Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Cestaro, Margherita (2011) "MEDIAZIONE". Cifra di una teoresi pedagogico-interculturale e di una prassi educativo-formativa in contesti plurali. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione accettata
3672Kb

Abstract (inglese)

Within the current glocal, fluid, complex and plural context, the ability to interweave positive and constructive relationships with and between the differences has been increasingly shown in terms of a human need. At the same time, it considered as a goal of coexistence and democratic participation, characterizing the several multicultural local territories.
According to the pedagogical framework, the research aimed at exploring whether, how and what level intercultural mediation practices are achieved within the educational context. In fact, school is the place which, because of its own educational right-duty, represents a daily place where different people, also culturally different, meets and each other.
The goal was to highlight whether and how intercultural mediation professional skills are promoted in training activities for teachers.
The work started dealing with the issue of the "semantic ambiguity" carried by the expressions "linguistic and/or cultural mediation" and "intercultural mediation" and that is present in the intercultural literature, documents, and national and European legislation, and within the school context.
After exploring the theoretical framework, the research delved into the concept of mediation according to its ethical and philosophical meaning, the conflict management approach and the educational and intercultural pedagogical perspective. Hence, the "places" of the educational intercultural mediation were identified following three typical existential lines of the pedagogical discourse: the anthropological, the ethical, the social-cultural ones.
The empirical work was designed as an "decision-oriented empirical research", following a qualitative approach, pertaining to an interpretative paradigm. Once a network of schools for intercultural education was identified as field of investigation, (18 schools of 7 municipalities), data were collected in three complementary phases:
1) the monitoring of non-Italian students belonging to the 18 schools;
2) the semi-structured interviewing of 16 privileged witnesses (as referring teachers and/or teachers in care of intercultural education programs);
3) the carrying out of 21 narrative focused interviews, addressed to teachers and school staff of school involved in the project.

The results underline that the intercultural mediation belongs to teacher-educator's duties. In particular, it is shown that the concept and the practices related to intercultural mediation do not only concern the management of conflicts usually caused by the ambiguity and/or poor knowledge which they culturally belong to.
The educator is indeed required to be able to mange both cognitive and social-affective processes characterizing the relationships that each person involved in the interaction lives with the difference that he/she perceives, at the same time, outside and inside him/herself.

Abstract (italiano)

Negli attuali contesti glocali, liquidi, complessi e plurali, la capacità  di intessere relazioni positive e costruttive con e tra le differenze si presenta sempre più nei termini di un bisogno umano e, nel contempo, di un obiettivo di convivenza e di partecipazione democratica, caratterizzanti i molteplici territori locali di fatto multiculturali.
La ricerca ha inteso esplorare, in chiave pedagogica, se, come e in che grado si realizzino effettive pratiche di mediazione interculturale all'interno di quel contesto educativo che, per motivi di diritto-dovere di istruzione e formazione, è luogo quotidiano di incontro-scontro tra differenti anche per cultura: la scuola.
Lo scopo è stato quello di evidenziare se e come, a livello formativo, sia importante intervenire per promuovere, negli insegnanti-educatori, competenze professionali nella mediazione interculturale.
Il problema dal quale il lavoro ha preso avvio dall' "ambiguità semantica" nell'uso delle espressioni "mediazione linguistica e/o culturale" e "mediazione interculturale", rinvenibile nella letteratura interculturale, nei documenti e nella normativa nazionale e europea, e all'nterno del contesto scolastico.
Dopo aver esplorato, dal punto di vista teorico, il concetto di mediazione così come esso si declina sul piano etico-filosofico, degli studi sulla gestione del conflitto, della scienza pedagogica, dell'educazione e dell'intercultura, si sono individuati i "luoghi" propri di una mediazione educativo interculturale nelle tre direttrici esistenziali tipiche del discorso pedagogico: quella antropologica, quella etico-valoriale, quella sociale e culturale.
Strutturandosi come una "ricerca empirica orientata alle decisioni", il lavoro ha seguito una strategia di tipo qualitativo, afferente a un paradigma interpretativo. Individuata come campo di indagine una Rete scolastica per l'intercultura, comprensiva di 18 realtà  scolastiche, distribuite in 7 Comuni, la raccolta dei dati si è articolata in tre fasi successive e complementari: il monitoraggio degli alunni non italiani presenti nelle scuole della rete scolastica, lo svolgimento di 16 interviste semi-strutturate, rivolte a testimoni privilegiati (insegnanti referenti e/o figure strumentali per l'intercultura della Rete), la realizzazione di 21 interviste narrative focalizzate, rivolte ad alcuni insegnanti e operatori scolastici delle scuole comprese nella Rete.
Nel ribadire come la mediazione interculturale sia una funzione propria dell'insegnante-educatore, la ricerca ha permesso di evidenziare, in particolare, come il concetto e le pratiche a essa legate non si esauriscano unicamente nell'ambito della gestione dei conflitti, generati dall'ambiguità  e/o non conoscenza delle rispettive cornici culturali, ma richiedano anche - e soprattutto - all'educatore, competenze utili a gestire i processi che, a livello cognitivo e socio-affettivo, caratterizzano le relazioni che ciascuna delle persone coinvolte nell'interazione vive con quella differenza che percepisce, ad un tempo, fuori e dentro di sé

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Milan, Giuseppe
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > SCIENZE PEDAGOGICHE, DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:27 Gennaio 2011
Parole chiave (italiano / inglese):Mediazione, Intercultura, Educazione, Relazione; Mediation, Intercultural perspective, Education, Relationship
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PED/01 Pedagogia generale e sociale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Scienze dell'Educazione
Codice ID:3552
Depositato il:14 Lug 2011 10:59
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Abdallah-Pretceille M. (2003), Former et éduquer en contexte hétérogène. Pour un humanisme du divers, Paris, Athropos. Cerca con Google

Abdallah-Pretceille M. (2005), L’education interculturelle, Paris, Presses Universitaires de France, (1999). Cerca con Google

AA.VV. (1992), Pedagogia interculturale. Problemi e concetti, Brescia, La Scuola. Cerca con Google

Buber M. (1990), Il cammino dell’uomo, Comunità di Bose, (BI), Edizioni Qiqajon. Cerca con Google

Buber M. (1993), Il Principio dialogico e altri saggi, Cinisello Balsamo (Milano), San Paolo. Cerca con Google

Catarci M., Fiorucci M., Santarone D. (a cura di) (2009), In forma mediata. Saggi sulla mediazione interculturale, Milano, Unicopli. Cerca con Google

Gobbo F. (a cura di) (2008a), L’educazione al tempo dell’intercultura, Roma, Carocci Cerca con Google

Demetrio D., Favaro G. (2002), Didattica interculturale. Nuovi sguardi, competenze, percorsi, Milano, Franco Angeli. Cerca con Google

Demetrio D., Favaro G. (1997), Bambini stranieri a scuola. Accoglienza e didattica interculturale nella scuola dell’infanzia e nella scuola elementare, Firenze, La Nuova Italia. Cerca con Google

Demetrio D., Favaro G. (1992), Immigrazione e pedagogia interculturale. Bambini, adulti, comunità nel percorso di integrazione, Firenze, La Nuova Italia. Cerca con Google

Gundara J. S. (2000), Interculturalism, Education, Inclusion, London, Paul Chapman Pubblishing. Cerca con Google

Lévinas E., Marcel G., Ricoeur P. (2008), Il pensiero dell’altro, Roma, EdizioniLavoro. Cerca con Google

Lévinas E. (1990), Totalità e Infinito, Milano, Jaca Book. Cerca con Google

Luatti L. (a cura di) (2006), Atlante della mediazione linguistico culturale. Nuove mappe per la professione di mediatore, Milano, FrancoAngeli. Cerca con Google

Milan G. (2002a), La dimensione “tra”, fondamento pedagogico dell’interculturalità, Padova, Cleup. Cerca con Google

Portera A. (2006), Globalizzazione e pedagogia interculturale. Interventi nella scuola, Trento, Erickson. Cerca con Google

Portera A. (a cura di) (2005), Gestione dei conflitti e mediazione interculturale, Milano, FrancoAngeli. Cerca con Google

Ricoeur P. (2006), La persona, Brescia, Morcelliana. Cerca con Google

Ricoeur P. (1993), Il sé come un altro, Milano, Jaca Book. Cerca con Google

Tarozzi M. (1998), La mediazione educativa. “Mediatori culturali” tra uguaglianza e differenza, Bologna, Clueb Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record