Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Del Prete, F (2011) Processi che sottendono alla creazione dei falsi ricordi. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
478Kb

Abstract (inglese)

In the Deese–Roediger–McDermott (DRM) paradigm, subjects study lists of words that are designed to elicit the recall of an associatively related critical item. Using this paradigm, we conducted five different experiments. The first one investigated the relationship between false memories and warning. Warning refers to the opportunity to inform participants about the effect of false memories in this paradigm. We used this kind of warning with young adults and with children and results shown that the warning cannot help young adults to reduce false memories. However, we found a interesting and counterintuitive effect on children: in younger children, the warning increased the probability to produce a false memory. The second experiment aimed at finding a confirmation of these results. Here, we used a stronger warning with younger children. Results confirmed what we found in the first experiment: adults produced the same rates of false memories, regardless of whether the warning was presented. Younger children produced more false memories in the stronger warning condition. Our interpretation is that the warning in young children acts as a gist-cue, increasing the likelihood of false memory. In the third experiment we used the association between mental images and DRM paradigm, and we found that the association of a different mental image to any word of DRM study list, reduces the false memory phenomenon. We found a confirmation of this result in the fourth experiment, where we used three experimental conditions of association: mental image, perceptual and pleasantness. Results showed that any kind of association can reduce the false memories at the same rate. In the last experiment, we measured the reaction times in a DRM recognition test, in order to find an index that can discriminate between true and false memories. Results supported our hypothesis, as we found longer reaction times on critical lures than on hits and filler items. Taken together, all results would show that the activation is an automatic and unavoidable process, but only in the semantic condition. Conversely, in the episodic condition (i.e. mental images association) the activation is weak, and it can reduce the false memory phenomenon.

Abstract (italiano)

Da quando la psicologia cognitiva ha cominciato ad interessarsi della memoria, procedendo con paradigmi sperimentali rigorosi, ha più volte dimostrato la fallibilità della memoria stessa e la sua capacità di riunire elementi provenienti da contesti diversi in un solo ricordo, rendendoli perfettamente coerenti. Il fenomeno di ricordare cose che non sono accadute o di ricordarle diversamente da come sono accadute, è detto falso ricordo (Roediger e McDermott, 1995). Tra i molteplici paradigmi per indurre e studiare il falso ricordo in ambito sperimentale, uno dei più usati è il paradigma DRM (Deese, 1959; Roediger e McDermott, 1995). La procedura classica prevede una fase di codifica, dove viene somministrata ad un soggetto una lista di parole semanticamente relate ad un termine (esca critica) non presente nella lista stessa, e una fase di recupero, nella quale allo stesso soggetto viene presentata una lista di termini composta da tre tipi di parole: alcune effettivamente presentate durante la prima fase (definite hits), altre non presentate e senza alcun legame semantico con le prime (chiamati distrattori o filler), e infine la parola-esca (critical lure). L’evidenza sperimentale consiste nell’altissima probabilità con cui anche l’esca critica sia riconosciuta come presente nella lista ascoltata o letta nella prima fase. Il punto di partenza, che sta a rappresentare l’epistemologia di tutto il lavoro, e’ stato quello di provare a dimostrare se fosse possibile distinguere un falso ricordo da un ricordo veritiero. Attraverso diversi esperimenti si è provato a distinguere il ricordo falso e quello veritiero, sia in fase di formazione, cioè se è possibile evitare che il falso ricordo si formi, sia in fase di recupero, cercando almeno un indice che potesse distinguere un ricordo falso, una volta che questo si è formato, da uno vero. A tale scopo sono stati condotti vari esperimenti, che hanno seguito tre diversi filoni. Un primo filone è rappresentato dal tentativo di arginare il fenomeno del falso ricordo attraverso una codifica più profonda. Due diversi e sperimenti sono stati condotti chiedendo ai partecipanti di associare ad ogni parola della lista delle immagini mentali. Nel primo esperimento a 90 adulti (età media 21 anni) casualmente assegnati a 3 condizioni (immagini generiche, specifiche e controllo) venivano presentate 2 liste DRM di 18 parole ciascuna (per ogni lista, 3 esche critiche). Nella condizione immagini mentali i partecipanti dovevano formarsi per ogni parola un’immagine. In un esperimento successivo, per controllare che eventuali differenze non siano altrimenti spiegabili attraverso una più profonda elaborazione richiesta dalla codifica immaginativa, sono state introdotte due ulteriori condizioni: la codifica percettiva e un giudizio di piacevolezza. Dai risultati ottenuti emerge che la codifica immaginativa delle parole da ricordare, rispetto alla codifica percettiva e al giudizio di piacevolezza, non produce una riduzione nella produzione dei falsi ricordi. I dati presenti in letteratura, invece, mostrano che i tre tipi di codifica producono una riduzione del 60% circa nella produzione dei falsi ricordi rispetto ala paradigma tradizionale. Il secondo filone di ricerca prevedeva l’utilizzo di una tecnica già presente in letteratura chiamata warning, che consiste nell’avvisare il soggetto che la lettura delle liste di parole potrà portare alla formazione di un ricordo errato. Questa tecnica, che ha portato finora a risultati discordanti, parte dal presupposto che e’ possibile evitare la formazione di un falso ricordo, individuando una strategia efficace. Sono stati condotti due esperimenti utilizzando il warning, ed in entrambi si è voluto anche verificare se gli effetti di tale warning si manifestassero anche sui bambini. In particolare, nel secondo esperimento, oltre alla condizione di controllo (nessun warning) e alla condizione sperimentale (warning), era presente una terza condizione sperimentale in cui al warning era anche associato un esempio. Questi esperimenti, oltre a confermare un moderato effetto di riduzione dei falsi ricordi negli adulti, hanno mostrato un paradossale effetto di aumento dei falsi ricordi nei bambini, per i quali il warning sembrebbe fungere da gist-cue. La domanda che va posta è se un soggetto che riesce, previo warning, a non produrre un falso ricordo, possa essere considerato come un soggetto che non ha prodotto il falso ricordo anche senza aver ricevuto il warning. Nel primo caso infatti il soggetto potrebbe respingere l’esca critica non perché sicuro di non averla letta o sentita, ma perché l’ha individuata e etichettata come “non presente”. Infatti studi hanno dimostrato che il warning ha effetto solo su liste cosiddette “altamente identificabili”, cioè liste per le quali è facile risalire alla potenziale esca critica. Da questa osservazione prende spunto il terzo filone, costituito da un esperimento, dove sono stati misurati i tempi di reazione con cui i partecipanti discriminavano una parola effettivamente presente nelle liste (ricordo veritiero) con parole non presenti ma relate (falso ricordo). I risultati hanno mostrato che i falsi ricordi richiedono più tempo per essere elaborati, facendo quindi dei tempi di reazione un indice valido per la discriminazione tra un ricordo veritiero ed uno falso. L’insieme degli esperimenti e dei risultati ottenuti sembrerebbero fornire una prova della possibilità di discriminare tra i processi che portano alla formazione e al recupero di ricordi veritieri e ricordi falsi, sia in fase di codifica, pre-allertando il soggetto, sia in fase di recupero, dove un soggetto richiede più tempo prima di dire se una parola, non presente ma relata alla lista, ne faceva effettivamente parte.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Cornoldi, C
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > SCIENZE PSICOLOGICHE > PSICOLOGIA SPERIMENTALE
Data di deposito della tesi:NON SPECIFICATO
Anno di Pubblicazione:27 Gennaio 2011
Parole chiave (italiano / inglese):DRM, falsi ricordi
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PSI/01 Psicologia generale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Psicologia Generale
Codice ID:3629
Depositato il:20 Lug 2011 09:38
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Barca, L., Burani, C., & Arduino, L. S. (2001). Word naming times and norms for age of acquisition, frequency, familiarity, imageability, concreteness, and other variables for Italian nouns. GiornaleItaliano di Psicologia, 4, 839 – 854. Cerca con Google

Bartlett, F.C. (1932). Remembering. Cambridge University Press. Cerca con Google

Bertinetto Pier Marco, Burani Cristina, Laudanna Alessandro, Marconi Lucia, Ratti Daniela, Rolando Claudia, e Thorton Anna Maria. Corpus lessico di frequenza. Recuperato il 03/04/2007 da www.istc.cnr.it/material/database/colfis. Vai! Cerca con Google

Brandimonte M.A. (2004). Psicologia della memoria. Roma. Carocci. Cerca con Google

Capitani E, Laiacona M, Mahon B, Caramazza A (2003) What are the facts of semantic category specific deficits? A critical review of clinical evidence. Cognitive Neuropsychology, 20, 3/4/5/6, 213-261. Cerca con Google

Carmichael L. , Hogan H. P. , Walter A. A. (1932). An Experimental Study of the Effect of Language on the Reproduction of Visually perceived Forms. Journal of Experimental Psychology 15, 73-86 Cerca con Google

Carneiro, P., & Fernandez, A. (2010). Age differences in the rejection of false memories: The effects of giving warning instructions and slowing the presentation rate. Journal of Experimental Child Psychology, 105, 81-97. Cerca con Google

Ciaramelli, E., Ghetti, S., Frattarelli, M., &Ladavas, E. (2006). When true memory availability promotes false memory: Evidence from confabulating patients. Neuropsychologia, 44, 1866–1877. Cerca con Google

Deese J. (1959). On the prediction of occurrence of particular verbal intrusions in immediate recall. Journal of Experimental Psychology. 58, 17-22 Cerca con Google

Del Prete, F. (2007). Il ruolo del warning nel paradigma DRM . Tesi di laurea non pubblicata, Seconda Universita' degli Studi di Napoli, Caserta, Italia. Cerca con Google

Gallo, D. A. (2006). Associative Illusions of Memory: False Memory Research in DRM and Related Tasks. New York: Psychology Press. Cerca con Google

Gallo, D. A. & Roediger, H. L. III (2002). Variability among word lists in eliciting memory illusions: evidence for associative activation and monitoring. Journal of Memory and Language, 47, pp. 469-497. Cerca con Google

Gallo A. David, Roberts J. Meredith, Seamon G. John (1997). Remembering words not presented in lists: can avoid creating false memories? Psychonomic bulletin & review. 1997, 4 (2), 271-276 Cerca con Google

Garry, M., Manning, C.G., Loftus, E.F., & Sherman, S.J. (1996). Cerca con Google

Imagination inflation: imagining a childhood event inflates confidence that it occurred. Psychonomic Bullettin & Review, 3, 208-214. Cerca con Google

Holliday Robyn E., Weekes Brendan S., (2006) Dissociated developmental trajectories for semantic and phonological false memories. MEMORY, 2006, 14 (5), 624_636 Cerca con Google

Johnson, M.K. and Raye, C.L., 1981. Reality monitoring. Psychological Review 88, pp. 67–85 Cerca con Google

Johnson, M.K, Hashstroudy, S., Lindsay, (1993). Source monitoring. Psychological Bulletin , 114, 3-28 Cerca con Google

Lindsay, D.S., & Johnson, M.K. (2000). False memories and the source monitoring framework: Reply to Reyna and Lloyd (1997). Learning and Individual Differences, 12, 145-161 Cerca con Google

Kirkpatrick, E.A. (1894). An experimental study of memory. Psychological Review, 1, 602-609. Cerca con Google

Multhaup, K. S., Conner, C.A. (2002). The effects of considering nonlist sources on the. Deese-Roediger-McDermott memory illusion. Journal of Memory and Language, Volume 47, Number 2, August 2002, pp. 214-228(15). McDermott K. B., Watson J. M. (2001). The rise and fall of fals recall: The impact of presentation duration. Journal of Memory & Language, 45, 160-176. Cerca con Google

McDermott, K. B, Roediger III, H. L., (1998). Attempting to Avoid Illusory Memories: Robust False Recognition of Associates Persists under Conditions of Explicit Warnings and Immediate Testing. Journal of Memory and Language Volume 39, Issue 3, October 1998, Pages 508-520 Cerca con Google

Mitchell, K.J., & Johnson, M.K. (2009). Source monitoring 15 years later: What have we learned from fMRI about the neural mechanisms of source memory? Psychological Bulletin, 135, 638-677. Cerca con Google

Neuschatz S. Jeffrey, Benoit E. Gregory & Payne G. David (2003). Effective warnings in the DRM false memories paradigm: the role of identifiability. Journal of Experimental Psychology: learning, memory and cognition. 2003, Vol. 29, N. 1, 35-41 Cerca con Google

Paivio, A. (1971). Imagery and Verbal processes. New York: Holt, Rimhart & Winston. Cerca con Google

Paivio A. , Yuille J. C. , Madigan S. A. (1968). Concreteness, imagery and meaningfulness values for 925 nouns. Journal of Experimental Psycology monographs. 76, (1, pt.2) Cerca con Google

Pedon A. & Gnisci A. (2004). Metodologia della ricerca Psicologica. Bologna: Il Mulino Cerca con Google

Pollio, F. (2007). Il falso ricordo nei bambini: uno studio sperimentale [False memories in children: An experimentalstudy]. Tesi di laurea non pubblicata, Seconda Universita' degli Studi di Napoli, Caserta, Italia. Cerca con Google

Reyna, V. F., & Brainerd, C. J. (1995). Fuzzy-trace theory: An interim synthesis. Learning & Individual Differences, 7, 1-75. Roediger H. L., III, Balota D. A., Watson J. M. (2001). Spreading activation and arousal of false memories. In Roediger H. L., III, Nairne J. S. (Eds.), The nature of remembering: Essays in honor of Robert G. Crowder (pp. 95-115). Washington, DC: American Psychological Association. Cerca con Google

Roediger L. Henry III & McDermott Kathleen. (1995). Creating False Memories: remembering words not presented in lists. Journal of experimental psychology: learning, memory and cognition. Vol21, N.4, 803-814 Cerca con Google

Roediger L. Henry III, Watson M. Jason, McDermott Kathleen & Gallo A. David (2001). Factors that determine false recall: a multiple regression analysis. Psychonomic bulletin & review. 2001, 8 (3), 385-407 Cerca con Google

Sartori G. e Lombardi L., Semantic Relevance and Semantic Disorders. Journal of Cognitive Neuroscience 2004 Apr, 16(3): 439-452 Cerca con Google

Schacter Daniel L. (1996). Searching for memory. Cerca con Google

Edizione italiana: traduzione di Cristiana Mennella (2001) Torino: Giulio Einaudi Editore Cerca con Google

Schacter Daniel L. (2001). I sette peccati della memoria. Edizione italiana: traduzione di Cristiana Mennella (2002) Milano: Arnoldo Mondatori Editore Cerca con Google

Schacter, D.L., Cendan, D.L., Dodson, C.S., & Clifford, E.R. (2001). Retrieval conditions and false recognition: testing the distinctiveness heuristic. Psychological Bullettin & Review, 8, 827-833. Cerca con Google

Schacter, D.L., Israel, L., & Racine, C. (1999). Suppressing false recognition in younger and older adults: The distinctiveness heuristic. Journal of Memory and Language, 40, 1-24. Cerca con Google

Schacter, D.L., & Wiseman, A.L. (2006). Reducing memory errors: The distinctiveness Heuristic. In R.R. Hunt, & J.B. Worthen (Eds.), Distinctiveness and memory (pp. 89-107). Oxford, New York: Oxford University Press. Cerca con Google

Stadler Micheal A., Roediger L. Henry III & McDermott Kathleen. (1999). Norms for word lists that create false memories. Memory & cognition. 1999, 27(3), 494-500 Cerca con Google

Tulving, E. (1972). Episodic and semantic memory, In E. Tulving W. Donaldson (a cura di), Organization of Memory, (pp.381-403). New York, Academic Press. Cerca con Google

Tulving, E. (1985). Memory and consciousness. Canadian Psychology, 26, 1-12. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record