiting the opportunity to improve MCP by direct selection. Milk protein composition has long been a subject of interest for worldwide dairy researchers. As a consequence, information on milk protein genotype could be utilized to improve milk protein composition and MCP trough marker assisted selection without having to phenotype large progeny groups. Considering such options, it would be desirable to gain further knowledge about effects of milk protein genetic variants on milk protein composition and on MCP.
Aims of the study were to investigate the effects of CSN2-CSN3 haplotypes (β-κ-casein) and BLG (β-Lactoglobulin, β-LG) genotypes on milk production traits, contents of protein fractions and detailed protein composition; to investigate the effects of CSN2-CSN3 haplotypes, BLG genotypes, contents of milk protein fractions and protein composition on MCP; to investigate the effect exerted by the relative ratio of κ-CN A to κ-CN B content on MCP and industrial cheese yield of three Italian cheese varieties. The final aim was to estimate genetic parameters of major milk protein fractions and estimate genetic and phenotypic correlation between milk protein fractions and MCP.
A new reversed-HPLC method for the separation and quantification of the most common genetic variants of bovine milk proteins was developed and validated testing linearity, repeatability, reproducibility and accuracy. Contents of major protein fractions were measured by this new method in individual milk samples of 2,167 Simmental cows. Protein composition was measured as weight percentage of each casein (CN) fraction to total casein (TCN) and as weight percentage of β-LG to total whey protein (WH). Genotypes at CSN2, CSN3 and BLG loci were also assessed by HPLC and CSN2-CSN3 haplotype probabilities were estimated for each cow. Rennet coagulation time (RCT) and curd firmness (a30) were measured using a computerized renneting meter.
Effects of haplotypes and BLG genotypes on yields were weak or trivial. Haplotypes carrying CSN2 B and CSN3 B exhibited greater TCN and casein number (CI), in comparison with all other haplotypes. Genotype BB at BLG was associated with increased protein, TCN and CI, when compared to genotype AA. Haplotypes including CSN3 B were associated with greater κ-CN content and percentage. Allele CSN2 B was associated with an increase of β-CN content, which occurred at the expense of content of αS1-CN. Haplotypes including allele CSN2 A1 exhibited decreased β-, αS2- and γ-CN concentrations and increased αS1- and κ-CN contents, whereas CSN2 I exerted positive effects on β-CN concentration, without altering other protein fractions content. Effects exerted by haplotypes on CN composition were similar to those exhibited on CN fractions contents. Allele BLG A increased β-LG concentration and altered the β-LG to α-Lactalbumin (α-LA) ratio.
When protein fractions contents or protein composition were not included in the statistical model, haplotypes carrying CSN3 B allele exhibited shorter RCT and greater a30, in comparison with those carrying CSN3 A, and haplotypes carrying CSN2 B allele were responsible for a noticeable decrease of RCT and for an increase of a30, when compared to haplotype A2A. When effects of protein fractions contents or of protein composition were added to the model, no difference across haplotypes due to CSN3 and CSN2 alleles was observed for MCP, with the exception of the effect of CSN2 B on RCT, which remained markedly favorable. Also, the favorable effect exerted by CSN2 B on a30 was mediated by the increase of β-CN B in milk. Conversely, β-CN B is likely to exert a molecular effect on RCT, which does not depend upon variation of β-CN content associated to allele B.
To test if the lack of effect of κ-CN genetic variant would have been observed also on cheese yield, milks with different κ-CN A to κ-CN B content ratios were separately manufactured to produce Montasio, Asiago and Caciotta cheese. Milk was characterized by having similar composition in terms of protein, TCN, CI, CN composition, β-CN composition and pH. Milk with the higher proportion of κ-CN B (HIGHB) exhibited similar coagulation properties but a higher cheese yield in all the investigated cheese in comparison with milk with a lower proportion of κ-CN B (LOWB). However, the increment of yield observed for HIGHB milk in Montasio cheese was ascribed to a greater fat content of HIGHB milk in comparison with LOWB milk. The probability of HIGHB milk giving a cheese yield 5 % greater than that of LOWB milk ranged from 51 to 67 % for Montasio cheese, but was lower than 21 % for Asiago and Caciotta cheeses. Thus, the ratio of κ-CN A to κ-CN B content did not relevantly affect industrial cheese yield when milks of similar CN composition were processed, and an indirect effect due to the higher κ-CN content of κ-CN B milk on cheese yield is to be suggested.
Values of heritability for αS1-CN%, κ-CN% and β-CN% were similar and ranging from 0.61 to 0.70, whereas heritability of αS2-CN%, γ-CN% and β-LG% were 0.28, 0.29 and 0.33, respectively. When CSN2-CSN3 haplotype and BLG genotype were accounted for by the model, heritability estimates of all the protein fractions became similar suggesting that proteins synthesis is regulated by specific genes which control the overall production of milk protein. Genetic correlations among the contents of the five CN fractions and between CN fractions and WH fractions were generally low. Generally, all the CN fractions were also moderately positively correlated with WH. When data where adjusted for CSN2-CSN3 haplotype and BLG genotype, genetic correlations among the contents of protein fractions markedly increased confirming that all the fractions undergone a common regulation. The content and the relative proportion of κ-CN were not genetically correlated with RCT, αS1- and αS2-CN were unfavourately correlated with RCT, but increasing the content of β-CN in milk would result in a shorter RCT. Stronger curds were associated with higher κ-CN and β-CN, and with lower αS1-, αS2-, and γ-CN contents and proportions. Results confirm the lack of favorable associations between TCN and MCP indicating that other traits, i.e. milk protein fractions, should be used for the genetic improvement of cheese-making properties.

Abstract (italiano)

Le proprietà di coagulazione del latte (MCP) sono un aspetto fondamentale nella produzione di formaggio, tuttavia, negli ultimi anni, è stato registrato un andamento sfavorevole della coagulazione del latte in diversi Paesi. La resa in formaggio è diminuita, accentuando la necessità di fornire i caseifici con latte più adatto per la trasformazione in formaggio. Nel corso degli ultimi decenni il miglioramento genetico si è focalizzato sui kg di proteina del latte, ma il contenuto totale di proteina non sembra essere un buon indicatore delle MCP, e la mancanza di un metodo di analisi che consenta la determinazione delle MCP su larga scala attualmente limita la possibilità di migliorare le MCP attraverso una selezione diretta. La composizione proteica del latte è stato a lungo oggetto di interesse per i ricercatori di tutto il mondo. Di conseguenza, le informazioni sul genotipo delle proteine del latte potrebbero essere utilizzate per migliorare la composizione della proteina oppure nella selezione assistita da marcatori per migliorare le MCP, senza dover fenotipizzare grandi gruppi di progenie. Alla luce di tali possibilità, sarebbe auspicabile poter acquisire ulteriori conoscenze sugli effetti delle varianti genetiche delle proteine sulla composizione proteica del latte e sulle MCP.
Obiettivi di questa tesi sono stati: studiare gli effetti dell’aplotipo CSN2-CSN3 (β-κ-caseina) e del genotipo al locus BLG (β-lattoglobulina, β-LG) su caratteri produttivi, contenuto di frazioni proteiche e composizione proteica; studiare gli effetti dell’aplotipo CSN2-CSN3 e del genotipo al locus BLG, del contenuto di frazioni proteiche e della composizione proteica sulle MCP, studiare l'effetto esercitato dal rapporto relativo tra κ-CN A e B sulle MCP e sulla resa industriale in tre varietà di formaggi italiani. Inoltre, ultimo obiettivo del lavoro è stato la stima dei parametri genetici delle principali frazioni proteiche del latte e delle correlazioni genetiche e fenotipiche tra le frazioni proteiche e le MCP.
Un nuovo metodo di analisi HPLC a fase inversa per la separazione e la quantificazione delle più comuni varianti genetiche delle proteine del latte bovino è stato sviluppato e validato attraverso test di linearità, ripetibilità, riproducibilità e accuratezza. Il contenuto delle principali frazioni proteiche è stato misurato con questo nuovo metodo in campioni di latte individuale di 2,167 bovine di razza Simmental. La composizione proteica è stata espressa come percentuale in peso di ogni frazione caseinica rispetto al contenuto totale di caseina (TCN) e come percentuale del peso della β-LG sul totale di proteine del siero (WH). Il genotipo ai loci CSN2, CSN3 e BLG è stato determinato tramite HPLC e le probabilità aplotipiche per gli aplotipi CSN2-CSN3 sono state stimate per ogni animale. Tempo di coagulazione (RCT) e consistenza del coagulo (a30) sono stati misurati utilizzando un lattodinamografo.
Gli effetti dell’aplotipo delle caseine e del genotipo al locus BLG sui caratteri produttivi sono stati limitati o trascurabili. Gli aplotipi contenenti gli alleli CSN2 B e CSN3 B hanno mostrato valori più elevati di TCN e un indice caseinico (CI) superiore, rispetto a tutti gli altri aplotipi. Il genotipo BB al locus BLG è stato associato ad un aumento del contenuto proteico e ad un CI superiore rispetto al genotipo AA. Gli aplotipi contenenti l’allele CSN3 B sono stati associati a contenuti e percentuali di κ-CN maggiori. L’allele CSN2 B è risultato associato con un aumento del contenuto di β-CN, che si è verificato a scapito del contenuto di αS1-CN. Gli aplotipi che includevano la variante CSN2 A1 hanno mostrato una diminuzione del contenuto di β-, αS2- e γ-CN e un aumento del contenuto di αS1- e κ-CN, mentre la variante CSN2 I ha esercitato effetti positivi sulla concentrazione di β-CN, senza alterare il contenuto delle altre frazioni proteiche. L’allele A al locus BLG è stato associato ad una maggiore concentrazione di β-LG e ad un più elevato rapporto tra β-LG e α-lattoalbumina (α-LA).
Quando il contenuto delle frazioni proteiche o la composizione della proteina non erano inclusi nel modello statistico, gli aplotipi contenenti l’allele CSN3 B erano associati ad RCT più brevi ed a30 maggiori, rispetto a quelli che includevano l’allele CSN3 A, e gli aplotipi contenenti la variante CSN2 B erano responsabili di una notevole diminuzione dei valori di RCT e per valori di a30 maggiori, rispetto agli aplotipi contenente la variante A2. Quando gli effetti del contenuto delle frazioni proteiche o della composizione proteica sono stati inclusi nel modello statistico, nessuna differenza tra aplotipi riconducibile agli alleli ai loci CSN3 e CSN2 è stata osservata per le MCP, con l'eccezione dell’effetto della CSN2 B su RCT, che è rimasto molto favorevole. L'effetto favorevole esercitato dall’allele CSN2 B su a30 è risultato mediato dall’aumento di β-CN B nel latte. Al contrario, la β-CN B esercita probabilmente un effetto diretto su RCT, che non dipende dalla variazione del contenuto di β-CN associato all’allele B.
Per verificare se la mancanza di effetto diretto delle varianti genetiche di κ-CN sarebbe stato osservato anche sulla resa in formaggio, latte con differenti rapporti tra κ-CN A e B sono stati lavorati separatamente per la produzione di Montasio, Asiago e Caciotta. Il latte lavorato aveva composizione simile in termini di proteina, TCN, CI, composizione caseinica, composizione della β-CN e pH simile. Il latte con la percentuale maggiore di κ-CN B (HIGHB) ha presentato valori di MCP simili, ma una resa superiore in tutti i tipi di formaggio esaminati, rispetto al latte con una percentuale inferiore di κ-CN B (LOWB). Tuttavia, l'incremento di resa osservato per il formaggio Montasio è stato attribuito a un maggior contenuto di grasso del latte HIGHB in confronto con il latte LOWB. La probabilità del latte HIGHB di dare un formaggio con una resa del 5% superiore a quella del latte LOWB variava dal 51 al 67% per il Montasio, ma è stata inferiore al 21% per Asiago e Caciotta. Il rapporto tra le varianti A e B di κ-CN non ha quindi influito in modo rilevante sulla resa casearia industriale, quando la composizione del latte era bilanciata per la composizione caseinica, ed è possibile supporre pertanto che vi sia un effetto indiretto delle varianti di κ-CN sulla resa casearia, a causa del più elevato contenuto di κ-CN associato alla variante B.
I valori di ereditabilità per αS1-CN%, κ-CN% e β-CN% erano simili e variabili da 0.61 al 0.70, mentre l’ereditabilità di αS2-CN%, γ-CN% e β-LG% erano 0.28, 0.29 e 0.33, rispettivamente. Quando l’effetto dell’aplotipo CSN2-CSN3 e del genotipo al locus BLG sono stati inclusi nel modello, le stime di ereditabilità di tutte le frazioni proteiche sono divenute simili suggerendo che la sintesi di proteine del latte sia sottoposta a un controllo genetico da parte di geni specifici che controllano il livello generale di proteina del latte. Le correlazioni genetiche tra il contenuto delle 5 frazioni caseiniche e tra le frazioni caseiniche e le frazioni sieriche erano generalmente basse. In generale, tutte le frazioni caseiniche erano anche moderatamente positivamente correlata con WH, suggerendo che vi sia una regolazione generale del livello di proteina del latte che coinvolge contemporaneamente TCN e WH. Quando l’effetto dell’aplotipo CSN2-CSN3 e del genotipo al locus BLG sono stati inclusi nel modello, le correlazioni genetiche tra i contenuti delle frazione proteiche sono aumentate significativamente, supportando l’ipotesi che tutte le frazioni siano oggetto di una regolazione generale. Il contenuto di κ-CN del latte non è risultato essere geneticamente correlato con RCT, αS1- and αS2-CN hanno mostrato una correlazione sfavorevole con RCT, mentre un aumento della β-CN nel latte sarebbe a favore di RCT più brevi. Coaguli più consistenti sono stati associati ad un maggior contenuto di κ-CN e β-CN e ad un minor contenuto di αS1-, αS2-, e γ-CN. I risultati ottenuti confermano la mancanza di un’associazione favorevole tra TCN e MCP, sottolineando l’esigenza di utilizzare altri caratteri, come il contenuto delle frazioni proteiche, per il miglioramento genetico delle proprietà casearie del latte.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Carnier, Paolo
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > SCIENZE ANIMALI > GENETICA, BIODIVERSITA', BIOSTATISTICA E BIOTECNOLOGIE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:26 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):casein, milk, whey proteins, polymorphisms, cheese yield, coagulation time, curd firmness, genetic parameters, heritability, correlation, protein composition, k-casein, RP-HPLC
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/17 Zootecnica generale e miglioramento genetico
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Animali
Codice ID:2528
Depositato il:29 Set 2010 11:27
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record