Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Spagnol, Simone (2012) Techniques for customized binaural audio rendering with applications to virtual rehabilitation. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document (Tesi di Dottorato)
6Mb

Abstract (english)

Multimodal interfaces represent a key factor for enabling an inclusive use of new technologies by everyone. To achieve this, realistic models that describe our environment are of topical importance, in particular models that accurately describe the acoustics of the environment and communication through the auditory modality. Models for spatial (or 3-D) audio can provide accurate information about the relation between the sound source and the surrounding environment, and this information cannot be substituted by any other modality. However, being multimedia systems currently focused mostly on graphics processing and integrated with simple stereo or surround sound, today’s spatial representation of audio tends to be simplistic and with poor interaction potential. Furthermore, current auralization technologies rely on invasive and/or expensive reproduction devices (e.g. head-mounted displays, loudspeakers), which cause the user to perceive a non-integrated experience due to an unbridged gap between the real and virtual
worlds.

On a much different level lie binaural sound rendering approaches (i.e. based on headphone reproduction). Most of the binaural rendering techniques currently exploited in research rely on the use of the so-called Head-Related Transfer Functions (HRTFs), i.e. peculiar filters that capture the transformations undergone by a sound wave in its path from the source to the eardrum and typically due to reflection and diffraction effects on the torso, head, shoulders and pinnae of the listener. Such characterization allows virtual positioning of sound sources in the surrounding space by filtering the desired signals through a pair of HRTFs, thus creating left and right ear signals to be delivered by headphones. In this way, three-dimensional sound fields with a high immersion sense can be simulated and integrated within multimodal frameworks.

However, such techniques bear relevant limitations. First, they may request considerably large computational resources, especially in the case where one needs to simulate several sound sources in the surrounding space. Second, and most important, HRTF filters are usually presented under the form of acoustic signals recorded through dummy heads: this means that anthropometric differences among different subjects are not taken into account. Contrariwise, along with the critical relative position between listener and sound source, anthropometric features of the human body have a key role in HRTF characterization: while non-individualized HRTFs represent a cheap and straightforward mean of providing 3-D perception in headphone reproduction, listening to non-individualized spatialized sounds may likely result in evident sound localization errors such as incorrect perception of source elevation, front-back reversals, and lack of externalization, especially in static conditions. On the other hand, individual HRTF measurements on a significant number of subjects is often both time- and resource-expensive.

Structural modeling of HRTFs ultimately represents an attractive solution to these shortcomings. As a matter of fact, if one isolates the contributions of the listener’s head, pinnae, ear canals, shoulders, and torso to the HRTF in different subcomponents - each accounting for some well-defined physical phenomenon - then, thanks to linearity, he can reconstruct the global HRTF from a proper combination of all the considered effects.

This thesis presents one such model that can be employed for immersive sound reproduction, with a particular focus on the pinna contribution to the HRTF. The pinna plays a primary part in the perception of source elevation by introducing major spectral modifications, yet the relation between acoustic phenomena due to the pinna - mainly resonances and sound reflections - and anthropometry has not been understood up to date. Instead, a promising correspondence between reflection points on pinna surfaces and frequencies of notches occurring in the high-frequency range of the HRTF spectrum is formally found here. Such a relevant result allows for an interesting form of content adaptation and customization of the structural model, as it includes parameters related to the user’s anthropometry in addition to the spatial ones.

The proposed approach has also implications in terms of delivery, since it operates by processing a monophonic signal exclusively at the receiver side (e.g., on a terminal or mobile device) by means of low-order filters, allowing for reduced computational costs. Thanks to its low complexity, the model can be used to render scenes with multiple audiovisual objects in a number of contexts such as computer games, cinema, edutainment, and any other scenario where realistic sound spatialization and personalized sound reproduction is a major requirement.

Remarkably, the specific areas for which the proposed model is thought for are those of virtual rehabilitation and rehabilitation robotics, two of the most potentially interesting application fields for research in sonic interaction design today. The final goal of research in these areas is to facilitate re-integration of patients with neurological disorders into social and domestic life by helping them regain the ability to autonomously perform activities of daily living (ADLs, e.g., eating, or walking); however, much work is still needed to address challenges related to hardware, software, control system design, as well as effective approaches for delivering treatment. As a matter of fact, ADLs embody complex motor tasks for which current rehabilitation systems lack the sophistication needed in order to assist patients during their performance. In particular, it is recognized that a large number of degrees of freedom ought to be used in robot-assisted rehabilitation, and that multimodal feedback often plays a key role in both forementioned application fields.

Although several rehabilitation systems which make use of multimodal virtual environments with visual and haptic feedback already exist, the consistent use of auditory feedback is less investigated. A thorough analysis of literature reported in this thesis confirms this impression, showing that the potential of auditory feedback is largely underestimated in such systems. Five different proposed experiments allow investigation of the role that novel auditory feedbacks presented during gait training and tracking movements play in improving performance in healthy participants, providing a basis for a future comparison with neurologically injured patients. In particular, usefulness of task-related sound feedback and sound spatialization in coordinating the user’s movements during simple target following tasks is attested. Results thus suggest that constructive and well-designed multimodal feedback can definitely be used to improve performance and learning in complex motor tasks, thanks to the high level of attention, engagement, and presence provided to the user. Such studies represent a novelty in the current literature on virtual rehabilitation and rehabilitation robotics, especially concerning the use of sonification techniques to convey information in a rehabilitation scenario.

Abstract (italian)

Le interfacce multimodali rappresentano al giorno d’oggi un fattore chiave per l’abilitazione di un uso inclusivo delle nuove tecnologie. In questo contesto, sono di basilare importanza modelli realistici che descrivano il nostro ambiente, in particolare modelli che rappresentino accuratamente i fenomeni acustici e la comunicazione attraverso la modalità uditiva. Fra questi, i modelli per l’audio spaziale (o 3-D) sono capaci di offrire informazioni accurate sulla relazione tra la sorgente sonora e l’ambiente circostante, rappresentando un’informazione che non può essere sostituita da nessun’altra modalità. Tuttavia, essendo i sistemi multimediali attualmente focalizzati soprattutto sul processing grafico e integrati semplicemente con audio stereo o surround, l’odierna rappresentazione spaziale del suono tende ad essere semplicistica e ad aver poco potenziale interattivo. Inoltre, le tecnologie di auralizzazione si basano correntemente su dispositivi di riproduzione invasivi e/o costosi (ad es. head-mounted display e altoparlanti), responsabili di un’esperienza percettiva non integrata a causa di un vuoto mai colmato tra il mondo reale e quello virtuale.

Gli approcci di audio binaurale (ossia basati su riproduzione tramite cuffie) si collocano su un livello diverso. La maggior parte delle tecniche di rendering binaurale attualmente utilizzate in ricerca fanno affidamento sull’uso delle cosiddette Head-Related Transfer Function (HRTF), ovvero particolari filtri che catturano le trasformazioni subite da un’onda sonora nel proprio percorso dalla sorgente al timpano, generalmente dovute a effetti di riflessione e diffrazione sul torso, sulla testa, sulle spalle e sui padiglioni auricolari dell’ascoltatore. Tale caratterizzazione permette di posizionare virtualmente una o più sorgenti sonore nello spazio circostante semplicemente filtrando i segnali desiderati attraverso un paio di HRTF, creando quindi una coppia di segnali da presentare ai canali sinistro e destro di un paio di cuffie. In questo modo, campi sonori tridimensionali con un alto senso di immersione possono essere simulati e integrati in strutture multimodali.

Purtroppo, importanti limitazioni si nascondono dietro tali tecniche. Innanzitutto, potrebbero richiedere grosse risorse computazionali nel caso in cui si vogliano simulare più sorgenti sonore nello spazio. In secondo luogo, i filtri HRTF vengono solitamente presentati sotto forma di segnali acustici registrati attraverso appositi manichini: ciò significa che le differenze antropometriche fra diversi soggetti non vengono prese in considerazione. Al contrario, alla pari dell’importanza della posizione relativa tra l’ascoltatore e la sorgente sonora, l’antropometria del soggetto ha un ruolo chiave nella caratterizzazione della HRTF: sebbene le HRTF non individualizzate rappresentino un mezzo diretto ed economico per offrire una parvenza di percezione 3-D nella riproduzione via cuffie, l’ascolto del segnale risultante potrebbe frequentemente tradursi in evidenti errori di localizzazione quali percezione distorta dell’elevazione della sorgente, inversioni fronte-retro, e mancanza di esternalizzazione, specialmente in condizioni statiche. D’altro canto, misurare individualmente le HRTF di un numero significativo di soggetti comporterebbe un elevato dispendio di risorse e di tempo.

La modellazione strutturale delle HRTF rappresenta invece un’attraente soluzione a tutte le sopracitate limitazioni. Nello specifico, isolando i contributi alla HRTF di testa, padiglioni auricolari, canali uditivi, spalle e torso dell’ascoltatore in diverse componenti - ciascuna modellante un fenomeno acustico ben definito - la HRTF globale può essere ricostruita attraverso un’adeguata combinazione di tutti gli effetti considerati, grazie alla linearità della scomposizione.

Questa tesi presenta un modello strutturale utilizzabile per una riproduzione immersiva del suono, focalizzato in particolare sul contributo del padiglione auricolare (pinna) alla HRTF. La pinna gioca un ruolo fondamentale nella percezione dell’elevazione della sorgente grazie alle rilevanti modifiche spettrali che essa introduce nel suono che arriva al timpano. Tuttavia, la relazione tra i fenomeni acustici dovuti alla stessa - soprattutto risonanze e riflessioni - ed antropometria non ha ancora trovato una convincente rappresentazione nella letteratura. Una promettente corrispondenza tra i punti di riflessione teorici sulla superficie della pinna e le frequenze di una terna di notch spettrali presenti nella HRTF è invece discussa in questa tesi: tale risultato, sicuramente nuovo nel suo genere, apre le porte ad un’interessante forma di personalizzazione del modello strutturale, il quale include parametri relativi all’antropometria dell’utente oltre a parametri più strettamente correlati alla posizione della sorgente.

L’approccio proposto ha implicazioni anche in termini di trasmissione dei contenuti, poiché opera elaborando un segnale monofonico esclusivamente dalla parte del ricevitore (ad es. su un dispositivo terminale o mobile) per mezzo di filtri di basso ordine, permettendo così una riduzione dei costi computazionali. Grazie alla ridotta complessità, il modello può essere quindi utilizzato per rendere scene con molteplici oggetti audiovisivi in una varietà di contesti quali giochi per computer, cinema, edutainment, e qualsiasi altro scenario in cui spazializzazione realistica del suono e riproduzione personalizzata del suono siano requisiti importanti.

Tra questi, le specifiche aree di ricerca per le quali il suddetto modello è stato pensato sono quelle della riabilitazione virtuale (virtual rehabilitation) e della robotica riabilitativa (rehabilitation robotics), potenzialmente due dei più interessanti campi di applicazione per la ricerca nel design di interazione sonora (sonic interaction design). Lo scopo finale della ricerca in queste due aree è quello di facilitare la reintegrazione di pazienti con disordini neurologici (causati ad esempio da ictus) nella vita sociale e domestica aiutandoli a riottenere le abilità per compiere autonomamente le activities of daily living (ADLs, e.g. mangiare o camminare); nonostante ciò, una grossa mole di lavoro è tuttora richiesta per fronteggiare esigenze relative a hardware, software, design di sistemi di controllo, così come per la definizione di approcci efficaci per il trattamento. Le ADL incorporano infatti task motori complessi per i quali i sistemi riabilitativi attuali mancano della raffinatezza richiesta nell’assistenza dei pazienti durante l’esecuzione degli stessi task. In particolare, è risaputo che un grosso numero di gradi di libertà deve essere usato nella riabilitazione assistita da robot, e che il feedback multimodale spesso gioca un ruolo centrale.

Nonostante l’esistenza di una varietà di sistemi per la riabilitazione che sfruttano ambienti virtuali multimodali con feedback visivo e aptico, l’uso consistente del feedback uditivo è tuttora raro. Un’analisi accurata della letteratura conferma tale ipotesi, dimostrando come il potenziale del feedback uditivo sia largamente sottostimato in tale contesto. Cinque diversi esperimenti, descritti in questa tesi, permettono lo studio del ruolo che nuovi tipi di feedback uditivo presentati durante la camminata o durante movimenti di tracciamento giocano nel miglioramento della performance in soggetti sani, costituendo una base per un futuro paragone con pazienti neurologicamente deficitari. In particolare, viene qui attestata l’utilità di un feedback sonoro relativo al task e della spazializzazione del suono nel coordinamento dei movimenti dell’utente durante semplici task di inseguimento. I risultati suggeriscono quindi come un feedback multimodale costruttivo e ben progettato possa essere usato sistematicamente per migliorare performance e learning in task motori complessi, grazie all’elevato livello di attenzione, coinvolgimento e presenza offerto all’utente. Tali studi rappresentano una novità nella letteratura sulla riabilitazione virtuale e/o assistita da robot, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo di tecniche di sonificazione per convogliare informazioni in uno scenario riabilitativo.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:De Poli, Giovanni
Ph.D. course:Ciclo 24 > Scuole 24 > INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE > SCIENZA E TECNOLOGIA DELL'INFORMAZIONE
Data di deposito della tesi:26 January 2012
Anno di Pubblicazione:26 January 2012
Key Words:virtual rehabilitation, spatial sound, 3D audio
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-INF/05 Sistemi di elaborazione delle informazioni
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione
Codice ID:4575
Depositato il:06 Nov 2012 14:29
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record