Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Zvonareva, Alina (2012) Giacomino da Verona e altri testi veronesi nel MS. Colombino 7-1-52: edizione e commento linguistico. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
3652Kb

Abstract (inglese)

The present dissertation examines the Seville Colombina Manuscript 7-1-52 (henceforth S) according to a philological-linguistic approach. The codex was copied in Northern Italy in the late-14th / early-15th century; it transmits eleven religious texts in Venetian and in Tuscan. These works include sermons in verse (De Jerusalem celesti, De Babilonia infernali, Dell’amore di Gesù, Del Giudizio Universale, Della caducità della vita umana; the author of the former two is Giacomino da Verona, while the other texts are anonymous), doxological prayers (Lodi della Vergine, Preghiera alla Vergine e alla santissima Trinità), the Leggenda di santa Margherita (a Northern Italian hagiographical text), a Tuscan poem on Christ's passion, Enselmino da Montebelluna's Lamentatio beate Virginis (a text belonging to the Virgin’s Lament tradition) and a short prayer to St. John the Baptist.
Until now, the manuscript has drawn scholarly attention only as a witness of early Northern Italian vernacular works, always with the purpose of a critical edition. So far, the codex has never been systematically examined from a historical-linguistic perspective, apart from a few early-20th-century attempts, with questionable results; nevertheless, the linguistic features of at least some of its sections deserve to be studied because of several noteworthy phenomena. My analysis is limited to cc. 1r-41v., which contain the first seven works mentioned above. This section contains a smaller collection, which is detectable thanks to thematic, codicological, palaeographic and linguistic features. My dissertation analyses the linguistic features of cc. 1r-41v and offers an interpretative edition.
The linguistic study of S is correlated to ecdotic issues concerning the manuscript tradition of its single texts. In particular, I focus on the relationship between S and another witness: the seven texts copied in MS Seville Colombina 7-1-52 cc. 1r-41v are present also in MS Venice Marciana 4744 (it. Zanetti XIII) cc. 50r-111r (henceforth V). Compared to S, V is both chronologically and linguistically closer to the archetype and to the original text: V dates back to early-14th-century Verona; in addition to the above-mentioned compilation of didactic-moralizing and devotional texts in verse, it hands down some other texts that are important for the study of old Veronese. The works of my corpus are arranged in the same order in both codices, suggesting that the compilation must have already existed in the archetype; a series of mistakes with the subjunctive confirms that both witnesses had the same archetype. The comparison with V is very useful for studying S for many reasons, mostly historical-linguistic and critical-textual ones. As for the former ones, the material present in V helps interpreting several phonomorphological phenomena present in S. V has been taken into account also while working on the interpretative edition of S.
Within the collection of seven works, the first two texts stand out as the only ones whose author's name is known (Giacomino da Verona) and as the only ones with other witnesses besides V, i.e. MS Udine Biblioteca Arcivescovile Qt. XIII. I. 26 cc. 40r-50v (henceforth U) and MS Oxford Bodleian Canonici It. 48 cc. 1r-5v, transmitting only the first work, with lacunae (henceforth O). My dissertation takes into account also the readings found in those two manuscripts: U and O have been systematically consulted while setting up the interpretative edition of S (as far as the texts they transmit are concerned) and its accompanying glossary. As for the linguistic note, there is no comparison with U and O in order not to weight readability down.
The dissertation is divided into two parts; the first one focuses on the codex, while the second one focuses on a few texts transmitted by S. The Introduction presents in short the text transmitted by S, paying particular attention to the above-defined Veronese corpus and its manuscript tradition. I point out the most interesting features of S and the concerning bibliography; then I define the issues to be studied and the structure of my work.
The first part of the dissertation includes the description of S, the linguistic note, the editorial criteria, the interpretative edition of cc. 1r-41v, the notes to the text and the glossary.
The description of the manuscript includes information about palaeographic-codicological aspects, and also some considerations upon the principles organizing the whole compilation.
The linguistic note systematically confronts the linguistic features present in two different copies (S and V) of the same works. The comparison with a markedly Veronese codex (V) highlights the polymorphism and the hybridism of S. Such hybridism doesn't depend on the author's will, but on an accumulation of innovations dating back to different levels of the manuscript tradition. The linguistic data show some aspects of the circulation of the text. S is a rather late witness, almost a century distant from the original texts it transmits: the copyist displays little familiarity with the language of the original text (late-13th-century / early-14th-century Veronese), so that the codex displays many forms probably ascribable to its antecedents. Therefore, S lets us postulate that the text was repeatedly copied in different [urban] areas of Northern Italy. It is possible to identify different layers among the heterogeneous linguistic features of S: the Veronese ancestor, some rather late Venetian intermediaries (possibly, more than one Venetian copyist took part to the copying process; the intermediaries were copied between Venice and Padova approximately in the second half or at the end of the 14th century; the areas of Belluno and Treviso can be quite safely excluded), an Emilian (possibly Bolognese) layer, a Tuscan-like gloss. The very fact that the text was copied in different towns turns the specific dialect of a specific Northern Italian town (Verona) into a Venetian vernacular purified from many markedly local features (a sort of “illustrious Venetian”); nonetheless, such language displays some remarkable Venetian and Paduan linguistic phenomena. In the meantime, S suggests that at some point the language of the texts took a step towards a more generically Northern Italian vernacular, with some possibly Emilian deposits. The Tuscan-like elements present in the codex don't seem due to a Florentine hand (in a further circulation of the manuscript) but rather to the Tuscanization added to the text by the Venetian and Emilian copies according to a general late-14th-century tendency. The linguistic note describes systematically all the linguistic aspects of S, paying particular attention to the most characteristic features of each scripta recorded in S.
The notes to the text mostly comment my amendments, other editorial choices and also some plausible corrections that haven't been inserted into the final edited text.
The glossary is selective; it records only words that have disappeared in modern Italian or have a different spelling or a different meaning. Many entries do not just record forms but also include a short discussion about etymological and lexical issues or about linguistic and ecdotic choices that are just hinted at in the notes to the text. In the case of uncommon words or rare phonomorphological forms there are references to other texts displaying occurrences of the same word or form. Whenever deemed relevant, I quoted the corresponding wording in the other codices (V, O and U) so that it is possible to compare the variants (sometimes in meaning but mostly formal) of S with the rest of the manuscript tradition.
In the second part of the dissertation I offer a critical edition of the four texts lacking a modern edition, i.e. Dell’amore di Gesù, Del Giudizio universale, Lodi della Vergine, Preghiere. These works were edited only once by Adolfo Mussafia at the end of the 19th century: his edition is praiseworthy (especially considering when it was done) but there are transcription and interpretation mistakes; furthermore, his edition is based only on V. My edition collates V (base manuscript) with S. The linguistic form of the edited text usually refers to the form found in V. The apparatus is positive and it records both approved and rejected forms.
The critical text is accompanied by the editorial criteria, by a metrical note describing the isosyllabic peculiarities found in the texts, by editorial notes explaining my choices and reporting dubious or ambiguous ecdotic elements, and by a glossary recording remarkable forms that have been included in the edited text; in the case of entries that are present also in the glossary of S (the first part of the dissertation) I refer to the corresponding entries for fuller information.
The final bibliography includes only titles that were actually quoted in the dissertation. The list is divided in two parts: in the first one there is a short-format bibliography listing frequently quoted studies or studies that are quoted in distant sections of the dissertation; in the second one there is a full-format bibliography listing studies quoted only once or repeatedly but at very short distance (in the same paragraph).

Abstract (italiano)

La presente tesi ha come oggetto il ms. 7-1-52 della biblioteca Colombina di Siviglia (d’ora in avanti S), esaminato secondo un approccio filologico-linguistico. Si tratta di un codice trascritto in Italia settentrionale a fine Trecento – inizio Quattrocento, che tramanda undici testi di contenuto religioso in veneto e toscano. Tra i componimenti ci sono dei sermoni in versi (De Jerusalem celesti, De Babilonia infernali, Dell’amore di Gesù, Del Giudizio Universale, Della caducità della vita umana; l’autore dei primi due testi è Giacomino da Verona, gli altri sono anonimi), delle preghiere di carattere dossologico (Lodi della Vergine, Preghiera alla Vergine e alla santissima Trinità), la Leggenda di santa Margherita (un testo agiografico settentrionale), un poemetto sulla passione di Cristo in toscano, la Lamentatio beate Virginis di Enselmino da Montebelluna (un testo appartenente alla tradizione dei ‘pianti della Vergine’), una breve preghiera a Giovanni Battista.
Il ms. in questione ha attirato finora l’attenzione degli studiosi solo in quanto testimone di alcuni di questi componimenti settentrionali delle origini - quindi sempre solo per scopi di edizione critica. Il codice finora non è mai stato sistematicamente esaminato dal punto di vista storico-linguistico (a parte qualche tentativo intrapreso all’inizio del secolo scorso, con risultati molto discutibili), eppure la veste linguistica di almeno alcune sue sezioni merita di essere studiata in quanto presenta una serie di fenomeni notevoli. L’analisi proposta in questa tesi si limita alle cc. 1r-41v. del ms., le quali contengono i primi sette componimenti citati sopra. Questa sezione della silloge racchiude un’altra raccolta più piccola, individuabile sulla base del contenuto, dei dati codicologici e paleografici e della lingua. Nella tesi è proposta un’analisi dei tratti linguistici che presentano le cc. 1r-41v, nonché l’edizione interpretativa di questa parte del codice.
Lo studio della lingua di S viene messo in relazione con l’aspetto ecdotico, ovvero la tradizione manoscritta dei singoli testi tramandati. Un dato importante è costituito dai rapporti di S con un altro testimone: i sette testi trascritti alle cc. 1r-41v del ms. colombino 7-1-52 sono tràditi anche dalle cc. 50r-111r del ms. 4744 (it. Zanetti XIII) della biblioteca Marciana di Venezia (d’ora in avanti V). La redazione del codice marciano è più vicina all’archetipo e all’originale sia dal punto di vista cronologico sia da quello linguistico: V è databile agli inizi del Trecento e di provenienza veronese; il codice tramanda, oltre alla summenzionata raccolta di componimenti didattico-moraleggianti e devozionali in versi, alcuni altri testi importanti per lo studio del veronese antico. I componimenti del corpus si leggono nello stesso ordine in entrambi i codici, il che dimostra che la raccolta doveva esistere già nell'archetipo a cui risalgono S e V; una serie di errori congiuntivi confermano [il soggetto è “una serie” !] l’esistenza di un archetipo comune dei ai [dativo di vantaggio, mi pare più elegante e diffuso nel linguaggio filologico] due testimoni. Per lo studio del codice S il confronto con la redazione di V risulta utile sotto vari aspetti, soprattutto storico-linguistici e critico-testuali [aspetti è plurale, quindi ho messo anche gli aggettivi al plurale]. Relativamente al primo aspetto, il materiale fornito da V aiuta a interpretare una serie di fenomeni fono-morfologici registrati in S. Si è tenuto conto delle lezioni del codice V anche nell’allestimento dell’edizione interpretativa della redazione di S.
All’interno della raccolta di sette componimenti si distinguono i primi due testi, gli unici di cui si conosca il nome dell’autore, Giacomino da Verona, e di cui ci siano pervenuti, oltre a V e S, altri due testimoni: il ms. Qt. XIII. I. 26 della biblioteca Arcivescovile di Udine (cc. 40r-50v) e il ms. Canoniciano Italiano 48 della biblioteca Bodleiana di Oxford (cc. 1r-5v, dove è trascritto solo il primo dei due componimenti, con lacune). Nella preparazione della tesi si è tenuto conto anche del materiale di questi due mss.: U e O sono stati sistematicamente consultati per l’allestimento dell’edizione interpretativa di S (relativamente ai testi che U e O tramandano), nonché per il glossario che accompagna tale edizione. Invece nella nota linguistica si è ritenuto di non estendere il confronto anche ai codici di Udine e Oxford, per evitare di appesantire l’esposizione.
La tesi è divisa in due parti, la prima delle quali è focalizzata sul codice, mentre nella seconda l’attenzione si sposta su alcuni dei testi di cui S è testimone. Nell’introduzione alla tesi vengono sinteticamente presentati i testi trascritti in S – con particolare attenzione al corpus ‘veronese’ definito sopra – e la loro tradizione manoscritta; vengono indicati gli aspetti di interesse che presenta il ms. S e gli studi esistenti sull’argomento; vengono definite le problematiche studiate nella tesi e la struttura del lavoro stesso.
La prima parte della tesi comprende la descrizione del ms. S, la nota linguistica, i criteri di edizione, l’edizione interpretativa delle cc. 1r-41v di S, le note al testo e il glossario.
La descrizione del manoscritto contiene informazioni sugli aspetti paleografico-codicologici, nonché alcune considerazioni sui principi organizzativi di tutta la silloge.
La nota linguistica è pensata come un confronto sistematico tra i fenomeni linguistici riscontrati in due redazioni degli stessi componimenti, quella di S e quella di V. Il confronto con un codice marcatamente veronese (V) fa trasparire meglio il polimorfismo e l’ibridismo che presenta il testimone S. Tale ibridismo non è dovuto alle intenzioni dell’autore, ma all’accumularsi di innovazioni risalenti a diversi livelli della tradizione manoscritta. I dati linguistici mettono in luce alcuni aspetti della diffusione del testo: essendo un testimone piuttosto tardo, distante quasi un secolo dagli originali dei testi che tramanda, trascritto da un amanuense che dimostra di avere poca dimestichezza con la lingua dell’originale (il veronese di fine Duecento – inizio Trecento) e contenente numerose forme che risalgono verosimilmente ai suoi antecedenti, S permette di postulare dei passaggi del testo, nel corso della trafila di copie, attraverso diverse aree municipali dell’Italia settentrionale. Nel quadro variopinto dei fenomeni linguistici che presenta il ms. si individuano più strati: l’ascendente veronese, qualche intermediario veneto abbastanza tardo (verosimilmente al processo di copia ha partecipato più di un amanuense veneto, le copie intermedie sono databili approssimativamente alla seconda metà - fine del Trecento e localizzabili tra Venezia e Padova; la zona bellunese-trevigiana è esclusa con un buon margine di sicurezza), uno strato emiliano (probabilmente bolognese), la patina toscaneggiante. Come risultato, in seguito a diverse copiature in città diverse si osserva il passaggio da un dialetto specifico di una città del nord (Verona) a un volgare veneto depurato da molti tratti specificamente locali (una specie di ‘veneto illustre’); tale volgare presenta tuttavia alcuni significativi fenomeni linguistici veneziani e padovani. Allo stesso tempo, la testimonianza di S suggerisce che in un determinato momento la lingua dei testi abbia fatto un passo nella direzione di un volgare ancora più genericamente settentrionale, ma con alcune incrostazioni verosimilmente emiliane. Gli elementi toscaneggianti che si riscontrano nel codice sembrano dovuti, piuttosto che a una mano fiorentina (per ulteriore passaggio del ms.), alla toscanizzazione che avranno portato con se le copiature di area veneta e emiliana, secondo un processo ormai avanzato a fine Trecento. La nota linguistica presenta una descrizione sistematica della lingua di S in tutti i suoi aspetti, con particolare attenzione ai fenomeni più caratteristici di ciascuna delle scriptae di cui S conserva tracce.
Le note al testo commentano prevalentemente i nostri emendamenti e altre scelte editoriali che abbiamo adottato, nonché alcune correzioni di cui segnaliamo la plausibilità, senza tuttavia metterle a testo.
Il glossario è selettivo e registra esclusivamente voci antiche nella lingua moderna scomparse o presenti con grafia o significato diversi. In molti casi i singoli lemmi non si limitano alla registrazione delle forme, ma comprendono una breve discussione che a volte precisa gli aspetti etimologici e lessicali, altre volte motiva alcune scelte ecdotiche di carattere linguistico soltanto accennate nelle note al testo; nel caso di vocaboli o esiti fonomorfologici poco comuni si indicano altri testi che presentano occorrenze di tale lessema o esito. Si riportano, laddove ciò è stato ritenuto utile, anche le corrispettive lezioni degli altri tre codici (V, O e U), per rendere possibile il confronto delle varianti – di sostanza, ma soprattutto formali – di S con quelle del resto della tradizione.
Nella seconda parte della tesi proponiamo un’edizione critica dei quattro testi che non hanno un’edizione moderna: Dell’amore di Gesù, Del Giudizio universale, Lodi della Vergine, Preghiere. Questi componimenti erano stati editi solo una volta, a metà Ottocento, da Adolfo Mussafia: la sua edizione è pregevole (soprattutto considerata la sua altezza cronologica), ma non priva di errori di trascrizione e di interpretazione; inoltre, questa edizione era stata allestita sulla base del solo codice V. L’edizione proposta nella tesi collaziona V (ms. base) con S. La veste linguistica del testo critico di norma fa riferimento alla versione fornita dal codice V. L’apparato è positivo e registra sia le lezioni accolte nel testo sia quelle rifiutate.
Il testo critico è corredato dai criteri di edizione, da una nota metrica che descrive le particolarità dell’anisosillabismo rilevate nei testi che si editano, da note editoriali che spiegano le scelte effettuate e segnalano elementi dubbi o ambigui dal punto di vista ecdotico, e infine dal glossario che registra le forme accolte nel testo critico che si è ritenuto utile segnalare al lettore; nel caso delle voci presenti anche nel glossario relativo al codice S (la prima parte della tesi) si rinvia al rispettivo lemma di tale glossario per informazioni più complete.
La bibliografia finale comprende esclusivamente i titoli citati nella tesi. La lista è divisa in due parti: abbiamo elencato prima la bibliografia citata in forma abbreviata, ovvero gli studi citati frequentemente o comunque più volte e in sezioni testuali distanti tra di loro; abbiamo fornito anche la lista della bibliografia citata in forma piena, che fa riferimento ai contributi citati una volta sola oppure più volte a brevissima distanza (all’interno dello stesso paragrafo).

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Peron, Gianfelice
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE > ROMANISTICA
Data di deposito della tesi:30 Luglio 2012
Anno di Pubblicazione:30 Luglio 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Giacomino da Verona, manoscritto medievale, edizione critica, scriptae, veneto antico, poesia didattico-religiosa / Giacomino da Verona, medieval manuscript, critical edition, scriptae, old Venetian, didactic-religious poetry
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari
Codice ID:5179
Depositato il:16 Mag 2013 09:55
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record