Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Gleba, M. (2012) Lo sviluppo delle fibre di lana nell'Italia preromana. In: LA LANA NELLA CISALPINA ROMANA. Economia e Società. Studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli. Atti del Convegno (Padova-Verona, 18-20 maggio 2011). Antenor Quaderni (27). Padova University Press, Padova, pp. 325-337. ISBN 978-8897385-30-1

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
3804Kb

Abstract (inglese)

Throughout antiquity, textile manufacture was practiced on all levels of society and was one of the most labour-intensive of all occupations. As such, it was an industry of great cultural and social importance, which should be factored into any balanced assessment of the ancient economy. Over the last two decades, textile research has demonstrated how much we can learn about the culture, society, technology and economy of the ancient world through archaeological textiles.
Textile quality and appearance are dependent on the material of which the textile has been made, that is fibre. Fibre investigation, hence, is more than just identification of material source. By studying fibre on a microscopic level we can come closer to understanding issues of selective breeding/ cultivation, processing of fibres, and their wear. Textile fibre exploitation has had a great impact on subsistence strategies of past societies, which were transformed when plant fibre was largely replaced by animal fibre during Bronze Age. Investigation of textile fibre development is thus essential to the interpretation of much wider aspects of ancient societies, such as agriculture, animal husbandry, domestication and technology.
This paper presents some preliminary results of the project FIBRE (textile Fibre in Italy Before Roman Empire, 2009-2011), which aims to deepen our understanding of the development of textile fibres in the Apennine peninsula (Italy) through a macroscopic, microscopic and molecular investigation of selected archaeological textiles from various Italian sites dated from prehistory to the Hellenistic period. The data collected will provide a much clearer and elaborate picture of the development of wool fibre used for textiles and its profound impact on technology, agriculture, animal husbandry and society in Italy from prehistory until Roman period.

Abstract (italiano)

Nel corso dell'antichità la produzione tessile era praticata ad ogni livello sociale e costituiva una delle attività  più laboriose ed intensive. Si tratta quindi di un settore di grande importanza culturale ed economica e, come tale, va annoverato tra i parametri di valutazione del sistema economico antico. Nel corso degli ultimi vent'™anni gli studi sui tessuti hanno sviluppato una nuova importante ramificazione in campo archeologico dimostrando quanto si possa apprendere su cultura, società, tecnologia ed economia del mondo antico proprio attraverso lo studio dei reperti tessili recuperati dai contesti archeologici.
La qualità e l'€™aspetto del tessuto dipendono dal materiale con cui è stato prodotto, cioè dalla fibra tessile stessa. Lo studio delle fibre tessili, quindi, va al di là della semplice identificazione del materiale di origine. Studiando la fibra a livello microscopico possiamo approfondire la nostra conoscenza sulle questioni di riproduzione/coltivazione selettiva, di lavorazione delle fibre, e del loro logoramento. L'utilizzazione delle fibre ha avuto un forte impatto sulle strategie di sussistenza delle società antiche, che subirono forti trasformazioni quando le fibre vegetali furono in gran parte soppiantate dalle fibre animali durante l'™Età  del Bronzo. Questi fattori sono fondamentali per la comprensione dell'agricoltura, dell'€™allevamento del bestiame, della domesticazione e della tecnologia.
Questa relazione presenta alcuni risultati preliminari del progetto FIBRE (textile Fibre in Italy Before Roman Empire, 2009-2011), il cui scopo è quello di aumentare le conoscenze sulle fibre tessili nell'Italia preistorica e protostorica attraverso la raccolta sistematica di dati e l'™analisi di campioni di fibre ottenuti dai tessuti ritrovati sui siti archeologici.
All'™interno del progetto, lo sviluppo endogeno delle fibre di lana nell'€™Italia antica è indagato a livello macroscopico, microscopico e molecolare attraverso applicazioni mirate all'analisi delle fibre, tracciabilità degli isotopi di stronzio, analisi del DNA, delle tinte e altri metodi. In questo studio sono inclusi materiali provenienti da Castione dei Marchesi, Padova, Este e altri siti. I dati raccolti forniscono un quadro più chiaro e articolato dello sviluppo della lana utilizzata per la tessitura basato sulla selezione e l'™ampliamento di tecnologie di lavorazione e del loro impatto profondo sulla tecnologia, agricoltura, allevamento del bestiame e sulla società della penisola italiana all'™epoca protostorica.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:Ottobre 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Gleba, Lana, Cisalpina romana, fibra, analisi, tessuti, SEM
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/01 Preistoria e protostoria
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:6010
Depositato il:27 Feb 2013 12:49
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record