Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

De Stefani, Giovanna (2012) Performance of floating treatment wetlands (FTW)
with the innovative Tech-IA® system.
[Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
6Mb

Abstract (inglese)

This work thesis deals with floating treatment wetlands (FTWs), particularly constructed
wetlands that can treat polluted water directly in the water body without needing
different substrates. Vegetation grows on water thanks to floating mats that can
sustains the plants which can develop their roots in the water and became an ideal
substrate for biofilm attachment. Through four different experiments it was possible to
investigate different aspects of this eco-technology, not yet used in Italy. For this
project an Italian patented floating element called Tech-IA has been used.
A microcosm experiment was conducted to obtain an ammonium utilization rate (AUR). In
order to obtain an indication of the nitrification potential of the attached FTW biofilms,
analyses were conducted from roots and attached geotextile test-strips retrieved from
under floating mats deployed in a pilot-scale experiment at the Pukete Sewage
Treatment plant in Hamilton, New Zealand. After 5 months from the beginning of the
floating system project, roots together with strips were removed and laboratory-scale
tests were set up. A culture medium with ammonium-N was prepared at the similar
concentration as the original wastewater, samples were added to stirred flasks under
controlled conditions for 48 h. Results indicate AUR for median values of 429 mg N m-2
biofilm d-1 for the strips and 1582 mg N m-2 biofilm d-1 for the roots respectively. NO3
accumulation, measured in some of these trials, was negligible. This developed
methodology could provide comparative information on the components of the
floating island systems, such as the mats types, plant species and environment in order
to calculate vegetated surface areas required to remove a certain quantity of NH4-N
from a specific and known wastewater.
Another mesocosm experiment was set up to test the growth of vegetation directly on
water, in hydroponic conditions. In addition to improve water quality, FTWs can
enhance the aesthetic value of a water body with the presence of flowering species,
creating new water environments and urban water spaces. The floating elements can
be vegetated with herbaceous species with colourful blooms and these can be
distributed along the seasons. This project was a study on establishment and growth of ornamental macrophytes for water treatment with a high aesthetical value too.
Different species have been studied to be used in the floating systems. With this
cultivation technique directly in water plants probably become more suitable to be
planted in floating treatment wetland.
The last two experiments are full scale projects. A large sedimentation basin in North of
Italy has been provided of a FTW. This project have been installed in an area where
there aren’t any natural water receptors that can collect wastewater from cultivated
fields and this goes directly in drainage. This collects fields water but also industrial and
urban water and brings them to a municipal depurator. During periods when rain is
abundant sewerage is overcharged and it discharges part of water in big basins. This
system is after several years can accumulate sediments and become absolutely
waterproof. The main objectives of this project are to improve water quality in the
basin maintaining at the same time the capacity and to reuse this depurated water in
agriculture. Furthermore one aim was also to recover this area for environmental
purposes. In the system floating elements were bounded together to form long tapes,
which became five filtering barriers put perpendicular to the inlet and outlet points.
1800 vegetated floating elements were used form a depurative surface of 900 m2 with
1400 plants chosen for their high cleansing power, big root system and nice aesthetic
effect (Juncus sp., Iris pseudacorus, Typha latifolia, Phragmites australis). This plant has
been monitored for water quality, plants development and possible management
problems. Results on abatement performances for median values: 20% for total N, 43%
for ammonia-N, 32% for nitrate and 11% for total P 46% is the abatement for COD at
third percentile.
Another full scale project was a tertiary treatment system for urban wastewater. Unit
wetlands combined in series can provide flexibility and higher pollutant transformation
rates characteristic of each single system. In order to enhance the pollutants removal
strength of a municipal wastewater treatment plant, an existing constructed wetland
was modified. This constructed wetland, located at the end of the traditional
treatment, was designed to have a horizontal anaerobic vessel and a sediment pond
(SSF and pond surface 285 and 615 m2 respectively). The changes consisted in the substitution of the previous evergreen Mediterranean vegetation planted in the vessel
with Phragmites australis, and in the installation of a new FTW in the pond, where 150
m2 of floating mats (Tech-IA® system) vegetated with Ph. Australis and Iris
pseudacorus, were set. To understand the treatment capabilities of the plant, a
monitoring on wastewater before and after the system has started. Results indicate
abatement of the medians around 70% for total nitrogen, 49% for ammonia-N and 67%
for nitrate. For phosphorus forms is around 30% and for COD is 54%.

Abstract (italiano)

Questo lavoro si occupa dei sistemi flottanti di fitodepurazione (FTWs), che consistono in
particolari zone umide artificiali che sono in grado di depurare l’acqua inquinata
direttamente in situ senza necessitĂ  di utilizzo di substrati differenti. La vegetazione
cresce in acqua grazie all’utilizzo di elementi flottanti a cui sono ancorate le piante che
possono in questo modo sviluppare le loro radici in acqua e diventare terreno ideale
per lo sviluppo del biofilm. Attraverso quattro diversi esperimenti è stato possibile
indagare diversi aspetti di questa nuova eco tecnologia, non ancora consolidata in
Italia. Per questo studio sono stati utilizzati sistemi flottanti brevettati in Italia, chiamati
Tech-IA.
Un esperimento in microcosmo è stato realizzato su radici per ricavare un tasso di utilizzo
dell’ammoniaca (AUR). Per ottenere un’indicazione sul potenziale di nitrificazione dei
biofilm adesi ai sistemi di fitodepurazione flottanti, sono state condotte analisi su radici
e strisce di geotessuto prese da sotto i materassi flottanti posizionati in un sistema
pilota costruito presso l’impianto di depurazione comunale di Pukete ad Hamilton, in
Nuova Zelanda. Dopo cinque mesi dall’inizio del progetto di fitodepurazione flottante,
le radici assieme alle strisce sono state prelevate e su di esse condotti alcuni test in
laboratorio. E’ stato preparato un substrato di coltura avente la medesima
concentrazione di ammoniaca presente nel refluo originario in cui sono stati immersi i
suddetti campioni in flaconi agitati meccanicamente, in condizioni controllate, per 48
ore. I risultati indicano valori mediani per AUR rispettivamente di 429 mg N m-2 biofilm
d-1 per le strisce e di 1582 mg N m-2 biofilm d-1 per le radici. L’accumulo di nitrato
misurato in alcune prove era trascurabile. Questa metodologia può fornire informazioni
comparative sulle componenti dei sistemi flottanti di fitodepurazione, come il tipo di
elementi flottanti, le specie di piante e l’ambiente per poter calcolare una superficie
vegetata richiesta per rimuovere una predeterminata quantitĂ  di ammoniaca da un
noto e specifico refluo.
Un esperimento condotto invece in mesocosmo è stato realizzato per testare lo sviluppo
della vegetazione direttamente in acqua ovvero in condizioni idroponiche. Gli impianti flottanti di fitodepurazione oltre a migliorare la qualità dell’acqua possono aumentare il
valore estetico di uno specchio d’acqua grazie alla presenza di specie fiorite, nonché
creare nuovi ambienti acquatici e spazi d’acqua urbani. Questo progetto è uno studio
sull’attecchimento e la crescita di macrofite ornamentali usate per il trattamento
dell’acqua con in più un alto valore estetico. Sono state studiate diverse specie per
poter essere utilizzate nei sistemi galleggianti. Grazie a questa tecnica di coltivazione
direttamente in acqua, le piante probabilmente avranno maggiori probabilitĂ  di
sopravvivenza nei sistemi flottanti di fitodepurazione.
Gli ultimi due esperimenti consistono in progetti realizzati su scala reale. Un ampio bacino
di sedimentazione nel nord Italia è stato dotato di un impianto FTW. Questo progetto è
stato installato in un’area dove non erano presenti canali di deflusso naturali che
potessero raccogliere il refluo proveniente dall’agricoltura, il quale, pertanto, confluiva
direttamente nel sistema fognario. Quest’ultimo andava a raccogliere l’acqua
proveniente dai campi ma anche reflui urbani e industriali provenienti dal depuratore
comunale. Durante periodi di piogge abbondanti, il sistema fognario viene
sovraccaricato si da scaricare parte dell’acqua in grandi bacini. Questi, dopo alcuni anni
possono accumulare sedimenti e diventare totalmente impermeabili.
I principali obbiettivi di questo progetto sono quelli di migliorare la qualità dell’acqua
mantenendone allo stesso tempo la capienza e di riutilizzare l’acqua depurata per scopi
agricoli. Un ulteriore obiettivo è quello di recuperare l’area a fini naturalistici. Elementi
flottanti sono stati legati tra loro a formare lunghi nastri che diventavano barriere
filtranti poste perpendicolarmente ai punti di entrata e uscita dell’acqua dal bacino.
1800 elementi flottanti vegetati sono stati usati per comporre una superficie depurante
di 900 mq con 1440 piante scelte per il loro alto valore depurante, per uno sviluppato
sistema radicale e con un elevato impatto estetico (Juncus sp., Iris pseudacorus, Typha
latifolia, Phragmites australis). In questo impianto è stata monitorata la qualità
dell’acqua, lo sviluppo della vegetazione e possibili implicazioni gestionali. I risultati
sulle performance di abbattimento per i valori mediani sono del 20% per l’azoto totale,
del 43% per l’ammoniaca, 32% per il nitrato e 11% per il fosforo totale. L’abbattimento
per il COD è del 54% al terzo percentile.
Un altro esperimento su scala reale è stato un sistema di trattamento terziario per il refluo
urbano. UnitĂ  di fitodepurazione diverse, combinate in serie possono portare ad una
flessibilitĂ  e un maggiore tasso di trasformazione degli inquinanti caratteristico di ogni
singolo sistema. Per aumentare la capacitĂ  di rimozione di un impianto di trattamento
urbano, un esistente sistema misto di fitodepurazione è stato riadattato. Questo,
localizzato alla fine di un impianto di trattamento tradizionale, si componeva di un
vassoio anaerobico orizzontale vegetato e di un laghetto di sedimentazione. ( superficie
del vassoio e del laghetto 285 e 615 m2 ,rispettivamente). I cambiamenti sono consistiti
nella sostituzione della precedente vegetazione mediterranea xerofila piantata nel
vassoio con Phragmites australis e con l’istallazione di un nuovo sistema flottante nel
laghetto, dove 150 m2 di elementi flottanti vegetati con Phragmites Australis and Iris
pseudacorus erano stati installati. Per quantificare le potenzialitĂ  di trattamento
dell’impianto, si è monitorato il refluo all’ingresso e all’uscita dal sistema. I risultati
indicano abbattimenti sulle mediane circa del 70% per l’azoto totale, del 49% per
l’ammoniaca e del 67% per il nitrato. I fosfati vengono abbattuti del 30% e il COD del
54%.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Borin, Maurizio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > SCIENZE DELLE PRODUZIONI VEGETALI > AGRONOMIA AMBIENTALE
Data di deposito della tesi:30 Gennaio 2012
Anno di Pubblicazione:20 Gennaio 2012
Parole chiave (italiano / inglese):fitodepurazione flottante
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/02 Agronomia e coltivazioni erbacee
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali
Codice ID:4822
Depositato il:06 Nov 2012 09:27
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record