Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Munari, Marco (2010) Sviluppo di procedure per valutazioni sistematiche di vulnerabilitĂ  sismica di edifici esistenti in muratura. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
6Mb

Abstract (inglese)

An important element for the development of strategies for the prevention and the reduction of the seismic risk is the evaluation of the structural behaviour under seismic actions with destructive intensity: for existing buildings, the problem arises mainly in the assessment of their current susceptibility to damage, namely of their vulnerability.
The procedures used for these assessments can have different levels of detail, depending on the quality and quantity of information that are acquired for each individual building. Considering the mitigation of seismic risk, these analysis should be performed on whole territories or municipalities, or on a significant number of buildings: this leads to the research of procedures for the vulnerability assessment that, starting from a rapid acquisition of information, allow to realize a reliable estimate of the level of seismic damage, without resorting to overly refined models.
In addition, the architectural heritage and, in particular, the historical urban tissue of Italy and of many other countries with relevant seismic risk, are mostly made of stone masonry load-bearing buildings, mostly built in ancient times without any seismic standard. The traditional buildings can be considered as assemblages of statically determined elements mono-laterally constrained and essentially based on the indications of the so called "rule of the art": such arrangements are actually present only in important buildings, while are quite rare in ordinary buildings, with a consequent increase of their static and seismic weakness. These conditions imply a preference, for the purposes of a structural analysis for the evaluation of the seismic vulnerability, detailed verifications of elementary collapse mechanisms of individual elements, seeking possible weak points of the building, rather than studies that address the entire building considering the ideal behaviour of the elastic or elastoplastic multi-connected box.
Finally, a territorial analysis, that moves its investigation scale from the single structural unit to the entire town centre and beyond, cannot ignore the fact that the masonry buildings are often organized into nuclei of buildings that interact in complex ways: this makes even more difficult the approach, the development of analysis and the interpretation of results.
In recent years, different studies have been carried out (the most recent in the ReLUIS - Laboratories University Network of Seismic Engineering - projects), which led to propose a methodology that can be considered innovative towards the complexity of historical buildings and versatile both for predictive analysis and post-earthquake monitoring, both for the planning of mitigation actions. The method, already applied in several city centres, where significant specimens of buildings (structural units), belonging to different structural types, were found, considers an essential and preliminary knowledge phase, carried out with a strong interdisciplinary approach and based on the on-site data collection, by the use of special survey forms and implementation of minimum campaigns of experimental investigations. Starting from the available information historical, typological and structural analysis and studies of damage mechanisms and past interventions were developed and assessments of the seismic vulnerability of aggregated building systems through the application of automatic procedures, based on an estimate of the in-plane resistance and on the study of out-of-plane local mechanisms of structural macro-elements, were carried out: these procedures of limit analysis depends on few geometric and mechanical parameters, and therefore do not require an extremely accurate survey and a heavy computational burden.
In this thesis, the latest versions of these procedures, updated to the codes developments, are outlined: by the application to three historical towns located in the central part of Italy, chosen as case studies (Campi Alto di Norcia, Castelluccio di Norcia and Sulmona), they showed their completeness and reliability, by the comparison of the results with the actual behaviour of the classes of existing masonry buildings towards recent seismic events, with the statistical forecasts given by the macroseismic scales and with mechanical-capacitive detailed models of the in-plane and out-of-plane behaviour. These models have allowed the calibration of the procedures and the development of computational and structural verification methods: in this sense, the capacitive approach developed for the study of in-plan behaviour was particularly innovative and, for this reason, particularized on the single case study of Sulmona.
The general methodology systematize the vulnerability assessments for masonry buildings aggregates within city centres and lends itself to interesting applications in codes indications, related to the management and protection of the architectural heritage; the results obtained will also have noticeable exploitations in research activities and in concrete applications that are developing in Abruzzo as a result of the events related to the earthquake of April 6th 2009.

Abstract (italiano)

Un elemento fondamentale nello sviluppo di strategie di prevenzione e di riduzione del rischio sismico è la valutazione del comportamento strutturale sotto azioni sismiche di intensità distruttiva: per gli edifici esistenti il problema si pone essenzialmente nella valutazione della loro attuale predisposizione al danneggiamento, ossia della loro vulnerabilità.
Le procedure utilizzabili per condurre tali operazioni possono avere vari livelli di dettaglio in funzione della qualità e quantità di informazioni che si acquisiscono per ogni singolo edificio. In un'ottica di mitigazione del rischio sismico, queste analisi vanno condotte su interi ambiti territoriali o urbani e quindi su una pluralità di edifici: ciò porta conseguentemente a ricercare procedure di valutazione della vulnerabilità che, partendo da un'acquisizione il più possibile speditiva di informazioni, permetta di formulare una stima sufficientemente attendibile della danneggiabilità sismica, senza ricorrere a modelli eccessivamente raffinati.
Inoltre, il patrimonio edilizio e, in particolare, il tessuto urbano storico in Italia, così come in molti altri Paesi a rilevante rischio sismico, sono prevalentemente costituiti da edifici in muratura portante, generalmente costruiti in epoche passate in assenza di normative antisismiche. La fabbriche tradizionali si possono considerare come assemblaggi di elementi determinati staticamente, vincolati in modo monolatero ed essenzialmente basati sugli accor-gimenti dettati dalla cosiddetta “regola dell’arte”: tali accorgimenti si trovano effettivamente solo in edifici di una certa importanza, mentre nell’edilizia ordinaria sono piuttosto rari, con conseguente incremento della debolezza statica e sismica. Tali condizioni portano a preferire, ai fini dell’analisi strutturale per la valutazione della vulnerabilità sismica, verifiche di dettaglio di meccanismi elementari di collasso su singoli elementi, ricercando l’eventuale punto debole della costruzione, piuttosto che studi dell’intero edificio che considerino il comportamento ideale di scatola pluriconnessa elastica o elastoplastica.
Infine, un’analisi del territorio che muove la propria scala di indagine dalla singola unità strutturale all’intero centro storico e oltre, non può prescindere dal fatto che il costruito in muratura si trova spesso organizzato in aggregati di edifici interagenti in modo complesso: questo rende ancora più difficoltosi l’approccio, lo sviluppo delle analisi e l’interpretazione dei risultati.
Negli scorsi anni, sono state svolte numerose ricerche (le più recenti nell’ambito dei pro-getti ReLUIS - Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica) che hanno permesso di proporre una metodologia innovativa in rapporto alla complessità dell’edificato storico e versatile sia per analisi predittive e di verifica post-sisma, sia per il progetto di piani di mitigazione. La metodologia, già applicata in diversi centri storici, nei quali sono stati individuati campioni significativi di edifici (unità strutturali) appartenenti a diverse tipologie costruttive, prevede una imprescindibile fase di conoscenza preliminare di impostazione fortemente interdisciplinare, basata sulla raccolta di dati in sito mediante l’utilizzo di apposite schede e sulla realizzazione di campagne minime di indagini sperimentali. A partire dalle informazioni disponibili sono effettuate analisi storico - tipologiche, strutturali, dei meccanismi di danno e degli interventi pregressi e sono successivamente svolte valutazioni della vulnerabilità sismica dei sistemi edilizi aggregati, mediante l’applicazione di procedure automatiche di calcolo, basate sulla stima della resistenza nel piano e sullo studio di meccanismi locali di collasso fuori piano di macroelementi strutturali: tali procedure di calcolo limite dipendono da pochi parametri geometrici e meccanici, e quindi non richiedono un rilievo estremamente accurato e pesanti oneri computazionali.
In questa sede sono illustrate le versioni più recenti di queste procedure, aggiornate agli ultimi sviluppi normativi: esse, mediante l’applicazione a tre centri storici dell’Italia centrale scelti come casi di studio (Campi Alto di Norcia, Castelluccio di Norcia e Sulmona), hanno dimostrato la loro completezza e affidabilità, attraverso il confronto dei risultati sia con l’effettivo comportamento della classe del costruito esistente in muratura in occasione di recenti eventi sismici, sia con le previsioni statistiche fornite dalle scale macrosismiche, sia con modellazioni meccanico-capacitive di dettaglio del comportamento nel piano e fuori del piano. Queste ultime hanno consentito, oltre che una calibrazione delle procedure, la messa a punto di metodi di calcolo e verifica strutturale: in questo senso è risultato particolarmente innovativo e per questo particolarizzato sul solo caso studio di Sulmona l’approccio capacitivo sviluppato per lo studio del comportamento nel piano.
La metodologia di studio, sistematizzando le valutazioni di vulnerabilità per edifici in muratura aggregati all’interno di centri storici, si presta a interessanti applicazioni in ambito normativo, specialmente per quel che riguarda la gestione e la tutela del patrimonio architettonico; i risultati ottenuti avranno inoltre particolari riscontri nelle attività di ricerca e in quelle più applicative che si stanno sviluppando in Abruzzo a seguito degli eventi relativi al sisma del 6 Aprile scorso.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Valluzzi, Maria Rosa
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > STUDIO E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHEOLOGICI E ARCHITETTONICI > SCIENZE E TECNOLOGIE PER I BENI ARCHEOLOGICI E ARCHITETTONICI
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:28 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):vulnerabilitĂ  sismica, analisi limite per macroelementi, Vulnus, c- Sisma, edifici in aggregato
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 08 - Ingegneria civile e Architettura > ICAR/19 Restauro
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Rilevamento
Codice ID:2734
Depositato il:04 Nov 2010 11:11
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Benedetti D., Petrini V., 1984. Sulla vulnerabilitĂ  sismica degli edifici in muratura: un me-todo di valutazione. L'Industria delle Costruzioni, n.149. Cerca con Google

Benedetti D., Carydis P.G., Pezzoli P., 1998. Shaking table tests on 24 simple masonry buildings. Earthquake Engineering and Structural Dynamic, n.27, pp. 67-90. Cerca con Google

Bernardini A., Modena C., 1986. The vulnerability of masonry buildings typologies in a seismic area. 8th European Conference on Earthquake Engineering, Lisbon. Cerca con Google

Bernardini A., Modena C., 1987. Un modello per le analisi di vulnerabilità sismica di gruppi di edifici in muratura. III Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Ita-lia”, Roma. Cerca con Google

Bernardini A., Gori R., Modena C., 1988. Valutazioni di resistenza di nuclei di edifici in muratura per analisi di vulnerabilitĂ  sismica. UniversitĂ  di Padova, Istituto di Scienza delle Costruzioni, Rapporto Interno 2/1988. Cerca con Google

Bernardini A., Gori R., Modena C., 1989. An application of coupled analytical models and experiential knowledge for seismic vulnerability analyses of masonry buildings. In A. Kortize (ed.), Engineering aspects of earthquake phenomena, Omega Scientific, Oxon. Cerca con Google

Bernardini A., 1999. Qualitative and quantitative measures in seismic damage assessment and forecasting of masonry buildings. In Bernardini A. (ed.), Seismic damage to masonry buildings, Balkema, Rotterdam. Cerca con Google

Bernardini A. (a cura di), 2000. La vulnerabilitĂ  degli edifici: Valutazione a scala naziona-le della vulnerabilitĂ  degli edifici ordinari. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Bernardini A., 2004. Classi macrosismiche di vulnerabilità degli edifici in area veneto-friulana. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Bernardini A., Valluzzi M.R., Modena C., 2006. Classificazioni di vulnerabilitĂ  sismica di edifici in muratura dal calcolo limite per macroelementi. In Binda, L. Sicurezza e conservazione degli edifici storici in funzione delle tipologie edilizie, della concezio-ne costruttiva e dei materiali (Workshop MURST 2004-2006), Milano. Cerca con Google

Bernardini A., Giovinazzi S., Lagomarsino S., Parodi S., 2007. Matrici di probabilità di danno implicite nella scala EMS-98. XIII Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismi-ca in Italia”, Pisa. Cerca con Google

Binda L., Gambarotta L., Lagomarsino S., Modena C., 1999. A multilevel approach to the damage assessment and seismic improvement of masonry buildings in Italy. In: Bernardini A. (ed.), Seismic damage to masonry buildings, Balkema, Rotterdam. Cerca con Google

Binda L. (a cura di), 2000. Caratterizzazione delle murature in pietra e mattoni ai fini dell’individuazione di opportune tecniche di riparazione. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Binda L., 2004. The importance of the investigation for the diagnosis of historic building: application at different scale (centres and single buildings). 4th International Conference on Structural Analysis of Historical Constructions, Padova. Cerca con Google

Binda L., Cardani G., Modena C., Valluzzi M.R., Marchetti L., 2004a. Indagine sulla con-sistenza dell’edilizia storica, sul danno pregresso e sull’efficacia degli interventi svol-ta su quattro centri campione in Umbria. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Si-smica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Binda L., Saisi A., Modena C., Valluzzi M.R., Marchetti L., 2004b. Analisi della vulnera-bilità sismica di un centro storico umbro e valutazioni sui possibili interventi. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Binda L., Cardani G., Saisi A., Valluzzi M.R., 2006. Vulnerability analysis of the historical buildings in seismic area by a multilevel approach. Asian journal of civil engineering (building and housing), n.7, pp. 343-357. Cerca con Google

Binda L., Cardani G., Saisi A., Valluzzi M.R., Munari M., Modena C., 2007. Multilevel Approach to the Vulnerability Analysis of Historic Buildings in Seismic Areas Part 1: Detection of Parameters for Vulnerability Analysis through on Site and laboratory Investigations e Part 2: Analytical Interpretation of Mechanisms for Vulnerability Analysis and Structural Improvement. Restoration of Buildings and Monuments. n.13. Cerca con Google

Borri A., Avorio A., Cangi G., 1999. Riparazione e consolidamento degli edifici in mura-tura. In Regione dell’Umbria - Gurrieri F. (a cura di), Manuale per la riabilitazione e la ricostruzione post-sismica degli edifici, DEI - Tipografia del Genio Civile, Roma. Cerca con Google

Borri A., Avorio A., Corradi M. (a cura di), 2002. Ricerche per la ricostruzione - Iniziative di carattere tecnico e scientifico a supporto della ricostruzione. DEI - Tipografia del Genio Civile, Roma. Cerca con Google

Borri A., De Maria A., Piccarreta M., 2004. Osservazione dei danni negli edifici di aggre-gazioni storiche dell’Umbria. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Ita-lia”, Genova. Cerca con Google

Borzi B., Crowley H., Pinho R., 2008. Simplified Pushover-based earthquake loss assessment (SP-BELA) method for masonry buildings. International Journal of Architectural Heritage, n.2, pp. 353-376. Cerca con Google

Calvi G.M., 1999. A displacement-based approach for vulnerability evaluation of classes of buildings. Journal of Earthquake Engineering, n.3, pp. 411-438. Cerca con Google

Cardani G., 2003. La vulnerabilitĂ  sismica dei centri storici: il caso di Campi Alto di Nor-cia. Linee guida per la diagnosi finalizzata alla scelta delle tecniche di intervento per la prevenzione dei danni. Tesi di dottorato di ricerca, Politecnico di Milano. Cerca con Google

Cardani G., Binda L., Valluzzi M.R., Modena C., 2007. Indagini conoscitive per lo studio degli aggregati storici: il caso di Castelluccio di Norcia (PG). XIII Congresso Nazio-nale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Pisa. Cerca con Google

Carocci C.F., Lagomarsino S., 2009. Gli edifici in muratura nei centri storici dell’Aquilano. Progettazione Sismica, n. 3-I, pp. 117-131. Cerca con Google

Carta di Atene, 1931. Carta di Atene per il Restauro dei Monumenti Storici. I Congresso Internazionale degli architetti e dei tecnici dei monumenti storici, Atene. Cerca con Google

Carta di Venezia, 1964. International Charter for the Conservation and Restoration of Monuments and Sites. Venezia. Cerca con Google

Casarin F., 2006. Structural assessment and seismic vulnerability analysis of a complex historical building. Tesi di dottorato di ricerca, UniversitĂ  di Trento. Cerca con Google

Cattaneo M., Marcellini A. (a cura di), 2000. Terremoto dell’Umbria-Marche: analisi della sismicità recente dell’Appennino umbro-marchigiano e microzonazione sismica di Nocera Umbra e Sellano. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Cattari S., Curti E., Giovinazzi S., Lagomarsino S., Parodi S., Penna A., 2004. Un modello meccanico per l’analisi di vulnerabilità del costruito in muratura a scala urbana. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Cherubini A., 2006. Inventario e VulnerabilitĂ  dei Sistemi Urbani - Analisi di vulnerabilitĂ  e rischio sismico delle Reti e dei Sistemi Urbani. I.N.G.V. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Cherubini A., Martinelli A., Milano L., Mannella A., Cherubini F., Antonucci B., Goretti A., Benetti D., Ferlito R., Di Capua G., Peppoloni S., Speranza E., Lagomarsino S., Bernardini A., Parodi S., Binda L., Anzani A., Cardani G., Polese M., Verderame G., Iervolino I., Valluzzi M.R., Munari M., Busolo G., Fistola R., Pascale C., 2009. Ri-schio sismico di Sistemi Urbani utilizzando l’analogia delle reti neuronali. XIII Con-vegno ANIDIS “L’Ingegneria Sismica in Italia”, Bologna. Cerca con Google

Chopra A.K., Goel R.K.,1999. Capacity-Demand-Diagram methods based on inelastic spectrum. Earthquake Spectra, n.15, pp. 637-656. Cerca con Google

Cifani G., Lemme A., Podestà S. (a cura di), 2005. Beni monumentali e terremoto: dall’emergenza alla ricostruzione. DEI - Tipografia del Genio Civile, Roma. Cerca con Google

Cifani G., Corazza L., Martinelli A., Fiorini F., Matticoli B., Petrucci G., 2006. Una meto-dologia per la valutazione della vulnerabilità sismica del costruito e gli scenari di ri-schio in area urbana: applicazione al caso studio del centro storico di Sulmona. Con-siglio Nazionale delle Ricerche, Istituto per le Tecnologie per la Costruzione (sede de L’Aquila), progetto S.I.S.M.A. Cerca con Google

Circolare n. 2174530 del 30/7/1981. Istruzioni per l’applicazione della normativa tecnica per la riparazione ed il rafforzamento degli edifici danneggiati dal sisma. Cerca con Google

Circolare n. 617 del 2/2/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Istruzioni per l'applicazione delle “Norme Tecniche per le Costruzioni” di cui al D.M. 14/01/2008. G.U. n. 47 del 26/2/09 suppl. ord. n. 27. Cerca con Google

Circolare n. 484 del 5/1/2010 Vice Commissario delegato alle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni sfollate e per l’accelerazione e la chiusura della prima fase dell’emergenza. Circolare relativa alle indagini ed alle prove strutturali, geologiche e geotecniche a supporto della progettazione di interventi su edifici ed aggregati classificati inagibili (esito E) odistrutti.. Cerca con Google

C.N.R.-G.N.D.T., 1993. Rischio Sismico di Edifici Pubblici. Tipografia Moderna, Bologna. Cerca con Google

Convenzione I.N.G.V. - D.P.C. Progetto S1, 2004-2006. Proseguimento della assistenza al D.P.C. per il completamento e la gestione della mappa di pericolositĂ  sismica previ-sta dall'Ordinanza P.C.M. 3274 e progettazione di ulteriori sviluppi (http://esse1.mi.ingv.it/). Coordinatore: Carlo Meletti (I.N.G.V.). Vai! Cerca con Google

Cosenza E., Manfredi G., 2000. Indici e misure di danno nella progettazione sismica. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Crowley H., Pinho R., Bommer J.J., 2004. A probabilistic displacement-based vulnerability assessment procedure for earthquake loss estimation. Bulletin of Earthquake Engineering, n.2, pp. 173-219. Cerca con Google

Crowley H., Borzi B., Pinho R., Colombi M., Onida M., 2008. Comparison of two mechanics-based methods for simplified structural analysis in vulnerability assessment. Advances in Civil Engineering, n.1. Cerca con Google

Curti E., 2007. VulnerabilitĂ  sismica delle torri campanarie: modelli meccanici e macrosi-smici. Tesi di dottorato di ricerca, UniversitĂ  di Genova. Cerca con Google

D’Ayala D., Speranza E., 2001. A procedure for evaluating the seismic vulnerability of historic buildings at Urban scale based on mechanical parameters. 2nd International Congress on Studies in Ancient Structures, Istanbul. Cerca con Google

D’Ayala D., Speranza E., 2004. Un criterio per la formulazione e la calibrazione di curve di fragilità e scenari di danno: il caso di Nocera Umbra (PG). XI Congresso Nazio-nale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

D’Ayala D., 2005. Force and displacement based vulnerability assessment for traditional buildings. Bulletin of Earthquake Engineering, n.3, pp. 235-265. Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 16/1/1996. Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche. Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 14/9/2005. Norme Tecniche per le Costruzioni. Cerca con Google

Decreto Ministeriale del 14/1/2008. Norme Tecniche per le Costruzioni. G.U. n. 29 del 4/2/2008 suppl. ord. n.30. Cerca con Google

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri - Patrimonio Culturale del 12/10/2007. Linee guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio cultura-le con riferimento alle Norme Tecniche e all’applicazione dell’O.P.C.M. n. 3274 del 2003 e successive modifiche e integrazioni. G.U. n. 24 del 29/1/2008 suppl. ord. n. 25. Cerca con Google

Doglioni F., Moretti A., Petrini V., 1994. Le chiese e il terremoto. LINT, Trieste. Cerca con Google

Doherty K.T., Griffith M.C., Lam N., Wilson J., 2002. Displacement-based seismic analysis for out-of-plane bending of unreinforced masonry walls. Earthquake Engineering and Structural Dynamics, n.31, pp. 833-850. Cerca con Google

Dolce M., Kappos A., Zuccaro G., Coburn A.W., 1994. State of the Art Report of W.G. 3 – Seismic Risk and Vulnerability. 10th European Conference on Earthquake Engineering, Wien. Cerca con Google

EuroCode 8 – ENV 1998-1. Design of structures for earthquake resistance. Cerca con Google

Faccioli E., Pessina V. (a cura di), 1999. The Catania Project: earthquake damage scenarios for a high risk area in the Mediterranean. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Faedo S., 2001. Analisi della vulnerabilitĂ  di edifici in muratura nelle zone colpite dal ter-remoto umbro-marchigiano del 1997 tramite procedura automatica. Tesi di Laurea, Relatore prof. ing. Modena C., Correlatrice dott. ing. Valluzzi M.R., UniversitĂ  degli Studi di Padova, FacoltĂ  di Ingegneria, A.A. 2000-2001. Cerca con Google

Fajfar P., 1999. Capacity spectrum method based on inelastic demand spectra. Earthquake Engineering. And Structural Dynamics, n.28, pp. 979-993. Cerca con Google

Fajfar P., 2000. A non linear analysis method for performance-based seismic design. Earthquake Spectra, n.16, pp. 573-591. Cerca con Google

FEMA, 1999. HAZUS Earthquake Loss Estimation Methodology. Technical Manual. Federal Emergency Management Agency U.S.A. Cerca con Google

Ferrini M., Pagliazzi A., Scarparolo S., Decanini L., 2004. Valutazione delle carenze strut-turali gravi per edifici in muratura. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Ferrario C., Francotti S., Germano G., 2008. Metodologie per la valutazione della vulnera-bilitĂ  sismica di edifici complessi in muratura, un caso di studio nel centro storico di Sulmona. Tesi di Laurea, Relatrice prof. arch. Binda L., Correlatrici prof. arch. Anza-ni A., dott. arch. Cardani G., Politecnico di Milano, FacoltĂ  di Architettura, A.A. 2007-2008. Cerca con Google

Frassine L., Giovinazzi S. , 2004. Basi di dati a confronto nell’analisi di vulnerabilità si-smica dell’edilizia residenziale: un’applicazione per la città di Catania. XI Congres-so Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Freeman S.A., Nicoletti J.P., Tyrell J.V., 1975. Evaluation of existing buildings for seismic risk- A case study of Puget Sound Naval Shipyard, Bremerton, Washington. U.S. National Conference on Earthquake Engineers, Berkeley. Cerca con Google

Freeman S.A., 1978. Prediction of response of concrete buildings to severe earthquake motion. Douglas-McHenry International Symposium on Concrete and Concrete Structures, Detroit. Cerca con Google

Garavaglia E., Gianni A., Molina C., 2004. Ipotesi non stazionarie di intervento per il raf-forzamento antisismico delle costruzioni. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Si-smica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Giovinazzi S., Lagomarsino S., 2001. Una metodologia per l’analisi di vulnerabilità sismi-ca del costruito. X Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Potenza-Matera. Cerca con Google

Giovinazzi S., Balbi A., Lagomarsino S., 2004. Un modello di vulnerabilità per gli edifici nei centri storici. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Giuffré A., 1991. Letture sulla meccanica delle murature storiche. Edizioni Kappa, Roma. Cerca con Google

Giuffré A., 1993. Sicurezza e conservazione dei centri storici: il caso Ortigia. Laterza, Ba-ri. Cerca con Google

Giuffré A., Carocci C., 1999. Codice di pratica per la sicurezza e la conservazione del centro storico di Palermo. Laterza, Bari. Cerca con Google

Grunthal G., 1998. European Macroseismic Scale 1998. Cahiers du Centre Européen de Géodynamique et de Séismologie, n.15, pp.1-97. Cerca con Google

Guagenti E., Petrini V., 1989. Il caso delle vecchie costruzioni: verso una nuova legge danni-intensità. IV Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Milano. Cerca con Google

Guéguen P., Michel C., LeCorre L., 2007. A simplified approach for vulnerability assessment in moderate-to-low seismic hazard regions: application to Grenoble (France). Bulletin of Earthquake Engineering, n.5, pp. 467-490. Cerca con Google

Heyman J., 1966. The stone skeleton. International Journal of Solids and Structures, n.2, pp. 249-279. Cerca con Google

Iervolino I., Fabbrocino G., Manfredi G., 2004. Un Metodo per la Analisi di Rischio Sismi-co a Scala Territoriale. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Indirli M., Geremei F., Puglisi C., Screpanti A., Blersch D., Lanzoni L., Lopez Izquerdo N., Milani E., Miglioli M., Simonini G., Munari M., Romanelli F., 2008. GIS platform on main natural hazards for Valparaiso City (Chile) and vulnerability studies for some historical constructions and urban sectors. 6th International Conference on Structural Analysis of Historical Constructions. Bath. Cerca con Google

ISCARSAH - International Scientific Committee for Analysis and Restoration of Structures of Architectural Heritage, 2005. Recommendations for the Analysis, Conservation and Structural Restoration of Architectural Heritage. ICOMOS, Inter-national Council for Monuments and Sites. Cerca con Google

Lagomarsino S., Podestà S., 2005. Inventario e vulnerabilità del patrimonio monumentale dei parchi dell’Italia centro-meridionale e meridionale, Vol.III - Analisi di vulnerabi-lità e rischio degli edifici monumentali. I.N.G.V. - G.N.D.T., L’Aquila. Cerca con Google

Lagomarsino S., Giovinazzi S., 2006. Macroseismic and mechanical models for the vulnerability and damage assessment of current buildings. Bulletin of Earthquake Engineering, n.4, pp. 415-443. Cerca con Google

Liberatore D. (a cura di), 2000. Progetto Catania. Indagine sulla risposta sismica di due edifici in muratura. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Lourenço P.B., Borst R., Rots J.G., 1997. A plane stress softening plasticity model for orthotropic materials. International Journal for Numerical Methods in Engineering, n.40, pp. 4033-4057. Cerca con Google

Lourenço P.B., Roque J.A., 2006. Simplified indexes for the seismic vulnerability of ancient masonry buildings. Construction and Building Materials, n.20, pp. 200-208. Cerca con Google

L.S.U. 1999. Censimento di Vulnerabilità degli Edifici Pubblici, Strategici e Speciali nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia - Progetto Lavori Socialmente Utili (D.L. n232 del 14.06.95). Coord. Cherubini A. La Ponzina M., Dipartimento della Protezione Civile - GraphicPress s.r.l., L’Aquila. Cerca con Google

L.S.U. 2000. Censimento di vulnerabilità dell’edilizia corrente dei centri abitati a campio-ne nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia, Progetto per la rilevazione della vulnerabilità del patrimonio edilizio a rischio sismi-co e di formazione di tecnici per l’attività di prevenzione sismica connessa alle politi-che di mitigazione del rischio nelle regioni dell’Italia meridionale. Coord. Cherubini A. La Ponzina M., Dipartimento della Protezione Civile - CUP s.r.l., Roma. Cerca con Google

Magenes G., Bolognini D., Braggio C. (a cura di), 2000. Metodi semplificati per l’analisi sismica non lineare di edifici in muratura. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Mancini A., Mancini B., 2000. Variante al P.R.G. vigente: per la città consolidata, il cen-tro storico ed il sistema dei servizi. Allegati geologici: relazione illustrativa. Comune di Sulmona, Provincia dell’Aquila. Cerca con Google

Margottini C., Molin D., Narcisi B., Serva L., 1992. Intensity versus ground motion: a new approach using italian data. Engineering Geology, n.33, pp. 45-48. Cerca con Google

Mastrodicasa S., 1993. Dissesti statici delle strutture edilizie. Hoepli, Milano. Cerca con Google

Mattiocco E., 1997. Sulmona: guida storico-artistica alla cittĂ  e dintorni. Carsa Edizioni, Chieti. Cerca con Google

Meletti C., Montaldo V., 2007. Stime di pericolositĂ  sismica per diverse probabilitĂ  di su-peramento in 50 anni: valori di ag. Progetto D.P.C.-I.N.G.V. S1, Deliverable D2, http://esse1.mi.ingv.it/d2.html. Vai! Cerca con Google

Modena C., Pineschi F, Valluzzi M.R. (a cura di), 2000. Valutazioni della vulnerabilitĂ  si-smica di alcune classi di strutture esistenti:sviluppo e valutazione di metodi di rinfor-zo. C.N.R. - G.N.D.T., Roma. Cerca con Google

Modena C., Binda L., 2009. Edilizia storica monumentale. Salvaguardia degli edifici di in-teresse storico artistico nell’emergenza post-sisma. Progettazione Sismica, n. 3-I, pp. 107-115. Cerca con Google

Munari M., Valluzzi M.R., Saisi A., Cardani G., Modena C., Binda L., 2009a. The limit analysis of macro-elements in masonry aggregate buildings as a methodology for the seismic vulnerability classification: an application to umbrian city centers. 11th Cana-dian Masonry Symposium, Toronto. Cerca con Google

Munari M., Valluzzi M.R., Modena C., 2009b. Classificazioni di vulnerabilità sismica dal calcolo limite per macroelementi: applicazione ad aggregati edilizi in muratura in al-cuni centri storici umbri. XIII Convegno ANIDIS “L’Ingegneria Sismica in Italia”, Bologna. Cerca con Google

Munari M., Valluzzi M.R., Cardani G., Anzani A., Binda L., Modena C., 2010a. Seismic vulnerability analyses of masonry aggregate buildings in the historical centre of Sulmona (Italy). 13th International Conference on Structural Faults and Repair. Edinburgh. (articolo accettato) Cerca con Google

Munari M., Busolo G., Valluzzi M.R., 2010b. Mechanical analysis for the assessment of the seismic capacity of masonry buildings’ classes in the city centre of Sulmona (Italy). 7th International Conference on Structural Analysis of Historical Constructions, Shanghai. (articolo accettato) Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20/3/2003. Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3431 del 3/5/2005. Ulteriori modifi-che ed integrazioni all'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3779 del 6/6/2009. Ulteriori inter-venti diretti a fronteggiare gli eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo il gior-no 6 Aprile 2009 e altre disposizioni di protezione civile. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3790 del 9/7/2009. Ulteriori inter-venti diretti a fronteggiare gli eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo il gior-no 6 Aprile 2009 e altre disposizioni di protezione civile. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3820 del 12/11/2009. Ulteriori in-terventi diretti a fronteggiare gli eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo il giorno 6 Aprile 2009 e altre disposizioni di protezione civile. Cerca con Google

Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3832 del 22/12/2009. Ulteriori in-terventi diretti a fronteggiare gli eventi sismici verificatisi nella regione Abruzzo il giorno 6 Aprile 2009 e altre disposizioni di protezione civile. Cerca con Google

Pizzuti L., 2005. Vulnerabilità sismica dell’edilizia in muratura veneta. Tesi di Laurea, Relatore prof. ing. Bernardini A., Correlatrice dott. ing. Valluzzi M.R., Università de-gli Studi di Padova, Facoltà di Ingegneria, A.A. 2004-2005. Cerca con Google

Rebez, A., Slejko D., 2004. Relazioni di conversione fra PGA e intensitĂ . Osservatorio Geofisico Sperimentale, Trieste. pp. 1-7. Cerca con Google

Regione Molise-G.N.D.T., 2001. Mitigazione del rischio sismico dei centri storici e degli edifici di culto dell’area del Matese nella Regione Molise. CD-ROM. Cerca con Google

Regione Toscana, 2004. Criteri per l'esecuzione delle indagini, la compilazione della scheda di vulnerabilitĂ  II livello GNDT/CNR e la redazione della relazione tecnica. In Regione Toscana (AA.VV.), Programma regionale vulnerabilitĂ  sismica edifici in muratura (VSM): indagini di vulnerabilitĂ  sismica, valutazione e interventi su edifici in muratura e valutazione delle carenze strutturali gravi di edifici in muratura. Cerca con Google

Restrepo-VĂ©lez L.F., 2003. A simplified mechanic-based procedure for seismic risk assessment of unreinforced masonry buildings. Individual study, ROSE School, Pavia. Cerca con Google

Restrepo-Vélez L.F., Magenes G., 2004a. A Mechanics-Based Procedure for the Seismic Risk Assessment of Masonry Buildings at Urban Scale. XI Congresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Genova. Cerca con Google

Restrepo-VĂ©lez L.F., Magenes G., 2004b. Experimental testing in support of a mechanics-based procedure for the seismic risk evaluation of unreinforced masonry buildings. 4th International Conference on Structural Analysis of Historical Constructions, Padova. Cerca con Google

RILEM TF2 TC121-DRG, 1993. Disaster Planning, Structural Assessment, Demolition and Recycling. De Pauw C. e Lauritzen E.K. ed., E&FN Spon, Londra. Cerca con Google

Stucchi et al., 2007. DBMI04, il database delle osservazioni macrosismiche dei terremoti italiani utilizzate per la compilazione del catalogo parametrico CPTI04 (http://emidius.mi.ingv.it/DBMI04/). Quaderni di Geofisica, n.49, p. 38. Vai! Cerca con Google

TomaĹľeviÄŤ M., 1999. Correlation between damage and seismic resistance of masonry walls and buildings. n Bernardini A. (ed.), Seismic damage to masonry buildings, Balkema, Rotterdam. Cerca con Google

Turnsek V., Cacovic F., 1971. Some experimental results on the strength of brick masonry walls. 2nd International Brick Masonry Conference, Stoke on Trent. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Michielon E., Modena C., Binda L., 2001. Modellazione del comportamen-to di edifici in muratura sotto azioni sismiche: l’esperienza Umbria-Marche. X Con-gresso Nazionale “L’ingegneria Sismica in Italia”, Potenza-Matera. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Cardani G., Binda L., Modena C., 2004a. Analysis of the seismic vulnerability of masonry buildings in historical centres and intervention proposals. 6th International Symposium on the Conservation of Monuments in the Mediterranean Basin, Lisbona. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Cardani G., Binda L., Modena C., 2004b. Seismic vulnerability methods for masonry buildings in historical centres: validation and application for prediction analyses and intervention proposals. 13th World Conference on Earthquake Engineering, Vancouver. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Cardani G., Saisi A., Binda L., Modena C., 2005a. Study of the seismic vulnerability of complex masonry buildings. 9th International Conference on Structural Studies, Repairs and Maintenance of Heritage Architecture, Malta. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Bernardini A., Modena C., 2005b. Seismic vulnerability assessment and structural improvement proposals for the building typologies of the historic centers of Vittorio Veneto (Italy). 9th International Conference on Structural Studies, Repairs and Maintenance of Heritage Architecture, Malta. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Munari M., Modena C., 2006. Analisi di aggregati complessi per valutazioni di vulnerabilitĂ  sismica: il caso di Castelluccio di Norcia. In Binda, L. Sicurezza e conservazione degli edifici storici in funzione delle tipologie edilizie, della concezione costruttiva e dei materiali (Workshop MURST 2004-2006), Milano. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Munari M., Modena C., Cardani G., Binda L., 2007. Analisi di vulnerabili-tà sismica degli aggregati storici: il caso di Castelluccio di Norcia. XII Congresso Nazionale “L’Ingegneria Sismica in Italia”, Pisa. Cerca con Google

Valluzzi M.R., Munari M., Cardani G., Saisi A., Binda L., Modena C., 2009. Aggiorna-mento della vulnerabilità sismica del centro storico di Campi Alto di Norcia (PG). XIII Convegno ANIDIS “L’Ingegneria Sismica in Italia”, Bologna. Cerca con Google

Zanardo G., 1998. Modelli sperimentali e numerici di comportamento sismico di edifici in muratura. Tesi di Laurea, Relatori proff. ingg. Bernardini A. e Modena C., Correlato-re dott. ing. Zonta D., UniversitĂ  degli Studi di Padova, FacoltĂ  di Ingegneria, A.A. 1997-98 Cerca con Google

Zanette E., 2000. Analisi di vulnerabilità dell’edilizia storica nelle zone colpite dal terre-moto umbro-marchigiano del 1997. Tesi di Laurea, Relatore prof. ing. Modena C., Correlatrice dott. ing. Valluzzi M.R., Università degli Studi di Padova, Facoltà di In-gegneria, A.A. 1999-2000. Cerca con Google

Zenere M., 2001. Procedura automatica per l’analisi della vulnerabilità di edifici esistenti in muratura mediante l’applicazione di modelli cinematici elementari. Tesi di Laurea, Relatore prof. ing. Modena C., Correlatrice dott. ing. Valluzzi M.R., Università degli Studi di Padova, Facoltà di Ingegneria, A.A. 2000-2001. Cerca con Google

Zuccaro G., 2004. Inventario e vulnerabilità del patrimonio edilizio residenziale del terri-torio nazionale, mappe di rischio e perdite socio – economiche. I.N.G.V. - G.N.D.T., Napoli. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record