Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Pretto, Denis (2012) Improvement of milk coagulation properties in dairy chain. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1314Kb

Abstract (inglese)

In many countries it has been found that as a result of cattle breeding there has been an increase in milk production, but the milk coagulation properties (MCP) have decreased, and the number of cows in the population producing non-coagulated milk has increased. The general aim of this thesis was to gain further knowledge about improving of milk coagulation properties in Italian dairy industries. The specific aims were: to propose a method for the transformation of the values of MCP traits analyzed using different methodologies; assess the influence of chemical and technological quality of milk on cheese yield; quantify the contribution of composite β- and κ-CN genotypes on additive genetic variance of MCP traits; develop a method for calculating economic values of milk coagulation properties traits; estimate the annual genetic response of MCP in Italian Holstein Friesian. The main results were that the transformation of MCP traits analyzed with different methodologies is feasible but was more precise for rennet coagulation time (RCT) than for curd firmness (a30). In field condition for Grana Padano cheese production the milk characterized by high values of a30 resulted in higher cheese yield than milk with low values of a30. In animal phenotypic recording, heritability of RCT was still appreciable after adjustment for composite β- and κ-casein genotypes, suggesting that the recording of this trait cannot be replaced by genotyping of animals for milk protein variants. Accounting for the effect of MCP on cheese yield, the weight for MCP in a possible sub-index for milk production and quality traits ranged from 2.1 to 8.2 %. Current selection index for Italian Holstein Friesian seems not affecting significantly MCP traits. Selection criteria with the implementation of Mid-Infrared spectroscopy prediction of MCP in the current recording systems allow to reach higher genetic response for MCP traits compare direct measure of MCP. Moreover including MCP traits in the selection index can increase casein:protein ratio and could be an indirect way for decrease SCS.

Abstract (italiano)

In molti paesi si è riscontrato che, a seguito della selezione genetica animale si è registrato un aumento della produzione di latte, ma un graduale peggioramento delle proprietà di coagulazione del latte, e la percentuale di campioni non coagulati è aumentata. L'obiettivo generale di questa tesi è stato quello di acquisire ulteriori conoscenze sul miglioramento delle proprietà di coagulazione del latte nella filiera lattiero-casearia italiana. Gli obiettivi specifici erano quelli di proporre un metodo per la trasformazione dei dati di attitudine casearia analizzati usando differenti metodologie; valutare l'influenza dei contenuti e della qualità tecnologica del latte sulla resa in formaggio; quantificare il contributo del genotipo composto β- e κ-caseina sulla varianza genetica additiva dei caratteri di attitudine casearia, sviluppare un metodo per calcolare i valori economici dei caratteri di attitudine casearia; stimare la risposta genetica alla selezione per i caratteri di attitudine casearia in Frisona Italiana. I principali risultati sono stati che la trasformazione dei dati di attitudine casearia analizzata con metodologie diverse è fattibile, ma è più precisa per tempo di coagulazione (RCT) che per consistenza del coagulo (a30). In condizioni di campo per la produzione di Grana Padano il latte caratterizzato da alti valori di a30 aveva una maggior resa casearia del latte con bassi valori di a30. Per quanto riguarda i fenotipici di singolo animale, l’ereditabilità stimata per RCT era ancora apprezzabile dopo l’aggiustamento per il genotipo composto β-e κ-caseina, suggerendo che la raccolta fenotipica di questo carattere non può essere sostituita dalla genotipizzazione e selezione per le varianti proteiche del latte. Tenendo conto dell'effetto dell’attitudine casearia sulla resa in formaggio, il peso di questa in un eventuale sub-indice di selezione per la produzione e caratteristiche di qualità del latte variava dal 2,1-8,2%. L’attuale indice di selezione per la Frisona italiana non sembra influenzare significativamente l’attitudine casearia. L'implementazione nei controlli funzionali dell’analisi dell’attitudine casearia attraverso la predizione con il medio infrarosso permetterebbe di raggiungere una più elevata risposta selettiva per l’attitudine casearia rispetto all’analisi diretta. Inoltre l’inserimento dell’attitudine casearia nell'indice selezione può portare all’aumento del rapporto caseina:proteina totale e alla selezione indiretta per la diminuzione delle cellule somatiche.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Cassandro, Martino
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > SCIENZE ANIMALI > GENETICA, BIODIVERSITA', BIOSTATISTICA E BIOTECNOLOGIE
Data di deposito della tesi:31 Gennaio 2012
Anno di Pubblicazione:31 Gennaio 2012
Parole chiave (italiano / inglese):milk coagulation property, selection index, economic value, dairy cattle, cheese yield
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/17 Zootecnica generale e miglioramento genetico
Struttura di riferimento:Dipartimenti > pre 2012 - Dipartimento di Scienze Animali
Codice ID:4971
Depositato il:17 Dic 2012 10:53
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record