Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Gambacurta, G. - Ruta Serafini, A. (2012) Indicatori della lavorazione tessile nel Veneto preromano. In: LA LANA NELLA CISALPINA ROMANA. Economia e Società. Studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli. Atti del Convegno (Padova-Verona, 18-20 maggio 2011). Antenor Quaderni (27). Padova University Press, Padova, pp. 353-365. ISBN 978-8897385-30-1

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
4Mb

Abstract (inglese)

Among the grave goods of the ancient Veneto burials, ceramic spindle whorls, reels and counterweights are quite common: they are related to the female world, of which the textile manufacturing was an important element. Some years ago, in a paper written for the catalougue of the exhibition Le ore e I giorni delle donne, Verucchio 2007, we started an analysis aimed at recognizing the specific indicators of weaving, such as distaffs, spindles, thread spacers, needles, buttons, along with the recently discovered weaving tablets from Este. The goal of that work was to understand the various levels of specialization involved in the different phases of the production process. We discussed some tool associations that could be considered as “toolkits”, along with some clear diachronic changes in these sets.
In this paper we continued this analysis by approaching old and new data from a numerical and ponderal point of view, in order to better understand the specific function of some classes of artifacts, and be able to make hypoteses about the “invisible” tools (wooden spindles, typology and typometry of the looms…). Furthermore, a complete reconstruction of the textiles production process could help us understanding the change (from an individual, domestic activity to a large-scale production) the textile manufacturing underwent during the 1st millennium BC.

Abstract (italiano)

Fusaiole, rocchetti, contrappesi fittili ricorrono frequentemente nei corredi delle necropoli venete, a indicare ruoli femminili, documentando l’impegno dedicato alle attività di lavorazione dei tessuti. In ambito a tale assunto, ampio quanto generico, qualche anno fa, per un contributo al catalogo della mostra Le ore e i giorni delle donne, Verucchio 2007, avevamo intrapreso un percorso analitico, volto al riconoscimento dell’intera gamma di indicatori specifici, dalle conocchie ai fusi, ai distanziatori da filo, dagli aghi ai bottoni, fino alle nuove acquisizioni atestine delle tavolette da tessitura. L’obiettivo era quello di delineare l’articolazione dei livelli di specializzazione all’interno delle diverse fasi del ciclo produttivo. In questa chiave erano state tratteggiate le associazioni significative per l’individuazione di set da lavoro e alcune evidenti trasformazioni diacroniche.
Ci proponiamo di proseguire lungo questo percorso, attraverso nuove verifiche, anche su basi numeriche e ponderali, nella direzione di un approfondimento della funzionalità specifica di singole categorie di manufatti, anche al fine di ipotizzare lo strumentario “invisibile” (fusi di legno, tipologia e tipometria dei telai…). Una possibile ricostruzione complessiva del ciclo tessile potrebbe inoltre chiarire la trasformazione di questa manifattura da attività domestica individuale a produzione organizzata su vasta scala, nel corso del I millennio a.C.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:Ottobre 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Lana, Cisalpina romana, Gambacurta, Ruta Serafini, fusaiola, rocchetto, peso, set, tomba, Este.
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/01 Preistoria e protostoria
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:6021
Depositato il:27 Feb 2013 12:43
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record