Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Maniero, Sabrina (2012) Le reti che orientano: casi di studio delle reti di orientamento per i giovani della Regione del Veneto. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione accettata
5Mb

Abstract (inglese)

In the current socio-historical context, characterized by high complexity, by a continuously increasing rhythm of transformations, by a widespread state of uncertainty about its evolution and hence of general confusion, education can play a central role in leading young people to develop their skills of adaptability and planning both in the medium and in the long term.
Youth guidance can be now considered a strategic factor in the development process of the country and represents a supporting force in the renewal of the education system both at local and at national level. The purpose of guidance in schools is to stimulate a process of growth and accountability, helping young people to find within themselves answers to basic questions (what their interests, their motivations and their life plans are and the concrete possibilities of realizing them) and to make autonomous choices, which take the social context they live in into proper account.
This requires a revision of models and methods of intervention used in the guidance which takes place in schools, in order to support young people in the many choices and transitions which characterize their whole life.
Being a multidimensional process (including pedagogical, psychological, sociological and economical components), it requires the collaboration of a team of professionals who, along with teachers, ensure the overall care of a young student. This also requires coordination between different systems (school, vocational training, guidance services, universities, etc.) which in turn requires the existence of a network of relations among the different organizations which have specific missions with respect to guidance.
The subject of guidance is studied, in this research, in close connection with the concept of social network, intended as network-organization. The latter consists of multiple and recognizable connections and structures in which high-level self-regulating nodes operate, and collaborate with each other in view of common goals and shared results.
The research has its starting point in the ten-year experience of youth guidance networks in Regione Veneto, consisting of multiple partners with different backgrounds and duties (the educational system, vocational training, employment and the social system) which collaborate to organize multiple initiatives for student guidance.
The main problem which motivated the present work is the presence of heterogeneous elements in the network types, distributed in a bipolar continuum from “networks of information and collaboration”, which present a low level of coordination, to “cooperative networks”, with a high degree of coordination. The aim was a detailed study of cooperative networks, which are considered good practice in guidance.
Empirical research has focused on seven “cooperative networks”, adopting a qualitative and quantitative methodology. Data collection consisted of two phases: a series of semi-structured interviews with coordinators of the seven networks and the processing of questionnaires filled out by school representatives of the guidance network projects.
Interviews with network coordinators allowed to reconstruct the historical background of the networks, the characteristics of their governance, coordination and communication and the role played by the coordinators themselves.
Data analysis of the questionnaires filled out by school representatives revealed specific trends of the different kinds of school, with respect to the following issues: acknowledgement and application of the guidance project in each school, attitude of colleagues and the headmaster towards the guidance activities; the needs and modalities of the formation and self-formation of colleagues and the headmaster concerning guidance; their perception of the subject.
From the data analysis we can conclude that the guidance activities carried out in the schools that belong to the network can be read through a three-tier model:
1. a first level consisting of the direct work done by teachers towards students, through both informative and formative guidance activities, in which the role of the network is to coordinate different activities at a territorial level, to prepare and distribute the required materials, to ensure homogeneous activities in all schools;
2. a second, more specialized level, consisting of the answers to specific needs identified in the previous activity, which can be offered by teachers or by specialized counselors with specific training;
3. a third level of intervention, consisting of specialistic support through individual counseling to support students who had difficulties in making their choices.
The application of an integrated guidance strategy requires a change of mentality in school operators, who need to agree on the following points:
• guidance is a team responsibility: all actors of the educational process, not only experts, are in charge of guidance, and they all should be aware that they are guidance operators too, having an active role in the process;
• guidance is an integrated part of the teaching activity: if guidance activities find a place in the class work, students recognize the usefulness and the applicability of what they are learning, and they perceive it as more real;
• students lead their guidance process and build their subjective world: guidance operators have to realize that, even if students still need an objective measurement (psycho-diagnostic and psycho-aptitudinal), such a measurement can only be of use if the student accepts its results and is able to adapt the information to his own subjective reality. This is a step which requires additional expert support, in order to integrate the new information into a revision of the subjective reality of the student.

Abstract (italiano)

Nell’attuale quadro storico-sociale, caratterizzato da elevata complessità, da un ritmo crescente di trasformazioni, da uno stato di incertezza circa le sue linee evolutive e quindi di disorientamento generale, la formazione scolastica può giocare un ruolo di grande rilievo per accompagnare i giovani a sviluppare capacità di adattabilità e di progettualità a medio e lungo termine.
L’orientamento dei giovani costituisce in questo momento uno dei fattori strategici del processo di sviluppo del paese e rappresenta un dispositivo di sostegno al rinnovamento del sistema dell’istruzione a livello locale e nazionale. L’obiettivo dell’orientamento a scuola è quello di stimolare un processo di crescita e di responsabilizzazione, aiutando i giovani a trovare dentro di sé le risposte ad alcune domande di fondo (quali sono gli interessi, le motivazioni, il progetto di vita, le possibilità concrete di realizzarlo), rendendoli capaci di compiere scelte autonome, che tengano opportunamente conto del contesto sociale. Ciò richiede di rivedere modelli e metodi di intervento dell’orientamento realizzato nelle scuole, al fine di supportare i giovani nelle innumerevoli fasi di scelta e transizioni che caratterizzeranno tutta la loro vita.
Essendo un processo multidimensionale (con componenti di tipo pedagogico, psicologico, sociologico, economico), richiede la collaborazione di una squadra di professionisti, che insieme ai docenti, garantiscano la presa in carico globale dello studente. Ciò richiede un raccordo tra sistemi (scuola, formazione professionale, servizi per l’orientamento, università, ecc.) che presuppone l’esistenza di una rete di relazioni tra organizzazioni che hanno mission specifiche rispetto all’ orientamento.
Il tema dell’orientamento è trattato nella ricerca in stretta connessione con il costrutto di rete sociale, intesa come organizzazione-rete. Quest’ultima è costituita da un sistema di riconoscibili e multiple connessioni e strutture entro cui operano nodi ad alto livello di autoregolazione, capaci di cooperare tra loro in vista di fini comuni e di risultati condivisi.
La ricerca parte dall’esperienza decennale delle reti territoriali di orientamento per i giovani della Regione del Veneto, composte da partner di varia tipologia (attori del sistema dell’istruzione, formazione, lavoro e del sociale) che collaborano nella realizzazione di una ampia gamma di azioni di orientamento rivolte agli studenti. Il problema dal quale il lavoro ha preso avvio è la presenza di eterogeneità nelle tipologie di reti, distribuite in un continuum bipolare da “reti di informazione e collaborazione” che presentano un basso grado di coordinamento, a “reti cooperative” che presentano un alto grado di coordinamento. Lo scopo è stato quello di approfondire lo studio delle reti cooperative, considerate buone pratiche di orientamento.
La ricerca empirica si è focalizzata sull’indagine approfondita di sette “reti di tipo cooperativo”, adottando una metodologia quali-quantitativa. La raccolta dei dati si è svolta in due fasi: interviste semi-strutturate ai coordinatori delle sette reti e l’elaborazione dei questionari compilati dai referenti scolastici dei progetti di orientamento di rete. Le interviste ai coordinatori di rete hanno permesso di esplicitare la storia delle reti, le caratteristiche del sistema di governance e di coordinamento, di comunicazione ed il ruolo svolto dal coordinatore.
Le analisi dei dati sui questionari compilati dai referenti scolastici di progetto, hanno permesso di evidenziare le tendenze dei diversi tipi di scuola, rispetto alle seguenti tematiche: riconoscimento e applicazione del progetto di orientamento nelle singole scuole; atteggiamento dei colleghi e del dirigente rispetto alle attività del progetto di orientamento; i bisogni e le modalità di formazione ed autoformazione degli stessi sui temi dell’orientamento; la loro rappresentazione sul tema. Dall’analisi dei dati raccolti emerge che le attività di orientamento realizzate nelle scuole in rete, possono essere lette attraverso un modello a tre livelli:
1) un primo livello di intervento svolto dagli insegnanti verso studenti con attività di orientamento informativo e formativo, in cui il ruolo della rete è quello di coordinare le attività a livello territoriale, costruire e diffondere materiali, monitorare lo svolgimento omogeneo delle attività in tutte le scuole;
2) un secondo livello di tipo specialistico, in cui si collocano risposte a bisogni più specifici, emersi e delineati nell’attività precedente, che possono essere offerte da insegnanti o operatori con preparazione specifica;
3) un terzo livello di intervento è quello esperto, in termini di consulenza individualizzata per supportare gli studenti che in fase di scelta si trovino in difficoltà.
L’applicazione di una strategia integrata di orientamento richiede un cambiamento di mentalità degli operatori scolastici, che devono essere d’accordo sui seguenti punti:

• l’orientamento è una responsabilità di squadra: l’orientamento non è responsabilità solo degli esperti, bensì di tutti gli attori del processo educativo, i quali devono essere consapevoli che sono anche loro operatori di orientamento;
• l’orientamento è una parte integrata dell’insegnamento: se le attività vengono integrate nel lavoro di classe, gli studenti riconoscono l’utilità e l’applicabilità di ciò che imparano e lo percepiscono come più reale.
• sono gli studenti che conducono il loro processo di orientamento e costruiscono il loro mondo soggettivo: gli operatori dell’orientamento devono riconoscere che per gli studenti una misurazione oggettiva (psico-diagnostica e psico-attitudinale) è utile ma può avere un ruolo solo se lo studente accetta i risultati ed è in grado di adeguare le informazioni alla propria realtà soggettiva. Questo è un passaggio che richiede un ulteriore accompagnamento esperto, al fine di integrare le nuove informazioni in una revisione della realtà soggettiva dello studente.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Galliani, Luciano
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > SCIENZE PEDAGOGICHE, DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Data di deposito della tesi:31 Luglio 2012
Anno di Pubblicazione:31 Luglio 2012
Parole chiave (italiano / inglese):orientamento/guidance lavoro di rete/networking
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PED/04 Pedagogia sperimentale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata
Codice ID:5202
Depositato il:20 Mag 2013 13:34
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Alberici A. (2002), Imparare sempre nella società della conoscenza, Mondadori, Milano Cerca con Google

Alberici A., Orefice P. (2005), Le nuove figure professionali della formazione in età adulta, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Arcani A.M. (1996), Il coordinamento e il controllo nelle organizzazioni a rete, Egea, Milano Cerca con Google

Associazione TreeLLLe, L’autonomia organizzativa e finanziaria della scuola. Seminario n. 4, Genova 2005 Cerca con Google

Associazione TreeLLLe, Per una scuola autonoma e responsabile, Quaderno n. 5, Genova 2006 Cerca con Google

Avon A., (2011), La legislazione scolastica: un sistema per il servizio di istruzione, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Batini F (a cura di) (2005) Manuale per orientatori. Metodi e scenari per l’empowerment personale e professionale, Erickson, Trento Cerca con Google

Baumgarten F., (1949), Orientationet selection professionnelle par l’examen psychologique du caracère, Dunod, Paris Cerca con Google

Biagioli R., (2005), L’orientamento formativo, ETS,Pisa Cerca con Google

Bottani N. (2002), Insegnanti al timone. Fatti e parole dell’autonomia scolastica, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Butera F. (1990), Il castello e la rete: impresa, organizzazioni e professioni nell’Europa degli anni Novanta, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Butera F., Coppola B., Fasulo A., Nunziata E. (2002) Organizzare le scuole nella società della conoscenza, Caroddi , Roma Cerca con Google

Butera F. (2005) Progettazione di organizzazioni complesse: dal castello alla rete, in www.sociologia.unimib.it Vai! Cerca con Google

Cannavò L. (a cura di), (1997) Le reti di Prometeo, Ambienti, culture e valori delle professioni scientificho-tecnologiche, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Casaschi C. (a cura di), 2008, Verso il domani. Una ricerca sperimentale sull’orientamento a scuola. Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Castelli C. (a cura di), (2002) Orientamento in età evolutiva, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Castelli C., Venini L. (a cura di), (1996), Psicologia dell’orientamento scolastico e professionale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Castelli C., Venini L. (a cura di), (1996), Psicologia dell’orientamento scolastico e professionale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Castells M. (2002), La nascita della società in rete, Egea, Università Bocconi, Milano Cerca con Google

Cattaneo P., Come cambia l’orientamento formativo oggi? in La progettazione di esperienze educative e didattiche in tema di solidarietà e di donazione del sangue, in Cerca con Google

www.avis.it/repository/cont_schedemm/1949_documento.doc Vai! Cerca con Google

Cecconi L. (a cura di) (2002), La ricerca qualitativa in educazione, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

CEDEFOP (2004), Quality Guidelines and Criteria in Guidance, final report, Luxembourg Cerca con Google

CEDEFOP, (2004), Guidance policies in the knowledge society, Luxembourg Cerca con Google

CEDEFOP, (2011), Lifelong guidance across Europe: reviewing policy progress and future prospects, working paper n.11, Luxembourg Cerca con Google

Cesaria R. (1996), Innovazioni organizzative ed esigenze di comunicazione, in Sviluppo & Organizzazione, n.158 Cerca con Google

CIDI, Quale formazione continua per i docenti? Idee e proposte per la formazione dei docenti nel primo decennio del 2000, Documento presentato al Seminario Nazionale MPI, Verona 25-27/5/2000, in http://www.cidi.it/documenti/cidi_ver.htm Vai! Cerca con Google

Chiappetta Cajola L., (1999) Organizzazione della scuola e processi decisionali in Domenici G. (a cura di), Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Chiarolanza C., De Gregorio E.,(2007) L’analisi dei processipsico-sociali, Carocci, Roma Cerca con Google

Chiesi, A., M. (1999), L’analisi dei reticoli, Milano, Franco Angeli Cerca con Google

Cohen L., Manion L., (1994), Research methods in education, Routledge, London Cerca con Google

Consolini M., (2002) La risorsa rete per i servizi del lavoro. Punti chiave e proposte operative, Quaderni Spinn 2, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Roma Cerca con Google

Corbetta P. (1999), Metodologie e tecniche della ricerca sociale, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Cornaviera D. (2008), La relazione tra didattica e orientamento in Focciatti R. (a cura di) Orientare e orientarsi nella scuola primaria e secondaria, Carocci, Roma Cerca con Google

Cresson E. (1995), Insegnare e apprendere: verso una società conoscitiva, Commissione Europea: Libro Bianco sull’Istruzione e la Formazione – Unione Europea, Bruxelles Cerca con Google

De Bartolomeo M., Magni V. (1999), Sistema formativo integrato e nuova centralità della scuola, in Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

D’Alterio G., L’autonomia scolastica, www.edscuola.it/archivio/ped/autonomia/autonomia _scolastica.pdf Vai! Cerca con Google

De Pieri S. (2000), Orientamento educativo e accompagnamento vocazionale”, Elledici, Torino Cerca con Google

Del Cimmuto A. (2006), Società complessa, transizioni e orientamento in Grimaldi A., Del Cimmuto A. (a cura di), Dialoghi sull’orientamento, Isfol, collana Temi & Strumenti, Roma Cerca con Google

Del Core P., (1999), Quadro teorico dei riferimento, in Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (a cura di), “Rapporto finale della ricerca “Seconda Indagine Nazionale sui Servizi di Orientamento 1998” Roma Cerca con Google

Del Core P., Ferraroli S., Fontana U., (2005), Orientare alle scelte. Percorsi evolutivi, strategie e strumenti operativi, LAS , Roma Cerca con Google

Dell’Olio C. (2004), Istituzioni formative e pratiche di coordinamento organizzativo: modelli di pensiero e schemi d’azione del networking nei contesti scolastici in Alesandrini G. (a cura di) Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni, Guerini e Associati, Milano Cerca con Google

Di Fabio A.M. (2002), Psicologia dell’orientamento. Problemi, metodi e strumenti, Giunti, Firenze (prima edizione 1998) Cerca con Google

Di Fabio A. (2003), L’utilizzo dell’autobiografia ai fini dell’orientamento: il bilancio di competenze, Magellano, 15, p.42 Cerca con Google

Di Nubila R. (1995), La valenza formativo-orientativa del sapere disciplinare, in http://www.orientamentoirreer.it/materiali/materiali/Dida_Orient/1995dinubila.pdf Vai! Cerca con Google

Di Nicola P. (1995), La società come rete moda o bisogno di innovazione? in Quaderni di animazione e formazione, “L’intervento di rete. Concetti e linee di azione”, Gruppo Abele, Torino, Cerca con Google

Di Nicola, P. (1998), La rete: metafora dell’appartenenza, Franco Angeli, Milano. Cerca con Google

Di Nubila R. (2003), Le ragioni epistemologiche dell’orientamento come processo formativo e come ipotesi costante di apprendimento personalizzato, in G. Cian, D. Orlando (a cura di) Il processi di orientamento nelle Scienze dell’Educazione,(coordinamento R. Di Nubila), Studium Educationis Cerca con Google

Domenici G. (1998), Manuale dell’orientamento e della didattica modulare, Editori Laterza, Bari Cerca con Google

Domenici G. (a cura di) (1999), Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Donà L. (2008), La dimensione storico-normativa dell’orientamento scolastico e professionale in Focchiatti R. (a cura di) Orientare e orientarsi nella scuola primaria e secondaria, Carocci, Roma Cerca con Google

Donati P. (1988), Tra Gemeinschaft e Gesellschaft: le reti inforamli nella società contemporanea, in Annali di Sociologia, 4 Cerca con Google

Donati P. (1991) Teoria relazionale della società, Angeli, Milano Cerca con Google

Donati P. (1978), Donna e scambio simbolico in tre generazioni, in Donati P., Cipolla C., La donna nella terza Italia, Ave Roma Cerca con Google

Fabbris L. (1997), Statistica multivariata. Analisi esplorativa dei dati, McGraw-Hill Cerca con Google

Falanga M. “Il nuovo riparto delle competenze di istruzione scolastica. Stato e autonomie locali” Cerca con Google

In extra.retescolasticamuna.it/progetti/file/falanga_relazione.doc Cerca con Google

Federighi P.(2006), Profili professionali con formazione superiore e alta formazione e le relative competenze: il manager dei processi formativi nelle reti di innovazione, in Alberici A., Orefice P., Le nuove figure professionali della formazione in età adulta, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Ferrante M., Zan S. (2004), Il fenomeno organizzativo, Carocci, Roma Cerca con Google

Ferrario F. (1993), Il lavoro di rete nel servizio sociale. Gli operatori tra solidarietà e istituzioni, NIS, Roma Cerca con Google

Ferraro S. (2008), Dimensione storica, normativa ed europea dell’orientamento scolastico, in Casaschi C. (a cura di) Verso il domani. Una ricerca sperimentale sull’orientamento a scuola, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Focchiatti R. (a cura di), 2008, Orientare e orientarsi nella scuola primaria e secondaria, Carocci, Roma Cerca con Google

Galli N., (1995), La psicopedagogia di Henri Wallon, La Scuola, Brescia Cerca con Google

Galliani L. (1999) (a cura di), Qualità della formazione e ricerca pedagogica, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Galliani L.(2003), Metodologia e tecnologia dell’agire formativo come scienza empirica in Galliani L. (a cura di), Educazione versus Formazione, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane Cerca con Google

Galliani L. (2009), Web ontology della valutazione educativa, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Gallini L. (2009), Valutare l’orientamento. Progetto di monitoraggio e valutazione degli interventi di orientamento della Regione del Veneto, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Giddens A. (2007), L’Europa nell’età globale, Edizioni Laterza, Roma Cerca con Google

Ginzberg E. (1951) Occupational choise: an approach to a general Theory, Columbia University Press, New York citato in Pombeni (1996) Cerca con Google

Girotti L. (2006), Progettarsi. L’orientamento come compito educativo permanente, Vita e Pensiero, Milano Cerca con Google

Grange Sergi T. (2007), L’orientamento nella progettualità educativa, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Grandori A. (1995), L’organizzazione delle attività economiche, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Grimaldi A. (a cura di), (2001), Modelli e strumenti a confronto: una rassegna sull’orientamento, Collana Isfol, Strumenti e ricerche, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Grimaldi A., Del Cimmuto A. (a cura di) (2007), Dialoghi sull’orientamento, Isfol, collana Temi & Strumenti, Roma Cerca con Google

Grimaldi A. (2011), Rapporto orientamento 2010. L’offerta e la domanda di orientamento in Italia, I libri del Fondo Sociale Europeo Cerca con Google

Guichard J. (2004), Se faire soi, in L’Orientation Scolaire et Professionnelle, 33/4, 499-534 Cerca con Google

Guichard J. (2006) Orientarsi per costruirsi, in Grimaldi A., Del Cimmuto A. (a cura di), Dialoghi sull’orientamento, collana Temi & Strumenti, Isfol, Roma Cerca con Google

Guichard J. (2007), Limpact de la mondialisation sur le conseil en orientation des adultes, in Risorsa Uomo, vol. 13, n. 4 Cerca con Google

Guichard J.(2009), Problematiche e sfide dell’orientamento nelle società industriali globalizzate all’inizio del XXI secolo, in Di Fabio A. (a cura di), Career counseling e bilancio di competenze, Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Guichard J., Huteau M. (2003), Psicologia dell’orientamento professionale, Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Guichard J., Huteau M. (2005), L’orientation scolaire et professionnelle, Dunod, Paris Cerca con Google

Invernizzi E. (2000), La comunicazione organizzativa: teorie, modelli e metodi, Giuffrè, Milano Cerca con Google

Isol (2010), Rapporto orientamento 2009, I libri del Fondo Sociale Europeo Cerca con Google

Isfol (2011), Report di documentazione europea n. 3 Aprile-Luglio 2011, reperibile su http://www.isfol.it/DocEditor/test/File/2011/Documentazione/Comunicadoc_3_2011.pdf Vai! Cerca con Google

Levine D.M., Krehbiel T.C., Berenson M.L. (2002) Statistica, Apogeo, Milano Cerca con Google

Lisimberti C, (2006), L’identità professionale come progetto, Vita & Pensiero, Milano Cerca con Google

Lomi, A. (1991), Reti organizzative, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Lomi A. (1997), L’analisi relazionale delle organizzazioni. Riflessioni teoriche ed esperienze empiriche, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Lucisano P. Salerni A. (2002), Metodologia della ricerca in educazione e formazione, Carocci, Roma Cerca con Google

Madsonati J., Dauwalder J-P. (2010), Il paradigma life design: spunti di riflessione”, in GIPO- Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento, vol 11/1, 19-26, Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Mancinelli M.R. (2002) La conoscenza di sé nel counseling orientativo, in Castelli C.(a cura di), Orientamento in età evolutiva, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Mancinelli M.R., (2002) Le componenti del processo di orientamento, in Castelli C. (a cura di), Orientamento in età evolutiva, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Mancinelli M.R., Manto M.C., (2002) I bisogni orientativi in età evolutiva, in Castelli C. (a cura di), Orientamento in età evolutiva, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Marostica F.(2008), La centralità della didattica orientativa nel processo di sostegno all’autorientamento, in Pombeni (a cura di), L’orientamento tra passato e futuro, Carocci, Bologna Cerca con Google

Marostica F. (2009), Orientamento: risorse normative (e non solo), in Rivista dell’istruzione, n. 4, in: http://www.orientamentoirreer.it/materiali/materiali/orientamento/Pagine%20da%20Istruzione%204_0998Marostica.pdf Vai! Cerca con Google

Moretti G. (1999), Scuola e territorio. Relazioni, integrazioni e gestione, in Domenici G. (a cura di), Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Marradi A., (2007) (a cura di Pitrone e Pavsic), Metodologia delle scienze sociali, il Mulino, Bologna. Cerca con Google

Martini E.R., Torti A. (2003), Fare lavoro di comunità, Carocci, Roma Cerca con Google

Mastrorilli A., Petitta L., Borgogni L., Steca P., (2004), L’abc del programma spss. Come avviarsi alla pratica del pacchetto statistico, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Mazzara B.M.,(a cura di) (2002), Metodi qualitativi in psicologia sociale, Carocci, Roma Cerca con Google

Molinari L., L’autonomia negoziale, in LiberaScuola, supplemento on line al Codice “Gestione Scuola Autonoma”, gennaio 2002, anno I, n.1 Cerca con Google

in: http://www.evolutionschool.com/old/libera_scuola/articolo.php Vai! Cerca con Google

Moretti G. (1999), Scuola e territorio. Relazioni, integrazioni e gestione, in Domenici G. (a cura di) (1999), Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli, pg 46 Cerca con Google

Mura A. (a cura di), 2005, L’orientamento formativo. Questioni storico-tematiche, problemi educativi e prospettive pedagogico-didattiche, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Nicoli D. (2008), Il modello comune di didattica delle competenze in Alternanza Scuola Lavoro e didattica per competenze: per una formazione efficace, Esperienze del Veneto 2007-2008, Regione del Veneto Cerca con Google

Novara F., Sarchielli G., (1996) Fondamenti di psicologia del lavoro, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Oliva A. (2006) Le ragioni dell’autonomia scolastica in Associazione TreeLLLe, Per una scuola autonoma e responsabile. Quaderno n. 5, Genova Cerca con Google

Orefice P., Sarracino V. (a cura di) (2004), Nuove questioni di pedagogia sociale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Orefice P., Sarracno V. (a cura di) (2011), Pedagogia sociale. L’educazione tra saperi e società, Bruno Mondadori, Milano Cerca con Google

Padula G. (2002), Reti di imprese e apprendimento, Egea, Milano Cerca con Google

Palmonari A. (1989) Le rappresentazioni sociali, in Giornale Italiano di Psicologia” n.12, pp 199-233 Cerca con Google

Palumbo M., (2002), Il processo di valutazione. Decidere, programmare, valutare, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Palumbo M., Garbarino E. (2004), Strumenti e strategie della ricerca sociale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Pellerey M.(2004), Le competenze individuali e il Portfolio, La Nuova Italia, Milano Cerca con Google

Petrolino A., (2005), L’autonomia organizzativa dei servizi in TreeLLLe, L’autonomia organizzativa e finanziaria della scuola. Seminario n. 4, Genova 2005 Cerca con Google

Pichierri A. (1999) Organizzazioni rete, reti di organizzazioni: dal caso anseatico alle organizzazioni contemporanee, in Studi Organizzativi, n.3 Cerca con Google

Pichierri A. (2005), Introduzione alla sociologia dell’organizzazione, Edizioni Laterza, Bari Cerca con Google

Pinnelli S. (2005), Qualitativo e quantitativo nella ricerca pedagogica, Armando, Roma Cerca con Google

Piselli F. (1995), Reti. L’analisi di network nelle scienze sociali, Donzelli Editore, Roma Cerca con Google

Piselli F. (2001), Capitale sociale: un concetto situazionale e dinamico, in Bagnasco A. et al., Il capitale sociale. Istruzioni per l’uso, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Polàček K. (2005), Storia ed evoluzione dell’orientamento in Orientare alle scelte, Cospes, LAS, Roma Cerca con Google

Pombeni M.L. (1996), Orientamento scolastico e professionale, Il Mulino, Bologna (prima edizione 1990) Cerca con Google

Pombeni M.L. (2006), Long life guidance e professionalità degli operatori: le sfide per l’orientamento, in Grimaldi A., Del Cimmto A. (a cura di) Dialoghi sull’orientamento, Isfol, Roma Cerca con Google

Ribolzi L. (2003), Il compito degli insegnanti nella scuola della riforma, in MIUR - Annali dell’istruzione, La formazione degli insegnanti nella scuola della riforma, n. 1 / 2, XLXIX, Le Monnier Cerca con Google

Reggio P. (a cura di), 2005), Contro l’esclusione. Le reti per l’inclusione sociale: creazione, sviluppo e valutazione, Guerini e Associati, Milano Cerca con Google

Romei P. (1995), Autonomia e progettualità. La scuola come laboratorio di gestione della complessità sociale, La Nuova Italia, Firenze Cerca con Google

Rosati P. (2005), Una didattica orientativa, www.orientamentoirreer.it/materiali/materiali/Dida_Orient/2005treccani.rtf Vai! Cerca con Google

Rossi B., Fabbri L. (2005), Identità e narrazione. Pedagogia e didattica dell’orientamento, in Batini F (a cura di) (2005), Manuale per orientatori. Metodi e scenari per l’empowerment personale e professionale, Erickson, Trento Cerca con Google

Sangiorgi G. (2005), L’orientamento. Teorie, strumenti, pratiche professionali, Carocci, Roma Cerca con Google

Sanicola L. (1995) Orientamenti al lavoro di rete. Approcci teorici e metodologici, in Quaderni di animazione e formazione, “L’intervento di rete. Concetti e linee di azione”, Gruppo Abele, Torino Cerca con Google

Sarchielli G.(2004), La presenza sul territorio e la rete con i soggetti territoriali, in Isfol, Accreditamento delle sedi orientative, Manuale d’uso Cerca con Google

Savickas M.L., Nota L., Rossier J., Dauwalder J-P., Duarte M.E., Guichard J., Soresi S., Van Esbroeck R, Annelies E.M. Van Vianen, Bigeon C., (2010), Construire sa vie (Life disigning): un paradigme puor l’orientation au 21° siècle, in OSP-L’Orietation Scolaire et Professionnelle, n.1, vol 39, pg 5-39, CNAM, Paris Cerca con Google

Savickas M.L., Nota L., Rossier J., Dauwalder J-P., Duarte M.E., Guichard J., Soresi S., Van Esbroeck R, Annelies E.M. Van Vianen,(2010), Life design: un paradigma per la costruzione della vita professionale nel XXI secolo, in GIPO-Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento, vol. 11/1, pg 3-18, Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Savickas M.L., Nota L., Rossier J., Dauwalder J-P., Duarte M.E., Guichard J., Soresi S., Van Esbroeck R, (2009), Life designing: A paradigm for career construction in the 21st century, Journal of Vocational Behavior, 75 Cerca con Google

Scandella O. (2002) Didattica orientativa in Scandella et al. La scuola che orienta. Percorsi, ruoli, strumenti, RCS Libri, Milano Cerca con Google

Scandella O. (2003), Orientamento e azioni di accompagnamento nella formazione degli adulti, in Isfol , Formazione permanente: chi partecipa e chi ne è escluso, Libri del FSE Cerca con Google

Scarpellini G., Strologo E. (a cura di), (1976), L’orientamento. Problemi teorici e metodi operativi. La Scuola, Brescia Cerca con Google

Scarpellini c. (2000), Le motivazioni alla scelta come valori, in Soresi S. (a cura di) Orientamenti per l’orientamento, Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Scott, J. (1991), L’analisi delle reti sociali, ed. italiana a cura di E. Amaturo, NIS, Roma (ed. it.) Cerca con Google

Semeraro R., (1999), La progettazione didattica. Teorie, metodi, contesti. Giunti Editore, Firenze Cerca con Google

Serra R. (2001), Logiche di rete. Dalla teoria all’intervento sociale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Sgalambro L.(a cura di), (2000), Scuola, orientamento e lavoro, Carocci editore, Roma Cerca con Google

Soda G. (1998), Reti tra imprese. Modelli e prospettive per una teoria del coordinamento, Carocci, Roma Cerca con Google

Soresi S.(2000), Orientamenti per l’orientamento:ricerche ed applicazioni dell’orientamento scolastico e professionale, O.S., Firenze Cerca con Google

Soresi S., (1996) Orientamento: modelli a confronto, in “Psicologia e Scuola”, 81, supplemento Cerca con Google

Tanucci G.(2006), Orientamento: sviluppo di carriera e processi di apprendimento, in Grimaldi A., Del Commuto (a cura di) Dialoghi sull’orientamento. Dalle esperienze ai modelli, Roma, Isfol Cerca con Google

Tirittico M. (1999), L’apprendimento organizzativo nella scuola dell’autonomia, Anicia, Roma Cerca con Google

Tirittico M. (1999) La cultura di progetto come condizione dell’autonomia, in Domenici G. (a cura di), Progettare e governare l’autonomia scolastica, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Trigilia C. (2001), Introduzione: ritorno alle reti, in Bagnasco A. et al. Il capitale sociale. Istruzioni per l’uso, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Trinchero R. (2004), I metodi della ricerca educativa, Laterza, Roma-Bari Cerca con Google

Trinchero R., (2002), Manuale dei ricerca educativa, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Tortorici G., Lavorare per progetti nella scuola dell’autonomia Dall’ideazione alla valutazione di progetti con gli indicatori di qualità, http://www.edscuola.it/archivio/ped/lavorare_per_progetti.pdf Vai! Cerca con Google

Van Esbroeck R., (2005), Pre atti del 7° Congresso Nazionale di Orientamento, Padova 24-26 novembre 2005 Cerca con Google

Van Esbroeck R., (2011, a), L’orientamento a scuola. Una proposta operativa di life-design, Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Van Esbroeck R. (2011,b), Career guidance in secondary education: a model, in Rivista “Counseling”, vol. 4, n.2, giungo 2011, Edizioni Erickson, Trento Cerca con Google

Varani A., (2006), Cercare e cercarsi. Percorsi didattici ed educativi di autorientamento per la scuola secondaria di secondo grado, Erickson, Trento Cerca con Google

Vardanega. A. (2009), L’analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti. Fare ricerca sociale con i dati testuali, Aracne, Roma Cerca con Google

Varisco B.M., (2004), Portfolio. Valutare gli apprendimenti e le competenze, Carocci, Roma Cerca con Google

Venini L.(1996), La prospettiva psico-sociale, in Castelli C., Venini L. (a cura di) Psicologia dell’orientamento scolastico e professionale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Viglietti M. (1988), Orientamento. Una modalità educativa permanente, SEI, Torino Cerca con Google

Vilgietti M. (1990) La metodologia dell’orientamento. Orientare chi, come, perché, SEI,Tornino, Cerca con Google

Volpi C. (2004), L’educabilità umana nella società della rete, Bruno Mondadori, Milano Cerca con Google

Zanniello G. (a cura di), (1998), Orientare insegnando. Esperienze didattiche e ricerca-intervento, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Zanniello G. (a cura di), (2003), Didattica orientativa. Una metodologia educativa per l’attivazione dello sviluppo professionale e personale, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Yin K.R., (2003), Lo studio di caso nella ricerca scientifica, Armando, Roma Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record