Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Alberti, Concetta F. (2010) Hazard Perception: differences between experienced and novice drivers. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF (tesi di dottorato) - Versione aggiornata
685Kb

Abstract (inglese)

Hazard perception is an important skill for drivers. In hazard perception tasks experienced drivers typically excel more than novices, most likely reflecting greater hazard perception skills. Experiment 1 aimed at isolating experiential effects on HP. In Experiment 1 novice-, experienced- and motorcyclists engaged in a HP test which presented participants with a wide field of vision including side views and information from behind the vehicle. The results showed that novice drivers were less efficient in scanning the rear view and side mirrors and the lateral locations, and had later responses for peripheral locations. It was therefore concluded that novice drivers have difficulties taking into account peripheral information. Using a motorcycle simulator, Experiment 2 showed that practise can have some positive impact in improving this deficit. Specifically, after a four-sessions practise novices were quicker to scan peripheral locations. While this improvement however was obtained on a narrower field of view, Experiment 3 further explored importance of the available visual field for hazard perception and how different experiential group make use of the additional inforation which is provided in wide field of vision conditions. Specifically, the performances of novice and experienced drivers were examined in a narrow and in a wide- field of vision condition. Based on Experiment 1 one would expect experienced drivers to be more affected by the enlargement of the field of vision, as have wider scanning patterns. The results of Experiment 3 indeed demonstrated that when a wider field of view is available experienced drivers maintained a lower speed than novice drivers and had a lower speed at closer distance to hazards. Altogether the results suggest that, although even when only a narrow field of view is available training can still be efficient, the width of the visual field is important in determining the hazard perception performance and help to differentiate the abilities of experienced and novice drivers in driving situations.

Abstract (italiano)

La percezione del pericolo è una abilità importante quando si guida. In compiti di percezione del pericolo i guidatori esperti hanno prestazioni migliori dei guidatori inesperti. L'esperimento 1 aveva come obiettivo isolare i fattori legati all’esperienza che agiscono sulla percezione del pericolo (HP). Nell’esperimento 1 guidatori esperti, non esperti e motociclisti erano impegnati in un compito di percezione del pericolo in cui i partecipanti vedevano dei video di situazioni di pericolo su un campo visivo allargato che includeva gli specchietti laterali e lo specchietto retrovisore. I risultati mostrano che i guidatori esperti erano più efficienti dei guidatori non esperti nel considerare l’informazione presentata negli specchietti e nelle posizioni laterali, e avevano tempi di reazione inferiori ai pericoli presentati in posizioni periferiche. Si può concludere che i guidatori non esperti avevano difficoltà nel prendere in considerazione l’informazione periferica. Utilizzando un simulatore di guida l’esperimento 2 ha mostrato che la pratica può avere un impatto positivo nel miglioramento di questo deficit. In specifico, dopo quattro sessioni di pratica i soggetti non esperti erano più veloci nell’osservare posizioni periferiche sullo schermo. Mentre questo miglioramento è stato ottenuto con un campo visivo ridotto, l’esperimento 3 ha esplorato l’importanza delle dimensioni del campo visivo per la percezione del pericolo e come gruppi di soggetti con diversa esperienza facciano un diverso uso dell’informazione aggiuntiva fornita nella condizione con campo visivo allargato. In base ai risultati dell’esperimento 1 ci si aspetterebbe che siano i guidatori esperti ad essere più influenzati dall’allargamento del campo visivo. I risultati dell’esperimento 3 in effetti mostrano che quando più informazione è disponibile grazie ad un campo visivo allargato i guidatori esperti mantengono velocità inferiori rispetto ai guidatori non esperti e hanno velocità più basse in prossimità del pericolo. In generale, i risultati mostrano che l’ampiezza del campo visivo è importante nel determinare la perfomance in compiti di percezione del pericolo e aiuta a differenziare le abilità di guidatori esperti e non esperti nelle situazioni di guida.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Gamberini, Luciano
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > SCIENZE PSICOLOGICHE > PERCEZIONE E PSICOFISICA
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):hazard perception, simulator, eye-tracking, gaze, latency, driving, accident
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PSI/01 Psicologia generale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Psicologia Generale
Codice ID:2856
Depositato il:11 Nov 2010 14:40
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record