Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

BERARDI, DANIELE (2010) L'AVVERAMENTO FITTIZIO DELLA CONDIZIONE. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1101Kb

Abstract (inglese)

The aim of this study is to analyse the problematic issues relating to the peculiar operational mechanism by which a condition laid down for a contract is deemed occurred even if the fact set as condition does not take place due to specific circumstances or events.
The starting point of this work will be the analysis of the legal instruments that constitute its assumptions, pointing to the grounds for the following in-depth analysis. In particular, it will be necessary to make a historical and dogmatic reconstruction of legal fiction (fictio iuris), highlighting its operational peculiarities as well as the grounds for the qualification of fictitious occurrence of the condition in the light of such reconstructive category. As will be underlined below, the fictio as a technical-legal instrument was created by Roman jurists, who developed and refined its requirements for application. While under Medieval law the study of scholars merely focused on defining the instrument under examination, with modern law the debate on the fictio iuris has resumed, fuelled by juridical and philosophical reflections along with the legal codes adopted by modern national legal systems. Then a technical analysis of the fictio iuris will be made, underlying its features, also by comparison with other similar legal instruments.

The element of condition will then be dealt with. After an indication of the basic features of the condicio drawn from Roman sources, an analysis will be made of its components, with a focus on the structure of the contract subject to the condition with respect to the relevant legal paradigm and the will of the parties to the contract. For this purpose, the condition will be analysed from two crucial theoretical perspectives. According to one theory, the condition depends on the contractual will, while another theory maintains that – in the context of the construction of the contract as a legal paradigm- the condition is an accidental element of the contract itself, with the subsequent implications during the stages when this can be of relevance: upon the laying down of the condition, while it is pending, or upon occurrence or non-occurrence of the event/condition.
Then a brief outline will be provided of the “teoria della presupposizione” (theory of presupposition), as a tightly connected element and useful instrument for reconstruction.

Then there will be an analysis of the development of jurisprudential elaboration of the fictitious occurrence of the condition under Roman law, with an extensive reconstruction based on legal sources that attest a progressively widening spectrum of application, starting from the first applications to individual cases for specific reasons. Starting from a first reference leading to a provision in the Twelve Tables, the reflections of jurists will be shown until Justinian law, to understand, based on the above-mentioned systematic elements, the theoretical grounds for the fictitious occurrence of the condition. It will be noted how the principle condicio pro impleta habetur (also expressed by the following phrase habetur, ac si condicio impleta fuisset) has developed in two directions, which is reflected in the division of the third chapter. In the latter, indeed, first there will be an analysis of the case in which the condition is deemed occurred due to the impediment raised by the party having an conflicting interest, and secondly the case in which the fictitious occurrence originates from the lack, lato sensu, of collaboration from a third party in the course of the contractual transaction.
For the purposes of an exhaustive outline of the fictitious occurrence of the condition under Roman law, the focus will be on that particular esplicazione, that is to say the cautio Muciana, a legal remedy developed for the peculiar case of negative potestative condition.

Then the developments in the application of fictitious occurrence of the condition will be described, from the scarce evidence found in Medieval law to the provisions laid down in the first legal codes and finally under current law, where the radical change of the ratio of the provision of fictitious occurrence can be noted, with the necessary theoretical and practical effects. In particular, with regard to the current Italian legal system, the legal provisions under Article 1359 of the Italian Civil Code will be considered as being the expression of a particular sanction provision, and those under Article 638 of the Italian Civil Code, as being a modern provision of the cautio Muciana.
Finally, a look will be taken at how the principle under examination is applied in non-Italian legal systems, both European and non-European.

Abstract (italiano)

Il presente elaborato si propone di analizzare i profili problematici relativi al particolare meccanismo operativo per cui una condizione apposta ad un negozio giuridico si considera avverata anche qualora l’evento dedotto in condizione non sia venuto in essere, a causa di determinate circostanze o avvenimenti.
Ai fini di tale studio si procederà partendo dall’analisi degli strumenti giuridici che ne costituiscono le premesse, per porre chiaramente quali siano le basi di partenza del successivo approfondimento: sarà quindi necessario, in particolare, presentare una ricostruzione storica e dogmatica della fictio iuris, evidenziandone le peculiarità operative, ricercando le basi per la qualificazione dell'avveramento fittizio della condizione alla luce di tale categoria ricostruttiva. Si osserverà che la fictio come strumento tecnico-giuridico sia un prodotto della riflessione dei giuristi romani, che ne hanno elaborato e raffinato i requisiti applicativi. Se nel diritto intermedio si rinviene un interesse da parte degli studiosi che si limita ad una riflessione dagli esiti poco più che definitori, è nel diritto moderno che riprende la discussione sulla fictio iuris, traendo linfa dalla riflessione giusfilosofica e dalle sistemazioni normative codificate degli ordinamenti statuali moderni. Si procederà quindi all’analisi tecnica della fictio iuris, sottolineandone i caratteri, anche tramite la comparazione con strumenti giuridici simili.

Occorrerà poi soffermarsi sull’elemento della condizione: dopo aver riportato i cenni fondamentali sulla condicio desumibili dalle fonti romane, si procederà all’analisi degli elementi costitutivi, approfondendo in particolare lo studio della struttura del negozio condizionato in relazione alla fattispecie negoziale ed alla volontà dei soggetti negoziali. A tal fine analizzeremo la condizione secondo due fondamentali prospettive teoriche: la teoria che riporta la condizione nell’ambito della volontà negoziale e la teoria che, nell’ambito della costruzione del negozio giuridico come fattispecie, analizza la condizione come elemento accidentale del negozio stesso, con le conseguenti implicazioni concernenti le varie fasi in cui ciò può rilevare: dall’apposizione, alla situazione di pendenza, al verificarsi o meno dell’evento condizionale.
Saranno poi presentati dei cenni sulla teoria della presupposizione, quale elemento strettamente connesso, ed utile strumento dottrinale di indagine ricostruttiva.

Successivamente si procederà all’analisi dello sviluppo dell’elaborazione giurisprudenziale dell’avveramento fittizio della condizione nel diritto romano, a partire da un’ampia ricostruzione sulla base delle fonti giuridiche, che ne attestano una progressiva generalizzazione dell’operatività, a partire dalle prime applicazioni a singoli casi per ragioni particolari; da un primo riferimento che riporta ad una disposizione delle XII Tavole si seguirà l’evoluzione della riflessione dei giuristi fino al diritto giustinianeo, per comprendere, sulla base degli elementi sistematici premessi, il fondamento teorico dell’avveramento fittizio della condizione. Si osserverà come il principio condicio pro impleta habetur (espresso anche con la locuzione habetur, ac si condicio impleta fuisset) si sia sviluppato fondamentalmente in duplice direzione, cui corrisponderà la nostra divisio del capitolo terzo, ove analizzeremo per prima l’ipotesi in cui la condizione si reputi avverata a causa dell’impedimento opposto dal soggetto avente contrario interesse, e per seconda l’ipotesi in cui l’avveramento fittizio sia causato dalla mancanza, lato sensu, di collaborazione da parte di un terzo nello svolgersi della vicenda negoziale,
Per completare l’analisi del panorama dell’avveramento fittizio della condizione nel diritto romano, se ne prenderà inoltre in considerazione quella particolare esplicazione consistente nella cautio Muciana, rimedio di elaborazione giurisprudenziale per il particolare caso di condizione potestativa negativa.

Si seguirà quindi lo sviluppo applicativo dell’avveramento fittizio della condizione, transitando per le scarse attestazioni presenti nel diritto intermedio, fino alle sistemazioni normative dei primi codici ed infine del diritto vigente, laddove si constaterà la radicale modificazione della ratio della previsione dell’avveramento fittizio, con le necessarie ricadute teoriche e pratiche. In particolare, per il diritto vigente nell’ordinamento italiano, saranno prese in considerazione le previsioni normative di cui all’art. 1359 Cod. civ., quale espressione di una particolare previsione sanzionatoria, e l’art. 638 Cod. civ., quale moderna previsione della cautio Muciana.
Infine si completerà l’elaborato con uno sguardo sulle applicazioni del principio in esame negli ordinamenti giuridici stranieri, europei ed extraeuropei.


Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:GAROFALO, LUIGI
Correlatore:ZILIOTTO, PAOLA
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 20 > Scuole per il 20simo ciclo > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):CONDIZIONE, CONDICIO, FICTIO IURIS, PRESUPPOSIZIONE, AVVERAMENTO FITTIZIO
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/18 Diritto romano e diritti dell'antichità
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Storia e Filosofia del Diritto e Diritto Canonico
Codice ID:2780
Depositato il:21 Set 2010 12:08
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

ALCARO, La condizione nel contratto: tra atto e attività Cerca con Google

AMADIO, La condizione di inadempimento Cerca con Google

AMARELLI, La realtà e la finzione giuridica Cerca con Google

ARCHI, Il negozio sotto condizione sospensiva nella compilazione di Giustiniano Cerca con Google

BARBERO, Contributo alla teoria della condizione Cerca con Google

BARBERO, Sistema di diritto privato Cerca con Google

BENTHAM, Teoria delle finzioni, trad. it. a cura di Petrillo Cerca con Google

BESSONE, voce “Presupposizione”, in Enc. dir. Cerca con Google

BESSONE, Errore sul motivo, fauste cause e questioni di presupposizione Cerca con Google

BETTI, Istituzioni di diritto romano Cerca con Google

BETTI, Teoria generale del negozio giuridico Cerca con Google

BIANCA, Diritto civile, volume III Cerca con Google

BIANCA, La nozione di buona fede come regola di comportamento contrattuale Cerca con Google

BIANCHI, Fictio iuris Cerca con Google

BRANCA, Considerazioni pratiche sulla presupposizione Cerca con Google

BRECCIA, Diligenza e buona fede nell’attuazione del rapporto obbligatorio Cerca con Google

BRUNETTA D’USSEAUX, Le finzioni nel diritto Cerca con Google

BRUSCUGLIA, Pendenza della condizione e comportamento secondo buona fede Cerca con Google

BURDESE, Diritto privato romano Cerca con Google

BURDESE, voce “Muciana cautio”, in Enc. dir. Cerca con Google

CANNATA, Le finzioni Cerca con Google

CANNATA, Profilo istituzionale del processo privato romano, II, Il processo formulare Cerca con Google

CARINGELLA, Manuale di diritto civile, III, Il contratto Cerca con Google

CARNELUTTI, Teoria generale del diritto Cerca con Google

CASTRO, Sulla “fictio iuris” Cerca con Google

CHIESI, La buona fede in pendenza della condizione Cerca con Google

COLACINO, voce “Fictio iuris” in Noviss. Dig. It. Cerca con Google

COSENTINI, Sull’origine dell’estensione della “cautio Muciana” all’eredità, in Miscellanea romanistica Cerca con Google

COSTANZA, Della causa di presupposizione Cerca con Google

COSTANZA, Della condizione nel contratto Cerca con Google

COSTANZA, Finzione di avveramento e condizione potestativa Cerca con Google

CUIACIO, Iacobi Cuiaci ic praestantissima Opera omnia in decem tomos distribuita Cerca con Google

D’ANGELO, Note sulla voce “fictio iuris” negli antichi dizionari giuridici Cerca con Google

DE MARTINI, Presupposizione, condizione, eccessiva onerosità ed errore sui motivi Cerca con Google

DE RUGGIERO, voce “Finzione legale”, in Diz. prat. dir. priv. Cerca con Google

DONATUTI, Sull’adempimento fittizio delle condizioni, in Studi di diritto romano Cerca con Google

DONATUTI, Le praesumptiones iuris in diritto romano, in Studi di diritto romano Cerca con Google

FACCIOLI, Il dovere di comportamento secondo buona fede in pendenza della condizione contrattuale Cerca con Google

FADDA E BENSA, Note alle Pandette del Windscheid Cerca con Google

FALCONE, Per una datazione del de verborum quae ad ius civile pertinent significatione di Elio Gallo Cerca con Google

FALZEA, voce “Condizione” (dir. civ.), in Enc. Giur. Cerca con Google

FALZEA, La condizione e gli elementi dell’atto giuridico Cerca con Google

FAVARO’, L’art. 1359 C.c. e la cosiddetta finzione di avveramento della condizione Cerca con Google

FERRINI, Le presunzioni in diritto romano, in Opere, vol. III GALGANO, Dir. privato Cerca con Google

GANGI, La successione testamentaria nel vigente diritto italiano Cerca con Google

GARCIA GARRIDO, De nuevo sobre las supuestas ficciones jurisprudentiales Cerca con Google

GÉNY, Science et technique en droit positif. Nouvelle contribution à la critique de la methode giuridique Cerca con Google

GIRINO, Riflessioni in tema di presupposizione Cerca con Google

GREGGIO, Le fictiones iuris Cerca con Google

GROSSO, I legati nel diritto romano Cerca con Google

GROSSO, Sulla volontarietà dell’impedimento al verificarsi della condizione Cerca con Google

GROSSO, La finzione di adempimento nella condizione Cerca con Google

GROSSO, Impedimento al verificarsi della condizione e finzione di adempimento Cerca con Google

GROSSO, Contributo allo studio dell’adempimento della condizione Cerca con Google

JHERING, L’esprit du droit romain (traduit par O. de Meulanaere), JHERING, Etudes complémentaires de l’esprit du droit romain (traduit par O. de Meulanaere) Cerca con Google

KELSEN, Dio e Stato. La giurisprudenza come scienza dello spirito, trad. it. a cura di Carrino. Cerca con Google

LENEL, Palingenesia iuris civilis Cerca con Google

MALVAGNA, Recenti teorie in tema di negozio condizionato MARTORANO, Presupposizione ed errore sui motivi Cerca con Google

MASI, Adempimento fittizio della condizione Cerca con Google

MASI, In tema di “cautio Muciana” Cerca con Google

MERCOGLIANO, Tituli ex corpore Ulpiani. Storia di un testo. Cerca con Google

PACCHIONI, La vera portata dell’art. 1169 C.c. Cerca con Google

PECCENINI, La condizione nei contratti Cerca con Google

PECCENINI, La finzione di avveramento della condizione Cerca con Google

PEROZZI, Istituzioni Cerca con Google

PETRELLI, La condizione Cerca con Google

POLACCO, Le obbligazioni nel diritto civile Cerca con Google

PUGLIATTI, voce “Finzione” in Enc. dir. Cerca con Google

RESCIGNO, voce “Condizione”, in Enc. dir. Cerca con Google

ROBBE, La fictio iuris e la finzione di adempimento della condizione nel diritto romano Cerca con Google

RUBINO, La fattispecie e gli effetti giuridici preliminari Cerca con Google

SACCO, La nozione di contratto, in Trattato di dir. privato Cerca con Google

SACCO, Motivi, fini, interessi, in Tratt. dir. priv. diretto da Rescigno Cerca con Google

SAVIGNY, Sistema del diritto romano attuale (trad. di V. Scialoja) Cerca con Google

SCIALOJA, Sulla cautio Muciana applicata all’eredità Cerca con Google

SCOGNAMIGLIO, Contributo alla teoria del negozio giuridico Cerca con Google

STARACE, Lo statuliber e l’adempimento fittizio della condizione Cerca con Google

STOLFI, Culpa pro impleta condicione est Cerca con Google

TALAMANCA, Elementi di diritto privato romano Cerca con Google

TODESCAN, Diritto e realtà. Storia e teoria della fictio iuris Cerca con Google

TRIMARCHI, La finzione di avveramento e la finzione di non avveramento nella condizione Cerca con Google

VAIHINGER, La filosofia del “come se”, trad. it. a cura di Voltaggio Cerca con Google

VASSALLI, Dies vel condicio. Studi sulla dottrina della condizione Cerca con Google

VOCI, Diritto ereditario romano Cerca con Google

VOCI, Istituzioni di diritto romano Cerca con Google

WINDSCHEID, Diritto delle Pandette, trad. it. a cura di Fadda e Bensa Cerca con Google

WINDSCHEID, Die Lehre des romische Rechts von der Voraussetzung. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record