Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Arcara, Giorgio (2010) NEURAL CORRELATES OF MORPHOLOGICAL PROCESSING: THE CASE OF ITALIAN NOUN-NOUN COMPOUNDS. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4034Kb

Abstract (inglese)

Noun-Noun compounding is a particular case in Italian morphology. Its peculiarity resides mostly on the ambiguity of head position. Generally, in a given language, the head of a compound (the word of the compound that determines semantic, syntactic and lexical feature of the whole compounds) is always in the same position. However Italian compounds can be both right and left headed.
How the cognitive system faces this ambiguity? How words with different headedness are represented in the lexicon? When information about head position is accessed? How the information about headedness is encoded?
Two psychophysiological studies and two neuropsychological studies have been carried out in order to answer to these questions.
Results from all Experiments suggest that Headedness is indeed a feature that plays an important role in compound processing. Head can be seen as property that in the lexicon emerges from complex interaction of lexical, morpho-semantic and morpho-syntactic features. Through the activation of this information, the cognitive system is able to accomplish the task of dealing with compound with different head position.

Abstract (italiano)

I composti Nome-Nome rappresentano un caso particolare nella morfologia Italiana. La loro peculiarità risiede soprattutto nell'ambiguità associata alla posizione della testa. In genere in una lingua, la testa di un composto (la parola del composto che determina principalmente le caratteristiche semantiche, sitattiche e lessicale del composto intero) è sempre in una determinata posizione. I composti Italiani possono avere la testa sia a destra che a sinistra. Come viene affrontata questa ambiguità? Come le parole con testa in differenti posizioni sono rappresentate nel lessico. Quanto avviene l’accesso alle informazioni sulla testa? Come è codificata l’informazione sulla testa?
Due esperimenti di neuropsicologia e due esperimenti di psicofisiologia sono stati condotti con l’obiettivo di rispondere a queste domande.
I risultati degli esperimenti suggeriscono che la testa è una caratteristica con un ruolo fondamentale nell’elaborazione lessicale. La testa può essere considerata come una proprietà che emerge dall’interazione di aspetti lessicali, morfo-sintattici e morfo-semantici. Grazie all’attivazione di queste informazioni il sistema cognitivo è in grado di elaborare stimoli con testa in posizioni differenti.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Mondini, Sara
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > SCIENZE PSICOLOGICHE > PSICOBIOLOGIA
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:28 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):Noun-Noun compounds morphological processing ERP headedness psycholinguistics neurolinguistics
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PSI/02 Psicobiologia e psicologia fisiologica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Psicologia Generale
Codice ID:2732
Depositato il:12 Nov 2010 12:30
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record