Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Gambino, Michele (2010) Italian Evaluative Morphology: a syntactic approach. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
476Kb

Abstract (inglese)

The aim of this dissertation is to provide a satisfactory description and an adequate syntactic analysis of several phenomena pertaining to evaluative morphology in Italian. The issues discussed include the basic semantic properties of evaluative morphemes, their distribuition across and within lexical categories, their functional status and their interaction with other relevant morphosyntactic features.
The hypothesis that the different aspects of the meaning of evaluative morphology – despite their apparent variety and inconsistency – can actually be reduced to very general semantic notions is connected to the intuition that at least some the abstract structuring principles of reference are the same across categories.
From a syntactic point of view, the identification of parallel functional schemes in the extended projections of lexical categories leads us to confirm once again that syntactic structures, in spite of their internal complexity, can be accounted for by means of structural maps.

Abstract (italiano)

L’obiettivo di questa tesi è di fornire una descrizione esaustiva e un’adeguata analisi sintattica per numerosi fenomeni che pertengono alla morfologia valutativa della lingua italiana. I temi discussi includono le proprietà semantiche fondamentali dei morfemi valutativi, la loro distribuzione a livello inter-categoriale e intra-categoriale, il loro statuto funzionale e la loro interazione con altri tratti morfosintattici rilevanti.
L’ipotesi che i diversi aspetti del significato della morfologia valutativa - nonostante l’apparente variabilità e incoerenza – possano essere in realtà ridotti a nozioni semantiche generali è connessa all’idea che almeno un certo numero di principi astratti del riferimento siano comuni alle diverse categorie lessicali.
Da un punto di vista sintattico, il riconoscimento di schemi funzionali paralleli all’interno delle proiezioni estese delle categorie lessicali ci porta ancora una volta a ribadire che le strutture sintattiche, nonostante la loro complessità interna, possano essere spiegate attraverso mappe strutturali.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Poletto, Cecilia
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 21 > Scuole per il 21simo ciclo > SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE > LINGUISTICA
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:01 Febbraio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):evaluative morphology, syntax, functional projections, cartography
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-LIN/01 Glottologia e linguistica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Discipline Linguistiche, Comunicative e dello Spettacolo
Codice ID:2964
Depositato il:04 Nov 2010 15:04
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record