Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Marchetti, Lucia (2012) Cosmological surveys with Spitzer and Herschel space observatories: luminosity functions and cosmological evolution. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 01 Gennaio 2020 per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

18Mb

Abstract (inglese)

Infrared wavelengths contain a substantial amount of information about the origin of galax-
ies and active galactic nuclei and about the evolutionary history of star formation, metal pro-
duction and gravitational accretion. They present a widely complementary view with respect
to more classical surveys in the optical.
However, the different physical processes occurring in galaxies all leave their imprint on
the global and detailed shape of the spectrum, each dominating at different wavelengths. Thus
only detailed analysis of the multi-wavelength properties of a galaxy should, in principle, allow
us to fully understand the nature of that ob ject.
In this context, a ma jor development in the last decade has been the advent of new
observing facilities and large surveys at all wavelengths of the spectrum, enabling astronomers
for the first time to observe the full Spectral Energy Distributions (SEDs) of significant samples
of galaxies over a large redshift range at wavelengths from the X-rays to the Radio. In
particular Spitzer and Herschel have been giving a great contribution, allowing, for the first
time, the sampling of the MIR, FIR and SMM part of the spectrum at multiple wavelengths.
In this work we exploited a number of multi-wavelength extragalactic surveys in fields
jointly observed by Spitzer and Herschel to determine the IR galaxy luminosity function at
MIR, FIR and SMM wavelengths and study the evolution of IR sources with cosmic time.
We used data in areas jointly covered by Spitzer Deep & Wide Extragalactic Surveys and
the Herschel Multi-tiered Extragalactic Survey (HerMes, Oliver et al. (2012)). These surveys
include the deepest and widest observations ever carried out at these wavelengths, probing the
almost unexplored IR wavelength range up to 500 µm in fields of sizes from 0.01 deg2 to 10
deg2 . Besides, over the better part of their covered areas, it was possible to exploit numerous
photometric and spectroscopic surveys in order to completely cover the wavelength range from
the FUV to the NIR (e.g. GALEX in the FUV/NUV, SDSS, INTWFS, CFHTLS and others
in the Optical, 2MASS and UKIDSS in the NIR) and thus characterize the physical properties
of detected sources in great detail.
Part of the present work has been devoted to the construction and validation of the so called
Spitzer-Selected Multi-Wavelength Wide-Area Data Fusion. In this database we combined
Spitzer mid- and far-infrared data from the Spitzer Wide-area InfraRed Extragalactic (SWIRE,
Lonsdale et al. (2003)) survey in six fields, the Spitzer Deep-Wide Field Survey (SDWFS) in
the Bootes field, the Spitzer Extragalactic First Look Survey (XFLS) in the XFLS field, with
data at UV, Optical and NIR wavelengths, covering about 70 deg2 in total. We fully exploited
the power of the SDSS and INTWFS databases, as well as complementary near-infrared data
from 2MASS and UKIDSS and further optical imaging obtained by the SWIRE, SDWFS and
XFLS teams. We then added to this rich dataset all the spectroscopic information available
from SDSS and NED.
The Spitzer Data Fusion represents an ideal starting point to perform statistical studies on
galaxies like detailed SED fitting analysis to estimate photometric redshifts, masses as well as
the Star Formation Rates (SFRs).It has been used to validate the Herschel SDP observations
within the HerMES consortium team and to produce the first release of the official SPIRE
catalogues. It was developed to be VO-compliant and will be made publicly available, together
with a collection of ancillary information such as the transmission curves and Vega-to-AB
conversion factors of all spectral filters.
The determination of the Galaxy Luminosity Function is often hampered by the difficulties
of covering a wide area down to faint fluxes on one hand and determining counterparts and
their redshifts for detected sources in a complete and reliable manner on the other. In this
work we have thus assembled and exploited the deepest and widest Spitzer and Herschel
extragalactic surveys to select IR galaxy samples in a complete and reliable manner, and the
best UV/Optical/NIR ancillary data to identify them and estimate their redshifts. Thanks
to Spitzer and Herschel observations we are now able, for the first time, to reliably sample
the IR bolometric luminosity of sources at virtually any epoch and thus provide important
insights into dust obscured star formation activity across Cosmic Time. Even with the best
dataset, however, accurately constructing the Luminosity Function remains a tricky pursuit,
since the presence of observational selection effects due to e.g. detection thresholds in apparent
magnitude, colour, surface brightness or some combination thereof can make any given galaxy
survey incomplete and thus introduce biases in the Luminosity Function estimates. Only a
comparison of results coming from different Luminosity Function estimators applied on the
same samples can ensure we can assess the impact of these biases in a robust manner.
Armed with the Spitzer Data Fusion, we were able to describe the 0 < z < 0.5 Local
Luminosity Function of sources selected in wide fields by the Spitzer MIPS and Herschel
SPIRE imagers. We fully exploited the multi-wavelength information collected within the
Spitzer Data Fusion to perform a complete SED fitting analysis of MIPS and SPIRE sources
and thus estimate the monochromatic rest-frame luminosities at both MIPS 24/70/260 µm
and SPIRE 250/350/500 µm as well as the IR bolometric luminosity integrating the SED
between 8 and 1000 µm. We then implemented a number of different statistical estimators
to evaluate the local luminosity functions of flux-limited samples in these bands: the classical
1/Vmax estimator Schmidt (1968) and the modified 1/Vest version by Page & Carrera (2000);
a parametric maximum likelihood technique (ML) based on a bayesian approach as described
in Kelly et al. (2008) and finally a semi-parametric approach introduced by Schafer (2007).
We have then applied the same tools to the PACS/SPIRE dataset provided by the PEP/HerMES
teams in the Cosmic Evolution Survey (COSMOS) field, where PACS/SPIRE sensitivity and
the COSMOS photometric redshift catalog allowed us to probe the evolution of Herschel
sources up to z
∼ 5. Namely, we have studied the redshift-dependent FIR/SMM Monochro-
matic and IR Bolometric Luminosity and the inferred Cosmic Star Formation Rate Density of
SPIRE 250 µm sources. Given the uncertainties at play, two independent methods to measure
the evolutionary rates of Herschel sources were applied, returning consistent results and thus
strengthening our conclusions. Our results put strong constraints on modeling predictions, and
their comparison with semi-analytical models for the formation of galaxies into a self-consistent
cosmological context starting from first principles readily shows substantial disagreements in
the observed/predicted evolutionary rates of Herschel sources at moderate-to-high redshifts.

Abstract (italiano)

Le lunghezze d’onda infrarosse contengono delle informazioni fondamentali per descrivere
l’origine delle galassie, dei nuclei galattici attivi e, piu' in generale, la storia evolutiva della for-
mazione stellare, della produzione dei metalli e dell’accrescimento gravitazionale. In sostanza
quindi, rappresentano un punto di vista del tutto complementare a quello investigato dalle
piu classiche survey nell’ottico.
Tuttavia, i vari processi fisici che si susseguono nella formazione galattica lasciano la loro
impronta sulla forma dello spettro di emissione globalmente a tutte le lunghezze d’onda, cias-
cuno piu' o meno dominante nei diversi regimi di frequenza. Per questo motivo solo tramite
dettagliati studi multi banda sulle propriet`a delle galassie siamo in grado di capire approfonditamente la nature di questo tipo di sorgenti.
In questo contesto, un grosso passo avanti `e stato compiuto nell’ultima decade, grazie all’avvento di nuovi telescopi e di grandi survey osservative condotte a tutte le lunghezze
d’onda, consentendo quindi, per la prima volta, un reale studio completo, dai raggi X al Radio,
delle SED di un significativo numero di galassie. In particolare, gli osservatori spaziali Spitzer
ed Herschel stanno dando un grosso contributo in questo senso, permettendo, per la prima
volta, osservazioni nel medio-, lontano- infrarosso e nel regime sub-millimetrico campionando
diverse lunghezze d’onda.
In questo lavoro sfruttiamo diverse survey multibanda condotte in maniera congiunta da
Spitzer e Herschel con il fine di studiare le funzioni di luminosita' nelle bande del medio-, lontano-infrarosso e del sub-millimetrico e determinare poi l’evoluzione delle sorgenti infrarosse.
Piu' nel dettaglio abbiamo basato la nostra analisi sui dati raccolti nelle survey sia profonde
che su grandi aree, e quindi meno profonde, condotte da Spitzer, e nella Herschel Multi-tiered
Extragalactic Survey (HerMes, Oliver et al. (2012)) condotta da Herschel. Queste campagne
osservative includono le osservazioni piu' profonde e piu' vaste in area mai condotte a queste
lunghezze d’onda, analizzando il per lo piu' inesplorato intervallo di lunghezze d’onda infrarosse
fino a 500 µm in aree di cielo che vanno dai 0.01 gradi2 ai 10 gradi2 . Inoltre, nella maggior parte
delle aree da loro coperte, e' stato possibile sfruttare un considerevole numero di campagne
osservative sia fotometriche che spettroscopiche consentendo di raccogliere informazioni anche
nelle restanti bande dello spettro elettromagnetico dal lontano ultravioletto al vicino infrarosso
(per esempio, GALEX nel lontano e vicino UV, SDSS, INTWFS, CFHTLS e altre nell’ottico,
2MASS e UKIDSS nel vicino IR) ed essere cosı' in grado di caratterizzare dettagliatamente le
propriet`a fisiche delle sorgenti rilevate.
Una parte del presente lavoro e' stata dedicata alla costruzione e alla validazione del
database denominato Spitzer-Selected Multi-Wavelength Wide-Area Data Fusion. In questo
database abbiamo combinato i dati nel medio- e lontanto-IR raccolti da Spitzer nelle campagne
osservative Spitzer Wide-area InfraRed Extragalactic (SWIRE, Lonsdale et al. (2003)) in sei
aree di cielo, Spitzer Deep-Wide Field Survey (SDWFS) nell’area di Bootes, Spitzer Extra-
galactic First Look Survey (XFLS) nell’area di XFLS, assieme ai dati nell’UV, nell’Ottico e nel
vicino IR, campionando circa 70 gradi2 in totale. Abbiamo sfruttato al massimo l’ampiezza e la
ricchezza dei dati raccolti da SDSS e INTWS nell’ottico e da 2MASS e UKIDSS nel vicino-IR,
cos`ı come altre osservazioni ottiche ottenute all’interno dei progetti SWIRE, SWDFS e XFLS.
Abbiamo cos`ı aggiunto a questa gi`a ricca quantit`a di dati tutte le informazioni spettroscopiche
disponibili da SDSS e NED.
Il Spitzer Data Fusion rappresenta un ideale punto di partenza per studi sulle propriet`a
statistiche delle galassie, come lo studio dettagliato delle distribuzioni di energia spettrale
(SED) per la stima dei redshift fotometrici, delle masse e del tasso di formazione stellare
(SFR). E`stato usato per validare le osservazioni condotte da Herschel in SDP all’interno del
consorzio HerMES e per produrre la prima versione pubblica dei cataloghi SPIRE. E`stato
pensato per essere compatibile con le piattaforme rese disponibili dal VO e sar`a reso pubblico
assieme ad una collezione di altre quantit`a ancillari come le curve di trasmissione e gli indici
di conversione tra magnitudini Vega ed AB per tutti i filtri disponibili.
Lo studio delle funzioni di luminosita' e' spesso reso piu' complicato a causa, da un lato, delle
difficolta' di condurre osservazioni su grandi aree fino a bassi livelli di flusso, dall’altro delle difficolta' di associare una corretta stima del redshift alle sorgenti man mano osservate. In questo
lavoro abbiamo percio' assemblato le osservazioni piu' profonde e su grandi aree di Spitzer ed
Herschel con lo scopo di selezionare un campione di galassie infrarosse nel modo piu' completo
e affidabile, cosı' come la migliore collezione collezione di dati ancillari UV/Ottico/NIR atti ad
identificare le controparti di queste sorgenti e determinarne una stima corretta del redshift.
Grazie alle osservazioni di Spitzer ed Herschel siamo infatti in grado, per la prima volta, di
campionare la luminosita' bolometrica infrarossa integrata tra 8 e 1000 µm delle sorgenti ad
ogni epoca cosmica e quindi consentire di studiare nel dettaglio i processi di formazione stellare
oscurati dalla polvere del mezzo intergalattico in funzione del tempo cosmico.
Ad ogni modo, anche avendo a disposizione la migliore collezione di dati, studiare le funzioni di luminosit`a delle galassie rimane complicato e ricco di aspetti controversi, a causa della
presenza di effetti di selezione sulle osservazioni dovute, per esempio, al limite di sensibilit`a
degli strumenti che rendono per lo piu' incompleti i campioni di galassie selezionati e introducono quindi dei bias nella stima corretta delle funzioni di luminosita'. E`
quindi chiaro che
solo tramite un confronto diretto delle stime ottenute utilizzando diversi metodi statistici sugli
stessi campioni di dati che possiamo essere sicuri di quantificare l’impatto di questi effetti di
selezione sui nostri risultati.
Grazie alla Spitzer Data Fusion, siamo in grado di descrivere le funzioni di luminosita’ locali (0 < z < 0.5) delle sorgenti selezionate nei campioni di grande area raccolti dai fotometri
MIPS e SPIRE, rispettivamente operanti su Spitzer ed Herschel. Abbiamo sfruttato ampiamente le informazioni multi banda raccolte nel database per analizzare le SED delle sorgenti
rilevate da questi strumenti e quindi stimare, nel sistema di riferimento a riposo, le luminosita'
monocromatiche sia nelle bande a MIPS 24/70/260 µm che in quelle a SPIRE 250/350/500
µm e la luminosit`a infrarossa bolometrica integrata tra 8 e 1000 µm per ciascuna sorgente.
Successivamente abbiamo utilizzato svariato metodi statistici per stimare la funzione di luminosita' locale di campioni completi di galassie selezionate in flusso per ciascuna di queste
bande: il classico metodo 1/Vmax diSchmidt (1968) e una sua incarnazione leggermente modificata detta 1/Vest introdotta da Page & Carrera (2000); un metodo parametrico di maximum likelihood basato sulla statistica Bayesiana descritto da Kelly et al. (2008) ed infine un metodo
semi-parametrico introdotto da Schafer (2007).
Abbiamo poi applicato gli stessi metodi ad un campione di dati raccolti dai due fotometri
PACS e SPIRE, di Herschel, distribuiti dal consorzio HerMES e centrati nell’area della survey Cosmic Evolution Survey (COSMOS), osservazioni in cui la sensibilit`a di PACS e SPIRE
a il catalogo di redshift fotometrici di COSMOS ci consentono di studiare l’evoluzione delle
sorgenti di Herschel fino a z ∼ 5. Nello specifico abbiamo studiato, in funzione del redshift,
le funzioni di luminosit`a monocromatiche, la funzione di luminosit`a bolometrica infrarossa
integrata tra 8 e 1000 µm e la densita' del tasso di formazione stellare cosmica delle sorgenti
rilevate da SPIRE a 250 µm. Data per assodata la presenza di incertezze nelle stime sopra citate, abbiamo applicato due metodi indipendenti per misurare il tasso evolutivo delle
sorgenti, ottenendo risultati consistenti tra loro e quindi rendendo ancora piu' solide le nostre
stime. I nostri risultati pongono dei vincoli stringenti sulle predizioni modellistiche dei modelli
semi-analitici che descrivono la formazione della galassie sulla base di principi primi in accordo
con lo scenario cosmologico standard, e dai nostri confronti emerge un sostanziale disaccordo
tra i risultati osservativi da noi ottenuti e quelli predetti dai modelli nel quantificare il tasso
evolutivo delle sorgenti rilevate da Herschel, soprattutto ad alto redshift.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Franceschini, Alberto
Correlatore:Vaccari, Mattia
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > ASTRONOMIA
Data di deposito della tesi:30 Luglio 2012
Anno di Pubblicazione:Luglio 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Galaxies, galaxy formation, cosmic evolution, statistical studies
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 02 - Scienze fisiche > FIS/05 Astronomia e astrofisica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Fisica e Astronomia "Galileo Galilei"
Codice ID:5185
Depositato il:21 Mag 2013 09:33
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record