Go to the content. | Move to the navigation | Go to the site search | Go to the menu | Contacts | Accessibility

| Create Account

Toffanello, Elena D (2013) Vitamin D, Physical Performance and Neuropsychological Functioning in Elderly Subjects:The Pro.V.A Study. [Ph.D. thesis]

Full text disponibile come:

[img]
Preview
PDF Document
775Kb

Abstract (english)

BACKGROUND
In the past two decades, it has become evident that the role of vitamin D extends beyond calcium homoeostasis.1 Vitamin D metabolites have been found to affect muscle metabolism by stimulating de novo protein synthesis, increasing the proportion of type II muscle fibers and improving muscle function.2 Moreover Vitamin D receptors seem to be widespread in brain tissue and vitamin D’s biologically active form (1,25OHD3) has shown neuroprotective effects including the clearance of amyloid plaques.3 Clinical studies on older people have shown that low serum levels of 25-hydroxyvitamin D (25OHD) correlate with poorer motor performances and with cognitive decline.4-10 Therefore the association between vitamin D, performance tests exploring mobility impairments and neuropsychological test exploring both cognitive and depression mood in elderly subjects has become a clinically hot topic.
The purpose of the study was to verify the association between vitamin D status and motor and neuropsychological functioning in a large sample of Italian older people.
SPECIFIC AIMS OF THE STUDY
The following aims have been taken into considerations:
1. testing the relationship between 25OHD serum levels and a large battery of physical performance tests (exploring balance, gait speed, coordination, upper and lower limb strength and aerobic capacity) and identify 25OHD serum levels optimal for mobility performance
2. to explore the association between baseline serum levels of 25OHD and the 4y subsequent cognitive decline
3. to explore the association between baseline serum levels of 25OHD and the 4y subsequent development of depression mood.
METHODS
Data for this analysis are from the Progetto Veneto Anziani (Pro.V.A.).11 The sample consisted of community-dwelling elderly men and women whose data on physical performance, cognitive and psychological evaluation were complete.
Motor performance assessment:
Physical performances were evaluated using the following standardized tests:11
 Tandem test, TT (static balance ability): participants were asked to maintain balance in three different positions: a side-by-side position, a semi tandem position, and a full-tandem position. The amount of time they succeeded in remaining so, in seconds, was recorded;
 5 timed chair stands, TCS (coordination and strength): participants were asked to stand up and sit down 5 times as quickly as possible, with their hands folded across their chest; the time taken to complete the test, in seconds, was recorded;
 Gait speed, GS: the best performance achieved in two walks at usual pace along a 4m corridor was recorded in meter/seconds. Participants were allowed to use canes or walkers;
 6-minute walking test, 6mW (aerobic capacity): participants were asked to walk at their usual pace for 6 minutes, recording the distance they covered in meters;
 Handgrip and quadriceps strength: handgrip strength, in kg, was measured using a JAMAR hand-held dynamometer (BK-7498, Fred Sammons, Inc.). Knee extensor (quadriceps) and hip flexor (iliopsoas) muscle strengths were determined using a Nicholas Manual dynamometer (BK-7454, Fred Sammons, Inc.).
Neuropsychological Functioning Assessment:
Cognitive function was evaluated at baseline and at follow-up, by administering the 30-item Mini Mental State Examination, according to Folstein.12
This test is the most widely and validated neuropsychological tool to measure cognitive function in geriatric setting. Diagnosis of dementia was performed by geretricians and psychologists with expertise in cognitive impairment according to criteria set out in the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (Fourth Edition).13 Depression was evaluated by using the Geriatric Depression Scale, and a score of ≥11 was indicative of depressive symptoms.14
Statistical analysis
All statistical analysis were performed using the SAS rel. 9.13 (Cary NC: SAS institute), and a two-tailed p-value <.05 was assumed for statistical significance. Participants’ characteristics were summarized using means (± standard deviations) for continuous variables and counts and percentages for categorical variables. Means and proportions were calculated for sex-specific quintiles and tertiles of the distribution of 25OHD serum levels or for vitamin D clinical cut-off values (deficient <50 nmol/L, insufficient >50 and <75 nmol/L, sufficient >75 nmol/L).15 Differences in categorical variables were examined using the Chi-square test. Age-adjusted p values for trends were calculated, checking the differences between means of covariates by quintiles/tertiles or clinical cut-offs values of vitamin D using analysis of variance (ANOVA). General linear models (GLM) were used to examine the independent association between 25OHD levels and performance tests or neuropsychological function. Known factors associated with 25OHD levels and/or physical/cognitive functionality were examined for inclusion in the analyses and multivariate models were obtained. To identify the best 25OHD levels for musculoskeletal functions in the elderly men and women, we conducted a loess analysis. Longitudinal analysis were performed for motor performance test significantly associated to vitamin D status at baseline. Multivariate logistic regression models were used to determine the relationship of serum 25OHD levels to substantial cognitive decline, defined as a decline in MMSE score of 3 or more points at follow-up. Random-effects models were applied to examine the association between serum 25(OH)D levels and the mean 4y changing in MMSE scores.
Cox-regression models were obtained to identify predictors of depression onset at follow-up.
RESULTS
The baseline study population consisted of 2694 community dwelling older people: 1597 women with a mean age 75.6 y ±7.5 (range 65-98 y) and 1097 men with a mean age 76.2 y ±7.8 (range 65-99). The mean serum 25OHD level was 65.0 nmol/L (±41.3; range: 2.5-329) in women, and 101.9 nmol/L (±62.4; range: 2.5-441) in men. Vitamin D deficiency (25OHD level <50 nmol/L [12]), was present in the 40% of the women and in the 20% of the men; severe deficiency (25OHD <25 nmol/L; [13]) was identified in 13.5% of women and 5.9% of men.
Among the 2694 community dwelling elderly enrolled at baseline, a total of 1904 participants completed the follow-up cognitive assessment between 1999 and 2001 and were included in the analysis for cognitive decline (mean [SD] follow-up, 4.4 [1.1] years), whereas a total of 1675 (363M/ 1039F, age 65-99 y ) completed the follow-up GDS assessment and were included in the analyses for depression risk.
Association between 25OHD levels and performance measure
Significant linear associations were found for TCS test (p for trend <.0001 in women; .03 in men), gait speed and 6mW test (p for trend <.0001, in both genders), and for handgrip strength (p for trend <.0009 in women; <.0001 in men). After controlling for confounders and covariates, a significant linear trend was still evident for the 6mW test in both genders (p=.0002 in women; <.0001 in men), for the TCS test in women (p=.004), and for gait speed (p=.0006) and handgrip strength (p=.03) in men, as shown in Table 1a and 1b. The association between 25OHD concentrations and performance measures is shown for TCS, gait speed, 6mW distance and handgrip strength tests in Figure 1a,b,c, and d respectively. The time taken to complete the TCS test decreased significantly with increasing levels of 25OHD in women only and most of the improvements occurred between 20 to 100 nmol/L of 25OHD. In men but not in women, gait speed increased significantly for 25OHD levels up to 100 nmol/L, most of the improvement occurring at concentrations ranging from 50 to approximately 75 nmol/L. Handgrip strength improved in men with increasing level of vitamin D up to 100 nmol/L. The 6mW distance continued to increase up to 25OHD serum levels of 100 nmol/L in both genders. No further significant improvements in these four motor performances were seen for 25OHD levels >100 nmol/L, in both genders.
Association between 25OHD levels and longitudinal cognitive decline and risk for depression
In logistic regression models adjusted only for the baseline MMSE score, participants who were 25(OH)D deficient (<50 nmol/l) or insufficient (>50-<75) were more likely than those who were 25(OH)D repleted to have a 4y substantial cognitive decline on the MMSE scores (Table 2). This association was attenuated but remained significant after controlling for covariates in the deficient 25OHD group only, whereas it was no longer significant in the insufficient 25OHD group. Participants with a 25(OH)D deficiency were approximately 40% more likely than those 25(OH)D sufficient to experience a substantial cognitive decline on the MMSE score at follow-up. Restricting the sample to participants who were non-demented at baseline (Table 3), the association between 25OHD levels and cognitive decline was even more evident. Participants with both 25OHD deficiency and insufficiency were at higher risk for cognitive decline at 4y. In random-effects models adjusted for baseline MMSE score only, those who were 25OHD deficient experienced a decline in cognitive test about twice that observed in participant 25OHD sufficient (Table 4). In fully adjusted models, participants with 25OHD deficiency declined by 0.59 MMSE points more than participants who were 25OHD sufficient. The increased rate of decline for those who were 25OHD deficient was statistically significant, as was the linear trend across groups. The same pattern of associations was observed when we restricted the sample to participants who were non-demented at baseline, even though the amount of the decline and the differences between levels of 25OHD were slightly lower than those observed in all participants.
At Cox regression analysis, no association were found between Vitamin D status and the subsequent risk of depression mood at 4 years (Table 5).
CONCLUSION
In our large, population-based sample of community-dwelling Italian elderly subjects, we found a significant positive association between 25OHD concentrations and performance tests habitually used to assess mobility impairment. Moreover we found a significant relationship between cognitive decline and serum levels of 25OHD, since lower 25OHD level at baseline are associated to lower cognitive outcomes at 4y. Serum concentrations of 25OHD close to 100 nmol/L seem to be associated to greater benefit for musculoskeletal functions whereas for optimal cognitive functioning, 25OHD concentrations higher than 75 nmol/L appear to be more advantageous in our community –dwelling elderly men and women
Given the high prevalence of vitamin D insufficiency in the elderly population of northern Italy, ageing people should be given supplementation to keep their 25OHD levels as nearest as possible to this threshold, in order to preserve their physical and cognitive performance. Besides additional researches are needed for consensus on 25OHD threshold in order to avoid problems of both under and overtreatment.


Abstract (italian)

INTRODUZIONE
Nelle ultime due decadi, è cresciuto l'interesse nei confronti dei ruoli extra-scheletrici della Vitamina D. Esperimenti in vitro avrebbero dimostrato la presenza di recettori per la vitamina D nel tessuto muscolare, documentando l'attività dei metaboliti attivi della vitamina sulla sintesi ex novo di proteine e sull'incremento di fibre muscolari di tipo II. Recettori della vitamina D (VDR) sembrano essere diffusi anche nel tessuto cerebrale e la forma biologicamente attiva della vitamina D (1,25OHD3) ha mostrato effetti neuroprotettivi compresa la clearance delle placche di amiloide. Diversi trials clinici sugli anziani avrebbero evidenziato come bassi livelli sierici di 25-idrossivitamina D (25OHD) si associno non solo a scarse performance motorie, ma anche a deterioramento cognitivo e aumentato rischio di depressione. Pertanto l'associazione tra vitamina D, performance fisica, funzioni cognitive e sintomi depressivi in età avanzata è diventato nell'ultima decade un argomento di grande interesse, con ampi e importanti risvolti clinici.
Lo scopo dello studio è stato quello di verificare in un ampia popolazione di soggetti in età geriatrica, l'associazione tra stato della vitamina D, performance fisica e funzioni neuropsichiche.

OBIETTIVI SPECIFICI DELLO STUDIO
Sono stati presi in considerazioni i seguenti obiettivi:
 valutare la relazione tra i livelli sierici di 25OHD e diversi test di performance fisica, validati in ambito geriatrico, in grado di esplorare le capacità di equilibrio, la velocità di camminata, la capacità di coordinazione, la forza degli arti superiori e inferiori, e la capacità aerobica. Identificare livelli sierici di 25OHD “ottimali” ai fini della performance motoria in età avanzata.
 esplorare l'associazione a lungo termine tra i livelli sierici di 25OHD e il rischio di declino cognitivo a 4 anni.
 esplorare l'associazione tra i livelli sierici di 25OHD e il rischio di sviluppare sintomi depressivi a 4 anni.
METODI
I dati per questa analisi provengono dal Progetto Veneto Anziani (Pro.V.A.). Il campione di studio è costituito da uomini e donne di età superiore a 65 anni, residenti in comunità, i cui dati sulla performance fisica, sulla valutazione cognitiva e psicologica erano completi.
Valutazione delle performance motorie:
Le performance fisiche sono state valutate sulla base dei seguenti test standardizzati:11
 Tandem test, TT (capacità di equilibrio statico): ai partecipanti è stato chiesto di mantenere l'equilibrio in tre diverse posizioni: una posizione side-by-side, una posizione semi tandem, e una posizione full-tandem. E’ stato registrato il tempo espresso in secondi in cui i pazienti hanno mantenuto le suddette posizioni;
 5 timed chair stands, TCS (coordinazione e la forza): ai partecipanti è stato chiesto di alzarsi e sedersi dalla sedia per 5 volte di seguito il più rapidamente possibile, con le mani incrociate sul petto: è stato registrato il tempo, in secondi, necessario per completare il test;
 Gait speed, GS: è stata registrata la migliore performance realizzata in due passeggiate a passo normale, lungo un corridoio di 4 metri, registrando la velocità massima in metri al secondo. Ai partecipanti era permesso usare bastoni o deambulatori;
 6-minute walking test, 6mw (capacità aerobica): ai partecipanti è stato chiesto di camminare alla loro andatura normale per 6 minuti, la distanza percorsa è stata registrata in metri;
 Handgrip and quadriceps strength: la forza di prensione della mano, in kg, è stata misurata utilizzando un dinamometro portatile JAMAR (BK-7498, Fred Sammons, Inc.). La forza muscolare (in Newton) degli estensori del ginocchio (quadricipite) e dei flessori dell'anca (ileopsoas) è stata determinata utilizzando un dinamometro manuale Nicholas (BK-7454, Fred Sammons, Inc.).
Valutazione delle funzioni neuropsicologiche:
Le funzioni cognitive sono state valutate al basale e al follow-up, con la somministrazione del Mini Mental State Examination a 30 items, secondo Folstein. Questo test è lo strumento neuropsicologico più diffuso e validato per misurare la funzione cognitiva in ambiente geriatrico. La diagnosi di demenza è stata effettuata da geriatri e psicologi esperti nel deterioramento cognitivo in base ai criteri stabiliti nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (quarta edizione). La depressione è stata valutata utilizzando la Geriatric Depression Scale (GDS), e un punteggio ≥ 11 è stato considerato indicativo di sintomatologia depressiva.
Analisi statistica
Tutte le analisi statistiche sono state effettuate utilizzando il programma SAS rel. 9.13 (Cary NC: SAS Institute), con significatività statistica p<0.05. Le caratteristiche dei partecipanti sono state analizzate utilizzando le medie (± deviazione standard) per le variabili continue e le percentuali per le variabili categoriali. Medie e proporzioni delle variabili analizzate sono state ottenute per quintili/terzili di distribuzione sesso-specifici dei valori sierici al basale di 25OHD o per le seguenti classi cliniche: deficienza (25OHD <50 nmol/L), insufficienza (25OHD compresa tra 50 e 75 nmol/L), sufficienza (25OHD >75 nmol/L). Le differenze tra le variabili categoriali sono state esaminate con il test del Chi-quadro, mentre per le variabili continue è stata condotta l'analisi della varianza (ANOVA), verificando il trend lineare tra livelli crescenti di 25OHD. Sono stati utilizzati modelli di regressione (GLM) per testare l'associazione indipendente tra i livelli di 25OHD e i test di perfomance motoria e neuropsichici. Fattori notoriamente associati ai livelli 25OHD e/o alla funzionalità fisica/cognitiva sono stati inseriti nei modelli di analisi come variabili confondenti. Al fine di individuare i livelli di 25OHD che si associano al migliore livello di performance fisica nell'anziano, abbiamo condotto un'analisi loess aggiustata per le variabili confondenti, per ciascun test di performance fisica. Sono stati utilizzati modelli di regressione logistica multivariata per determinare la relazione tra livelli sierici di 25OHD e il declino cognitivo clinicamente sensibile, definito come una riduzione del punteggio di MMSE di 3 o più punti al follow-up. Una analisi di regressione mediante random-effects è stata utilizzata per analizzare l'associazione tra livelli sierici di 25OHD e la variazione media del punteggio ottenuto al MMSE nel periodo di follow-up. Sono stati ottenuti infine modelli di regressione di Cox per verificare il potere predittivo dei livelli di 25OHD sull'insorgenza di sintomi depressivi a 4 anni.
RISULTATI
Inizialmente la popolazione dello studio consisteva di 2694 anziani, tutti residenti in comunità al momento dell'arruolamento: 1597 donne di età media 75,6 aa ± 7,5 aa (range 65-98 aa) e 1097 uomini, di età media 76,2 aa ± 7,8 aa (range 65-99 aa). La concentrazione sierica media di 25OHD era 65,0 nmol / L (± 41,3, range: 2,5-329) nelle donne, e 101,9 nmol / L (± 62,4, range: 2,5-441) negli uomini. Una carenza di vitamina D (25OHD livello <50 nmol / L), era presente nel 40% delle donne e nel 20% degli uomini, mentre una severa ipovitaminosi (25OHD <25 nmol / L) è stata identificata nel 13,5% delle donne e il 5,9% degli uomini.
Tra i 2694 anziani reclutati al basale, 1904 hanno completato al follow-up la valutazione cognitiva mediante MMSE e sono stati inclusi nell'analisi per il declino cognitivo (media [DS] di follow-up, 4.4 [1,1] anni), mentre 1675 soggetti (363 M / 1039 F, età 65-99 anni) ha completato la valutazione mediante GDS e sono stati inclusi nelle analisi per il rischio di depressione.
Associazione tra i livelli sierici di 25OHD e i test di performance motoria
L'analisi di regressione lineare, aggiustata solo per l'età dei partecipanti, ha evidenziato una associazione significativa tra i livelli di 25OHD e il test della sedia (TCS) (p <.0001 nelle donne; 0,03 negli uomini), la velocità di camminata (GS) e il test del cammino di 6 minuti (6mW) (p <.0001, in entrambi i sessi), nonchè per la forza di prensione (p <0,0009 delle donne; <0,0001 negli uomini). Dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti, un significativo trend lineare rimaneva evidente per la prova 6mW in entrambi i sessi (p = 0,0002 nelle donne; <.0001 negli uomini), per il test della sedia (TCS) solo nelle donne (p = .004), e per la velocità di camminata (p = 0,0006) e la forza di prensione (p = 0,03) negli uomini, come mostrato in Tabella 1a e 1b. L'associazione tra le concentrazioni sieriche di 25OHD e i risultati ottenuti ai test di performance motoria è rappresentata graficamente nelle Figure A, B, C e D, rispettivamente per il test della sedia, la velocità di camminata, la distanza percorsa in 6 minuti (6mW) e forza di prensione. Il tempo necessario per completare il test della sedia diminuisce significativamente all'aumentare dei livelli sierici di 25OHD, solo nei soggetti di sesso femminile: il miglior tempo di esecuzione del test si osserva per valori di 25OHD sierica compresi tra 20 e 100 nmol/L. Negli uomini ma non nelle donne, la velocità di camminata aumenta significativamente all'aumentare dei livelli di 25OHD fino a valori di vitamina prossimi a 100 nmol/L. L'incremento più significativo nel test della camminata veloce si osserva per valori di 25OHD compresi tra 50 e 75 nmol/L. La forza di prensione nei soggetti di sesso maschile aumenta progressivamente con i livelli di vitamina D, così come la distanza percorsa al test del 6mW, che aumenta per valori crescenti di 25OHD in entrambi i sessi. Per tutti i test considerati i tempi di esecuzione e le performance migliori si osservano, in entrambi i sessi, per valori di 25OHD sierici prossimi a 100 nmol/L. Per valori di 25OHD superiori non si sono osservati ulteriori miglioramenti di performance.
Associazione tra livelli sierici di 25OHD, declino cognitivo e rischio di depressione.
All'analisi logistica, aggiustando solo per il punteggio ottenuto al MMSE eseguito al basale, i partecipanti con deficit di vitamina D (25OHD < 50 nmol/L) o con insufficienza (25OHD compresa tra 50 e 75nmol/L) presentavano una probabilità maggiore rispetto a quelli con normali valori di 25OHD di avere un declino cognitivo clinicamente significativo a 4 anni come evidenziato in Tabella 2. Tale associazione risultava significativa, dopo il controllo per le variabili confondenti, solamente nei soggetti con carenza di vitamina D, mentre non era più significativa nei soggetti con insufficienza di 25OHD. I partecipanti con ipovitaminosi D avevano circa il 40% in più di probabilità rispetto ai soggetti con normali livelli di 25OHD di presentare un declino cognitivo clinicamente significativo al follow-up di 4 anni. Restringendo il campione ai partecipanti che non erano affetti da demenza al momento del reclutamento, l'associazione tra i livelli di 25OHD e declino cognitivo risultava ancor più evidente (Tabella 3), dal momento che non solo i soggetti con deficienza vitaminica ma anche quelli con valori di 25OHD tra 50 e 75 nmol/L risultavano essere a maggior rischio di declino cognitivo a 4 anni. All'analisi di regressione lineare aggiustata inizialmente solo per il punteggio del MMSE al basale (Tabella 4), i soggetti con deficit di 25OHD presentavano una diminuzione al punteggio di MMSE di circa due volte quello osservato nei partecipanti con livelli di 25OHD normali. Aggiustando l'analisi per le variabili confondenti, i partecipanti con deficit di 25OHD peggioravano in media di 1.59 punti/annui al MMSE. La differenza di punteggio di MMSE tra basale e longitudinale aumenta linearmente al ridursi dei valori sierici di 25OHD. Lo stesso pattern di associazioni si è osservato quando si è ristretto il campione ai partecipanti che non erano dementi al basale, come evidenziato in Tabella 4.
In merito alla associazione tra livelli di vitamina D e rischio di depressione, il campione totale è stato suddiviso per terzili di distribuzione sesso-specifici di 25OHD sierica. Per i soggetti nei terzili più bassi di 25OHD, non si è osservato nessun incremento del rischio a 4 anni di sintomi depressivi, come evidenziato dall'analisi di regressione di Cox in Tabella 5.
CONCLUSIONI
Nel nostro campione di soggetti anziani italiani residenti in comunità abbiamo documentato una significativa associazione positiva tra le concentrazioni sieriche di 25OHD e i tests di performance comunemente utilizzati per la valutazione della motricità. Abbiamo inoltre evidenziato come in termini di outcomes muscoloscheletrici, livelli di vitamina D prossimi a 100 nmol/L sarebbero da considerarsi ottimali e quindi raccomandabili. Abbiamo inoltre evidenziato una associazione statisticamente significativa tra l'ipovitaminosi D intesa come livelli di 25OHD sierica inferiori a 50 nmol/L e e il rischio di declino cognitivo a 4 anni. Non solo, nei soggetti non affetti da impairment cognitivo, già per valori inferiori a 75 nmol/L si osserva un più rapido e significatico deterioramento a 4 anni. Pertanto valori superiori a 75 nmol/L sarebbero da considerarsi come raccomandabili per il loro potenziale effetto protettivo sul declino cognitivo. Infine non abbiamo osservato alcuna relazioni tra livelli di vitamina D e rischio di sviluppare sintomi depressivi a 4 anni.
Sulla base dei risultati dell'attività di ricerca e considerata l’alta prevalenza di ipovitaminosi D nella popolazione anziana dell'Italia settentrionale, riteniamo utile promuovere la supplementazione di vitamina D nei soggetti che invecchiano. Mantenere i livelli sierici di 25OHD il più vicino possibile a valori di 100 nmol/L sembrerebbe efficace nel preservare la performance fisica e cognitiva dell'anziano. Infine ulteriori studi trials clinici randomizzati sono necessari per ottenere unanime consenso sulla soglia di 25OHD necessaria per evitare sia problemi di sotto che di sovra trattamento.


TABELLE

Tabella 1a: Medie (Standard Error) stimate dei risultati ottenuti ai test di performance fisica, per concentrazione sierica di 25OHD nelle donne: the Pro.V.A Study.


Tabella 1b. Medie (Standard Error) stimate dei risultati ottenuti ai test di performance fisica, per concentrazione sierica di 25OHD negli uomini: the Pro.V.A Study

Note: le medie aggiustate sono state ottenute mediante regressione lineare generalizzata (GLM). Il Modello 1 è aggiustato per età, BMI, abitudine al fumo, atività fisica, stagionalità, depressione, deterioramento cognitivo, filtrato glomerulare (GFR, secondo la formula MDRD). Il Modello 2 è aggiustato per le variabili nel Modello 1 plus comorbidità cardiovascolare, patologia osteoarticolare, BPCO, ipovisus.




FIGURE

Figure 1: Analisi grafica (Loess Plott) dell'associazione tra livelli sierici di 25OHD e il test della sedia (5 timed chiar stands, A), la velocità di camminata (gait speed, B), la distanza percorsa in sei minuti (6-minute walking distance, C), e la forza di prensione (handgrip strength, D) (linea sottile – per le donne, linea drappeggiata ••per gli uomini). Le curve sono aggiustate per le seguenti variabili: età, BMI, abitudine al fumo, atività fisica, stagionalità, depressione, deterioramento cognitivo, filtrato glomerulare (GFR, secondo la formula MDRD), comorbidità cardiovascolare, patologia osteoarticolare, BPCO, ipovisus.


Tabella 2: Rischio Relativo (RR) di declino cognitivo clinicamente significativo a 4 anni (riduzione al punteggio di MMSE ≥ 3 punti) nei partecipanti dello studio Pro.V.A. in base a livelli basali di 25OHD.
Serum 25OH vitamin D cut off levels, nmol/L
<50
p-value ≥50 and < 75
p-value ≥75
Modello 1 1.96(1.50-2.41) <.0001 1.46(1.10-1.87) .01 1 [reference]
Modello 2 1.37(1.23-1.78) .05 1.17(0.89-1.55) .24 1 [reference]
I dati sono presentati come Rischio Relativo e intervallo di confidenza 95%.
Modello 1: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale.
Modello 2: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale, plus: età, sesso, livello di educazione, BMI, stagione, attività fisica, dipendenza nelle ADL, sintomi depressivi, malattie cardiovascolari, diabete, BPCO e valori al basale di PTH .

Tabella 3: Rischio Relativo (RR) di declino cognitivo clinicamente significativo a 4 anni (riduzione al punteggio di MMSE ≥ 3 punti) nei partecipanti NON AFFETTI DA DEMENZA dello studio Pro.V.A. in base a livelli basali di 25OHD.
Serum 25OH vitamin D cut off levels, nmol/L
<50
p-value ≥50 and < 75
p-value ≥75
Modello 1 2.11(1.5-2.7) <.0001 1.59(1.1-2.0) .01 1 [reference]
Modello 2 1.48(1.0-1.9) .03 1.39(1.0-1.9) .05 1 [reference]
I dati sono presentati come Rischio Relativo e intervallo di confidenza 95%.
Modello 1: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale.
Modello 2: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale, plus: età, sesso, livello di educazione, BMI, stagione, attività fisica, dipendenza nelle ADL, sintomi depressivi, malattie cardiovascolari, diabete, BPCO e valori al basale di PTH


Tabella 4: Variazioni medie per anno di follow-up, al punteggio di MMSE in tutti i partecipanti e nei soggetti non affetti da demenza al basale. I risultati sono presentati come Medie (Errore Standard) per ciascun livello di sierico di 25OHD
All participants (n=1904) Non-demented participants (n=1724)
Serum 25OHD levels, nmol/L Modello 1 Modello 2 Modello 1 Modello 2
≥75 -1.13(0.14) -1.00(0.14) -1.24 (0.14) -1.48(0.14)
≥50 and < 75 -1.51(0.20) -1.20(0.20) -1.47(0.22) -1.52(0.21)
<50 -2.24(0.19) -1.59(0.20) -1.97(0.21) -1.58(0.21)
p-values for linear trend <.0001 0.04 <.0001 0.05
Modello 1: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale.
Modello 2: aggiustato per il punteggio di MMSE al basale, plus: età, sesso, livello di educazione, BMI, stagione, attività fisica, dipendenza nelle ADL, sintomi depressivi, malattie cardiovascolari, diabete, BPCO e valori al basale di PTH
Tabella 5: Rischio di sintomi depressivi a 4 anni nei partecipanti dello studio Pro.V.A.
I dati sono presentati come Hazard Ratio e Intervallo di Confidenza al 95% secondi i livelli sierici basali di 25OHD calcolati sui terzili di distribuzione sesso-specifici.

Donne Uomini
HR (95%CI) p –value HR (95%CI) p –value
Terzile 1 vs 3 0.80(0.51-1.27) 0.35 0.95(0.50-1.82) 0.89
Terzile 2 vs 3 1.00(0.65-1.53) 0.98 1.38(0.74-2.55) 0.30

Analisi aggiustata per: età, livello di educazione, BMI, stagione, attività fisica, performance motoria (punteggio ottenuto alla Short Physical Performance Battery) dipendenza nelle ADL, demenza, malattie cardiovascolari, diabete, BPCO e valori al basale di PTH.
Nelle Donne: terzile 1 ≤49 nmol/L, terzile 2 >49 and ≤ 81 nmol/L, terzile 3 >81 nmol/L;
Negli Uomini : terzile 1 ≤80 nmol/L, terzile 2 >80 and ≤125 nmol/L, terzile 3 >125 nmol/L;

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
EPrint type:Ph.D. thesis
Tutor:Manzato , Enzo
Ph.D. course:Ciclo 25 > Scuole 25 > BIOMEDICINA
Data di deposito della tesi:25 January 2013
Anno di Pubblicazione:25 January 2013
Key Words:vitamina D, funzioni muscoloscheletriche, declino cognitivo, depressione/ vitamin D, physical performance, cognitive decline, depression
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/09 Medicina interna
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari
Codice ID:5498
Depositato il:14 Oct 2013 11:16
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record