Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Gius, C. (2011) VOULTOURISM. La pratica di volontariato internazionale estivo fra viaggio, esperienza di sè e incontro con l'Altro. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF (Tesi di dottorato) - Versione sottomessa
Available under License Creative Commons Attribution No Derivatives.

1740Kb

Abstract (inglese)

In the last twenty years, a growing number of associations has been developing projects on what has been called volunturism, a new type of tourist experience which combines the chance to travel abroad with that of getting involved in voluntary projects destinations as integrated experiences into the holiday one. The intent of voluntarism is twofold: first, it aims to positively impact the social, environmental and economic context of destination.. Second, it leads the volunteer tourist to develop alternative ways of knowledge-developing, consciousness-raising as well as active citizenship. This second point will be the focus of the current thesis. More specifically, my research work will focus on how volunteer tourists represent the practice, both in term of personal growth as well as means to promote cross-cultural understanding and dialogue. In order to investigate this issue, I conducted 29 in-depth interviews with volunteer tourists who have recently came back from their abroad experience. Then, and this is the core of my thesis, I have systematically organized the collected accounts in order to retrace the volunteer tourism experience recognizing its key aspects, and highlighting its weaknesses and strengths. In the analysis particular attention will be reserved to the representations given by volunteer tourists in regard of their self-representation, and on their account of otherness. As conclusions will suggest the capacity of voluntourism to foster cultural understanding and fight stereotypes is not undisputed, and does not have to be taken for granted. Moreover the role of altruism should be, if not downsized, at least further problematized.

Abstract (italiano)

Negli ultimi vent’anni un crescente numero di associazioni si sono occupate di organizzare e proporre viaggi di voluntourism (dall’unione delle parole inglesi volunteer e tourism e qui reso in italiano con l’espressione “turismo di volontariato”) come un tipo particolare di pratica turistica, associabile ai nuovi turismi morali o responsabili, che abbina alla possibilità di viaggiare all’estero (il tourism, per l’appunto) percorsi di impegno di volontariato da portare avanti nei luoghi di destinazione come parte integrante delle attività del periodo vacanziero. Caratteristica principale di questo tipo di pratica è quella di configurarsi come un’esperienza doppiamente benefica in grado, cioè, sia di produrre un impatto positivo sui contesti sociali, ambientali, ed economici visitati, che di sostenere e stimolare, nei turisti volontari, percorsi di crescita, di conoscenza e di cittadinanza attiva. Obiettivo di questa ricerca è proprio quello di esplorare e contestualizzare in chiave sociologica questo secondo aspetto concentrandosi, in particolare, sulle rappresentazioni che i partecipanti ad esperienze di turismo di volontariato restituiscono della pratica, sia in termini di crescita ed arricchimento personale, che in relazione ai processi di avvicinamento e conoscenza di culture “Altre”. Partendo dall’analisi di un gruppo di 29 interviste semi-strutturate, realizzate al rientro dal periodo all’estero, l’elaborato ripercorre l’esperienza di turismo di volontariato cercando di coglierne, attraverso le rappresentazioni dei turisti volontari, gli aspetti salienti e metterne così in luce punti di forza e debolezze. In particolare dalla trattazione emergerà come la capacità di questo tipo di pratica di promuovere una migliore comprensione dell’alterità non deve venire data per scontata e che il ruolo giocato dalla dimensione altruistica nel definire l’esperienza deve essere, se non ridimensionato, almeno maggiormente problematizzato.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Bertolo, C.
Correlatore:De Sandre, I. - La Mendola, S.
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Corsi per il 23simo ciclo > Sociologia: processi comunicativi e interculturali
Data di deposito della tesi:27 Luglio 2011
Anno di Pubblicazione:27 Luglio 2011
Parole chiave (italiano / inglese):Tourism, Volunteering, stereotypes, encountering, social distance, neo-colonialism, tuorismo, volontariato, stereotipi, incontro, distanza sociale
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Sociologia
Codice ID:4256
Depositato il:22 Giu 2012 12:04
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record