Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Bertasi, Paolo (2010) PariPari: Design and Implementation of a Resilient Multi-Purpose Peer-to-Peer Network. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF (Tesi di Dottorato) - Versione sottomessa
Available under License Creative Commons Attribution No Derivatives.

1389Kb

Abstract (inglese)

Recent years have seen a considerable and constant growth in peer-to-peer (P2P) traffic over Internet. Internet Service Providers (ISPs) and software houses have begun to change their attitude towards P2P applications, no longer seen as bandwidth-eager enemies, but rather as interesting profit opportunities.

PariPari is a P2P platform under development at Department of Information Engineering
Engineering of the University of Padova. It differs from traditional P2P applications like eMule, Skype or Azureus in that it provides a multifunctional, extensible platform on which multiple services - from filesharing to VoIP to mail/web/IRC services --- can run simultaneously and cooperatively. PariPari offers a collection of APIs allowing third party developers to write their own applications; but unlike similar P2P development frameworks such as JXTA, PariPari already works ``out of the box'' for the end user offering a large number of applications.

The number and the heterogeneity of services offered by PariPari together with the possibility of extending this platform with future, not currently defined, applications offer a number of challenges: effective use of Java, coordination of multiple services, design of a powerful but easy to use GUI, efficient and robust algorithms for clock synchronization and search etc.

Effective group management was the key to successful development of PariPari.
Over the past three years more than one hundred students have cooperated developing PariPari. To coordinate such a large number of people we have adopted software engineering techniques such as eXtreme Programming and Test Driven Development. However, these paradigms had to be adapted to a group of non-professional, although motivated, developers.
This coordination process was difficult, but extremely rewarding, and taught us a number of lessons about software engineering that might be useful in other software projects involving large numbers of relatively inexperienced, part-time developers with high turnover.

Abstract (italiano)

Negli ultimi anni il traffico dovuto al peer-to-peer (P2P) è aumentato costantemente. Gli Internet Service Providers (ISPs) e le software house hanno iniziato a considerare le applicazioni P2P non come programmi avidi di banda ma come interessanti opportunità.

PariPari è una piattaforma P2P in sviluppo al Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione. È molto diversa da altre ben note applicazioni P2P come eMule, Skype o Azureus. dato che fornisce una piattaforma multifunzionale e estensibile sulla quale diversi servizi --- dal filesharing al VoIP all'email --- possono funzionare simultaneamente.
Inoltre, PariPari fornisce un insieme di API utili agli sviluppatori terzi per scrivere le loro applicazioni, ma diversamente dagli altri framework P2P come JXTA, PariPari offre già da subito un gran numero di applicazioni fruibili dall'utente finale.

PariPari offre, quindi, un gran numero di servizi eterogenei e la possibilità di estendere la piattaforma, in futuro, con applicazioni non ancora definite. Per produrre questi due risultati, la progettazione di PariPari ha dovuto affrontare diverse interessanti sfide tra cui un uso efficiente di Java, la possibilità di coordinare diversi servizi e la studio di nuovi algoritmi per la sincronizzazione e la ricerca.

La chiave del successo dello sviluppo di PariPari è sicuramente la gestione del gruppo.
Negli ultimi tre anni, più di un centinaio di studenti hanno lavorato allo sviluppo di PariPari. Per coordinare tanti contributi abbiamo adottato tecniche tipiche dell'ingegneria del software come l'eXtreme Programming e il Test Driven Development. Questi paradigmi, tuttavia, hanno subito pesanti modifiche per essere adattati al nostro gruppo di sviluppatori dalle peculiari caratteristiche: gli studenti, sebbene motivati, non hanno nè il rendimento nè la preparazione di un professionista.
La gestione è stata complessa ma estremamente appagante ed ha prodotto molti interessanti spunti che possono essere studiati ed applicati ad altri progetti che coinvolgono molti sviluppatori non professionisti con alto turn-over.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Peserico, Enoch
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE > SCIENZA E TECNOLOGIA DELL'INFORMAZIONE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:31 Gennaio 2010
Parole chiave (italiano / inglese):peer-to-peer, multipurpose
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-INF/05 Sistemi di elaborazione delle informazioni
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione
Codice ID:2972
Depositato il:21 Set 2010 12:33
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record