Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Favaro, Stefano (2010) Salvatore Pugliatti e il suo tempo: per un diritto tra sistema e storia. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
2606Kb

Abstract (inglese)

The dissertation entitled “Salvatore Pugliatti and his own time: for a Law between system and History” examines carefully, in a reconstructive and declarative way, the legal and methodological thought of Salvatore Pugliatti. He was a Sicilian jurist, who died in 1976. His ideas grew and developed in the decades around the half of the last century during which he founded the School of Civil Law at the University of Messina.
In order to elucidate his thought, this dissertation faces the study either of Pugliatti’s works directly addressed to the analysis of theoretic and methodological matters, and of those, among his works of positive law, in which it is possible to evict, through his exposition, the fulfilment of his speculative goal somewhere else expressed.
For this reason, this work is divided into three chapters.
The first one has the aim to frame the scientific figure of Salvatore Pugliatti in his own times, between 1927 and the first half of the seventies, during which he operated, so it reconstructs either the historical elements and the juridical-philosophical and methodological ones which influenced Pugliatti’s thought.
From the historical point of view many elements emerge and are considered: the ascent and the fall of Fascist regime, the ruin of the Second World War, the slow rebuilding of the Italian institutional order consequent upon it.
From a juridical point of view the most important elements which are examined are: the special legislation of Mussolini’s regime, the fascist re-codification, the Civil Code that came into force in 1942 and, above all, the Constitution, which came forth in 1948, whose formal importance and substantial content obliged the Italian civil law doctrine, and so Pugliatti either, to redefine at least a part of the dogmatic certitudes achieved by juridical science till that moment.
Moreover, concerning the philosophical and methodological context, this study inspects the main cultural trends which could have affected Pugliatti’s thought.
Firstly, the direction of the juridical-formalistic Positivism which was dogmatic and post-pandettistic: it was inclined to reduce the Philosophy of Law within the borders of juridical science structured in conformity with experimental science. Secondly, the direction graviting in the orbit of Italian juridical Neo-Idealism of Gentile’s actualism and Croce’s historicism, which was inclined to exclude the chance to provide the scientific characteristic both to the Philosophy of Law and to the Juridical Science. Thirdly the direction of the Juridical Empiric Historical Idealism post- Croce which was inclined to make up, starting from Croce’s and Gentile’s idealism, the historical value of juridical character as the point of departure of any form of reflection about Law. In particular Angelo Ermanno Cammarata and Widar Cesarini Sforza embodied this idea and they influenced Pugliatti’s thought.
Then the second chapter faces, in light of this context, the real nucleus of Pugliatti’s theoretic reflection, following analytically, through a careful exam of Pugliatti’s contributions dedicated in particular to methodological topics, the lines, even chronological, of his progressive evolution.
First of all, this study analyses the first juvenile period of Pugliatti’s scientific production: it appears, considering his theoretic-juridical convincement, as strongly hinged on a methodological paradigm of a strict systematic rigour based on a Positivistic logical juridical nature and on an inevitable dualism between the formal abstractness of the conceptual system created by the jurist and the concreteness of historical interests that originates it.
The second, more mature period of Pugliatti’s speculative iter, in the Forties, allows to single out an evolution in his methodological creed: he gathered solicitations coming in particular from his active participation to the well known polemic “about the nature of juridical concepts” and to the debate about the crisis of Law and Juridical Science, but also from his clear interest for Linguistics and from the reading and knowing of eminent figures like Santi Romano and Capograssi. In these years Pugliatti arrived to consolidate his own convincement in a new idea of Jurisprudence, that is qualified as a practical science: in fact it is undoubtedly bond to the real data and functional to the construction of a perfect, abstract, logical and conceptual juridical system, nevertheless it has also to root even in the concrete interest of consociate, in the magmatic flowing of History and in the changeable becoming of rules, so that it remains science, but qualified as a practical one, and it finds in itself the chance of a dialectic composition of the dualism form-substance, abstract-concrete, that, in other way, would remain inerasable.
Finally the analysis of the third period of Pugliatti’s thought underlines a gradual perfecting of his conviction previously achieved through a deepening of the problem related to the connection between continuous and discontinuous in Law. The dialectic synthesis of the dualism between form and substance, realised through the conception of Jurisprudence as a practical science, is crystallized in the idea- conclusive in Pugliatti’s methodological course- that the complexity of juridical experience, in which coexist either the juridical synchrony of abstract discontinuous of the Law system or the historical diachrony of mobile continuous of the juridical order tout court (which couldn’t resolve in rule because it is other to them). His final idea is realised in the formula that qualifies Law as a “ synthesis of manifold in one”.
At last the third chapter analyses some of the main works of Pugliatti related to some topic of Positive Law in which the author uses his own methodological tool when he faced technical problems of pure civil law. The analysis passes from the representation, whose importance is emphasized by Pugliatti, in the description of the institutes, the concrete and historical relationship between dominus and representer, to the phenomenon of coercive transfer; from the every important studies about properties (where the owner is considered plural, no more singular) to the brief exposition of the dialectic connection existing, according to Pugliatti, between the public and private Law.
From this analysis, as a synthesis of the figure of Pugliatti, emerges an image of a complete jurist, gifted with a great culture and a great juridical background, constantly researching for a clarification of methodological criteria of his own action; moreover, even though his thought never manages to emancipate completely from the persistence of the dualism between abstract and concrete, between form and History, which juridical science seems condemned to, refalling into a juridical Positivism only partly, critically and consciously subdue, Pugliatti’s thought anyway leaves, as a methodological inheritance for the jurist of today, a deep and bright breath of his own solid complexity, based on the intuition of the constant necessity of exegesis and of multidisciplinary, of the strong need of the reference to a positive data and of the fundamental necessity to calibrate any philosophical, methodological or legal reflection, on and with Law, within an historical and concrete frame of reference.

Abstract (italiano)

L’elaborato, dal titolo “Salvatore Pugliatti e il suo tempo: per un diritto tra sistema e storia”, effettua una disamina ricostruttiva ed espositiva del pensiero giuridico e metodologico di Salvatore Pugliatti, giurista siciliano dei decenni posti a cavallo della metà del secolo scorso, morto nel 1976, fondatore della Scuola di diritto civile dell’Università di Messina, affrontando lo studio sia delle opere dell’Autore direttamente indirizzate all’analisi di questioni di indole teorico-metodologica, sia di quelle, tra le sue opere di diritto positivo, in cui è dato evincere, nelle pieghe dell’esposizione, l’attuazione dei traguardi speculativi di fondo altrove espressi.
A tale scopo, il lavoro è ripartito in tre capitoli.
Il primo di essi si prefigge l’obiettivo di inquadrare la figura scientifica di Salvatore Pugliatti entro il contesto temporale, compreso tra il 1927 e la prima metà degli anni Settanta, in cui l’Autore ha operato, ed è dedicato alla ricostruzione sia delle componenti storiche, sia di quelle più specificamente giuridico-normative e filosofico-metodologiche, che ne hanno maggiormente influenzato il pensiero. Se, dal punto di vista storico, emergono, e vengono analizzati, l’ascesa e la caduta del regime fascista, lo sfacelo della seconda guerra mondiale, e la lenta ricostruzione dell’assetto istituzionale italiano ad essa susseguente, dal punto di vista normativo assumono rilievo, e vengono via via analizzati, la legislazione speciale del regime mussoliniano, la ricodificazione fascista, l’entrata in vigore del Codice Civile del 1942 e, soprattutto, l’irrompere della Costituzione del 1948, che, per la sua portata formale e per il suo contenuto sostanziale, ha costretto la dottrina civilistica italiana, e dunque anche Pugliatti, a ridefinire quantomeno parte delle certezze dogmatiche sino ad allora raggiunte dalla scienza giuridica. Per quanto riguarda, inoltre, il contesto più marcatamente giusfilosofico e metodologico di riferimento, l’elaborato passa in rassegna le principali tendenze culturali che si sono manifestate suscettibili di influire sul pensiero di Pugliatti, ossia, più specificamente: in primo luogo, l’indirizzo, normativista ed astrattizzante, proprio del positivismo giuridico formalistico di matrice dogmatica e postpandettistica, tendente a ridurre la filosofia del diritto entro i confini della scienza giuridica strutturata secondo il metodo delle scienze sperimentali; in secondo luogo, l’indirizzo, gravitante nell’orbita del neoidealismo giuridico italiano, proprio dell’attualismo gentiliano e dello storicismo crociano, tendente ad escludere, seppure per vie diverse, la possibilità di munire del carattere della scientificità tanto la filosofia del diritto quanto la scienza giuridica; in terzo luogo, l’indirizzo, proprio del cosiddetto idealismo giuridico post-crociano empirico-storicistico, in cui spiccano, per l’influenza che hanno avuto sulla riflessione pugliattiana, le figure di Angelo Ermanno Cammarata e Widar Cesarini Sforza, e tendente a recuperare, a partire dall’idealismo stesso di Croce e Gentile, il valore storicamente concreto della giuridicità da cui promana qualsiasi forma di riflessione sul diritto.
Il secondo capitolo affronta invece, alla luce di un simile contesto, il nucleo vero e proprio della riflessione teorica di Pugliatti, seguendo analiticamente, attraverso la disamina dei contributi dell’Autore dedicati a tematiche di indole specificamente metodologica, le linee anche cronologiche della sua progressiva evoluzione. L’elaborato analizza, innanzitutto, la prima fase, giovanile, della produzione scientifica pugliattiana, che appare ancora fortemente incardinata, sotto il profilo dei convincimenti teorico-giuridici, sui paradigmi metodologici di un deciso rigore sistematico di natura logico-normativista e di matrice giuspositivistica, e di un inevitabile dualismo tra le astrattezze formali del sistema concettuale elaborato dal giurista e la concretezza degli interessi storici ad essi sottesi ma ad essi, necessariamente, anche rigorosamente estranei. La seconda fase, più matura, dell’iter speculativo di Pugliatti, relativa agli anni Quaranta, consente di individuare un’evoluzione nel credo metodologico dell’Autore: raccogliendo le sollecitazioni provenienti in modo particolare dalla sua partecipazione attiva alla nota “polemica sulla natura dei concetti giuridici” e al dibattito sulla “crisi” del diritto e della
scienza giuridica, ma provenienti anche dal manifestato interesse per la linguistica e dalla lettura e conoscenza di figure eminenti come Santi Romano e Capograssi, Pugliatti giunge in questi anni a consolidare i propri convincimenti in una concezione rinnovata di giurisprudenza, che viene qualificata come scienza pratica, cioè come scienza che, senza dubbio ancorata al dato positivo e funzionale alla costruzione di perfetti sistemi giuridici astratti, logici e concettuali, non può tuttavia non radicarsi, traendone origine, anche negli interessi concreti dei consociati, nel fluire magmatico della storia, e, con esso, nel divenire mutevole delle norme, così che essa, rimanendo scienza, ma qualificandosi come scienza pratica, trova dunque in sé stessa la possibilità di una composizione dialettica del dualismo forma-sostanza, astratto-concreto, che altrimenti rimarrebbe insopprimibile. L’analisi della terza fase del pensiero di Pugliatti, infine, evidenzia nell’Autore il graduale perfezionamento, operato attraverso l’approfondimento della problematica relativa al rapporto tra il “continuo” e il “discontinuo” nel diritto, dei convincimenti precedentemente acquisiti: la sintesi dialettica del dualismo tra forma e sostanza, operata attraverso la concezione della giurisprudenza come scienza pratica, si cristallizza così nell’idea – conclusiva del percorso metodologico di Pugliatti – secondo cui la complessità dell’esperienza giuridica, nella quale convivono la sincronia giuridica del discontinuo astratto del sistema normativo e la diacronia storica del continuo mobile dell’ordinamento giuridico tout court (che non si risolve nelle norme poiché è anche altro rispetto ad esse), trova compimento nella formula che qualifica il diritto come “sintesi del molteplice nell’uno”.
Il terzo capitolo analizza, infine, alcune tra le principali opere di Pugliatti relative a tematiche di diritto positivo in cui l’Autore impiega, nel momento in cui affronta questioni tecniche di puro diritto civile, lo strumentario metodologico di cui si è dotato: l’analisi passa dalla rappresentanza, di cui è valorizzato da Pugliatti il rilievo che assume, nella descrizione dei caratteri dell’istituto, il concreto e storico rapporto sottostante di gestione tra il dominus e il rappresentante, al fenomeno dei trasferimenti coattivi, dagli importantissimi studi pugliattiani sulle proprietà (in cui l’istituto proprietario è considerato al plurale, non più al singolare, stante la polverizzazione delle tipologie di diritti dominicali rinvenibili nell’ordinamento a fronte della diversificazione dei soggetti titolari del diritto e delle funzioni proprie dei singoli beni che ne sono oggetto), alla breve esposizione del rapporto dialettico intercorrente, per Pugliatti, tra il diritto pubblico e il diritto privato.
Dall’analisi effettuata emerge, quale sintesi della figura di Pugliatti, l’immagine di un giurista completo, dotato di un forte bagaglio culturale e giuridico, costantemente proteso verso la ricerca di una chiarificazione dei criteri metodologici del proprio operare, il cui pensiero, se non riesce invero mai ad emanciparsi completamente dalla persistenza del dualismo tra astratto e concreto, tra forma e storia, cui la scienza giuridica sembra essere condannata, ricadendo tendenzialmente entro le spire di un normativismo positivista solo parzialmente, criticamente e consapevolmente attenuato, lascia comunque, come eredità metodologica per il giurista di oggi, il respiro lucido e profondo della propria solida complessità, fondata sull’intuizione della necessità costante dell’esegesi e della multidisciplinarietà, dell’altrettanto forte necessità del riferimento al dato positivo, e dell’insopprimibile necessità di calibrare qualsiasi riflessione, sia essa filosofica, metodologica o di diritto positivo, sul e col diritto, all’interno della cornice storica e concreta di riferimento.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Casa, Federico
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 22 > Scuole per il 22simo ciclo > GIURISPRUDENZA
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:Novembre 2010
Parole chiave (italiano / inglese):Pugliatti, concetti giuridici, idealismo giuridico, positivisimo giuridico, scienza giuridica, proprietà, rappresentanza
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/20 Filosofia del diritto
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Storia e Filosofia del Diritto e Diritto Canonico
Codice ID:3296
Depositato il:20 Lug 2011 10:48
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Scritti in Onore di Salvatore Pugliatti, Giuffrè, Milano, 1978. Cerca con Google

La fondazione della Repubblica: dalla Costituzione provvisoria all‟Assemblea costituente, Il Mulino, Bologna, 1979. Cerca con Google

La storia, Vol. 13, L‟età dei totalitarismi e la II Guerra Mondiale, Novara, 2007, pp. 155-218. Cerca con Google

 ABBAGNANO N., Filosofi e filosofie della storia, Paravia, Torino, 1996. Cerca con Google

 ABBAGNANO N., Storia della filosofia, Gruppo Editoriale l’Espresso, Roma, 2006. Cerca con Google

 ACQUARONE A., L‟organizzazione dello Stato totalitario, Einaudi, Torino, 1978. Cerca con Google

 AGAZZI E., La filosofia della scienza in Italia nel „900, Franco Angeli, Milano, 1986. Cerca con Google

 ALLEGRETTI U., Profilo di storia costituzionale italiana, Il Mulino, Bologna, 1989. Cerca con Google

 ALPA G., La cultura delle regole. Storia del diritto civile italiano, Laterza, Roma, 2000. Cerca con Google

 BERARDI A., Vincenzo Mancini. Del metodo giuridico, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2003. Cerca con Google

 BETTI E., Interpretazione della legge e degli atti giuridici, Giuffrè, Milano, 1949. Cerca con Google

258 Cerca con Google

 BETTI E., Teoria generale dell‟interpretazione, Giuffrè, Milano, 1990. Cerca con Google

 BIANCA C. M., Diritto civile. III. Il contratto, Giuffrè, Milano, 2000. Cerca con Google

 BIANCO F., Introduzione all‟ermeneutica, Laterza, Roma, 1998. Cerca con Google

 BIZZOTTO M., Conoscere e interpretare: linee di una teoria della conoscenza alla luce dell‟ermeneutica filosofica, EDB, Bologna, 1984. Cerca con Google

 BOBBIO N., Scienza e tecnica del diritto, Einaudi, Torino, 1934. Cerca con Google

 BOBBIO N., Teoria della scienza giuridica, Giappichelli, Torino, 1950. Cerca con Google

 BOBBIO N., Teoria della norma giuridica, Giappichelli, Torino, 1958. Cerca con Google

 BOBBIO N., Giusnaturalismo e positivismo giuridico, Edizioni di Comunità, Milano, 1965. Cerca con Google

 BOBBIO N., Il positivismo giuridico, Giappichelli, Torino, 1979. Cerca con Google

 BONINI F., Storia costituzionale della Repubblica, Carocci, Roma, 2007. Cerca con Google

 BONINI R., Disegno storico del diritto privato italiano: dal Codice civile del 1865 al Codice civile del 1942, Patròn, Bologna, 1990. Cerca con Google

 CAIANI L., La filosofia dei giuristi italiani, Cedam, Padova, 1955. Cerca con Google

 CAIANI L., sub voce Analogia in Enciclopedia del diritto, Giuffrè, Milano, 1998. Cerca con Google

 CAPOGRASSI G., Il problema della scienza del diritto, Giuffrè, Milano, 1962. Cerca con Google

 CARNELUTTI F., Teoria generale del diritto, Foro Italiano, Roma, 1951. Cerca con Google

 CARNELUTTI F., sub voce Arte del diritto, in Novissimo Digesto Italiano, Utet, Torino, 1959. Cerca con Google

259 Cerca con Google

 CASA F., Tullio Ascarelli. Dell‟interpretazione giuridica tra positivismo e idealismo, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1999. Cerca con Google

 CASA F., Sulla giurisprudenza come scienza, Cedam, Padova, 2005. Cerca con Google

 CASERTA M., Giovanni Tarello. Teoria, ideologie, metagiurisprudenza, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2001. Cerca con Google

 CASTIGNONE S. (a cura di), L‟opera di Giovanni Tarello nella cultura giuridica contemporanea, Il Mulino, Bologna, 1989. Cerca con Google

 CASTIGNONE S., Diritto, linguaggio, realtà. Saggi sul realismo giuridico, Giappichelli, Torino, 1995. Cerca con Google

 CATTANEO M. A., sub voce Positivismo giuridico, in Novissimo Digesto Italiano, Utet, Torino, 1959. Cerca con Google

 CATTANEO M. A., Riflessioni sull‟umanesimo giuridico, Esi, Napoli, 2004. Cerca con Google

 CAVALLA F., La prospettiva processuale del diritto. Saggio sul pensiero di Enrico Opocher, Cedam, Padova, 1991. Cerca con Google

 CAVALLA F., Il controllo razionale tra logica, dialettica e retorica, in AA. VV., Atti del XX Congresso Nazionale della Società Italiana di Filosofia Giuridica e Politica, Cedam, Padova, 1998. Cerca con Google

 CAVALLA F., Retorica, processo, verità, Cedam, Padova, 2005. Cerca con Google

 COCCOPALMERIO D., Francesco Carnelutti. Il “realismo giuridico italiano”, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1989. Cerca con Google

 DE FELICE R., Mussolini il fascista, Vol. II, L‟organizzazione dello Stato fascista (1925-1929), Einaudi, Torino, 1968. Cerca con Google

 DE GENNARO A., Crocianesimo e cultura giuridica italiana, Giuffrè, Milano, 1974. Cerca con Google

 DE GENNARO A., L‟ermeneutica idealistica. Filosofia politica neoidealistica italiana e interpretazione, Esi, Napoli, 1993. Cerca con Google

260 Cerca con Google

 DE SIERVO U. (a cura di), Scelte della Costituente e cultura giuridica, Il Mulino, Bologna, 1980. Cerca con Google

 DI RENZO VILLATA M. G. (a cura di), Il diritto fra scoperta e creazione: giudici e giuristi nella storia della giustizia civile, Jovene, Napoli, 2003. Cerca con Google

 BONINI R., Disegno storico del diritto privato italiano: dal Codice civile del 1865 al Codice civile del 1942, Pàtron, Bologna, 1996. Cerca con Google

 FALZEA A., Salvatore Pugliatti, il maestro, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 534-540. Cerca con Google

 FARALLI C., Diritto e scienze sociali. Aspetti della cultura giuridica italiana nell‟età del positivismo, CLUEB, Bologna, 1993. Cerca con Google

 FASSÒ G., Storia della filosofia del diritto, Laterza, Roma, 2001. Cerca con Google

 FERLAZZO NATOLI L., Letteratura & diritto. Scritti su Salvatore Pugliatti, Giuffrè, Milano, 2002. Cerca con Google

 FERLAZZO NATOLI L., Nel segno del destino. Vita di Salvatore Pugliatti, Rubettino, Messina, 2008. Cerca con Google

 FERRAJOLI L., La cultura giuridica nell‟Italia del Novecento, Laterza, Roma, 1999. Cerca con Google

 FERRAJOLI L., Diritto e ragione: teoria del garantismo penale, Laterza, Roma, 2004. Cerca con Google

 FERRI G. B., La cultura del civilista italiano: un profilo storico, Giuffrè, Milano, 2002. Cerca con Google

 FRACANZANI M., Adolfo Ravà. Fra tecnica del diritto ed etica dello Stato, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1998. Cerca con Google

 FRACANZANI M., Analogia e interpretazione estensiva nell‟ordinamento giuridico, Giuffrè, Milano, 2003. Cerca con Google

261 Cerca con Google

 FROSINI V., L‟idealismo giuridico italiano, Giuffrè, Milano, 1978. Cerca con Google

 FROSINI V., Lezioni di teoria dell‟interpretazione giuridica, Bulzoni Editore, Roma, 1993. Cerca con Google

 FROSINI V., RICCOBONO F. (a cura di), L‟ermeneutica giuridica di Emilio Betti, Giuffrè, Milano, 1994. Cerca con Google

 GADAMER H. G., Verità e metodo, trad. it., Giuffrè, Milano, 1984. Cerca con Google

 GARIN E., Cronache di filosofia italiana, Laterza, Bari, 1955. Cerca con Google

 GENTILE F., Per fare il punto sulla filosofia giuridica e politica italiana degli anni settanta, in “Archivio giuridico”, CXXIII/1, 1977. Cerca con Google

 GENTILE F., La cultura giuridica contemporanea fra scienza e storia, in “Incontri culturali”, anno XIII, 1980, n. 1-2. Cerca con Google

 GENTILE F., Intelligenza politica e ragion di stato, Giuffrè, Milano, 1984. Cerca con Google

 GENTILE F., (a cura di), Politicità e positività nell‟ordinamento giuridico. L‟opera del legislatore, Cusl Nuova Vita, Padova, 1992. Cerca con Google

 GENTILE F., Ordinamento giuridico. Controllo o/e comunicazione. Tra virtualità e realtà, in U. PAGALLO, Testi e contesti dell‟ordinamento giuridico. Sei studi di teorie generale del diritto, Cedam, Padova, 1999. Cerca con Google

 GENTILE F., Politica aut/et statistica. Prolegomeni di una teoria generale dell‟ordinamento politico, Giuffrè, Milano, 2003. Cerca con Google

 GENTILE F., Ordinamento giuridico tra virtualità e realtà, Cedam, Padova, 2005. Cerca con Google

 GENTILE F., Filosofia del diritto. Lezioni del quarantesimo anno raccolte dagli allievi, Cedam, Padova, 2006. Cerca con Google

 GENTILE F., Legalità, giustizia, giustificazione: sul ruolo della filosofia del diritto nella formazione del giurista, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2008. Cerca con Google

262 Cerca con Google

 GHISALBERTI C., Storia costituzionale d‟Italia (1848-1948), Laterza, Bari, 1992. Cerca con Google

 GIANNINI M. S., I trasferimenti coattivi, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 591-593. Cerca con Google

 GINSBORG P., Storia d‟Italia dal dopoguerra ad oggi, Einaudi, Torino, 2006. Cerca con Google

 GROSSI P., Tradizioni e modelli nella sistemazione postunitaria della proprietà, in Quaderni Fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno, V/VI, 1976/77. Cerca con Google

 GROSSI P., Un altro modo di possedere: l‟emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria, Giuffrè, Milano, 1977. Cerca con Google

 GROSSI P., L'inaugurazione della proprietà moderna, Guida Editore, Napoli, 1980. Cerca con Google

 GROSSI P., Assolutismo giuridico e diritto privato, Giuffrè, Milano, 1998. Cerca con Google

 GROSSI P, Scienza giuridica italiana. Un profilo storico (1860-1950), Giuffrè, Milano, 2000. Cerca con Google

 GROSSI P., La cultura del civilista italiano. Un profilo storico, Giuffrè, Milano, 2002. Cerca con Google

 GUASTINI R., Dalle fonti alle norme, Giappichelli, Torino, 1992. Cerca con Google

 GUASTINI R., Le fonti del diritto e l‟interpretazione, Giuffrè, Milano, 1993. Cerca con Google

 IRTI N. (a cura di), La polemica sui concetti giuridici, Giuffrè, Milano, 2004. Cerca con Google

 IRTI N., Scuole e figure del diritto civile, Giuffrè, Milano, 2002. Cerca con Google

 KELLY J. M., Storia del pensiero giuridico occidentale, Il Mulino, Bologna, 1996. Cerca con Google

263 Cerca con Google

 KELSEN H., Teoria generale del diritto e dello Stato, trad. it., Edizioni di Comunità, Milano, 1952. Cerca con Google

 KELSEN H, La dottrina pura del diritto, trad. it., Einaudi, Torino, 1966. Cerca con Google

 LAMAS F. A., La experiencia juridica, Instituto de Estudios Filosoficos Santo Tomas de Equino, Buenos Aires, 1991. Cerca con Google

 MARINELLI F., Scienza e storia del diritto civile, Laterza, Bari, 2009. Cerca con Google

 MURA G., Ermeneutica e verità. Storia e problemi della filosofia dell‟interpretazione, Città Nuova, Roma, 1990. Cerca con Google

 NANI C., Storia del diritto privato italiano, Cisalpino, Milano, 1972. Cerca con Google

 NICOLÒ R., La pubblicità, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 594-602. Cerca con Google

 NICOSIA M., PALUMBO S., PASSERI M. (a cura di), Salvatore Pugliatti: una vita per la cultura, La grafica editoriale, Messina, 1990. Cerca con Google

 OPOCHER E., Lezioni di filosofia del diritto, Cedam, Padova, 1983. Cerca con Google

 OPOCHER E., Giuseppe Capograssi filosofo del nostro tempo, Giuffrè, Milano, 1991. Cerca con Google

 PAGALLO U., La cattedra socialista. Diritto ed economia alle origini dello stato sociale in Italia, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1989. Cerca con Google

 PAGALLO U., Testi e contesti dell‟ordinamento giuridico. Sei studi di teoria generale del diritto, Cedam, Padova, 1999. Cerca con Google

 PALADIN L., Diritto Costituzionale, Cedam, Padova, 1996, pp. 85-95. Cerca con Google

 PALADIN L., Per una storia costituzionale dell‟Italia repubblicana, Il Mulino, Bologna, 2004. Cerca con Google

264 Cerca con Google

 PARESCE E., Il metodo e la teoria: Salvatore Pugliatti tra la logica giuridica e lo storicismo, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 541-568. Cerca con Google

 PARESCE E., sub voce Interpretazione, in Enciclopedia del diritto, Giuffrè, Milano, 1998. Cerca con Google

 PECORELLA C., Lezioni di storia del diritto italiano, Cedam, Padova, 2000. Cerca con Google

 PETROCCHI G., L‟impegno umanistico, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 603-613. Cerca con Google

 PIOVANI P., Momenti della filosofia giuridico-politica italiana, Giuffrè, Milano, 1951. Cerca con Google

 PROSPERO M., Filosofia del diritto di proprietà, FrancoAngeli, Milano, 2009. Cerca con Google

 QUAGLIO D., Guido Fassò. Della ragione come legge, Edizioni Scientifiche italiane, Napoli, 1991. Cerca con Google

 RONCO M., Il principio di tipicità della fattispecie penale nell‟ordinamento vigente, Giappichelli, Torino, 1979. Cerca con Google

 RONCO M., La legge penale: fonti, tempo, spazio, persone, Zanichelli, Torino, 2006. Cerca con Google

 RONDINONE N., Storia inedita della codificazione civile, Giuffrè, Milano, 1993. Cerca con Google

 SANTARELLI E., Storia del movimento e del regime fascista, Editori Rinuti, Roma, 1967. Cerca con Google

 SANTORO-PASSARELLI F., La proprietà, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 569-575. Cerca con Google

 SCARPELLI U., Filosofia analitica e giurisprudenza, Nuvoletti, Milano, 1953. Cerca con Google

265 Cerca con Google

 SCARPELLI U., Diritto e analisi del linguaggio, Edizioni di Comunità, Milano, 1976. Cerca con Google

 SCARPELLI U., Cos‟è il positivismo giuridico, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1997. Cerca con Google

 SCARPELLI U., L‟etica senza verità, Il Mulino, Bologna, 1982. Cerca con Google

 SCILIRONI C., Note sulla semantica ontologica e sull‟ermeneutica del Novecento, Cusl Nuova Vita, Padova, 1989. Cerca con Google

 SGRO N., Salvatore Pugliatti Musicologo, in “Iure Praesentia”, anno XXVII, Giuffrè, Milano, 2001. Cerca con Google

 SERRA T., A. Ermanno Cammarata. La critica gnoseologica della giurisprudenza, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1988. Cerca con Google

 SEVERINO E., Antologia filosofica. Le pagine più significative del pensiero occidentale, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 1988. Cerca con Google

 TARELLO G., sub voce Realismo giuridico, in Novissimo Digesto Italiano, Utet, Torino, 1959. Cerca con Google

 TARELLO G., Il realismo giuridico americano, Giuffrè, Milano, 1962. Cerca con Google

 TARELLO G., Diritto, enunciati, usi. Studi di teoria e metateoria del diritto, Il Mulino, Bologna, 1974. Cerca con Google

 TARELLO G., L‟interpretazione della legge, Giuffrè, Milano, 1980. Cerca con Google

 TRABUCCHI A., La rappresentanza, in L‟opera di Salvatore Pugliatti, in “Rivista di diritto civile”, parte I, 1978, pp. 576-590. Cerca con Google

 TRABUCCHI A., CIAN G., Commentario breve al Codice Civile, Cedam, Milano, 1996. Cerca con Google

 TRABUCCHI A., Istituzioni di diritto civile, Cedam, Padova, 2004. Cerca con Google

266 Cerca con Google

 ZACCARIA A., Norberto Bobbio: per una filosofia militante, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1981. Cerca con Google

 ZACCARIA G., L‟arte dell‟interpretazione. Saggi sull‟ermeneutica giuridica contemporanea, Cedam, Milano, 1990. Cerca con Google

 ZACCARIA G., Questioni di interpretazione, Cedam, Padova, 1996. Cerca con Google

 ZACCARIA G., Diritto e interpretazione. Lineamenti di teoria ermeneutica del diritto, Laterza, Bari, 1999. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record