Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Bonetti, Pietro (2013) Firm and Country Determinants of the Quality of Financial Information. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
1192Kb

Abstract (inglese)

This thesis is made of three chapters which contribute to the international accounting literature.
The first chapter investigates the effect of the legal enforcement on the use of income increasing earnings management (EAR) and downward expectation management (EXP) to meet or beat analyst earnings forecasts. Using a sample of 4,934 firms from fourteen European countries, we document that the strength of the legal enforcement is negatively associated with EAR and positively associated with EXP. We provide evidence of a substitution effect between EAR and EXP only in the presence of strong legal enforcement, while they are complements when the legal enforcement is weak. We show that the capital market rewards meeting/beating firms, but it penalizes the concurrent use of EAR and EXP and this penalty is positively associated with the strength of the legal enforcement only for EAR. Our results show that legal enforcement has a significant role in the choice between EAR and EXP and that a change in the strength of legal enforcement drives how firms operate to meet or beat analyst forecasts. The contribution of this chapter is two-fold. This is the first study that examines how cross-country variation in the level of enforcement affects the interaction between EAR and EXP to meet/beat analyst forecasts. Second, this chapter is the first study that explores whether the capital market’s reaction to an earnings surprise is related to the strength of the legal enforcement.
The second chapter examines how firm-level governance and country-level enforcement interplay in affecting IFRS mandatory adoption consequences on financial reporting quality. We operationalize financial reporting quality using earnings informativeness, accruals management, and real earnings management. We use a treatment sample of 3,476 firm-year observations from 14 European countries that mandatorily adopt IFRS in 2005 and 29,596 firm-year observations from 11 non-IFRS adoption countries. To account for the confounding effects of general trends in financial reporting quality or concurrent events unrelated to IFRS adoption, we estimate annual panel regressions for IFRS adopter firms and non-IFRS adopter firms using industry-country and separate year fixed effects for the treatment and control sample. Three key findings emerge from our analyses. First, IFRS adoption is, on average, associated with an increase in financial reporting quality. However, there is considerable heterogeneity in financial reporting quality changes, suggesting that IFRS mandatory adoption is not sufficient, per se, to change firms’ reporting practices. Second, in countries characterized by weak enforcement, strong board-level monitoring appears to enhance financial reporting quality, thus suggesting a substitutive effect between firm- and country-level governance. Third, in countries characterized by strong enforcement, firms with strong board-level monitoring exhibit a higher level of financial reporting quality than firms with weak board-level monitoring, thus suggesting that country- and firm-level governance are complementary. The chapter contributes to the literature in two ways. First, this is the first study that examines whether board-based monitoring mechanisms shape IFRS mandatory adoption consequences on financial reporting quality. Second, the chapter contributes to the growing literature on the interplay between firm-level governance and country institutional characteristics. The findings point toward a substitution effects between firm-level monitoring mechanisms and country-level enforcement mechanisms when the legal system is lax, while board monitoring and legal enforcement complement each other when the legal system gets stricter.
The third chapter examines whether informational environment benefits following cross-listing in the U.S. vanish when the financial reporting process suffers by internal control deficiencies according to the Section 302 of the Sarbanes-Oxley Act (SOX, hereafter). Previous literature documents an increase in the quality of the firm information environment following cross-listing in the U.S. and motivates this result with the bonding effect. This study disputes the idea that the cross-listing per se enhances the quality of firms’ information environment. We challenge this idea considering whether the quality of the information environment for cross-listed firms depends on an effective commitment to achieve higher levels of corporate transparency. As research setting, we use Section 302 of the SOX that requires to disclose any discovered internal control deficiency on internal controls over financial reporting. To account for the impact of general trends or concurrent events unrelated to SOX302 disclosures on information environment of cross-listed firms, we employ as benchmark group all firms listed in their home market but not in the U.S. In addition, we employ propensity-score matching models to take into account differences in firm-characteristics between cross-listed and non-cross-listed firms while estimating SOX302 disclosure treatment effect. Our analyses encompasses both changes and cross-sectional association tests. We show that cross-listed firms disclosing internal control deficiencies do not have a better information environment than their home-country peers, but only after the first disclosure on internal control deficiencies according to SOX302. Second, we show that cross-listed firms experience an improvement in the information environment if they remediate to previously disclosed internal control deficiencies. Finally, we show that these results hold only for firms domiciled in countries with weak legal institutions, while cross-listed firms from countries with strong legal institutions do not experience a significant change in the quality of the information environment once they became cross-listed, irrespective from the disclosure of an internal control deficiency. The study contributes to the literature on cross-listing in two ways. First, we show the existence of substantial heterogeneity in cross-listing effects on firm information environment, driven by the adoption of adequate internal controls over financial reporting. Second, we add to the literature on the effects of the SOX. Literature shows that cross-listed firms experience a decrease in the level of opaqueness after the adoption of the SOX. We add to this literature the evidence that the decline in the level of opaqueness depends on cross-sectional differences in corporate transparency and hence it is not homogenous across all firms.

Abstract (italiano)

La tesi si compone di tre capitoli che contribuiscono alla letteratura di international accounting.
Il primo capitolo si propone di esaminare l'effetto del legal enforcement a livello paese sull'uso dell’income incresing earnings management (EAR) e del downward expectation management (EXP) al fine di battere le previsioni degli analisti finanziari. Utilizzando un campione di 4,934 osservazioni anno-impresa da quattordici paesi europei, il presente lavoro documenta che la qualità del sistema di enforcement sia associato negativamente a EAR e positivamente a EXP. Inoltre, il presente lavoro fornisce evidenza di un effetto di sostituzione tra EAR e EXP in presenza di una forte sistema di enforcement, mentre EAR e EXP risultano essere complementari quando il sistema di enforcement è debole. Il mercato dei capitali premia le imprese che battono le stime degli analisti, ma penalizza l’uso di EAR e EXP. Tuttavia solo la penalità per l’uso di EAR dipende positivamente dal sistema di enforcement. Il contributo di questo capitolo alla letteratura è duplice. Questo è il primo studio che esamina come il livello di enforcement determini la scelta tra EAR e EXP per battere le previsioni degli analisti. In secondo luogo, questo studio è il primo ad analizzare se la reazione del mercato dei capitali all’uso di EAR e EXP al fine di battere le stime degli analisti dipenda dal sistema di enforcement.
Il secondo capitolo sfrutta la variabilità nelle caratteristiche del sistema di monitoraggio a livello impresa per esaminare l’esistenza di eterogeneità nelle conseguenze dell’adozione obbligatoria degli IFRS sulla qualità dell’informazione economico-finanziaria. Il lavoro utilizza un campione di 3,476 osservazioni provenienti da 14 paesi europei che hanno adottato obbligatoriamente gli IFRS nel 2005 (treatment sample) e 29,596 osservazioni provenienti da 11 paesi che non hanno adottato gli IFRS (control sample). La qualità dell’informativa economico-finanziaria viene misurata considerando l’earnings informativeness, accruals management, and real earnings management. Al fine di controllare per i confounding effects derivanti da trend generali nella qualità dell’informativa economico-finanziaria e per eventi concomitanti ma estranei all’adozione degli IFRS, il presente lavoro impiega regressioni panel annuali per le imprese che adottano gli IFRS e per il campione di controllo utilizzando effetti fissi per paese-settore ed anno, separati per il treatment sample e per il control sample. Dall’analisi emergono tre principali risultati. In primo luogo, l'adozione degli IFRS è, in media, associata ad un aumento della qualità dell’informativa economico-finanziaria. Tuttavia, vi è una notevole eterogeneità negli effetti, il che suggerisce che l'adozione obbligatoria degli IFRS non sia sufficiente, di per sé, a modificare le politiche di reporting delle imprese. In secondo luogo, in paesi caratterizzati da un sistema di enforcement debole, le imprese che adottano buoni sistemi di governance, migliorano la qualità dell’informazione economico-finanziaria, suggerendo l’esistenza di un effetto sostitutivo tra sistema di governance a livello impresa e di enforcement a livello paese, quando l’enforcement è debole. In terzo luogo, in paesi caratterizzati da un sistema di enforcement forte, le imprese che adottano buoni sistemi di governance migliorano la qualità dell’informativa economico-finanziaria in misura superiore rispetto alle imprese che adottano deboli sistemi di governance, suggerendo l’esistenza di una relazione di complementarietà tra governance a livello impresa ed enforcement a livello paese quando quest’ultimo è più forte. Il capitolo contribuisce alla letteratura in due modi. In primo luogo, questo è il primo studio che analizza se i meccanismi di monitoraggio a livello di impresa influenzino le conseguenze derivanti dall’applicazione obbligatoria degli IFRS sulla qualità dell’informazione economico-finanziaria. In secondo luogo, il capitolo contribuisce alla crescente letteratura sull'interazione tra sistemi di governance a livello impresa e caratteristiche istituzionali a livello paese. Il lavoro suggerisce l’esistenza di un effetto di sostituzione tra i due, quando il sistema di enforcement è debole, e l’esistenza di una relazione di complementarietà quando il sistema di enforcement è più efficace.
Il terzo capitolo esamina se i benefici in termini di firm information environment conseguenti al cross-listing negli Stati Uniti svaniscano se il sistema di controllo interno soffra di material weaknesses secondo la sezione 302 del Sarbanes- Oxley Act. La letteratura documenta un aumento della qualità del firm information environment a seguito del cross-listing negli Stati Uniti e spiega questo risultato con la bonding theory. Questo studio disputa l’idea che il cross-listing di per sé migliori la qualità del firm information environment. In particolare, questo studio esamina se il cambiamento nella qualità del firm information environment dipenda dall’effettivo impegno delle imprese cross-listate ad incrementare il proprio livello di trasparenza contabile. Come setting di ricerca, il presente lavoro utilizza la sezione 302 della SOX che richiede di comunicare ogni material weaknesses che possa inficiare l’efficacia del sistema di controllo interno. Al fine di controllare per l’effetto di trend generali o per eventi concomitanti ed estranei all’adozione della sezione 302 della SOX sul firm information environment delle imprese cross-listate, il presente lavoro utilizza come campione di controllo le imprese quotate nei rispettivi mercati nazionali ma non cross-listate negli Stati Uniti. Inoltre, utilizziamo un propensity score matching al fine di controllare per eventuali differenze sistematiche nelle caratteristiche di impresa tra imprese cross-listate e non, nello stimare l’effetto specifico della sezione 302 della SOX sul firm information environment. I risultati mostrano che le imprese cross-listate che comunicano l’esistenza di material weaknesses nel sistema di controllo interno non hanno un firm information environment migliore rispetto alle imprese non cross-listate, ma questo solo a seguito dell’adozione della sezione 302 della SOX. In secondo luogo, il lavoro mostra che le imprese cross-listate migliorano il firm information environment se comunicano di aver rimediato a material weaknesses dichiarate in precedenza. Infine, si dimostra che questi risultati valgono solo per le imprese con sede in paesi con deboli sistemi di enforcement, mentre le imprese cross-listate provenienti da paesi con sistemi di enforcement efficaci, non subiscono un cambiamento significativo nella qualità del firm information environment a seguito del cross-listing, indipendentemente dalla comunicazione di material weaknesses nel sistema di controllo interno. Il contributo di questo studio alla letteratura è duplice. In primo luogo, il lavoro dimostra l’esistenza di una sostanziale eterogeneità negli effetti del cross-listing, determinati dall'adozione di adeguati sistemi di controllo interno. In secondo luogo, il presente lavoro contribuisce alla letteratura sugli effetti della SOX. La letteratura in materia mostra come le imprese cross-listate negli Stati Uniti aumentino la qualità del firm information environment dopo l'adozione della SOX. Il lavoro aggiunge alla letteratura l’evidenza che il miglioramento della qualità del firm information environment non è omogeneo per tutte le imprese, ma dipende da differenze nel livello di trasparenza tra le imprese cross-listate.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Bozzolan, Saverio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > ECONOMIA E MANAGEMENT
Data di deposito della tesi:29 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):Regolamentazione, IFRS, corporate governance, sistema giuridico, comunicazione economico-finanziaria, Regulation, IFRS, corporate governance, legal enforcement, financial reporting quality.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 13 - Scienze economiche e statistiche > SECS-P/07 Economia aziendale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali "Marco Fanno"
Codice ID:5734
Depositato il:16 Ott 2013 11:13
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record