Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Maroncelli, E. (2013) La gestione del rischio nei cantieri forestali. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
10Mb

Abstract (inglese)

This research analyzes the sectors of forestry activities and maintenance of green areas in
Friuli Venezia Giulia region, that show a high level of injuries (either serious or mortal ones),
often underestimated and involving skilled and unskilled operators. In order to reduce these
numbers and to hold the attention to their prevention, this work sets some cognitive and
scientific actions that need being realized both in woods and in forests, in compliance with the
rules in force concerning safety at the workplace (Legislative Decree 81/2008) and by using a
safety engineering approach.
The methodology included several analytic phases and planning proposal, able to assess risks
at the workplace and to plan training tools (calculation models, functional algorithms). The
results confirm deficiencies and critical aspects of the analyzed sectors: working in a
mountainous environment complicates extremely the safety management and creates an
increase of the risk, determined by environmental factors on which it’s difficult to act in a
definitive way. Critical points are often represented by an incorrect use of a chainsaw and by a
lack in the knowledge about wood cutting techniques. Moreover, costs of personal protective
equipment are still very high. Collected data, however, underline the importance of a correct
system of safety management, able to determine a risk diminution. In order to solve critical
situations, a series of plans have been studied, including an active system to protect the
operator during the use of the chainsaw and a piece of training software in order to cut plants
correctly. Both actions, which are still prototypes, though, have had a positive effect in
operational terms. This research could also be a starting point for planning specific solutions
to significantly reduce mortal injuries.

Abstract (italiano)

Il lavoro di ricerca è stato sviluppato all’interno della cantieristica forestale e della gestione
del verde nella Regione Friuli Venezia Giulia, settore in cui il numero degli infortuni gravi e
mortali, che coinvolge operatori professionali e non, è sottostimato e poco analizzato dal
punto di vista della prevenzione. L’obiettivo dello studio è stato quello di analizzare gli
scenari operativi, definire una serie di azioni cognitive e scientifiche da contestualizzare nel
luogo di lavoro bosco e foresta. Infine la tesi ha proposto una serie di azioni problem solving
sia di carattere gestionale che operativo. Dal punto di vista metodologico la ricerca è stata
sviluppata sia in conformità della normativa vigente in materia di sicurezza (D. Lgs. 81/2008)
sia attraverso un approccio ingegneristico (Safety Engineering). Il metodo adottato ha previsto
diverse fasi analitiche e progettuali, nello specifico infatti si son utilizzati diverse metodologie
per la valutazione del rischio in cantiere, utilizzando inoltre numerosi strumenti per la
progettazione di strumenti formativi. Per alcuni casi operativi, in particolare l’uso in sicurezza
della motosega, si sono sviluppati degli appositi modelli di calcolo ed algoritmi funzionali. I
risultati dimostrano che il settore ha numerose macrocarenze e criticità; queste carenze sono
determinate dal particolare contesto di lavoro, difficilmente standardizzabile che ha al suo
interno una serie di condizioni al contorno ed elementi climatici ed ambientali non gestibile
con le tradizionali misure di prevenzione e protezione. In tale contesto appare inoltre evidente
come siano due gli elementi definibili come macrocarenze:
- l’utilizzo della motosega in modo scorretto;
- la non conoscenza delle tecniche di taglio e di abbattimento.
L’analisi infortunistica riporta che entrambi i fattori di rischio sono preponderanti all’interno
di tale contesto di lavoro, pertanto nello studio si sono proposte una serie di idee progettuali
per risolvere tali criticità, un sistema attivo per la protezione dell’operatore nell’utilizzo della
motosega, ed un software di formazione ed addestramento per il corretto abbattimento delle
piante. Entrambi, sebbene in forma prototipale, hanno riscontrato un’ottima ricaduta in
termini operativi.
In conclusione, il lavoro evidenzia la necessità di realizzare soluzioni specifiche per il
contesto se si vogliono ridurre in modo significativo gli infortuni mortali, considerazione
avvallata anche dal costo ancora troppo esoso dei dispositivi di protezione individuale
attualmente disponibili sul mercato.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Gubiani, R.
Correlatore:Cividino, S. R. S.
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > TERRITORIO, AMBIENTE, RISORSE E SALUTE > TECNOLOGIE MECCANICHE DEI PROCESSI AGRICOLI E FORESTALI
Data di deposito della tesi:18 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:25 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):LA GESTIONE DEL RISCHIO NEI CANTIERI FORESTALI/RISK MANAGEMENT AT THE FORESTRY YARDS
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/09 Meccanica agraria
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali
Centri > Centro Interdipartimentale di servizi di Agripolis
Codice ID:5373
Depositato il:15 Ott 2013 11:40
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record