Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | AccessibilitĂ 

| Crea un account

Calzolari, M. (2012) La lavorazione della lana nella bassa pianura del Po: dai pesi da telaio al paesaggio di etĂ  romana. In: LA LANA NELLA CISALPINA ROMANA. Economia e SocietĂ . Studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli. Atti del Convegno (Padova-Verona, 18-20 maggio 2011). Antenor Quaderni (27). Padova University Press, Padova, pp. 451-465. ISBN 978-8897385-30-1

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
6Mb

Abstract (inglese)

The archaeological discoveries of the Roman age in the Lower Po Valley (from Mantova to Rovigo and from Brescello to Ferrara) emphasize the great number of fictile loom weights, which testify the wool manufacture in this territory on the edge of the centuriations and occupied by a landscape with grass, wood and marshes.
The loom weights of the land around the Po river have often a face with a decoration impressed by a mould.
This decoration consists in a figurative iconography, whose significance is dealt with in this paper. In some weights it is possible to identify the wool weaver at the loom, and particularly the vertical loom with the warp-yarns and other accessory elements.
In many weights the decoration is an inscription in capital letters, with an onomastic formula: names of ingenui or slaves. Sometimes they are referred to as figuli, “potters”; their role in the textile production is discussed in this paper.
The distribution of the discoveries and the rural character of the settlement lead us to assume that in this territory the textile activity was mainly intended for the domestic requirements.

Abstract (italiano)

I ritrovamenti archeologici di età romana nella bassa pianura padana (da Mantova a Rovigo e da Brescello a Ferrara) evidenziano il consistente numero di pesi fittili da telaio, che testimoniano la lavorazione della lana in questo territorio, ai margini delle centuriazioni e occupato da un paesaggio con ampi spazi a prato, a bosco e a “zone umide”.
I pesi da telaio delle terre lungo il Po si distinguono per la presenza, in numerosi esemplari, di una faccia con una decorazione impressa a stampo.
Questa consiste anzitutto in un’iconografia figurativa, sul cui significato si discute nel contributo. In alcuni esemplari è possibile vedervi il lavoro della tessitura, e in particolare il telaio verticale con i fili dell’ordito e altri elementi accessori.
In un buon numero di esemplari la decorazione consiste invece in un’iscrizione a lettere capitali, che è riconducibile a una formula onomastica: nomi di ingenui o di servi. Talora questi personaggi sono qualificati come figuli, ossia vasai. Nel contributo si svolgono considerazioni sul loro ruolo nell’ambito dell’attività tessile.
La distribuzione dei ritrovamenti e il carattere rurale dell’insediamento inducono a ritenere che in questo territorio l’attività tessile fosse prevalentemente destinata alle esigenze domestiche.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:Ottobre 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Lana, Cisalpina romana, Calzolari, Po, pesi da telaio, iscrizione, tessitore, matrice
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichitĂ , filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 Archeologia classica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:6025
Depositato il:27 Feb 2013 10:02
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record