Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Gallo, Filomena - Marcante, Alessandra - Molin, Gianmario - Silvestri, Alberta - Degryse, Patrick - Ganio, Monica (2012) I vetri della casa delle Bestie ferite ad Aquileia: uno studio archeologico e archeometrico. In: L'architettura privata ad Aquileia in età romana. Atti del Convegno di Studio (Padova, 21-22 febbraio 2011). Antenor quaderni, 24 . Padova University Press, Padova, pp. 353-368. ISBN 978-88-9738-519-6

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
496Kb

Per gentile concessione di: http://www.padovauniversitypress.it/

Abstract (inglese)

During Roman and Late Roman period Aquileia played a central role in the history of glass production and trades around the Mediterranean, even if many aspects concerning the presence of primary and/or secondary glass workshop in this city have yet to be clarified. In this context an archaeological and geochemical study was performed on glasses dating from the end of the 3rd until the 8th century AD and coming from the archaeological excavation of Casa delle Bestie Ferite. In particular, form moulded-blown (beakers, Isings 106c and cups, Isings 116,117) and free-blown types (bottle, Isings 104, and stemmed beaker, Isings 111) were selected. A combined approach, chemical and isotopic, was employed to investigate the type and the provenance of raw materials used in glass production. At the present, the results indicate that all the glasses are soda-silica-lime in composition and were produced with a mixture of natron and siliceous-calcareous sand. Their isotopic signature is comparable with a Levantine or Egyptian provenance, notwithstanding the results of Nd analysis are necessary to support this hypothesis.



Abstract (italiano)

Lo studio archeometrico condotto su 61 reperti vitrei, databili tra il III e l’VIII secolo d.C., rinvenuti nella Casa delle Bestie Ferite di Aquileia si inserisce all’interno di un più ampio progetto di ricerca che, mediante l’integrazione di dati archeologici, chimici e isotopici, è finalizzato a verificare il recente modello proposto per la produzione vetraria romana e tardo-antica, basato su una divisione della produzione in workshop primari e secondari. In particolare tale studio sui vetri aquileiesi costituisce il primo esempio di integrazione del dato chimico e isotopico in vetri romani di area italiana.
Particolarmente interessante dal punto di vista della ricerca archeologica, è la possibilità di effettuare una campionatura ben caratterizzata anche dal punto di vista tipologico. In particolare, ci si è concentrati sui tipi maggiormente attestati in loco, considerando sia i rinvenimenti per i quali sia stato possibile accertare la provenienza (scavi recenti) che il materiale senza dati di rinvenimento conservato al MAN. Tutto lo studio si intende teso ad individuare possibili produzioni. Allo stato attuale della ricerca, infatti, rimane ancora sfumato il confine tra produzione locale ed importazione.
I dati chimici e isotopici finora raccolti indicano un cambiamento, già a partire dal III secolo d.C., nella composizione del “vetro romano”, indipendente dalla tipologia, suggerendo dunque un cambiamento delle fonti di approvvigionamento delle materie prime e/o dei centri di produzione primaria. Inoltre sembra confermarsi corretto il modello produttivo basato su una divisione della produzione, con centri di produzione primaria localizzati, almeno per quanto riguarda la Tarda Antichità, principalmente in Egitto e nel Levante.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:2012
Informazioni aggiuntive:Per gentile concessione di Padova University Press (Padova). Le foto di reperti di proprietà dello Stato sono pubblicate su concessione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia (Aut. del 24/02/2012, prot. n° 563/19). Tutti i diritti sono riservati. È vietata in tutto o in parte la riproduzione dei testi e delle illustrazioni.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 Archeologia classica
Struttura di riferimento:NON SPECIFICATO
Codice ID:5128
Depositato il:17 Set 2012 16:14
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record