Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Pauletto, Alberto (2013) Progettazione e realizzazione di agente emostatico nel trattamento della trancia di sezione epatica. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1796Kb

Abstract (inglese)

The invention is placed between the products, and the resulting techniques, which help to minimize blood loss during surgery, such as liver resection, and is aimed both at parenchymal transaction and coagulation and cauterization of the shearing section. A further activity of the solution is the mechanical one, due to the presence of a gelling substance that can change the viscosity of the solution with haemostatic effect. The main purpose of this invention is: reducing blood loss and, as a result, of blood and blood products; thus reducing the risk of transfusion; eliminating issues related to religious reasons; reducing operative time; reducing costs; preservation of the preparation at room temperature and easy reproducibility; producing extraordinary results in laparoscopic procedures. The experiments made in this study are divided into two parts: experiments in vivo small animal (rat); experiments in vivo large animal (pig). For the formulation of the solution we consider the following characteristics: biocompatibility; toxicity; physical and chemical properties (stability, viscosity, etc...); cost and reproducibility; originality; absence of interactions with other haemostatic. The results obtained are proved by histological report which confirms that the tissue damage caused by the formulation is significantly lower than that caused by normal use of the electric scalpel, both in terms of parenchymal extension both in terms of necrosis tissue damage.
The evidence gathered evidence the ability of the solution of leading parenchymatous tissues to a controlled hemostasis respecting vascular structures and allowing, thanks to the fluidity of the solution, to penetrate along the three-dimensional slice of tissue section, allowing hemostasis of the underlying vascular structures, inaccessible using the electric scalpel cautery. For the benefit of the solution the economic aspect turns out to be really important with an extremely low cost.

Abstract (italiano)

Ridurre la perdita ematica e di conseguenza di sangue ed emoderivati è uno dei target di sviluppo della chirurgia in generale. Le motivazioni sono legate a: rischio trasfusionale, ai costi elevati e motivi religiosi. Tra le tecniche che contribuiscono a minimizzare le perdite ematiche ricordiamo l'attento e meticoloso rispetto dei piani anatomici ed un'accurata emostasi, ricorso alla ipotensione intraoperatoria per il controllo dei grandi sanguinamenti, utilizzo di elettrocoagulatori e di plasma expanders.
I supporti emostatici di natura meccanica, termica o chimica e l’esperienza dell’operatore svolgono un ruolo essenziale nel controllo nell’emostasi chirurgica.
I sistemi a disposizione per il raggiungimento dell’emostasi sono molto vari e dipendono dal punto in cui essa è necessaria. In generale i supporti per l’emostasi chirurgica vengono classificati in: sistemi meccanici (interni ed interni), sistemi termici ed agenti chimici.
Presso il nostro Centro l’utilizzo dell’elettrobisturi, durante l’intervento chirurgico di resezione epatica, è finalizzato sia alla transezione parenchimale che alla contemporanea coagulazione della trancia di sezione. Per meglio favorire quest’ultimo processo si associa l’aggiunta di acqua durante l’azione dell’elettrobisturi in modo che il calore sviluppato da quest’ultimo ne provochi l’evaporazione con un conseguente incremento di diffusione del calore attraverso i tessuti parenchimatosi nei quali provoca la denaturazione del collagene con conseguente azione emostatica. L’utilizzo di acqua inoltre è in grado di ridurre l’adesione della lama del bisturi elettrico al tessuto parenchimatoso dovuta all’eccessiva temperatura nella limitata zona di applicazione.
Questo metodo però presenta lo svantaggio di poter portare a delle lesioni permanenti del tessuto trattato.
Da tale osservazione è nata inizialmente l’idea di sostituire l’acqua con una soluzione iperosmotica al fine di facilitare una disidratazione dei tessuti lungo la trancia di sezione e conseguentemente ridurre il sanguinamento della stessa. Grazie alla
6
collaborazione con il gruppo di Tecnica farmaceutica del Dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università di Padova si è sviluppata la possibilità di dare vita ad una soluzione che contenesse sia una proprietà disidratante che coagulante al fine di facilitare ancor più l’attività emostatica. In seguito a ripetuti esperimenti eseguiti sia nel ratto che nel maiale è stata messa a punto la formulazione di una soluzione con effetto disidratante, coagulante e cauterizzante con azione sostitutiva o coadiuvante al bisturi elettrico riaprendo la possibilità di intervenire nel trattamento recettivo epatico con una gamma maggiore di tecniche chirurgiche.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Baritussio, Aldo
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > SCIENZE MEDICHE, CLINICHE E SPERIMENTALI > METODOLOGIA CLINICA, SCIENZE ENDOCRINOLOGICHE E DIABETOLOGICHE
Data di deposito della tesi:28 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:28 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):emostatico
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 06 - Scienze mediche > MED/13 Endocrinologia
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Medicina
Codice ID:5579
Depositato il:22 Ott 2013 10:10
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record