Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Novello, Marta (2012) L'autorappresentazione delle élites aquileiesi nelle domus tardoantiche. [Book chapters] In: L'architettura privata ad Aquileia in età romana. Atti del Convegno di Studio (Padova, 21-22 febbraio 2011). Antenor quaderni, 24 . Padova University Press, Padova, pp. 221-242. ISBN 978-88-9738-519-6

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document - Published Version
1212Kb

Per gentile concessione di: http://www.padovauniversitypress.it/

Abstract (english)

This paper aims at providing a general reading of the figurative choices the patrons of Aquileia made during Late Antiquity regarding the mosaic decoration of the domus. Recent studies on Roman housing have highlighted the importance of decorative systems in construction of domestic space, where the architectural setting is integrated with the furnishings and fittings in a coherent whole. On the basis of such perspective the site of Aquileia represents a privileged field of application because of the richness of the attestations and the variety of the solutions found. Thanks to the computerised database about the houses of the Cisalpine area and the mosaic pavements in Aquileia (Tess) that the Archeology Department of the University of Padua carried out, a fundamental tool is now available, which for the first time enables to organize the data in the view of an overall discussion on that repertory. What comes out is the remarkable stimulus Aquileia gave to the domestic architecture during Late Antiquity, evidenced through the assimilation of architectonic and decorative patterns that were fully experienced in the most active centres of the imperial power.
Integrating such data with the historic ones related to the elites from Aquileia, it will be attempted here to insert also the site of Aquileia into the debate about the development of the new domestic behaviour in Late Antiquity. Particularly, it will be focused on the exigencies of self-display by the patrons, who increasingly recognize the domestic space as the privileged place for the celebration of their own social status.

Abstract (italian)

Riagganciandosi al progetto di studio dei mosaici di Aquileia, attualmente in corso da parte del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Padova e oggetto di un altro contributo in questa stessa sede, il presente intervento intende fornire una lettura complessiva delle scelte iconografiche effettuate in età tardoantica dalla committenza aquileiese nella decorazione pavimentale delle proprie dimore. I recenti studi sull’edilizia residenziale hanno infatti evidenziato l’importante ruolo rivestito dagli apparati decorativi nel sistema di segni che regolava lo spazio domestico, nel quale volumetrie e superfici si integravano all’apparato mobile in un insieme coerente e fortemente standardizzato.
In tale prospettiva, il sito di Aquileia rappresenta un campo di applicazione privilegiato per la ricchezza delle attestazioni e la varietà delle soluzioni adottate. Inoltre, potendo beneficiare dei lavori di schedatura informatizzata elaborati dal Dipartimento di Archeologia dell’Università di Padova nell’ambito dell’edilizia residenziale della Cisalpina (dove ampio spazio è riservato alle domus di Aquileia) e dei rivestimenti pavimentali (Tess) si dispone ora di uno strumento indispensabile, che permette per la prima volta di mettere in sistema i dati, in vista di una trattazione complessiva del repertorio. Ne emerge il notevole impulso dato durante l’età tardoantica, sullo sfondo del più generale sviluppo urbanistico della città, all’edilizia residenziale, con l’assimilazione di modelli architettonici, planimetrici e decorativi ampiamente sperimentati nei più attivi centri del potere imperiale. Attraverso l’integrazione di tali dati con quelli storici relativi al ruolo delle élite aquileiesi nel contesto delle vicende storiche, politiche e culturali dell’Impero, si tenterà, in questa sede, di inserire anche il sito di Aquileia nel dibattito relativo allo sviluppo delle nuove forme dell’abitare di età tardoantica, in relazione alle esigenze autorappresentative di una committenza che riconosce sempre di più nelle residenze private il luogo privilegiato per la celebrazione del proprio ruolo politico-sociale.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Book chapters
Anno di Pubblicazione:2012
More information:Per gentile concessione di Padova University Press (Padova). Le foto di reperti di proprietà dello Stato sono pubblicate su concessione del Ministero per i Beni e le Attività culturali, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia (Aut. del 24/02/2012, prot. n° 563/19). Tutti i diritti sono riservati. È vietata in tutto o in parte la riproduzione dei testi e delle illustrazioni.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 Archeologia classica
Struttura di riferimento:UNSPECIFIED
Codice ID:5139
Depositato il:17 Sep 2012 16:14
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record