Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Scapin, Gessica (2012) «Il s'agit d'être». Teoria e pratiche di formazione dell'attore secondo Jacques Copeau. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document
1988Kb

Abstract (english)

This PhD dissertation on metteur en scène Jacques Copeau deals with a subject-matter that has not been studied enough in depth yet. By skipping topics that have already been widely covered by various essays and treatises on the author, this research focuses on looking into that part of poetics concerning the outsets of dramatic art education, more specifically of the comédien, and the process of creating a character.
The starting point for this research work is the study of how an actor’s training in France has evolved since the 18th century. This point of departure has given us the opportunity to recognize the outsets and innovative practice of the Vieux-Colombier-style dramatic art education; especially when we take into consideration the links and influence between Copeau’s theories and the ideas and practice of some sections of human pedagogy, that both in the 1800s and particularly in the 20th century reviewed the previous concept of didactics and training in order to add new concepts related to the learning process and the teacher-student relationship.
In order to give in-depth study to the subject-matter of acting schools and pedagogy, I have also looked into and drawn the analogy between Gordon Craig’s Arena Goldoni and l'École du Vieux-Colombier, the similarity with the Russians (in particular Vachtangov), the French unanimism movement and some of Delsarte’s theories.
Much detail has been given to the section regarding the survey on an actor’s talent, its nature and physical training at the École du Vieux-Colombier.
In reference to the player’s work, this research studies in depth the script / acting-the-part combination that characterizes Copeau’s whole work and that has often been considered a contradictory point in his poetics. The organic nature of his thought on creating a character and staging has been reconstructed without leaving out the analysis of the playwright’s and the director’s role.
This research work ends with an annotated bibliography, in which Copeau’s scripts are selected according to the subject-matter dealt with in the thesis.

Abstract (italian)

La presente tesi di dottorato sul regista francese Jacques Copeau affronta un argomento i cui studi sono ancora poco approfonditi. Tralasciando infatti questioni già ampiamente trattate in varie monografie dedicate all’autore, la ricerca si occupa di indagare la parte della poetica che riguarda i principi dell’educazione drammatica, in particolare del comédien, e il processo di costruzione del personaggio.
Il punto di partenza del lavoro è l’indagine di come si sia evoluta la formazione dell’attore in ambito francese a partire dal Settecento. Questo punto di partenza ha permesso di riconoscere i principi e le pratiche innovative dell’educazione drammatica al Vieux-Colombier. Ciò in particolare se si considerano i legami e le influenze tra le teorie di Copeau e le idee e le pratiche di certa pedagogia dell’uomo, che sia nell’Ottocento che, in particolare, nel Novecento rivedono la precedente concezione della didattica e dell’educazione, per inserire concetti nuovi in relazione al processo di apprendimento e al rapporto educatore-educando.
Per approfondire l’argomento della scuola e della pedagogia d’attore, vengono indagate anche le somiglianze fra l’École du Vieux-Colombier e l’Arena Goldoni di Gordon Craig, i russi, in particolare Vachtangov, il movimento dell’unanimismo francese e alcune teorie di Delsarte.
Particolarmente approfondita anche la sezione che riguarda l’indagine sull’origine e la natura della vocazione drammatica e sull’allenamento fisico all’École du Vieux-Colombier.
Per quanto riguarda nello specifico il lavoro d’attore, la ricerca ha consentito di indagare il binomio testo/improvvisazione, che caratterizza tutto il lavoro di Copeau e che è spesso stato considerato un punto contraddittorio nella sua poetica. L’organicità del suo pensiero sul lavoro di costruzione del personaggio e messinscena è stata ricostruita senza tralasciare l’analisi del ruolo dell’autore né di quello assunto dal regista.
Il lavoro di ricerca si conclude con una bibliografia ragionata, in cui i testi di Copeau sono selezionati in linea con l’oggetto di indagine della tesi.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Randi, Elena
Ph.D. course:Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > STORIA E CRITICA DEI BENI ARTISTICI, MUSICALI E DELLO SPETTACOLO
Data di deposito della tesi:30 January 2012
Anno di Pubblicazione:31 January 2012
Key Words:Jacques Copeau; Vieux-Colombier; formazione attore
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichitĂ , filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ART/05 Discipline dello spettacolo
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Storia delle Arti Visive e della Musica
Codice ID:4757
Depositato il:07 Nov 2012 12:30
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record