Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Casalicchio, Jan (2013) Pseudorelative, gerundi e infiniti nelle varietà romanze: affinità (solo) superficiali e corrispondenze strutturali. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
4Mb

Abstract (inglese)

The main topic of this dissertation is a comparison among sentential predicative constructions in the Romance languages. Whereas Pseudo-relative clauses are almost universally used in the Romance domain (with some parametrical differences), predicative gerunds and prepositional infinitives, the other two sentential predicative constructions, are restricted to some varieties. This comparative view, which takes into account both the different Romance varieties and the different constructions, is missing in previous studies on this topic.
The aim of my work consists in filling this gap and in comparing these three constructions among them and with respect to the bare infinitive, which has been considered sometimes as another predicative structure like the Pseudo-relative clause. Finally, I will analyse the use of gerundive (and parallel infinitival clauses) in the Ladin varieties, where a highly conservative nature is displayed, as is already shown by the fact that this type of clauses is maintained - within Italy - only in Ladin and in Sardinian.
The thesis defended in this dissertation is that Pseudo-Relatives, predicative gerunds and prepositional infinitives are to be all analysed as predicative Small Clauses. Each of these constructions can enter three different syntactical structures, depending on the context, as proposed in Cinque (1992) and as shown by numerous tests. Gerunds and predicative infinitives seem to have a particularly close structural correspondence, the only difference consisting in verb movement: when the verb raises above a phonetically empty position located in CP, the incorporation of the two elements takes place generating the gerundial form. When the verb cannot move to the preposition, the result is a prepositional infinitive, the preposition a being realised. This analysis does not hold for the Ladin data, though, because the gerunds and the prepositional infinitives of these varieties show some differences with respect to the corresponding constructions in the other Romance varieties. This peculiar behavior in Ladin exactly matches the one observed in bare infinitive clauses with perception verbs. Therefore, I hypothesize that Ladin gerunds and prepositional infinitives enter the so-called 'ECM' structure, like the bare infinitives of the main Romance languages.
This dissertation is relevant for the comparative Romance research field, where a comparison among different predicative constructions has never been proposed before. Moreover, I show that Ladin varieties are also syntactically conservative. Further interesting points for future research can be found in a new analysis of the gerunds (not only the predicative ones) as the result of an incorporation process involving both a non-finite verb and a zero preposition. Finally, my account reveals that the traditional analysis interpreting the Romance bare infinitives as ECM structures cannot account for all the characteristics of this construction in the Romance languages.

Abstract (italiano)

L'argomento di questa tesi è un confronto tra i costrutti predicativi di tipo frasale nelle diverse varietà romanze. Mentre le pseudorelative sono diffuse pressoché in tutta la Romània, con qualche variazione parametrica minore, i gerundi predicativi e gli infiniti preposizionali sono usati solo in alcune varietà. Negli studi linguistici sull'argomento è mancata finora l'ottica comparativa, sia tra varietà diverse, sia tra costrutti predicativi diversi. Il mio lavoro si prefissa lo scopo di colmare questa lacuna, senza ignorare però i costrutti percettivi composti da un infinito semplice, che da parte della letteratura sono stati paragonati alle strutture predicative delle pseudorelative. Infine, tratterò anche dei gerundi e infiniti preposizionali delle varietà ladine: si tratta di un uso conservativo, perché nelle varietà italoromanze attigue quest'uso si è perso molto tempo fa.
Questo lavoro si propone di analizzare le pseudorelative, i gerundi predicativi e gli infiniti preposizionali come Frasi Ridotte con funzione predicativa; questi costrutti possono avere tre strutture sintattiche diverse, a seconda dei contesti in cui sono inseriti, come propone Cinque (1992) e come è dimostrato da numerosi test. La corrispondenza strutturale è particolarmente stretta tra i gerundi e gli infiniti preposizionali: l'unica differenza è data dal movimento del verbo, che nelle gerundive sale alla sinistra di una preposizione foneticamente nulla, che si incorpora nel verbo dando origine alla forma del gerundio; quando il verbo non può muoversi fino alla preposizione, invece, si ha un infinito dove la preposizione è realizzata. Da questo quadro sono esclusi però i gerundi e infiniti preposizionali del ladino, che presentano una serie di tratti divergenti rispetto ai corrispondenti costrutti delle altre varietà: queste divergenze li accomunano invece agli infiniti semplici dei costrutti percettivi. Per questo motivo, propongo che in queste varietà i costrutti siano delle strutture definite tradizionalmente 'ECM', come gli infiniti semplici.
Le conclusioni a cui giungo in questa tesi sono di interesse per la ricerca romanistica comparativa, dove non si è mai proposto un confronto tra i vari costrutti predicativi. Inoltre, questo lavoro offre degli argomenti aggiuntivi per mostrare come le varietà ladine delle Dolomiti siano anche sintatticamente conservative. Ulteriori spunti interessanti, in vista di possibili sviluppi futuri, sono forniti dall'analisi – inedita all'interno del modello generativista – dei gerundi (non solo predicativi) come infiniti che incorporano una preposizione, e dal comportamento degli infiniti semplici, la cui struttura andrebbe rianalizzata scartando l'analisi tradizionale di tipo ECM, che non appare adeguata per cogliere tutte le caratteristiche dei costrutti infinitivi romanzi.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Poletto, Cecilia
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 25 > Scuole 25 > SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE > LINGUISTICA
Data di deposito della tesi:25 Febbraio 2013
Anno di Pubblicazione:25 Febbraio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):sintassi, pseudorelative, gerundi, infiniti, verbi di percezione, complementi predicativi / syntax, pseudo-relatives, gerundive clauses, infinitives, perception verbs, predicative complements
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-LIN/01 Glottologia e linguistica
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari
Codice ID:6052
Depositato il:25 Ott 2013 11:26
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record