Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Rizzo, Stefania (2013) Arrhythmogenic cardiomyopathy: electrical instability and intercalated disc abnormalities in transgenic mice. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione sottomessa
2606Kb

Abstract (inglese)

Aims: Mutations in genes encoding desmosomal proteins have been implicated in the pathogenesis of arrhythmogenic right ventricular cardiomyopathy (ARVC). However, the consequences of these mutations in early disease stages are unknown. We investigated
whether mutation-induced intercalated disc remodeling impacts on electrophysiological properties before the onset of cell death and replacement fibrosis.
Methods and Results: Transgenic mice with cardiac overexpression of mutant Desmoglein2 (Dsg2) Dsg2-N271S (Tg-NS/L) were studied before and after the onset of cell death and replacement fibrosis. Mice with cardiac overexpression of wild-type Dsg2 and wild-type
mice served as controls. Assessment by electron microscopy established that intercellular space widening at the desmosomes/adherens junctions occurred in Tg-NS/L mice before the onset of necrosis and fibrosis. At this stage, epicardial mapping in Langendorff-perfused
hearts demonstrated prolonged ventricular activation time, reduced longitudinal and transversal conduction velocities, and increased arrhythmia inducibility. A reduced action
potential upstroke velocity due to a lower Na+ current density was also observed at this stage
of the disease. Furthermore, co-immunoprecipitation demonstrated an in vivo interaction
between Dsg2 and the Na+ channel protein NaV1.5.
Conclusion: Intercellular space widening at the level of the intercalated disc (desmosomes/fascia adherens junctions) and a concomitant reduction in action potential upstroke velocity, as a consequence of lower Na+ current density, leads to slowed conduction and increased arrhythmia susceptibility at disease stages preceding the onset of necrosis and replacement
fibrosis. The demonstration of an in vivo interaction between Dsg2 and NaV1.5 provides a
molecular pathway for the observed electrical disturbances during the early ARVC stages.

Abstract (italiano)

Introduzione: Mutazioni nei geni che codificano per le proteine desmosomali giocano un ruolo fondamentale nella patogenesi della cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro (ARVC). Tuttavia, le conseguenze di tali mutazioni negli stadi precoci della malattia sono sconosciute.
Scopo del nostro studio è stato di indagare se il rimodellamento dei dischi intercalari come conseguenza di mutazioni nelle proteine desmosomali modifichi le proprietà elettrofisiologiche cardiache prima dello sviluppo di morte cellulare e fibrosi sostitutiva.
Metodi e Risultati: Topi transgenici con overespressione cardiaca della proteina Desmogleina2 mutata (Dsg2) -Dsg2-N271S (Tg-NS/L)- sono stati studiati prima e dopo lo sviluppo di morte miocitaria e fibrosi sostitutiva. Come controlli, abbiamo usato topi wild-type e topi con overespressione della Dsg2 normale.
Studi di microscopia elettronica hanno evidenziato la presenza di spazi intercellulari allargati in corrispondenza delle giunzioni meccaniche desmosomi/giunzioni aderenti nei topi Tg-NS/L prima dello sviluppo di necrosi e fibrosi. Contemporaneamente, il mappaggio epicardico in cuori perfusi con soluzione Langendorff ha dimostrato prolungamento del tempo di attivazione ventricolare, riduzione della velocità di conduzione longitudinale e trasversale, ed aumento della inducibilità di aritmie. Inoltre, nello stesso stadio di malattia, si osservava ridotta velocità del potenziale d’azione dovuta a minore densità della corrente del sodio.
Studi di co-immunoprecipitazione, infine, dimostravano un’interazione in vivo tra la Dsg2 e la proteina NaV1.5 dei canali del sodio.
Conclusioni: Un allargamento degli spazi intercellulari a livello dei dischi intercalari e una concomitante riduzione del potenziale d’azione, come conseguenza di una minore corrente del sodio, portano ad un ritardo di conduzione ed ad aumentata suscettibilità aritmica negli
stadi di malattia che precedono la necrosi e la fibrosi sostitutiva. La dimostrazione di un’interazione
in vivo tra Dsg2 e NaV1.5 suggerisce una spiegazione a livello molecolare dei disturbi elettrici osservati negli stadi precoci dell’ARVC.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Basso, Cristina
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > SCIENZE MEDICHE, CLINICHE E SPERIMENTALI > SCIENZE CARDIOVASCOLARI
Data di deposito della tesi:25 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:25 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):ARVC, aritmia/arrhythmias, desmosomi/desmosomes, animali transgenici/transgenic mice
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/08 Anatomia patologica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari
Codice ID:5503
Depositato il:10 Ott 2013 12:44
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record