Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Pasqualin, Chiara (2013) Il fondamento "patico" dell'ermeneutico: affettivitĂ , pensiero e linguaggio nell'opera di Heidegger. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 01 Gennaio 2020 per motivi correlati alla proprietĂ  intellettuale.
Visibile a: nessuno

3800Kb

Abstract (inglese)

This study offers a critical re-reading of Heidegger’s thought from the viewpoint of the relationship between the affective structure of the existence and two other fundamental components of the human being, which are understanding and language. The analysis of such approach to the world, which represents Heidegger’s "Befindlichkeit" – a peculiar and self-sufficient source of experience in relation to the projecting comprehension – leads us to recognize the presence of a fundamental ontological dimension of the existence, here designated as “pathic” with reference to the Greek term "paschein". This dimension identifies the most original way of access to the phenomenal horizon and represents the “foundation” – meaning the condition of possibility – of the other main dimension of the existence, the hermeneutic one, constituted by all those structures, such as understanding, interpretation and language, which contribute to the articulation of our reality in a meaningful whole.

Abstract (italiano)

Il presente lavoro di ricerca propone una rilettura del percorso speculativo heideggeriano a partire dal problema del rapporto intercorrente tra la struttura affettiva dell’esistenza ed altre due componenti fondamentali dell’essere umano, rappresentate dalla comprensione e dal linguaggio. L’esame di quella modalità di accesso al mondo che è per Heidegger la situazione emotiva (Befindlichkeit) – un canale di esperienza che è risultato distinto ed autonomo rispetto al comprendere progettuale – ci ha portato a riconoscere la presenza di una dimensione ontologica fondamentale dell’esistere, che abbiamo denominato “patica” con riferimento al verbo greco "paschein", “patire”. Questa dimensione identifica il modo più originario del nostro accesso all’ambito fenomenico e rappresenta il “fondamento” – cioè la condizione di possibilità – dell’altra dimensione caratteristica dell’esistere, quella ermeneutica, costituita dall’insieme delle strutture, quali la comprensione, il discorso e l’interpretazione, che cooperano all’articolazione significativa della nostra realtà.
Il lavoro è costruito intorno all’interpretazione dei due capisaldi dell’opera heideggeriana, "Essere e tempo" e i "Contributi alla filosofia", in quanto rappresentativi rispettivamente dell’ontologia fondamentale e del pensiero dell’evento. Il confronto analitico con queste due tappe essenziali del percorso speculativo heideggeriano ci ha fornito la giusta direttiva per muoverci indietro, in avanti e nel mezzo, lungo tutto l’arco della riflessione del filosofo tedesco. Conseguentemente, la tesi si articola in cinque capitoli, tra i quali il secondo ed il quarto, rispettivamente dedicati ad "Essere e tempo" e ai "Contributi alla filosofia", rappresentano i due perni dell’intera impalcatura. A partire dalle tesi centrali emerse dal confronto con l’opera del 1927, ed in particolare con la “triade” concettuale situazione emotiva-comprensione-discorso, è stato esplorato a ritroso il periodo dell’insegnamento friburghese e marburghese, cui è dedicato il primo capitolo. Sul biennio 1929-1930, inteso come fase di transizione tra l’ontologia fondamentale ed il pensiero della storia dell’essere, è invece incentrato il terzo capitolo, che analizza in particolare le esperienze pre-ermeneutiche dell’angoscia e della noia profonda. Infine, i risultati ottenuti dal confronto con "Essere e tempo" ed i "Contributi" vengono assunti nel quinto capitolo come «chiavi ermeneutiche» per accedere agli scritti appartenenti agli anni ’30-’60, nei quali viene sondata l’origine emotiva del filosofare e del Poetare in quanto modalità essenziali del dire.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Curi, Umberto
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > FILOSOFIA > FILOSOFIA E STORIA DELLE IDEE
Data di deposito della tesi:29 Gennaio 2013
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):affettivitĂ  e pensiero Heidegger situazione emotiva Stimmung
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/06 Storia della filosofia
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata
Codice ID:5740
Depositato il:21 Ott 2013 11:46
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record