Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Da Canal, Marco (2011) Analisi della dinamica passata ed attuale del fiume Piave nel Vallone Bellunese finalizzata ad una gestione integrata del suo corridoio fluviale. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione sottomessa
9Mb

Abstract (inglese)

Obbiettivo della presente ricerca è definire i tempi e l’entità dei cambiamenti morfologici avvenuti nel fiume Piave e sviluppare strategie e strumenti di gestione innovativi capaci di assicurare il raggiungimento e il mantenimento degli standard di qualità imposti dalla legislazione europea (Direttiva Quadro sulle Acque 2000/60/CE). Il fiume Piave nasce nelle Alpi Orientali italiane (superficie bacino idrografico 3899 km2) ed il suo canale principale dalle sorgenti (poste a circa 2000 metri al confine italo-austriaco) alla foce (mar Adriatico a nord-est di Venezia) è lungo 220 km e attraversa le province di Belluno, Treviso e Venezia. Il tratto analizzato è situato nella parte centrale del bacino montano ed ha una lunghezza di 13,5 km. In questo tratto il Fiume Piave è caratterizzato da una tipologia morfologica predominante pseudomeandriforme (wandering) presentando comunque alcune zone in cui l’andamento è a canali intrecciati (braided).
L’attività di ricerca è stata divisa in due fasi principali, nella prima fase si è cercato di definire una base. conoscitiva dell’evoluzione del corridoio fluviale, sia storica che recente, attraverso l’analisi dei principali processi fluviomorfologici, mentre nella seconda fase si è cercato di sviluppare una serie di mappe e strumenti utili per la gestione della fascia di pertinenza fluviale in situazioni sia ordinarie che di emergenza. Nella prima fase sono state analizzate sei serie di foto aeree (1960, 1970, 1991, 2000 , 2003 e 2006) per la comprensione e l’analisi dell’evoluzione planimetrica del corridoio fluviale. Attraverso l’utilizzo di un software GIS (ESRI ArcGIS 9.1) l’analisi delle foto aeree ha portato all’identificazione delle seguenti classi d’uso del suolo: alveo attivo, aree urbane e industriali, cave ed impianti di vagliatura, coltivi, isole con vegetazione arborea, isole con vegetazione pioniera, vegetazione perifluviale arborea, vegetazione perifluviale arbustiva e vegetazione perifluviale erbacea. Le foto aeree del 2006, prodotte da un volo appositamente commissionato nel luglio 2006 dal Dipartimento TESAF, grazie al loro elevato grado di dettaglio sono state inoltre utilizzate per la definizione delle seguenti forme fluviali all’interno dell’alveo attivo: canale principale, canale secondario, canale di morta, barra bassa laterale, barra bassa longitudinale, barra alta laterale, barra alta longitudinale, isola con vegetazione pioniera e isola con vegetazione arborea. Si è poi passati allo sviluppo della seconda fase attraverso la definizione di una cartografia di sintesi in grado di definire la fascia di mobilità funzionale ed analizzare la dinamica evolutiva delle superfici boscate con particolare riferimento alla loro interazione con fenomeni di piena e conseguenti processi erosivi. In questa fase ci si è concentrati in particolare sullo studio dei processi fluviali e delle conseguenze morfologiche sviluppatesi a seguito di due eventi di piena avvenuti negli anni 1966 (Tempo di ritorno > 200 anni) e 2002 (Tempo di ritorno = 12 anni). La scelta di questi due eventi di piena è stata fatta inquanto si è voluto valutare l’evoluzione morfologica del corridoio fluviale sia a seguito del verificarsi di eventi “estremi” (1966) sia a seguito del verificarsi di eventi più frequenti ma sempre di una certa magnitudo (2002) . Scopo di questa parte dello studio è stato inoltre l’analisi delle criticità all’interno delle pertinenze fluviali, individuando i sottotratti e learee maggiormente soggette a subire forti modificazioni durante gli eventi di piena. La definizione di queste aree si è basata oltre che sull’analisi della dinamica storica anche sulle possibili alterazioni antropiche sviluppatesi a seguito della costruzione di opere protettive. Successivamente partendo dal concetto di Fascia di Mobilità Funzionale si è provveduto alla definizione di una nuova metodologia per la definizione di Fasce di Gestione Fluviale in grado di meglio adattarsi a sistemi fluviali con una dinamica morfologica profondamente influenzata da interventi antropici. La necessità di sviluppo di questa nuova metodologia è nata dal fatto che l’entità delle modifiche morfologiche del sistema fluviale Piave è tale che applicare il concetto di “Fascia di divagazione storica” (la fascia del corridoio fluviale interessata dalla dinamica fluviale nel corso degli ultimi duecento anni) avrebbe portato a far coincidere questa fascia con l’intero corridoio fluviale compreso all’interno dei terrazzi di origine glaciale. Questo risultato avrebbe avuto una scarsa utilità ai fini sia gestionali che di predisposizione di progetti di riqualificazione fluviale.
Lo sviluppo di questa nuova metodologia ha portato ha definire una serie di fasce chiamate “Fasce di Gestione Fluviale” che possono essere la base per la definizione di strategie gestionali della vegetazione che puntino a creare corridoi con grado di intervento antropico differenziato a seconda della vicinanza o meno all’alveo attivo. Le “Fasce di Gestione Fluviale” ottenute dal punto di vista teorico nella realtà si possono tradurre in fasce di territorio all’interno delle quali il fiume è lasciato libero di assecondare le proprie tendenze evolutive ed in particolare la tendenza alla migrazione laterale senza intervenire con opere idrauliche di difesa dalle erosioni di sponda. Si è cercato infine di definire una serie di linee guida per lo sviluppo di piani di gestione fluviale in grado da un lato di produrre risultati duraturi nel tempo e dall’altro di coniugare le esigenze di sicurezza idraulica del territorio con la tutela e la protezione degli ecosistemi fluviali così come imposto dalla normativa europea sulle acque 2000/60/CE. L’analisi ha messo in luce le modificazioni sostanziali che sono avvenuto nell’intervallo di tempo analizzato. I risultati indicano una forte tendenza alla riduzione dell’alveo attivo a cui si accompagnano temporanee fasi di espansione conseguenti ad eventi di piena con tempi di ritorno superiori a 10-15 anni. Tuttavia queste fasi di
espansione non sono riuscite ad invertire il trend di riduzione dell’alveo attivo verificatosi nel periodo analizzato. La configurazione morfologica è passata da tipologie predominanti a canali intrecciati (braided), ancora dominanti negli anni sessanta, a tipologie pseudomeandriformi (wandering) divenute dominanti a partire dagli anni novanta. La fase di espansione dell’alveo attivo degli ultimi dieci anni sta portando ad un ritorno alla morfologia a canali intrecciati (braided) alla quale è associata una conseguente erosione delle superfici vegetate che nel tempo si sono sviluppate ai margini dell’alveo attivo. Questa nuova fase di espansione sta facendo assumere alla vegetazione e al legname in alveo nel tratto di studio un’importanza geomorfologica ed idraulica sempre maggiore Ladinamica delle isole fluviali è risultata fortemente correlata al verificarsi di eventi di piena aventi tempi di ritorno superiori a 10-15 anni, gli unici in grado di determinare una sostanziale riduzione delle superfici occupate dalle isole.

Abstract (italiano)

The present research aims to define the timing and the extent of the morphological changes occurred in a large gravel bed river, the Piave River in the “Vallone Bellunese”
(Eastern Italian Alps) that was heavily impacted by human activities (training structures, hydropower schemes, and gravel mining) and to develop innovative strategies and tools for river management. The Piave River basin (drainage area 3899 km2) lies in the eastern Italian Alps, and the main channel flows south for 220 km from its headwaters (at ~2000 m asl near the Italy–Austria border) to the outlet in the Adriatic Sea NE of Venice. The study rich is 13,5 km long and is located between Soverzene and Belluno in the intermediate course of river within the mountain district. The morphology of the river in the study reach is dominated by braided and wandering channel patterns, but narrower reaches display an alternate bars channel pattern.
To achieve the aims of the research the analysis was divided into two phases, in the first phase we collected data about recent and historical morphological evolution (historical
maps, aerial photos, topographic surveys and historical photos) and produced thematic maps, in the second phase we produced maps and guidelines useful for river and fluvial
corridor management. In the first phase planform changes of river features and bed planform were analyzed on six aerial photos (1960, 1970, 1991, 2000, 2003 and 2006). Aerial photos of 2006, produced by flight specially commissioned by TESAF department, were rectified and coregistered to a common mapping base at 1:5000 by GIS software (Esri ArcGIS 9.1). Significant planform features were digitized on rectified photos in order to derive planform characteristics for each image. Aerial photos of six years analized allowed the
identification of these classes: unvegetated active channel, islands with arboreal vegetation, islands with shrubby vegetation, arboreal marginal vegetation, shrubby marginal
vegetation, and herbaceous marginal vegetation. Furthermore, three additional classes related to human use of the river corridor were adopted: urban areas, cultivated areas, and gravel mines. The aerial photos of 2006 were also used to distinguish morphological units of the active channel: main channel, secondary channel, lateral low bar, longitudinal low bar, lateral high bar, longitudinal high bar, backwater channel, islands with arboreal vegetation and islands with shrubby vegetation, The objectives of this first phase are to quantify morphological changes in bed planform, to quantify the variation of vegetation cover, with particular emphasis on islands dynamics and to identify the driving factors of channel evolution and vegetation cover changes and thus to envisage the most likely future trends. In the second phase of analysis we produced maps and guidelines useful for river
and fluvial corridor management. We analyzed the changes in bed planform due to the occurance of two flood events in 1966 and 2002. The flood event occurred in 1966, with an
estimated peak discharge of ~ 3300 m3/s-1 and a RI = ~200 years, is the largest flood event of the twentieth century. The flood event occurred in 2002 with a RI = ~12 years is a
more frequent flood event but that had a relevant impact on river morphology. Then we produced a series of maps, starting from the concepts of river corridor and streamway,
wich aim to describe and quantify natural processes occurring within the fluvial corridor, such as bank erosion and wood input. The analysis of the historical maps and aerial photographs shows that substantial changes took place in the Piave River within the investigated time interval. The results indicates a marked tendency to the reduction in the active channel, but associated to the main flood events (RI > about 10-15 yr) an increase in the active corridor extensions is apparent. As to the morphological pattern of the entire study reach, this shifted from braided (still dominant until the 1960s) to single thread/wandering in the 1990s. The
expansion phase of the last decade is associated with a general recovery of at least a wandering style, with occasional braiding morphology. Reduction of active channel has led
a subsequent expansion of the portion of river corridor covered by vegetation. Similarly, the increase in active channel area that took place between 1991 and 2003 occurred mostly at the expense of vegetated areas located at the channel margins. The island dynamics were found to be strictly associated to the occurrence of major floods (RI >10–15 years), which are the only ones able to determine substantial island erosion.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Lenzi, Mario Aristide
Correlatore:Comiti, Francesco - Visalli, Irma
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > TERRITORIO, AMBIENTE, RISORSE E SALUTE > IDRONOMIA AMBIENTALE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:23 Gennaio 2011
Parole chiave (italiano / inglese):morfologia fluviale, impatti antropici, dinamica isole fluviali, fiume Piave, vegetazione perifluviale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/08 Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali
Codice ID:3360
Depositato il:19 Lug 2011 17:06
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Billi P. (1994): Morfologia dei corsi d’acqua, Verde Ambiente, 5, 61-70 Cerca con Google

Billi P. e Rinaldi M. (1997). Human impact on sediment yield and channel dinamics in the Arno river basin (central Italy). Human impact on erosion and sedimentation, Proceedings Cerca con Google

of Rabat Symposium, IAHS Publication 245: 310-311 Cerca con Google

Brandt S.A. (2000). Classification of geomorphical effects downstream of dams. Catena 40: 375-401. Cerca con Google

Bravard J.P., Kondolf G.M., Piegay H. (1999). Environmental and societal effects of channel incision and remedial strategies. In Incised River Channel: Processes, Forms, Cerca con Google

Engineering and Management, Darby SE, Simon A (eds). Wiley New York: 303-341 Cerca con Google

Bravard, J.P. (1989). La metamorphose des rivieres des Alpes francaises a la fin du Moyen-Age et a l'epoque moderne. Bulletin de la Societè Geographie de Liege 25, 145–157. Cerca con Google

Brookes, A. & Shields, F.D.Jr. (Eds.) (1996). River Channel Restoration. Guiding Principles for Sustainable Projects. John Wiley & Sons, 433 pp. Cerca con Google

Church M. (1992). Channel morphology and typology. In The Rivers Handbook, Vol. 1 (Eds P. Calow & G.E. Petts) Blackwell, London. Cerca con Google

Comiti F., Da Canal M., Surian N., Mao L., Picco L., Lenzi M.A. (2011). Channel adyustments and vegetation cover dynamics in a large gravel bed river over the last 200 years. Geomorphology 125, 147-159. Cerca con Google

D’Alpaos L. e Dal Prà A. (1996). Studio per la definizione dei vincoli e degli aspetti critici sia idraulici che naturalistici, riguardanti le escavazioni potenziali dall’alveo del Fiume Piave. Cerca con Google

Da Canal M. (2006). Studio delle variazioni morfologiche del fiume Piave nel Vallone Bellunese durante gli ultimi duecento anni. Tesi del Corso di laurea Specialistica in Scienze Forestali ed Ambientali. Cerca con Google

Da Canal M., Comiti F., Surian N., Mao L., Lenzi M.A., 2007. Studio delle variazioni morfologiche del F. Piave nel Vallone Bellunese durante gli ultimi 200 anni. Quaderni di Cerca con Google

Idronomia Montana 27, 259-271. Cerca con Google

Da Canal, M., Comiti, F., Surian, N., Mao, L., Lenzi, M.A. (2007). Studio delle variazioni morfologiche del F. Piave nel Vallone Bellunese durante gli ultimi 200 anni.Quaderni di Idronomia Montana 27, 259–271. Cerca con Google

Dal Paos L. (2000). Acque di superficie, acque del sottosuolo. In: Il Piave, Cierre Edizioni, 102-113. Cerca con Google

Dalla Fontana G., Marchi L., Cravello F. (2003). Studio multitemporale sulla vegetazione del Fiume Piave tra Belluno e Fener. In : Genio rurale – Estimo e territorio, anno LXVI – n. 3 2003 Cerca con Google

Downs P.W. e Gregory K.J. (2004). River Channel Management. Towards Suitanable Catchment Hydrosystems. Arnold London, 395 pp. Cerca con Google

Dutto F e Maraga F. (1994). Variazioni idrografiche e condizionamento antropico. Esempi in pianura padana. Il Quaternario 7: 381-390. Cerca con Google

Dutto F. (1995): Tendenza evolutiva dei corsi d’acqua e definizione delle fasce di pertinenza fluviale, in U. Maione e A. Brath (Eds.), Moderni criteri di sistemazione degli alvei fluviali, Bios, Cosenza,199-222 Cerca con Google

Edwards PJ, Kollmann J, Gurnell A.M. (1999). A conceptual model of vegetation dynamics on gravel bars of a large Alpine river. Wetlands Ecol Manage 7: 141–53. Cerca con Google

Garcia-Ruiz, J.M., White, S.M., Lasanta, T., Marti, C., Gonzalez, C., Errea, M.P., Valero, B., Ortigosa, L. (1997). Assessing the effects of land-use changes on sediment Cerca con Google

yield and channel dynamics in the central Spanish Pyrenees. In: Walling, D.E., Prost, J.L. (Eds.), Human Impact on Erosion and Sedimentation. Proceedings of Rabat Symposium Cerca con Google

S6. IAHS Press, Institute of Hydrology, Wallingford, UK, pp. 151–158. Cerca con Google

Ghetti A., Berti L., Scardellato E. (1970). Studio per la sistemazione del Piave a difesa delle piene. Treviso. Cerca con Google

Govi M., Turrito O. (1994): Problemi di riconoscimento delle fasce di pertinenza fluviale, IV convegno internazionale di Geoingegneria, Difesa e valorizzazione del suolo e degli Cerca con Google

acquiferi, Torino, 161-172 Cerca con Google

Gurnell A., Tockner, K., Edwards P., Petts, G. (2005). “Effects of deposited wood on bicomplexity of river corridors”. Front Ecol Environ. 3 (7): 377-382. Cerca con Google

Gurnell A.M., Petts G.E. (2002). Island-dominated landscapes of large floodplain rivers, a European perspective. Freshwater Biology 47: 581-600. Cerca con Google

Gurnell AM, Petts GE, Hannah DM, Smith BPG, Edwards PJ, Kollmann J, Ward JV,Tockner K. (2001). Riparian vegetation and island formation along the gravel-bed Fiume Tagliamento, Italy. Earth Surface Processes and Landforms 26: 31– 62. Cerca con Google

Gurnell, A.M., Surian, N., Zanoni, L. (2009). Multi-thread river channels: a perspective on changing European Alpine river systems. Aquatic Sciences 71, 253–265. Cerca con Google

Kondolf G.M. (1994). Geomorphic and environmental effects of instream gravel mining. Landscape and Urban Planning 28: 225-243 Cerca con Google

Kondolf G.M. (1997). Hungry water: effects of dams and gravel mining on river channel. Environmental Management 21(4): 533-551 Cerca con Google

Kondolf, G.M., Piégay, H., Landon, N. (2007). Changes in the riparian zone of the lower Eygues River, France, since 1830. Landscape Ecology 22, 367–384. Cerca con Google

Lazzarini A. (1991). Il dibattito sul diboscamento montano nel Veneto tra sette e ottocento. In: Diboscamento montano e politiche territoriali. FrancoAngeli Editore, 57-97. Cerca con Google

Lenzi M. A. (1998) Criteri di classificazione dei sistemi fluviali. Quaderni del Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali, Università di Padova, 50, 31 pp Cerca con Google

Leopold L.B., Wolman M.G., Miller J.P. (1964). Fluvial processes in Geomorphology. Freeman: San Francisco. Cerca con Google

Liébault, F., Piégay, H. (2002). Causes of 20th century channel narrowing in mountain and piedmont rivers of southeastern France. Earth Surface Processes and Landforms 27, 425–444. Cerca con Google

Malavoi J.R., Bravard J.P., Piegay H., Heroin E., Ramez P. (1998). Determination de l’espace de liberte des cours d’eau. Bassin Rhone Mediterranee Corse, Guide Technique Cerca con Google

N°2, 39 pp. Cerca con Google

Mayer H. (1974), Walder des Ostalpenraumes. Gustav Fischer Verlag, Stuttgard. Cerca con Google

Olson C.E. Jr (1960). Elements of photographic interpretation common to several sensor. Photogrammetric Engineering, 24/6: 651-656 Cerca con Google

Paiero P. (1991) Interventi per il recupero e la conservazione dei boschi rivieraschi. Rassegna tecnica del Friuli Venezia Giulia, 42, 6: 31 - 34 Cerca con Google

Paiero P. (2005). La vegetazione rivierasca alpine. In D’Agostino V. & Carraro V. (eds). Conoscere il sistema fiume in ambiente alpino, Pubblicazione del Corso di Cultura in Cerca con Google

Ecologia, Atti del 41.mo corso, Università degli studi di Padova: 28-45 Cerca con Google

Pellegrini G.B. (1994). L’evoluzione geomorfologia del Vallone Bellunese nel Tardiglaciale wurmiano e nell’Olocene antico. In Aa. Vv., Sepolture preistoriche nelle Dolomiti e primi insediamenti storici, Atti del convegno, Fondazione Angelini (19 settembre 1992), Belluno 1994, pp. 29-57. Cerca con Google

Pellegrini, M., Perego, S., Tagliavini, S., Toni, G. (1979). La situazione morfologica degli alvei dei corsi d'acqua emiliano-romagnoli: stato di fatto, cause ed effetti. Proc. Conf. Cerca con Google

“La programmazione per la difesa attiva del suolo e la tutela delle sue risorse: I piani di bacino idrografico”, 28–29 June, Modena, Italy, pp. 169–195. Cerca con Google

Pettit NE e Naiman PJ. (2005). Flood deposited wood debris and its contribution to heterogeneity and regeneration in a semi-arid riparian landscape. Oecologia, 145, 434-444. Cerca con Google

Rinaldi M, Dapporto M, Luppi L. (2005). Recenti sviluppi nella modellazione dell’arretramento di sponde fluviali. Giornale di Geologia Applicata 2 (2005) 189–195 Cerca con Google

Rinaldi M. (2003). Recent channel adjustements in alluvial rivers of Tuscany, Central Italy. Earth Surface Processes and Landforms, 28 (6) 587-608. Cerca con Google

Rinaldi M. e Surian N. (2005). Variazioni morfologiche ed instabilità di alvei fluviali: metodi ed attuali conoscenze sui fiumi italiani. In: M. Brunelli & P. Farabollini ( Eds), Cerca con Google

Dinamica fluviale, atti Giornate di studio sulla dinamica fluviale, Grottamare, Giugno 2002, Ordine dei geologi delle Marche, 203-238. Cerca con Google

Rinaldi M., Surian N., Comiti F., Bussettini M. (2010). Sistema di Valutazione Morfologica dei corsi d’acqua. Manuale tecnico-operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello stato morfologico dei corsi d’acqua.Versione 0, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Roma Cerca con Google

Sear D.A., Newson M.D. & Thorne C.R. (2003). Guidebook of applied Fluvial Geomerphology. Cerca con Google

Siligardi et al. (2007). IFF2007, Indice di Funzionalità Fluviale. Nuova versione del metodo revisionata e aggiornata. Manuale APAT 2007. Cerca con Google

Surian N. e Rinaldi M. (2004). Channel adjustements in reponse to human alteration of sediment fluxes: examples from Italian rivers. In: Sediment transfer through the fluvial Cerca con Google

system, Procedings Symposium held in Moscow, August 2004, IAHS Publ. 288: 276-282 Cerca con Google

Surian N. (1995). I terrazzi fluviali del Vallone Bellunese (Alpi Venete). Tesi di dottorato, Università di Padova,1995. Cerca con Google

Surian N. (1998). Studio finalizzato alla definizione geomorfologica della fascia di pertinenza fluviale del Fiume Piave tra Perarolo e Falzè e del torrente Cordevole tra Mas e Cerca con Google

Santa Giustina. Autorità di bacino dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione. Studi finalizzati alla redazione del piano di bacino del Fiume Piave, 38 pp. più appendici e cartografia. Cerca con Google

Surian N. (1999). Channel changes due to river regulation: the case of the Piave River, Italy. Earth Surface Processes and Landforms 24: 1135-1151 Cerca con Google

Surian N. (2006). Effects of human impact on braided river morphology: examples from northern Italy. In: Sambrook Smith G. H., Best J. L., Bristow C. & Petts, G. E. (eds.), Cerca con Google

Braided Rivers, IAS Special Pubblication 36, Blackwell Science, 337-338. Cerca con Google

Surian N., Ziliani L., Comiti F., Lenzi M. A., Mao L. (2009). Channel adjustment and alteration of sediment fluxes in gravel-bed river of north-eastern Italy: potentials and Cerca con Google

limitations for channel recovery. River Res. Applic. 25: 551-567 Cerca con Google

Surian, N., Rinaldi, M., Pellegrini, L., Audisio, C., Maraga, F., Teruggi, L., Turitto, O., Ziliani, L. (2009a). Channel adjustments in northern and central Italy over the last 200 Cerca con Google

years. In: James, L.A., Rathburn, S.L., Whittecar, G.R. (Eds.), Management and Restoration of Fluvial Systems with Broad Historical Changes and Human Impacts: Cerca con Google

Geological Society of America Special Paper, 451, pp. 83–95. Cerca con Google

Tonini M. (1968). Elaborazioni dei dati idrologici del Bacino del fiume Piave. L’energia elettrica N.2 1968 Cerca con Google

Walling, D.E., Owens, P.N. & Leeks, G.J.L. (1999). Fingerprinting suspended sediment sources in the catchment of the River Ouse, Yorkshire, UK. Hydrological Processes, 13, 955-975. Cerca con Google

Williams G.P. e Wolman M.G. (1984). Downstream effects of dams on alluvial rivers. US Geological Survey Professional Paper 1286 Cerca con Google

Wolman M.G. e Miller J.P. (1960). Magnitude and frequency of forces in geomorphic processes. Journal of geology 68: 54-74. Cerca con Google

Wyzga, B. (1993). River response to channel regulation: case study of the Raba River, Carpathians, Poland. Earth Surface Processes and Landforms 18, 541–556. Cerca con Google

Wyzga, B. (2008). A review on channel incision in the Polish Carpathian rivers during the 20th century. In: Habersack, H.M., Piégay, H., Rinaldi, M. (Eds.), Gravel-bed Rivers VI: Cerca con Google

From Processes Understanding to River Restoration. : Developments in Earth Surface Processes, 11. Elsevier, Amsterdam, The Netherlands, pp. 525–555. Cerca con Google

Zanoni L., Gurnell A., Drake N., Surian N. (2008). Island dynamics in a braided river from analysis of historical maps and air photographs. River. Res. Applic. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record