Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Serbati, Anna (2013) Riconoscimento e certificazione delle competenze tra apprendimento formale, non formale, informale. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
9Mb

Abstract (inglese)

The research framework lies within the new lifelong learning scenario and focuses on the field of adult employed students who enter university study programmes with extensive knowledge and expertise gained in previous educational, professional and extra-professional contexts.
The theoretical and political framework refers to the theories of experiential learning, to the development and application of the competence paradigm, to the approaches and tools for recognition and validation of prior experiential learning acquired in informal and non formal contexts and finally to the European and national directives in this field.
The general aim of the research is to identify theories, models, methodologies and tools that respond to adult students’ need not only for the recognition and certification of qualifications, but also of competences. The specific objective is to design (following the relevant elements highlighted in the theories and models identified and analysed), apply and assess prototypal tools and procedures for recognising and certifying previously acquired competences within formal programmes that lead to academic qualifications.
The main referential theories and practices for developing a model are the French Validation des acquis de l’experience - VAE and the English Accreditation of Prior Experiential Learning - APEL models, with specific focus on the educational value of the autobiographic reflective process and on the adviser’s methodological support.
The empirical research context draws on a project - conducted by the Faculty of the Science of Education and Training of Padua University and located within a wider project of the Venetian Region - in the field of the certification of competences requiring adult employed students enrolled in Padua University to prepare a learning outcomes portfolio. This portfolio, which is the result of the description and documentation of experiences, the analysis of learning and the identification of competences to be recognized in terms of academic credits, is assessed by a specific Examination Board (composed of three lecturers) comparing the learning outcomes identified and demonstrated by the students with the learning outcomes expected at the end of the programme.
The research strategy lies within the interpretativist paradigm and integrates quantitative and qualitative tools administered to all stakeholders involved, with a complementary purpose. The aim is to investigate, on the one hand, the practical elements, the strengths and weakness of the process in order to improve it, and, on the other hand, the model’s educational and professional implications, focussing on the development of adults’ wider comprehension and awareness of their own competences which is a necessary pre-requisite for obtaining external recognition.
In the context of today’s uncertainty and the flexibilization of the socio-economic reality, the systematic exercise of identifying the main connecting thread and the coherence of individuals’ preceding personal pathway and the connections between formal, non formal and informal contexts may be an important strategy for developing autonomy and responsibility and for responding to educational, professional and personal transitions.
The aim of the research, according to the European and national directives (particularly referring to the Italian Law 92/2012 and related to the legislative Decrees), is to propose a model which may be applied in analogous contexts and to suggest indications for building a University lifelong learning centre with services and processes for recognising prior experiential learning. In this way, Universities are called to fulfil a third mission, accepting the social challenge to propose educational, organisational and technological innovations that respond to the learning needs of adult and thereby interface with local networks of educational, training and professional systems.

Abstract (italiano)

La presente ricerca nasce nell’ambito del nuovo scenario di lifelong e lifewide learning e orienta il proprio campo d’indagine a lavoratori studenti, adulti che si avvicinano a percorsi formativi accademici portando con sé un bagaglio di saperi maturati nei contesti di vita formativa, lavorativa, extra-professionale.
Il quadro teorico e politico fa riferimento alle teorie di apprendimento dall’esperienza, allo sviluppo e agli usi del paradigma della competenza, alle modalità di riconoscimento e validazione dei saperi acquisti in ambito non formale e informale e alle direttive europee e nazionali in materia.
La finalità della ricerca è quindi quella di individuare teorie, modelli, metodologie e strumenti che possano rispondere all’esigenza dei lavoratori studenti di ottenere un riconoscimento e una certificazione non solo di titoli, ma anche di nuclei di competenze. L’obiettivo specifico perseguito è quello di progettare (sulla base degli elementi significativi riscontrati nei modelli e nelle teorie individuate e analizzate), applicare e valutare strumenti e procedure prototipali di riconoscimento e certificazione delle competenze precedentemente acquisite, perlopiù in contesti informali e non formali, all’interno di percorsi formali finalizzati all’ottenimento di un titolo universitario.
Le teorie e pratiche di riferimento per l’elaborazione del modello sono quella francese di Validation des Acquis de l’Expérience – VAE e quella inglese di Accreditation of Prior Experiential Learning - APEL, con particolare approfondimento degli aspetti di valenza formativa della narrazione autobiografica e di supporto metodologico offerto dalla figura di supporto dell’accompagnatore metodologico.
Il contesto empirico della ricerca trae spunto da un progetto della Facoltà di Scienze della Formazione di Padova - all’interno di una macro-azione della Regione Veneto sul tema della certificazione delle competenze - e prevede la realizzazione per lavoratori studenti iscritti a corsi di laurea dell’Ateneo Patavino di un portfolio dei risultati di apprendimento. Quest’ultimo, esito dell’esplicitazione e documentazione dell’esperienza, dell’analisi dei propri saperi e dell’individuazione delle proprie competenze affinché possano essere riconosciute in termini di crediti formativi universitari, è infine valutato da un’apposita Commissione di docenti del corso di laurea interessato sulla base di un confronto tra i risultati di apprendimento attesi al termine del corso e quelli analizzati e comprovati dal candidato.
La strategia di ricerca adottata si richiama al paradigma interpretativista e integra strumenti quantitativi e qualitativi somministrati a tutti gli attori coinvolti, secondo una logica di complementarietà. Si vuole, infatti, indagare, da un lato, gli aspetti operativi, gli elementi di criticità e i punti di forza riscontrati in una prospettiva di miglioramento, e, dall’altro, le ricadute formative e professionali del modello, con focus sullo sviluppo di comprensione e consapevolezza più ampie sulle proprie competenze da parte degli adulti, condizione imprescindibile per l’ottenimento di un riconoscimento esterno. Nel contesto di flessibilizzazione e incertezza della realtà socio-economica odierna, l’esercizio sistematico di individuazione dei fili conduttori e della coerenza del proprio percorso pregresso e delle connessioni tra i contesti formali, non formali e informali può divenire uno strumento importante di autonomia e responsabilità per rispondere a situazioni di transizione formativa, professionale e personale.
Volontà della ricerca, collocandosi nelle direttive europee e nazionali sul tema (in particolare con riferimento alla legge 92/2012 e ai suoi decreti attuativi), è quella di proporre un modello riproducibile in contesti analoghi e tracciare indicazioni per la costituzione di un servizio di Ateneo per il riconoscimento e la certificazione delle competenze. In questa direzione, l’Università è chiamata ad una terza missione, raccogliendo la sfida sociale di proporre innovazioni didattiche, organizzative e tecnologiche che rispondano alla domanda di apprendimento di un pubblico adulto e quindi di interfacciarsi con le reti territoriali degli attori dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro.


Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Galliani, Luciano
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > SCIENZE PEDAGOGICHE, DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Data di deposito della tesi:29 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):Italiano: esperienza, riconoscimento e certificazione delle competenze, portfolio dei risultati di apprendimento, accompagnatore metodologico. Inglese: experience, recognition and certification of competences, learning outcomes portfolio, academic adviser
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PED/04 Pedagogia sperimentale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata
Codice ID:5678
Depositato il:11 Ott 2013 13:58
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

Ajello A., Belardi C. (2007), Valutare le competenze informali. Il portfolio digitale, Carocci Faber, Roma Cerca con Google

Ajello A.M., Cavoli M., Meghnagi S. (1992), La competenza esperta, Ediesse, Roma Cerca con Google

Alberici A. (2007), Una nuova sfida per il futuro: da adulti all’università in Alberici A., Catarsi C., Colapietro V., Loiodice I. (2007), op. cit., pp.9-31 Cerca con Google

Alberici A., Catarsi C., Colapietro V., Loiodice I.(2007), Adulti e università. Sfide e innovazioni nella formazione universitaria e continua, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Alberici A. (2008), La possibilità di cambiare. Apprendere ad apprendere come risorsa strategica per la vita. Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Alberici A., Di Rienzo P. (a cura di) (2011), I saperi dell’esperienza. Politiche e metodologie per il riconoscimento degli apprendimenti non formali e informali nell’università, Anicia, Roma Cerca con Google

Alessandrini G. (2004), Dalla “pedagogia del lavoro” a una “pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni” in Alessandrini G. (a cura di) Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni, Guerini Studio Cerca con Google

Alheit P. (1995), Biographical learning. Theoretical outline, challenges and contradictions of a new approach in adult education in P. Alheit, A. Bron-Wojciechowska, E. Brugger & P. Dominicé (Eds.), The Biographical Approach in European Adult Education, Verband Wiener Volksbildung, Wien, pp. 57-74 Cerca con Google

Alheit P., Dausien B. (2000), “Biographicity” as a basic resource of lifelong learning, in P. Alheit, J. Beck, E. Kammler, R. Taylor & H. S. Olesen (Eds) Lifelong learning inside and outside schools: Collected papers of the european conference on lifelong learning. Roskilde, Roskilde University, pp. 400-422. Cerca con Google

Alheit P. (2009) Biographical learning – within the new lifelong learning discourse in K. Illeris (Ed), Contemporary theories of learning: Learning theorists... in their own words, Routledge, London pp. 116-128 Cerca con Google

Antonietti A., Rota S. (2004), Raccontare l'apprendimento. Il diario narrativo: come ricostruire e monitorare percorsi formativi. Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Armezzani M. (a cura di) (2004) In prima persona. La prospettiva costruttivista nella ricerca psicologica, Il Saggiatore Cerca con Google

Armsby P., Costley C., Garnett J.(2006) The legitimisation of knowledge: a workbased learning perspective of APEL, International Journal of Lifelong Education, 25, 4, pp. 369 - 383 Cerca con Google

Arter J., Bond L. (1996). Why is assessment changing. in R. E. Blum, & J. A. Arter (Eds.), A handbook for student performance assessment in an era of restructuring, (I-3: 1-4). VA: Association for Supervision and Curriculum Development, Alexandria Cerca con Google

Aubret J., Blanchard S. (2005), Pratique du bilan personalisè, Dunod, Paris Cerca con Google

Aubret J. (2009), Sens et pratiques de l’accompagnement des adultes dans les démarches de validation de l’expérience, Recherche et Formation, 62, pp. 25-38 Cerca con Google

Baldacci M. (2001), Metodologia della ricerca pedagogica, Mondadori, Milano Cerca con Google

Barbier J.M. (2004), Les savoirs d'action. une mise en mot des competences ?, Harmatta, Paris Cerca con Google

Barrett H. (2007), Researching Electronic Portfolios and Learner Engagement: The REFLECT Initiative Cerca con Google

Beauvais M. (2008), Accompagner, c’est juger, Education permanente n. 175 , pp. 123 - 135 Cerca con Google

Bereiter C., Scardamalia M. (1993), Surpassing Ourselves: an Inquiry into the Nature and Implications of Expertise, Open Court Publishing, Chicago Cerca con Google

Bersani P.G. (2011) Dai ruoli alla figura professionale e alle competenze: principi di riferimento e problemi-chiave in Partnership del progetto SKILL-INN Skill per l’innovazione (a cura di), Competenze e ruoli nell’innovazione, progetto FSE soggetto proponente Confindustria Veneto SIAV spa, Regione del Veneto, DGR 1758/2009, pp. 113-142 Cerca con Google

Bertoldi M. (2007), Organizzazione dell’offerta in Alberici A., Catarsi C., Colapietro V., Loiodice I., op. cit.,, pp. 89-99 Cerca con Google

Biasin C. (2010), L’accompagnamento. Teorie, pratiche, contesti, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Bichi R. (2002), L’intervista biografica, Una proposta metodologica, Vita e Pensiero, Milano Cerca con Google

Biggs J. (2003), Teaching for Quality Learning at University (2nd edition). Society for Research into Higher Education & OU Press, UK, Buckingham Cerca con Google

BilCo (Cecchin M., Donato E., Libergoliza M.S., Ortali C., Rasello S.), Il portfolio delle competenze. Conoscere, progettare, realizzare. CIOFS/FP Piemonte, FECBOP. Cerca con Google

Billett S. (2002), Critiquing workplace learning discourses: Participation and continuity at work, Studies in the Education of Adults, 34 n. 1, pp. 56-67 Cerca con Google

Bird T. (1990), The schoolteacher’s portfolio: an essay on possibilities in J. Millman & L. Darling-Hammond, Handbook for teacher evaluation: Elementary and secondary school teachers, Newsbury Park, CA, Sage, pp. 241-255 Cerca con Google

Bjornavold J. (2009), Validation of non-formal and informal learning in Europe: key developments and challenges , The quality of higher education 2009/6 , pp. 36-71 Cerca con Google

Bocchi G., Ceruti M. (2004), Educazione e globalizzazione, Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Bocchi G., Ceruti M. (2005), Introduzione in A. Munari, Strategie del sapere, Guerini studio Cerca con Google

Bochicchio F., Grassi F. (a cura di) (2009), Le ricadute della formazione. Significati, approcci, esperienze, CO.IN.FO, Amaltea Edizioni Cerca con Google

Bordignon B. (2006), Certificazione delle competenze. Premesse teoriche, Rubettino Editore Cerca con Google

Boucouvalas M. (2008), Human development and adult education: personal, interpersonal and transpersonal in Athanasou J.A. (Ed.) Adult education and training, David Barlow Publishing, Australia, pp. 19-31 Cerca con Google

Boud D., Cohen R., Walker D. (1993), Using experience for learning, Open University Press, Buckingham Cerca con Google

Boud D., Knights S (1996), Course Design for reflective practice in Gould N., Taylor I., Reflective learning for social work, Ashgate Publishing Company, Brookfield Cerca con Google

Boud D., Solomon N., Symes C. (2001), Work based learning : a new higher education?, SRHE e Open University Press; Buckingam Cerca con Google

Boud D. and Costley C. (2007) From project supervision to advising: new conceptions of the practice, Innovations in Education and Teaching International, 44, 2, pp. 119–130 Cerca con Google

Boutinet J-P., (2007), Vulnérabilité adulte et accompagnement de projet, un espace paradoxal à aménager in Boutinet J-P. et alii, Penser l’accompagnement adulte, ruptures, transitions, rebonds, Puf, Paris, pp.27-49 Cerca con Google

Bresciani P.G. (2005), Riconoscere e certificare le competenze. Ragioni, problemi, aporie, Professionalità n. 87, pp. 9-19 Cerca con Google

Buber (1993), Il principio dialogico e altri saggi, Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo Cerca con Google

Callini D., Morini G. (1999), Appunti e riflessioni sul bilancio delle competenze, Professionalità, n. 51/1999, pp. 51-59 Cerca con Google

Capperucci D. (2007), La valutazione delle competenze in età adulta. Il contributo dell’”experiential learning” e dell’approccio riflessivo, ed. ETS, Carrara Cerca con Google

Carr W. (1995), For Education: Towards Critical Educational Inquiry, Open University Press, Buckingham. Cerca con Google

Carrè Ph., Tétard M. (2003), Les ateliers de pédagogie personnalisée : ou l'autoformation accompagnée en actes, L'Harmattan, Paris Cerca con Google

Castiglioni M. (2008), Fenomenologia e scrittura di sé, Guerini, Milano Cerca con Google

Castoldi M. (2009) Valutare le competenze, Carocci, Roma Cerca con Google

Cepollaro G.(2008), Le competenze non sono cose, Guerini e Associati, Milano Cerca con Google

Clerici R. (2009), La raccolta e l’analisi dei dati, in Galliani L., Zaggia C., Maniero S. (a cura di) (2009), Valutare l’orientamento, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Clot Y. (2000), La fonction psychologique du travail, Puf, Paris Cerca con Google

Colardyn, D., & Bjornavold, J. (2004) Validation of Formal, Non-Formal and Informal Learning: Policy and Practices in EU Member States, European Journal of Education, Vol. 39, 1, pp. 69-89 Cerca con Google

Colley H., Hodkinson P., Malcom J. (2003), Informality and formality in learning: a report for the Learning and Skills Research Centre, Learning and Skills Research Centre, London Cerca con Google

Consoli F. (2002), Evoluzione e sviluppo di modelli per competenze e loro diverse matrici, in A.M. Ajello (a cura di), La competenza, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Conte M. (2010), Aspetti culturali, pedagogici e semantici dell’esperienza in Di Nubila R., Fedeli M. (2010), L’esperienza: quando diventa fattore di formazione e di sviluppo, Pensa Multimedia, Lecce, pp. 17-26 Cerca con Google

Corbetta P., (2003), La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Le tecniche quantitative, Il Mulino, Bologna Cerca con Google

Corradi C. (2003) (a cura di), Il sapere visibile, La nuova Phoenix, Roma Cerca con Google

Cozzani R. (2007), Dal bilancio di competenze alla certificazione, Enaip Quaderni Formazione e Lavoro, dicembre 2007, pp. 75-88 Cerca con Google

Cresson E. (1995), Insegnare e apprendere verso la società conoscitiva, Comunità Europea Cerca con Google

Creswell J. W., Plano Clark V. L. (2007), Designing and conducting mixed methods research, Thousand Oaks, CA: Sage Cerca con Google

Creswell J.W., Tashakkori A. (2007), Editorial: Developing publishable mixed methods manuscripts, Journal of Mixed Methods Research, 1, n. 2, pp. 107-111 Cerca con Google

Daniele L. (2010), Il riconoscimento e la validazione delle competenze professionali ed esperienziali in Francia in Di Rienzo P. (2010) (a cura di), op. cit., pp. 51-74 Cerca con Google

Daniele L.(2010), Apprendimento permanente e università. Il riconoscimento e la convalida degli apprendimenti pregressi in Francia e in Italia, ed. Nuova Cultura, Roma Cerca con Google

Daniele L., Lichtner M. (2011), Il laboratorio biografico per il riconoscimento e la validazione degli apprendimenti pregressi in Alberici A., Di Rienzo P. (2011) (a cura di), op. cit., pp. 137-153 Cerca con Google

Daniele L., Stringher C. (2011), Lessico di base in Alberici A., Di Rienzo P. (2011) (a cura di) op. cit., pp. 247-256 Cerca con Google

Danielson C., Abrutyn L. (1997), An Introduction to using portfolios in the classroom, Association for Supervision and Curriculum Development, Alexandria Cerca con Google

De Pieri S. (2000), Orientamento educativo e accompagnamento vocazionale, Ed. Ellenici, Roma Cerca con Google

Demetrio D. (1995), Raccontarsi. L’autobiografia come cura di sé, Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Demetrio D. (1996), Per una didattica dell’intelligenza. Il metodo autobiografico nello sviluppo cognitivo, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Demetrio D. (2008), La scrittura clinica, Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Dewey J, Bentley A. (1949) The knowing and the known, Beacon, Boston Cerca con Google

Dewey J. (1925), Esperienza e natura, Mursia, Milano, ed. italiana 1973 Cerca con Google

Dewey J. (1986), Come pensiamo, La Nuova Italia, Firenze Cerca con Google

Dewey J. (1995), Arte come esperienza e altri scritti, La Nuova Italia, Firenze Cerca con Google

Di Francesco G. (1998) (a cura di), Unità capitalizzabili e crediti formativi. Metodologie e strumenti di lavoro e I repertori sperimentali, ISFOL, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Di Francesco G. (2000), I crediti formativi: dal riconoscimento alla certificazione in Auteri G., Di Francesco G., La certificazione delle competenze. Innovazione e sostenibilità, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Di Nubila R. (1999) (a cura di), La formazione oltre l’aula: lo stage, Cedam, Padova Cerca con Google

Di Nubila R., Bazzo F. (2010), David Kolb: l’esperienza come fattore di apprendimento e sviluppo in Di Nubila R., Fedeli M., L’esperienza: quando diventa fattore di formazione e di sviluppo, Pensa Multimedia, Lecce, pp. 49-72 Cerca con Google

Di Rienzo P. (a cura di) (2010), Il riconoscimento e la validazione degli apprendimenti non formali e informali nell’università, Anicia, Roma Cerca con Google

Domenici G. (1993), Manuale della valutazione scolastica, Edizioni Laterza Cerca con Google

Dominicè P. (1990), L’histoire de vie comme processus de formation, Ed. L'Harmattan, Paris Cerca con Google

Donà dalle Rose L.F. (2011), I due EQF-European Qualification Framework dell’area europea. Concetti generali e… EQF – EHEA versus EQF – LLL in Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a), op. cit, pp. 29-42 Cerca con Google

Draperi J.F. (2005), Rendre possibile un autre monde. Economie sociale, cooperatives, and developpement durable. Presses de l’economie sociale, Montreuil Cerca con Google

Draperi J.F. (2010), Parcourir sa vie. Se former à l’autobiographie raisonnée, Presses de l’economie sociale, Montreuil Cerca con Google

Elgin C.Z. (1996), Considered judgment, Princeton University Press, Princeton Cerca con Google

Eriksson V (2007), Une micro-ethnographie indigène au sein d’un dispositif de validation d’acquis dans l’académie de Montpellier. Thèse de doctorat en science de l’éducation. Université rennes II, Haute Bretagne Cerca con Google

Fabbri D., Formenti L. (1991), Carte d’identità. Per una psicologia culturale dell’individuo. Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Fabbri D., Munari A. (2005), Strategie del sapere, Guerini studio, Milano Cerca con Google

Fabbris L. (a cura di) (2010), Dal Bo’ all’Agorà. Il capitale umano investito nel lavoro, Cleup, Padova Cerca con Google

Farzad M., Paivandi S. (2000), Reconnaissance et Validation des acquis en formation, Anthropos, Paris Cerca con Google

Fatali G., Nardini G., Sprega F. (2002), Il coaching organizzativo, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Federation Nationale des CIBC, Jacques Aubret (2000), Le portefeuille des acquis de formation et d’experiences, Editions et Applications Psychologiques Cerca con Google

Ferrieux D. (2000), Il bilancio di competenze come incrocio fra conoscenza di sé e del mercato del lavoro, Risorsa Uomo, vol. 7 n. 1-2/200, pp. 109-129 Cerca con Google

Ferrieux D., Carayon D. (1998), Évaluation de l’aide apportée par un bilan de compétence en terme d’employabilité et réinsertion de chômeurs de longue durée, Revue européenne de psychologie appliquée, 48 (4), pp. 251-259 Cerca con Google

Feutrie M. (2004), Une autre évaluation, une autre validation pour l’expérience, Education Permanente, 158, 2004-1, pp. 99-114 Cerca con Google

Finocchietti C., Giacobazzi D., Palla P.G.(2010) (a cura di).Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore, Universitas Quaderni 25, marzo 2010, ed . Cimea Cerca con Google

Formenti L. (1998), La formazione autobiografica, Guerini Editore, Milano Cerca con Google

Freire P. (1971), La pedagogia degli oppressi, Mondadori, Milano Cerca con Google

Gadamer (200), Verità e metodo, Bompiani, Milano Cerca con Google

Galliani L., Costa R. (2000), Le macchine simboliche, Progedit, Irrsae Puglia,Bari Cerca con Google

Galliani L. (2007), Le nuove forme della didattica in un’università cambiata, Generazioni 7/2006, pp. 105-116 Cerca con Google

Galliani L. (2010), Valutazione delle competenze e sviluppi professionali, in Felisatti E., Mazzucco C. (a cura di) Le competenze verso il mondo del lavoro, Atti della VII Biennale Internazionale sulla Didattica Universitaria, Padova, 3-4 dicembre 2008, Pensa Multimedia, Lecce, pp. 79-88 Cerca con Google

Galliani L. (2011), Progettare e gestire nuove forme di didattica in un’Università cambiata in Galliani L. (a cura di), IL DOCENTE UNIVERSITARIO. Una professione tra ricerca, didattica e governance degli Atenei, Atti della VIII Biennale Internazionale sulla Didattica Universitaria, Padova, 2 e 3 dicembre 2010, pp. 511-522 Cerca con Google

Galliani L. (2011), Scuola, Università e Formazione Continua: distribuire competenze o formare competenti in Pavan A. (a cura di), La rivoluzione culturale della formazione continua, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, pp. 131-143 Cerca con Google

Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a) (a cura di), Adulti all’università. Bilancio, portfolio e certificazione delle competenze, Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011b) (a cura di) Apprendere e valutare competenze all’università. Progettazione e sperimentazione di strumenti nelle lauree magistrali. Pensa Multimedia, Lecce Cerca con Google

Galliani, L. (2011), L’Università per l’apprendimento permanente: modelli e strumenti in Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a) (a cura di), op. cit., pp. 9-26 Cerca con Google

Galliani L. (2012), FUORI CORSO UNIVERSITARI : NON BASTANO LE TASSE. Cambiare la didattica, usare le tecnologie, introdurre l’apprendimento permanente. Documento diffuso dalla SIRD, Società Italiana di Ricerca Didattica Cerca con Google

Gattullo M., Quantitativo e qualitativo in educazione e nella ricerca educativa, in Talmon V., Balduzzi G., (1990), Oggetto e metodi della ricerca in campo educativo: le voci di un recente incontro, Cleub, Bologna Cerca con Google

Gehlen A. (1990), Antropologia filosofica e teoria dell’azione, Guida, Napoli Cerca con Google

Gergen K. (2005), Construire la réalité, Seuil, Paris Cerca con Google

Ghiani G. (2008),Competenza, metacompetenza e struttura dell’azione, Professionalità, 101, pp. 100-108 Cerca con Google

Gianturco G. (2005), L’intervista qualitativa. Dal discorso al testo scritto, Guerini Studio, Milano Cerca con Google

Girotti L. (2005), Progettarsi. L’orientamento come compito educativo permanente, Vita e Pensiero, Milano Cerca con Google

Glasgow Caledonian University (2006), Flexible Entry: a guide for students Cerca con Google

Goldman R., Pea R.,Barron B, Derry S.J. (a cura di) (2009), Videoricerca nei contesti di apprendimento, Raffaello Cortina, Milano Cerca con Google

Graham S., Rhodes G., Shiel G. (2006) Reflection through work based learning in Roodhouse S., Bowley M. e McKevitt C. (eds) Putting work based learning into practice, University Vocational Awards Council, York Cerca con Google

Gredler M.E (1999), Classroom assessment and learning, Longman Reading, London Cerca con Google

Greenberg G. (2004), Extending the portfolio model, Educause Learning Initiative Cerca con Google

Greene J., Caracelli V. e Graham W. (2007), I metodi misti in Stame N. (a cura di), Classici della valutazione, Franco Angeli, Milano, pp. 272- 301 Cerca con Google

Guba, E. G. (1981). Criteria for assessing the trustworthiness of naturalistic inquiries, Educational Resources Infonnation Center Annual Review Paper, 29, pp. 75-91 Cerca con Google

Guba, E. G., & Lincoln, Y. S. (1994). Competing paradigms in qualitative research. In N. K. Denzin & Y. S. Lincoln (Eds.), Handbook of qualitative research, pp. 105-117, Thousand Oaks, CA: Sage Cerca con Google

Guichard J. (2005), Life-long self-construction, in International Journal for Education and Vocational Guidance, 5, p. 111-124 Cerca con Google

Guichard J. (2008), Proposition d’un schéma d’entretien constructiviste de conseil en orientation puor les adolescents ou de jeunes adultes, L’orientation scolaire et professionelle, 37, pp. 413-440 Cerca con Google

H. von Foerster (1987), Sistemi che osservano, Astrolabio, Roma Cerca con Google

Habermas J. (1973), Conoscenza e interesse, Laterza, Roma Bari, trad. italiana Cerca con Google

Hallqvist A., Ellstrom P-E., Hydén (2012), The many faces of biographical learning, Studies in the Education of Adults, vol. 44, n-1, pp. 70-84 Cerca con Google

Heidegger M. (2005), Essere e tempo. Longanesi, Milano Cerca con Google

Illeris K. & Associates. (2004), Learning in Working Life, Roskilde UniversityPress, Copenhagen Cerca con Google

Illeris K. (2009) A comprehensive understanding of human learning in Illeris K. (ed), Contemporary theories of learning. Learning theorists... in their own words, Routledge, London, pp. 7-10 Cerca con Google

ISFOL (2008), Documento Tecnico di sul Bilancio di Competenze, Roma Cerca con Google

ISFOL (2006), Esperienze di validazione dell’apprendimento non formale e informale in Italia e in Europa, collana Temi&Strumenti. Cerca con Google

Ivey A.E., Ivey M.B. (2004), Il colloquio intenzionale e il counseling, Las, Roma Cerca con Google

Jackson N., Wisdom J., Shaw M. (2003), Guide for Busy Academics, Using learning outcomes to design a course and assess learning, Learning and Teaching Support Network Cerca con Google

Jedlowsky P. (2008), Il sapere dell’esperienza, Il Saggiatore, Milano Cerca con Google

Jonassen, D. H. (1994). Thinking Technology. Educational Technology, 34 n. 4, pp. 34-37. Cerca con Google

Jørgensen, P. S. (1999): Hvad er Kompetence? Uddannelse, 9, pp. 4-13 Cerca con Google

Joyce P. (2005), A framework for the portfolio development in postgraduate nursing practice , Journal of Clinical Nursing, 14/2005 (4): pp. 456-463 Cerca con Google

Jung C. G. (1969), Tipi psicologici, Bollati Boringhieri, Torino Cerca con Google

Kanizsa S. (1998), L’intervista nella ricerca educativa in Mantovani (a cura di), La ricerca sul campo in educazione. I metodi qualitativi, Mondadori, Milano, pp. 36-83 Cerca con Google

Knowles M. (1996), Quando l’adulto impara, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Kolb D. (1984) Experiential learning, Prentice-Hall, Englewood Cliffs Cerca con Google

Krefting, L. (1991). Rigor in qualitative research: The assessment of trustworthiness, American Journal of Occupational Therapy, 45, pp. 214-222 Cerca con Google

L’Imperio A. (2007), Tra crescita personale e professionale: gli adulti nell’’università che cambia. I motivi di una scelta in Alberici A., Catarsi C., Colapietro V., Loiodice I. (2007), op. cit., pp. 60-73 Cerca con Google

Labarrière P.J. (1985), Le discours de l’altérité. Une logique de l’experience, Presses universitaires de France, Paris Cerca con Google

Lago D. (2012), L’autobiografia ragionata: strumento di orientamento e facilitazione nell’apprendimento permanente degli adulti, MeTis anno II, n.1, giugno 2012 Cerca con Google

Lainé A. (2006), VAE, quand l’expérience se fait savoir. L’accompagnement en validation des acquis, Éditions Érès, Ramonville Saint-Agne, II ed. Cerca con Google

Lazarsfeld P.F. (1958), Evidence and Inference in Social Research, Daedalus, vol. 87, 4, pp. 89-109 Cerca con Google

Le Boterf G. (2002), Ingénierie et évaluation des compétences, Editions d’Organisation, Paris, 4. ed. Cerca con Google

Le Boterf G. (2004), Construire les compétences individuelles et collectives, Editions d’Organisation, Paris, 3. ed. Cerca con Google

Lecourt A-J., Mehaut P. (2007), La Validation des Acquis de l’Expérience : entre poursuite et inflexion du modèle français du diplôme, La Revue de l’Ires, n° 55, pp. 17-42 Cerca con Google

Lemoine C. (2002), Risorse per il bilancio di competenze. Percorsi metodologici e operativi, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Lenoir H. (2002), Considérations sur l’expérience et sa valeur sociale, Education Permanente, 150, 2002-1, pp. 63-78 Cerca con Google

Lenoir H. (2004), Pour une étique de l‘évaluation, Education permanente, 158, p. 51-72 Cerca con Google

Leplâtre F. (2005), La validation des acquis de l’expérience. VAE: Mode d’emploi, Le Centre Inffo, Paris, n. 1 Cerca con Google

Lichtner M. (2008), Esperienze vissute e costruzione del sapere. Le storie di vita nella ricerca sociale, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Lichtner M. (2008), Metodi biografici nell’educazione e formazione degli adulti, Rivista LLL (Lifelong Lifewide Learning) promossa da EdaForum ANNO 3/ N. 12 - 30 Ottobre 2008 - Eda e Metodologie didattiche innovative Cerca con Google

Lichtner M. (2011), Convalida degli apprendimenti in una prospettiva di lifelong learning. I risultati del questionario in Alberici A., Di Rienzo P. (a cura di) (2011), I saperi dell’esperienza, Anicia, Roma, pp. 75-108 Cerca con Google

Lietard B., (1992), Du portfolio nord américain au portefeuille de compétences à la française, Pratiques de formation, Université de Paris VIII, Paris, pp. 13-21 Cerca con Google

Loiodice I. (2004), Non perdere la bussola. Orientamento e formazione in età adulta, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Loiodice I. (2007), Formazione e orientamento degli adulti: il ruolo dell’università in Alberici A., Catarsi C., Colapietro V., Loiodice I., (2007) op. cit., pp. 136-145 Cerca con Google

Lokhoff J., Wegewijs B., Durkin K., Wagenaar R., González J., Isaacs A. K., Donà dalle Rose L. F. & Gobbi M. (2010), A guide to formulate degree programme profiles, Tuning, Bilbao Cerca con Google

Lorenzo G., Ittelson J. (2005), An overview of e-portfolios, Educause Learning Initiative Cerca con Google

Luzzatto G., Stella A. (2010), L'intreccio tra riforma didattica e Processo di Bologna in Finocchietti C., Giacobazzi D., Palla P.G.(2010) op. cit., pp. 13-28 Cerca con Google

Maccarini A. (2009), Educazione e capitale sociale in sociologia: un programma di ricerca alla prova in Scanagatta S., Maccarini A., L’educazione come capitale sociale, Franco Angeli, Milano, pp. 12-50 Cerca con Google

Mantovani S, Gattico E. (a cura di) (1998), La ricerca sul campo in educazione. I metodi quantitativi, Mondadori, Milano Cerca con Google

Maree K. (2011) (a cura di), Dar forma alle storie. Guida al counseling narrativo,Giunti O.S., Firenze Cerca con Google

Marinoni C. (2005) (a cura di) Sistemi di riconoscimento delle competenze acquisite sul lavoro: esperienze europee e italiane a confronto, Provincia Autonoma di Trento; Progetto Leonardo COGET. Cerca con Google

Marradi A. (1993), L’analisi monovariata, Angeli, Milano Cerca con Google

Maslow A. (1971), Verso una psicologia dell’essere, Astrolabio, Roma Cerca con Google

Maturana H., Varela F. (1999), L’albero della conoscenza, Garzanti, Milano Cerca con Google

Mazzucco C., Zaggia C.(2011), Il dispositivo francese di validazione dei saperi acquisiti in Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a) (a cura di) op. cit. ,pp. 205-225 Cerca con Google

McClelland D.C. (1973), Testing for competence rather than intelligence, American Psychologist, 28, pp. 1-14 Cerca con Google

Meeus W., Van Looy L, Van Petegem P. (2006), Portfolio in Higher Education: time for a clarificatory framework International Journal of teaching and learning in Higher Education, vol. 17 n. 2, pp. 127-135 Cerca con Google

Merrill, M. D. (1991). Constructivism and Instructional Design. Educational Technology, 31 n. 5, pp. 45-53 Cerca con Google

Mezirow J. (1991), Transformative Dimension of Adult learning, John Wiley & sons (ed. Italiana del 2003 “Apprendimento e trasformazione”) Cerca con Google

Mezirow J. (1996) , Contemporary Paradigms of Learning, Adult Education Quarterly, 46 (3), pp. 158–172 Cerca con Google

Middlesex University (2009), Handbook: Recognition and accreditation of learning (Module WBS 2803), London Cerca con Google

Milani P., Pegoraro E. (2011), L’intervista nei contesti socio-educativi: una guida pratica, Carocci, Roma Cerca con Google

Mortari L. (2003), Apprendere dall’esperienza. Il pensare riflessivo nella formazione, Carocci, Roma Cerca con Google

Munari A., (1998), Una Metodologia degli Eventi per la formazione e la ricerca, Studium Educationis 3, Padova, pp. 429-436 Cerca con Google

Nadin A. (2008), Autovalutazione in rete. Uso del portfolio nella formazione post lauream., Tesi di dottorato Cerca con Google

Nicolas-Le Strat P. (1996), L’Impilication : une nuovelle base de l’intervention sociale, L’Harmanattan, Paris Cerca con Google

Nigra L, Massimetti G. (2011), 2000-2010. Dieci anni di esperienze attraverso la reconnaissance des acquis, Forcoop Cerca con Google

Nyatanga L, Forman D., Fox J., (1998), Good practice in the accreditation of prior experiential learning, Cassel, London Cerca con Google

Orefice P., Cunti A. (2005) (a cura di), Multieda. Dimensioni dell’educare in età adulta: prospettive di ricerca e d’intervento, Liguori, Napoli Cerca con Google

Pasquier L. (2009), La validation des acquis de l’expérience, carrefour d’enjeux multiples in Boutinet J.P., L ‘ABC del VAE, Ed érès, Toulouse, pp.13-25 Cerca con Google

Paul M. (2003), Ce qu’accompagner veut dire, Carriérologie, vol. 9 n. 1 e 2 (n. special accompagnement), Quebec, pp. 121-144 Cerca con Google

Paul M. (2004),L’accompagnement, une posture professionnelle spécifique, L’Harmattan,Paris Cerca con Google

Paul M., Clavier L. (2007), Le statut de la parole en Validation des acquis de l’expérience, Recherches en Education, n.2-Janvier 2007, Centre de recherche en éducation de Nantes, pp. 68-80 Cerca con Google

Paul M. (2009), Accompagnement, Recherche et formation, 62/2009, pp. 91-108. Cerca con Google

Paul M. (2011), L’accompagnamento. Una specifica postura professionale in Biasin C. (2010), op. cit. , pp. 145-159 Cerca con Google

Pavan, A.(2003), Formazione continua. Dibattiti e politiche internazionali, Armando, Roma Cerca con Google

Pellerey M. (2000), Il portafoglio formativo progressivo come nuovo strumento di valutazione delle competenze, Professionalità 2000/57, pp. 5-20 Cerca con Google

Pellerey M. (2004), Le competenze individuali e il portfolio, La Nuova Italia, Milano Cerca con Google

Pellerey M. (2010), Competenze. Conoscenze, abilità, atteggiamenti. I quaderni di Voci della scuola, Tecnodid, Napoli Cerca con Google

Pellerey M.(2011) Competenza. Lessico pedagogico, Competenza e professionalità, Education Science and society Vol 2, 1, pp. 173-179 Cerca con Google

Petrucco C., De Rossi M. (2009), Narrare con il Digital Storytelling a scuola e nelle organizzazioni, Carocci, Roma Cerca con Google

Pievani T., Varchetta G. (1999): Il management dell’unicità. Organizzazione, evoluzione, formazione, Guerini e Associati, Milano Cerca con Google

Pineau G, Le Grand J.L. (1993), Les histories de vie, Presses Universitaires de France, Paris Cerca con Google

Pineau G. (1998), Accompagnements et histoire de vie, L’Harmattan, Paris Cerca con Google

Pirot M.C. (2007), Reconnaissance, validation et expérience. Pratique de la "VAE", "RAEP" et autre validations d’acquis, Presses Universitaires du Septentrion, Paris Cerca con Google

Polkinghorn D. (1988), Narrative Knowing and the Human Sciences, State University of New York Press, New York Cerca con Google

Portwood and Costley, Work-Based Learning and the University : New Perspectives and Practices, SEDA paper 109, Middlesex University Cerca con Google

Portwood D., Garnett, J., Costley C. (2004), Bridging rhetoric and reality: accreditation of prior experiential learning (APEL) in the UK, Universities Vocational Awards Council, Bolton Cerca con Google

Prahalad C.K., Hamel G. (1990), La competenza distintiva delle aziende, Harvard Espansione, n.49 Cerca con Google

Raso A., Consorti F., Garrino L. (2010), Il portfolio come strumento educativo nella formazione post-base degli infermieri: una revisione della letteratura, Tutor, Rivista della Società Italiana di Pedagogia Medica, n.10/2010 aprile-settembre, pp. 31-36 Cerca con Google

Reggio P. (2010), Il quarto sapere. Guida all’apprendimento esperienziale, Carocci, Roma Cerca con Google

Ricoeur P. (2004), Etique; de la morale à l’étique et aux étiques in M.Canto-Sperber (a cura di), Dictionnaire d’etique et de philosophie morale (vol. 1), PUF, Paris Cerca con Google

Ronsisvalle G. Accrescere l’occupabilità e le opportunità di apprendimento permanente In Finocchietti C., Giacobazzi D., Palla P.G.(2010) op. cit., pp. 99-102 Cerca con Google

Rossi P.G.(2005), Progettare e realizzare il portfolio, Carocci editore, Roma Cerca con Google

Rossi P.G., Giannandrea L. (2006), Che cos’è l’e-Portfolio, Carocci editore, Roma, Cerca con Google

Rossi P.G., Giannandrea L., Magnoler P. (2011), Portfolio e riflessione, Education Science and Society, Valutazione e competenze, anno 2 n. 2, pp. 192-195 Cerca con Google

Rossi P.G., Magnoler P. Giannandrea L. (2008),From an e-portfolio model to e-portfolio practices: some guidelines, Campus-Wide Information Systems, Vol. 25 Iss. 4, pp. 219 – 232 Cerca con Google

Ruffini C., Porzio G. (2004), Portfolio, dossier professionale, libretto formativo in Bresciani P.G., Callini D. (a cura di) (2004), Personalizzare e individualizzare. Strumenti di lavoro per la formazione. Franco Angeli, Milano, pp. 1-14 Cerca con Google

Ruffini C., Sarchielli V. (2005), Bilancio di competenze, in Cerini G., Spinosi M. (a cura di) (2005), Voci della Scuola – Idee e proposte per la ricerca e l’innovazione, IV vol, Tecnodid Editrice, Napoli. Cerca con Google

Ruffini C., Sarchielli V. (a cura di) (2001), Il bilancio di competenze. Nuovi sviluppi, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Rullani E. (2005), Economia della conoscenza, Carocci, Roma. Cerca con Google

Sales B.D.& Folkman S. (Eds) (2000), Ethics in Research With Human Partecipants. American Psycological Association, Washington Cerca con Google

Salini D., Ghisla G., Bonini L. (2010), La formazione di professionista VAE. Profilo di competenza e percorsi formativi per professioniste/i della validazione degli apprendimenti esperienziali. Rapporto IUFFP, Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale Cerca con Google

Salvaterra C. (2011), Lo scenario attualizzato del Processo di Bologna in L. Galliani,C. Zaggia, A. Serbati A. (2011b) (a cura di), op. cit., pp. 19-31 Cerca con Google

Savickas M. (1993), Career counseling in the postmodern era, Journal Of Cognitive Psychotherapy: An International Quarterly 7, pp. 205-215 Cerca con Google

Savickas M. (2011), Dare nuova forma alla storia del career counseling in K.Maree (2011) (a cura di), op. cit. , p. 9-12 Cerca con Google

Savickas M, Nota L., Dossier J., Dauwalder J.P., Duarte M.E., Guichrd J., Soresi S., van Esbroeck R., van Vianen A. E.M. (2011), Life design: un paradigma per la costruzione della vita professionale nel XXI secolo, GIPO – Giornale Italiano di Psicologia dell’Orientamento, vol. 1/11, pp. 3-18 Cerca con Google

Schön D. A. (1983), The Reflective Practitioner: How Professionals Think in Action, Basic Books, New York Cerca con Google

Schön D. A. (1987), Educating the Reflective Practitioner: Toward a New Design for Teaching and Learning in the Professions, Jossey-Bas, San Francisco Cerca con Google

Scribner S. (1984), Studying working intelligence, in B. Rogoff, J. Lave (a cura di) (1984), Everyday cognition: its development in social context, Harvard University Press, Cambridge-London Cerca con Google

Serbati A. (2007) Lauree e riconoscimento dell’esperienza: l’approccio inglese work-based learning e il caso della Middlesex University (n. 10/2007) GenerAzioni, Rivista quadrimestrale della Facoltà di Scienze della Formazione, pp. 35-59 Cerca con Google

Serbati A. (2011) Esperienza e apprendimento: il riconoscimento formale dei saperi acquisiti in contesti informali e non formali, Giornale Italiano della Ricerca Educativa, Anno IV Dicembre 2011, pp. 53-70 Cerca con Google

Serbati A. (2011), Lo strumento del portfolio delle competenze in Serbati A., Surian A. (2011) (a cura di) op. cit., pp. 95-117 Cerca con Google

Serbati A.(2011), La metodologia del Bilancio delle competenze: dal modello francese alle pratiche italiane in Serbati A., Surian A. (2011) (a cura di) op. cit., pp. 75-94 Cerca con Google

Serbati A., Surian A. (2011) (a cura di) Bilancio e portfolio delle competenze. Percorsi in ambito cooperativo, Cleup, Padova Cerca con Google

Serbati A., Vignato A. (2011), Il dispositivo inglese di Accreditation of Prior Experential Learning (APEL) in Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a) (a cura di) op. cit., pp. 193-204. Cerca con Google

Serbati A., Zaggia C., Progettazione e sperimentazione di una pratica di validazione dei saperi esperienziali in Galliani L., Zaggia C., Serbati A. (2011a) (a cura di) op. cit., pp. 238-272 Cerca con Google

Serreri P. (2003), Il bilancio delle competenze. Evoluzione di una definizione tra teoria e pratica, Formazione e cambiamento. Webmagazine sulla formazione Anno III, 16 febbraio2003 Cerca con Google

Simosko, S. (1991), APL: accreditation of prior learning : a practical guide for professionals, Kogan Page, London Cerca con Google

Spencer L.M, Spences S.M. (1993), Competenze nel lavoro. Modelli per una performance superiore, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Stake R. E. (1988), La valutazione “responsive” in Giovannini M.L (a cura di) La valutazione delle innovazioni nella scuola, Cappelli editore, pp.49-59 Cerca con Google

Stella A. (2012), Riflessioni sull’abolizione del valore legale del titolo di studio, Roars, Return on Academic Research Cerca con Google

Stephenson J. and Saxton J. (2005), Using the Internet to gain personalized degrees from learning through work: some experience from Ufi, Industry and Higher Education, 19, 3, pp. 249– 263 Cerca con Google

Strauss A. (1987), Qualitative analysis for social scientists, Cambridge, Univ. Press, Cambridge Cerca con Google

Strauss A. e Corbin J. (1990), Basic of qualitative research, Grounded Theory procedures and techniques, Sage, Newburry Park Cerca con Google

Strauss A. e Corbin J. (1994), Grounded Theory Methodology. An Overview, in Denzin N.K. e Lincoln Y.S. (eds.) (1998), Handbook of Qualitative Research, Sage, Thousand Oaks (CA), pp. 273-285 Cerca con Google

Surian A. (2011), L’autobiografia ragionata e i percorsi di bilancio di competenze in Serbati A., Surian A. (2011) (a cura di), op. cit, pp. 61-71 Cerca con Google

Tashakkori, A., Teddlie, C. (1998), Mixed methodology: combining qualitative and quantitative approaches, Sage, Thousand Oaks Cerca con Google

Tashakkori A., Creswell J.W. (2007), Editorial: Exploring the Nature of Research Questions in Mixed Methods Research, Journal of Mixed Methods Research, 1, n. 3, pp. 207-211 Cerca con Google

Tashakkori, A., Creswell, J.W. (2007), Editorial: The new era of mixed methods, Journal of Mixed Methods Research, n. 1, pp. 3-7. Cerca con Google

Thrift E., Amudson N. (2011), Fondamenti teorici e applicazione pratica di un approccio ermeneutico-narrativo al career counseling, in K.Maree (2011) (a cura di), op. cit, pp. 44 - 56 Cerca con Google

Trentin G. (2004), Apprendimento in rete e condivisione della conoscenza, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Trinchero R. (2004), I metodi della ricerca educativa, Laterza, Bari Cerca con Google

Ugolini, F.C. (2009), VAE: aspetti problematici e rapporto con le ICT, Giornale italiano della ricerca educativa, vol. 2/3; pp. 77-91 Cerca con Google

Vardanega A. (2008), L’analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti. Fare ricerca sociale con i dati testuali, Aracne, Roma Cerca con Google

Varela F.J., Shear J. (1999) First Person Accounts: Why, What and How, in Varela F.J., Shear J. (a cura di) The View from Within, Imprinting Academic, Bowling Green Cerca con Google

Varisco B.M. (2004), Portfolio. Valutare gli apprendimenti e le competenze, Carocci, Roma. Cerca con Google

Veilhan A. (2004), L’éthique de l’accompagnement en validation des acquis de l’expérience : de l’individuel au collectif, Education Permanente, 159-2, pp. 107-116 Cerca con Google

Vermersch P. (1994), L’entretien d’explicitation, Esf Editeur, Issy-les-Moulineaux Cerca con Google

Villa Sanchez A., Poblete Ruiz M. (2008), Competence-based learning, Tuning Project, University of Deusto, Bilbao Cerca con Google

Wenger E. (1998), Communities of Practice : Learning, meaning and identity, Cambridge University Press, Cambridge Cerca con Google

Werquin (2010), Recognising non Formal and Informal Learning. Outcomes, Policies and Practices, OECD, Paris Cerca con Google

Wiggins G. (1993). Assessing student performance: Exploring the purpose and limits of testing, San Francisco, CA: Jossey-Bass. Cerca con Google

Xodo C. (2003), Capitani di se stessi,. L’educazione come costruzione di identità personale, La Scuola, Brescia Cerca con Google

Yin K.R., (2003), Lo studio di caso nella ricerca scientifica, Armando, Roma. Cerca con Google

Zaggia C. (2009), La validazione degli acquis dell’esperienza. Elementi peculiari, comuni e distintivi rispetto al bilancio di competenze, Professionalità 106/2009, pp. 71-74 Cerca con Google

Zaggia C. (2010), L’università delle competenze, Franco Angeli, Milano Cerca con Google

Documenti e report Cerca con Google

Besson E. (2008), Valorisez l’acquis de l’expérience: une évaluation du dispositif de Vae, Premier Ministre Cerca con Google

Cedefop, (2009), European guidelines for validating non-formal and informal learning, Office for Official Publications of the European Communities, Luxembourg Cerca con Google

Commissione delle Comunità Europee (2000), Memorandum sull’istruzione e la formazione permanente, Bruxelles Cerca con Google

Commissione delle Comunità europee, (2001), Realizzare uno spazio europeo dell’apprendimento permanente, Bruxelles Cerca con Google

Commissione Europea (2011), Comunicazione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato Delle Regioni (2011). Programma quadro di ricerca e innovazione "Orizzonte 2020", Bruxelles Cerca con Google

Commissione Europea (2012), Proposta di raccomandazione del Consiglio sulla convalida dell'apprendimento non formale e informale, Bruxelles Cerca con Google

Comunicazione della Commissione, (2006), Educazione degli adulti: non è mai troppo tardi per apprendere, Bruxelles Cerca con Google

Consiglio d’Europa (2009) Conclusioni su un quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell'istruzione e della formazione, Bruxelles Cerca con Google

Consiglio d’Europa (2007), European Portfolio for youth leaders and youth workers , Directorate of Youth and Sport consultant writer and researcher: Mark Taylor, Brussels Cerca con Google

Consiglio dell’Unione Europea, (2004), Progetto di conclusioni del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri riuniti in sede di Consiglio relative ai principi comuni europei concernenti l’individuazione e la convalida dell’apprendimento non formale ed informale, Bruxelles Cerca con Google

Corradi C., Evans N., Valk A. (eds.) (2006), Recognising Experiential Learning: Practices in European Universities , EULLearN Cerca con Google

Developing European Work Based learning Approaches and Methods (DEWBLAM) DG EAC funded project (2006) Florence Cerca con Google

Duchemin C., Hawley J. (eds) (2010). European Inventory on Validation of Non-formal and Informal Learning 2010 Thematic Report – Validation in the Higher Education Sector Cerca con Google

EUA (2008), European Universities’ Charter on Lifelong Learning Cerca con Google

Hawley J., Souto Otero M., Duchemin C., (2010) '2010 update, European Inventory on Validation of Informal and Non-formal Learning, Final Report Cerca con Google

Indagine Eurostudent IV 2008–2011 Cerca con Google

Indagine XIV Almalaurea Cerca con Google

ISFOL (2008), OECD Thematic Review on Recognition of Non-formal and Informal Learning, Country Background Italy Cerca con Google

Ministri competenti di Francia, Germania, Gran Bretagna ed Italia (1998), Dichiarazione della Sorbona "L'armonizzazione dell'architettura dei sistemi di istruzione superiore in Europa" Cerca con Google

Ministry for Education, Ministry for Labour and Social Security, Ministry for Universities and Research (2007), Education and Training 2010. Italy, National Progress Report on the Implementation of the European Union Work Programme Cerca con Google

OECD (2007), OECD thematic review on recognition of non-formal and informal learning, country background report, United Kingdom Cerca con Google

Parlamento Europeo e Consiglio (2004), Decisione relativa ad un quadro comunitario unico per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze (Europass), Bruxelles Cerca con Google

Parlamento Europeo e Consiglio (2006), Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave e apprendimento permanente, Bruxelles Cerca con Google

Parlamento Europeo e Consiglio (2008), Raccomandazione sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente, Bruxelles Cerca con Google

Parlamento Europeo e Consiglio (2009), Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 sull'istituzione di un sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionale ECVET, Bruxelles Cerca con Google

Qualifications and Curriculum Authority (2010), Claiming credit. Guidance on the recognition of prior learning within the Qualifications and Credit Framework Cerca con Google

Rauhvargers A., Deane C. , Pauwels W. (2009) Report from working groups appointed by the Bologna Follow-up Group to the Ministerial Conference in Leuven/Louvain-la-Neuve - 28-29 April 2009 Cerca con Google

RUIAP (2011), Apprendimento permanente e università. Le finalità e gli obiettivi programmatici, (a cura del gruppo promotore, del Presidente Aureliana Alberici e del Vice Presidente Mauro Palumbo) Cerca con Google

SEEC (2003), SEEC Code of Practice for the Assessment of Prior (Experiential) Learning, Operational Recommendations, Great Britain Cerca con Google

Souto Otero M., Hawley J., Nevala, A.M. (eds) (2008). European inventory on validation of informal and non formal learning: 2007 update: a final report to DG Education and Culture of the European Commission. Ecotec, Birmingham Cerca con Google

UNESCO (2012), Unesco guidelines ffor the Recognition, Validation and Accreditation of the Outcomes of Non-formal and Informal Learning, UNESCO Institute for Lifelong Learning Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record