Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Dobreva, Diana (2012) Studio e analisi di alcuni contesti della domus centrale presso i fondi ex Cossar. In: L'architettura privata ad Aquileia in età romana. Atti del Convegno di Studio (Padova, 21-22 febbraio 2011). Antenor quaderni, 24 . Padova University Press, Padova, pp. 369-405. ISBN 978-88-9738-519-6

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
1796Kb

Per gentile concessione di: http://www.padovauniversitypress.it/

Abstract (inglese)

This paper aims to propose a chronological framework for the earliest phases of the central domus situated on the ex Cossar property in Aquileia, through a comparative analysis of contextual data and archaeological materials. Some relevant case studies which are evidence of trasformations in act, are examined. Two structural alterations of sector 1 are discussed: the first one includes some events from the western part of the analysed area (the archaeological contexts related to the levels 169=220 and 339) and the second one concerns the eastern part of the sector (the levels under the foundations of the wall 284). In order to establish the chronology of some structures as well as the broader architectural development of the area, a detailed analysis of contextual archaeological finds is carried out.
The type-chronological study of the materials found in the contexts which are examined allows identifying two periods of building activity. They date to a rather ancient period of the development of the eastern part of the domus. The first one regards the levels below the floor (339) whose chronology ranges between the second half and the last quarter of the 1st century BC. Above this floor a more recent floor (169=220) was laid in period which dates between the end of the 1st century BC and the beginning of the 1st century AD. The same data seems to be suggested by the analysis of the pottery from stratigraphic contexts in the eastern part of the sector 1 either. The structural complex established the connection between the wall 284 and the portico of the central domus.
By comparing the fresh chronological evidence of the examined area with the existing documentation of earlier excavations made, common features can be noticed. In particular, the chronology and types of pottery found during the 1965-66 and 1971 campaigns carried out by Luisa Bertacchi match very nicely the results from the contexts taken into account in this paper.


Abstract (italiano)

Lo scopo di questo lavoro è quello di proporre una datazione per le fasi più antiche di un'area riferibile all'ambito della domus centrale presso i fondi ex Cossar ad Aquileia, attraverso l'analisi comparata dei contesti stratigrafici e dei materiali ivi rinvenuti. Sono stati presi in esame alcuni significativi casi di studio che bene illustrano le trasformazioni in atto: si tratta di due cambiamenti strutturali registrati nel saggio 1, uno avvenuto nel settore occidentale (i contesti relativi ai piani US 169=220 e US 339), l'altro in quello orientale dello spazio indagato (la sottofondazione della struttura muraria US 284). L'analisi del materiale ivi recuperato risulta estremamente utile a stabilire la collocazione cronologica di alcune strutture chiave per lo sviluppo archittetonico dell'area presa in esame.
Grazie allo scavo stratigrafico e all'esame tipo-cronologico del materiale rinvenuto all'interno dei contesti analizzati è stato possibile delineare almeno due fasi edilizie relative a un periodo assai antico dello sviluppo dell’area orientale della domus. La prima è costituita dal contesto connesso alla preparazione del piano pavimentale (US 339) che rimanda a una datazione identificabile tra la seconda metà del I sec. a.C. e l'ultimo quarto dello stesso. Questa struttura più antica sicuramente viene in disuso al momento della costruzione del secondo piano pavimentale (US 169=220) che testimonia una nuova fase di trasformazione architettonica nell'ambito dell’estremo lembo orientale della domus, collocabile, secondo i materiali ivi recuperati, a cavallo tra la fine del I sec. a.C. e l'inizio del I sec. d.C. Il medesimo arco cronologico sembra essere suggerito dal materiale ceramico rinvenuto all'interno di un'altro contesto messo alla luce nella parte orientale del saggio 1 in relazione all'impianto del muro che costituisce il portico della casa centale.
Le considerazioni e le ipotesi sulla cronologia dell'area esaminata hanno trovato un valido raffronto nella documentazione pregressa relativa ai fondi ex Cossar: questa riguarda principalmente alcuni lotti di materiali archeologici, rinvenuti negli anni 1965-66 e 1971 in relazione ai lavori di valorizzazione dell'area, effettuati sotto la direzione di Luisa Bertacchi.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:2012
Informazioni aggiuntive:Per gentile concessione di Padova University Press (Padova). Le foto di reperti di proprietà dello Stato sono pubblicate su concessione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia (Aut. del 24/02/2012, prot. n° 563/19). Tutti i diritti sono riservati. È vietata in tutto o in parte la riproduzione dei testi e delle illustrazioni.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 Archeologia classica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:5123
Depositato il:17 Set 2012 16:14
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record