Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Rossi, C. (2012) Strumenti della lavorazione tessile nei corredi delle necropoli romane di Padova. [Contributo in Libro] In: LA LANA NELLA CISALPINA ROMANA. Economia e Società. Studi in onore di Stefania Pesavento Mattioli. Atti del Convegno (Padova-Verona, 18-20 maggio 2011). Antenor Quaderni (27). Padova University Press, Padova, pp. 605-612. ISBN 978-8897385-30-1

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione pubblicata
2238Kb

Abstract (inglese)

Grave goods of Roman Padua generally include only standard equipment, connected with specifically funeral practices such as foods/drinks offerings and scents sprinklings. Items of individual characterization are very unusual, as the objects reminding to professions or activities performed in life. The only exception is given by spinning, sewing/embroidering and weaving tools. The first two items (distaff/spindles and needles) are normally contained in graves identified as feminine by the presence of jewels and toilette tools or set. Fire alterations of color and shape due to the contact with the pyre and the deposition of these objects near the burnt/buried rests reflect their close bond with the deceased and their symbolic meaning as allusion to the traditional work of the mater familias and her virtue. More problems are given by the loom weights because of their provenance from depositions with grave tools barer and less characterized. The meaning could be similar to that of the previous items but we can also relate them to the weaving profession performed in life.

Abstract (italiano)

I corredi tombali di Padova romana sono in prevalenza costituiti da elementi standard. Assai rari sono invece gli elementi di caratterizzazione individuale e quasi del tutto assenti gli indicatori di attività. Costituiscono un’eccezione i soli strumenti da filatura (fusi/rocche), tessitura (pesi da telaio) e cucito/ricamo (aghi). I fusi/rocche e gli aghi provengono da tombe connotate come femminili dalla presenza di monili e accessori da toilette; le alterazioni da fuoco o la semplice deposizione in stretto rapporto con i resti ossei combusti/inumati ne esplicitano il legame con la defunta e ne accentuano il significato simbolico, allusivo alla virtus muliebre. Più problematici sono i pesi da telaio, data la provenienza da tombe con corredi più poveri e meno caratterizzati. Assai probabile è un significato analogo a quello degli strumenti precedenti ma non si esclude neppure un’accezione diversa, con rinvio alla professione svolta in vita.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Contributo in Libro
Anno di Pubblicazione:Ottobre 2012
Parole chiave (italiano / inglese):Lana, Cisalpina romana, Rossi, Padova, necropoli, corredo, significato simbolico
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/07 Archeologia classica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell'arte, del cinema e della musica
Codice ID:6042
Depositato il:27 Feb 2013 14:52
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record