Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Fonda, Aurora (2011) L'opera giovanile di Anton Zoran Mušič. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
3212Kb
[img]
Anteprima
Documento PDF
9Mb

Abstract (inglese)

This research is the result of a thorough investigation of a segment of the work of Zoran Mušič, precisely the period of his early work limited to the years 1931-1945, when the painter was still living in Slovenia.
A sharp line divides the works done by the artist before and after 1945, when, through the drawings of Dachau, makes a radical transformation of its pictorial style. For this reason the study of works created between 1931 and 1944 is a real discovery, Enhanced by the fact that the painter during his life, tried to keep hidden the works of this period.
An understandable decision, given the experience in the concentration camp at Dachau, the main cause of a general change of his work, a break that leads to a more essential representation of the reality in his paintings.
The works produced after 1945 have little or nothing in common with those now preserved mainly in the private and public collections in Slovenia. This particular location has led to a kind of oblivion to these paintings, and although in 2009, the centenary of the birth of the artist, Slovenian art historians and critics have tried to highlight, through exhibitions and publications, the importance of his debut, Mušič in the international art scene continues to be "born" in 1945.
To carry out this research was necessary to use two complementary ways of working.
A first course of study is related to the reconstruction of his work through the written documentation. The main sources are the numerous articles published in newspapers and magazines in Slovenia, which between 1935 and 1944 reported information on the exhibitions and art events. During the numerous events held in the capital city of Ljubljana and Maribor, critics and publicists have reviewed in detail the work of artists, expressing in some cases even a proper critical assessment. The articles are mostly in Slovenian. Some are in German, while it is smaller the number of articles in Italian, resulting mainly from the review of the exhibitions held in Trieste and Venice in 1944. Another group of documents consists of the small catalogues or simple sheets that accompanied the exhibitions. Descriptions of the works of art shown in magazines are therefore a source of information more reliable and complete. The research, in fact, is based largely on documents from journals held in libraries in Slovenia, particularly in the National University Library in Ljubljana.
The journals were also decisive for the configuration of the period of art history and to draw the line of development of the art criticism between the two wars. The period is limited by the time the young Mušič was in his decisive stage of its formation. The artist, in fact, lived during his youth, the different political and social changes, which devastate the country, but also assists the emancipation of a small nation, which, after the First World War, began gradually to have autonomy. In fact Slovenia, for centuries, was forced to suppress its culture under foreign rule.
The second part of the research consists on individual on cataloging the works made by the artist in those ten years. In this context, the photographic archive of the Modern Gallery in Ljubljana has been invaluable. Other works were discovered by the art-historian Gojko Zupan which. He started from the information found in the articles of the newspapers and reconstructed the various journeys made by the artist during his life. In this way he has managed to find the missing paintings. In some cases, his research was successful and the results were made explicit in the three exhibitions organized by Zala Gallery in Ljubljana.
Another exhibition, dedicated to the views of the city of Maribor, offered the opportunity to integrate new works of art and also to see them directly. This event, organized by the Art Gallery of Maribor, brought together twenty paintings mainly from private collections.
The exhibitions held in 2009, in Slovenia during the centenary of the birth of the artist represented a great opportunity to see works that otherwise I would have to see in many private collections.
Another group of works is located in three small churches near Gorizia in the villages of Drežnica, Grahovo and Gradno, which houses the frescoes and paintings that Mušič made with his friends Avgust Černigoj and Lojze Spacal in 1942. These works, although of mediocre, represent an unprecedented step in the career of the young artist. The works have never been the subject of careful study by the Slovenian critics. Therefore there is a lack of photographic documentation and critical approach. This explains why, I have personally made reproductions of the frescoes and paintings. And I have tried to identify carefully the hands of individual artists in fresco of Grahovo and Drežnica, by suggesting hypotheses.
Although the most of the works are preserved in Slovenia, some of them are also in Italian collections. The two exhibitions of 1944, one in Trieste and one in Venice, had given the artist the opportunity to sell some pieces, preserved now in private collections.
All documentation collected was then compared with the materials stored in the archive of the artist and also with the help of his wife Ida Cadorin Mušič. She knows in detail most of the important happenings of his life and works. The work been developed in two volumes. The first focused on the historical and artistic approach of the work of Zoran Mušič. While the second is presenting every singular work together with the technical data.


Abstract (italiano)

Questa ricerca è il risultato di un'accurata indagine di un segmento dell'opera del pittore sloveno Zoran Mušič, precisamente del periodo della sua produzione giovanile circoscritta agli anni 1931-1945, quando viveva ancora in Slovenia.
Una linea netta divide il lavoro svolto dall'artista prima e dopo il 1945, data in cui, attraverso i disegni di Dachau, apporta una trasformazione radicale al suo fare pittorico. Per questa ragione lo studio delle opere realizzate tra il 1931 e il 1944 si traduce in una scoperta, accresciuta dal fatto che il pittore, nel corso della sua vita, ha cercato di mantenere occultato questo periodo.
Una decisione comprensibile, se si considera l'esperienza vissuta nel campo di concentramento di Dachau, la principale causa di un generale cambiamento del suo fare artistico, una cesura che lo conduce verso un approccio più essenziale della realtà è rappresentata nelle sue tele.
Le opere realizzate dopo il 1945 hanno poco o nulla in comune con quelle oggi conservate principalmente nelle collezioni pubbliche e private slovene. Tale particolare ubicazione ha comportato una sorta di oblio nei confronti di tali pitture e, nonostante nel corso del 2009, centenario della nascita dell'artista, storici dell'arte e critici sloveni abbiano cercato di porre in rilievo, attraverso mostre e pubblicazioni, l'importanza dei suoi esordi, Mušič nel panorama artistico internazionale continua a 'nascere' nel 1945.
Per svolgere questa ricerca è stato necessario ricorrere a due metodologie di lavoro complementari. Un primo percorso di studio è legato alla ricostruzione della sua opera attraverso la documentazione scritta. Le principali fonti sono costituite dai numerosi articoli pubblicati nei quotidiani e nelle riviste slovene, che tra il 1935 e il 1944 hanno riportato dati e notizie sulle mostre allora in corso. In occasione delle numerose manifestazioni organizzate nella capitale Lubiana e nella città  di Maribor, critici e pubblicisti hanno recensito dettagliatamente il lavoro degli artisti, esprimendo in certi casi anche un appropriato giudizio critico.
I testi sono per la maggior parte in lingua slovena. Alcuni sono in lingua tedesca mentre è più ristretto invece il numero di articoli in italiano, legati principalmente alle esposizioni tenutesi a Trieste e a Venezia nel 1944. Un ulteriore nucleo di documenti è costituito dai piccoli cataloghi o dai semplici fogli di sala che accompagnavano le mostre organizzate nel decennio in questione. Le descrizioni degli articoli riportati nei periodici rappresentano pertanto una fonte di informazioni più attendibile e completa. La ricerca, infatti, si fonda in gran parte su documenti provenienti dai giornali conservati nelle biblioteche slovene, particolarmente nella Biblioteca Nazionale Universitaria di Lubiana.
I periodici sono stati decisivi anche per la configurazione dell'epoca storico-artistica e per poter tracciare la linea di sviluppo della critica artistica tra le due guerre. Il periodo è circoscritto all'epoca in cui il giovane Mušič è nella fase determinante della sua formazione. L'artista, infatti, vive nel corso della sua giovinezza i diversi cambiamenti, di ordine politico e sociale, che sconvolgono il paese, ma soprattutto assiste all'emancipazione di una piccola nazione, che, dopo la prima guerra mondiale, incomincia progressivamente ad avere una sua autonomia. poiché per secoli la Slovenia è stata costretta a reprimere la propria cultura sotto il dominio straniero.
Il secondo nucleo di ricerca è costituito dalle schede relative alle singole opere realizzate dall'artista nei suddetti dieci anni del suo percorso critico. In questo ambito, l'archivio fotografico della Galleria d'Arte Moderna di Lubiana è stato estremamente prezioso. Altre opere sono state scoperte dallo studioso Gojko Zupan il quale, partendo proprio dalle testimonianze dei giornali e dalla ricostruzione dei vari spostamenti effettuati dall'artista nel corso della sua vita, ha cercato di rintracciare i dipinti mancanti all'appello. In alcuni casi, la sua ricerca è stata fortunata e la testimonianza di questi risultati si rende esplicita nelle tre mostre organizzate dalla Galleria Zala di Lubiana.
Un'altra esposizione, dedicata alle vedute cittadine, ha consentito di integrare nuove schede e di verificare direttamente lavori specifici. Si tratta della manifestazione organizzata dalla Galleria d'Arte di Maribor, la quale riuniva una ventina di tele provenienti principalmente da collezioni private.
Le mostre organizzate in Slovenia nel corso del centenario della nascita dell'artista hanno rappresentato una grande opportunità per vedere riunite opere che altrimenti avrei dovuto recuperare singolarmente tra i numerosi collezionisti privati.
Un altro gruppo di lavori è ubicato in tre piccole chiesette del Collio, a Drežnica, Grahovo e Gradno, dove sono conservati gli affreschi e le tele che Mušič realizza assieme all'amico Avgust Černigoj e Lojze Spacal nel 1942. Questi lavori, pur essendo delle esecuzioni mediocri, rappresentano comunque una tappa inedita della carriera pittorica del giovane artista. Le opere non sono state mai oggetto di uno studio accurato da parte della critica slovena e non esiste pertanto una documentazione fotografica e tanto meno critica. Ciò spiega perché, oltre ad aver realizzato personalmente le riproduzioni degli affreschi e delle tele, ho cercato di identificare con attenzione le singole mani degli artisti nelle esecuzioni ad affresco di Grahovo e Drežnica, suggerendo delle ipotesi.
Pur essendo il cardine dei lavori conservato in Slovenia, alcuni di essi si trovano anche in Italia. Le due mostre del 1944, una a Trieste e l'altra a Venezia, avevano dato all'artista l'opportunità di vendere dei pezzi, conservati ora in collezioni private.
Tutta la documentazione raccolta è stata poi confrontata con i materiali conservati nell'archivio dell'artista e con la testimonianza della moglie Ida Cadorin Mušič. Il lavoro è stato sviluppato in due volumi. Il primo incentrato sull'analisi storico artistica, mentre il secondo sulle opere e le rispettive schede tecniche.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Dal Canton, Giuseppina
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:27 Gennaio 2011
Informazioni aggiuntive:La tesi è in due volumi, il primo di 347 pagine ed il secondo di 235 pagine.
Parole chiave (italiano / inglese):Zoran Mušič Zoran Music
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/03 Storia dell'arte contemporanea
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica
Codice ID:3601
Depositato il:20 Lug 2011 12:59
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record