Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Polato, Enrica (2013) La lettura di un TIB (Tactile Illustrated Book) come contesto per l'espressione di domande da parte dei bambini con deficit visivo. Una ricerca esplorativa. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione accettata
4Mb

Abstract (inglese)

The present doctoral work finds its motivation in a deficiency and an intent.
The deficiency (and, in certain countries, even absence) regards the availability of Tactile Illustrated Books (TIB); tactile picture books, created for children of pre-school age who are blind or with visual impairment. The Baby Infant Tactile Illustrated Books (BITIB) Group attempts to address such shortage by developing prototypes of some such books.
One of these book prototypes was entrusted to the University for evaluation of some of its characteristics, with the aim of receiving feedback useful to determine necessary adjustments in view of a large publication run.
The aim of the present research is, therefore, to contribute to the qualitative improvement of this editorial product (which it is desired should transcend the specialist editorial niche to become a book for all) further elaborating operative instructional details for its reading as a joint activity between child and adult (whether educator or parent).
The indicator used for research are the questions formulated by children of pre-school age who are blind or with visual impairment during reading. Therefore, the present research explore the joint activity of reading a TIB by an adult and child, understood as context for the manifestation of questions on the part of the child.
The First Part contextualises the research within a wider framework, composed of references originating in scientific literature, in legislation as well as from reflections expressed by professionals working with blind or visually impaired children on a daily basis.
Starting from an unavoidable introduction to visual impairment, we analysed how reading and books contributed to the developing literacy of children who are blind or with visual impairment, elaborating a role of cognitive and affective mediation. The interesting thematic of mental images in subjects with visual impairment introduces the importance of reading tactile illustrated books, especially if realised within the transactional format of joint reading between adult and child. There follows then the focus of the research, namely the thematic (scarcely explored in the literature) of the questions formulated by children in general, and children with visual impairment in particular; conscious that "there is no better introduction to a child's logic than the study of his spontaneous questions" (Piaget).

In the second section we report the research results, involving 33 children aged between 2 and 6 years who are blind or with partial sight/visual impairment, their educators and parents in the reading of a TIB, which took place on the premises of the Fondazione Hollman in Padua and Cannero Riviera.
First, the differences between subgroups defined by a selection of variables from the reference group (extent of visual impairment, presence or absence of additional impairments, sex) were explored; such differences regard the percentage/proportion of questions expressed and their distribution, in the succession of video recordings and the different categories by content (analysis of variables)
Secondly, an analysis of content relating to some of the elements present in the TIB (tactile illustration, character, writing in traditional print and Braille) was carried out, with the purpose to also return to the BITIB Group and the publisher Les Doigts Qui Rêvent some useful reflections for the purpose of adjusting the content of the book in view of its wider publication.
The analysis results for single variables highlight that children in subgroups further compromised by their disability (blind versus visually impaired, children with additional disability versus those without) ask a higher proportion of questions compared to children less compromised by their disability (visually impaired versus blind, children without additional disability versus those with).
It emerges, further, that rereading the book after a six months interval reignites the questioning behaviour in the subgroups further compromised by their disability (blind versus visually impaired, children with additional disability versus those without), but not in those in subgroups less compromised by their disability (visually impaired versus blind, children without additional disability versus those with).
Finally, in the analysis of distribution of codes in the content categories, we found that children more compromised by their visual impairment (blind) formulate proportionally more questions than less compromised children (visually impaired), mostly in the Information and Relationship categories.
Considering, instead, additional disability; children with additional disability formulated proportionally more questions than children without additional disability, mostly in the Information and Relationship categories.
Further exploration, obtained by cross tabulation of the two variables "visual deficit" and "additional deficit", highlighted that the overall percentage of questions was highest for blind children without additional disability, to then decrease in the subgroup of visually impaired children with additional disability, blind children with additional disability and, lastly, visually impaired children without additional disability.
Analyses of the distribution of questions between the four subgroups, in the four video recordings, led us to the hypothesis that, in the absence of additional disability, the variable level of gravity of visual impairment may influence the number of questions asked, but have not much influence on their distribution in the four video recordings.
From the analysis of contents, there emerged several pointers for the revision of the book, destined to the BITIB Group and the publisher Les Doigts Qui Rêvent: the main one is always to research the maximum possible level of correspondence between the adjectives used in the text to define the materials of which the images are composed ("rough", "cold", "spiky") and the actual tactile sensation they transmit to the children. The children should be involved in the research, giving them the means to express opinion and disagreement, also through the formulation of questions.
To conclude, from the present research arises the following intent: to paraphrase the Madrid Declaration of 2002, "no tactile books for visually impaired children without the contribution of visually impaired children".
Such contribution can be achieved also through the questions, which represent a valuable form of active participation of the child to the reading of the TIB which, in its guise of mediator, facilitates the relational exchange with the adult.

Abstract (italiano)

Il presente lavoro di dottorato trova la sua motivazione in una carenza e in un intento.
La carenza (e, in certi Paesi, addirittura l’assenza) riguarda la disponibilità di TIB (Tactile Illustrated Books), cioè di libri tattilmente illustrati, pensati per bambini con deficit visivo in età prescolare. A tale carenza ha cercato di dare risposta il Gruppo internazionale di lavoro e di ricerca BiTiB (Baby infant Tactile illustrated Books), elaborando alcuni prototipi di libri. Uno di essi è stato affidato all’Università per essere valutato in alcuni aspetti, con l’obiettivo di ricevere dei feedback utili alla sua messa a punto, in vista di una pubblicazione in larga tiratura.
L’intento della presente ricerca è, quindi, quello di contribuire al miglioramento qualitativo di questo prodotto editoriale (che si vorrebbe uscisse dalla nicchia dell’editoria speciale per diventare un libro “per tutti”), elaborando, inoltre, delle indicazioni operativo-didattiche per la sua lettura congiunta tra bambino e adulto (educatore o genitore).
L’indicatore usato per la ricerca è rappresentato dalle domande formulate dai bambini con deficit visivo nel corso della lettura: pertanto, la presente ricerca esplora l’attività di lettura congiunta di un TIB tra adulto e bambino, intesa come contesto per l’esplicitazione di domande da parte del bambino stesso.
La Prima Parte contestualizza la ricerca all’interno di una cornice più ampia, composta da riferimenti provenienti dalla letteratura scientifica, dalla legislazione ma anche da riflessioni espresse da professionisti che, quotidianamente, operano con i bambini ciechi e ipovedenti.
Partendo da un’imprescindibile introduzione al deficit visivo, si è analizzato come la lettura e i libri concorrano all’alfabetizzazione emergente dei bambini ciechi ed ipovedenti, svolgendo un ruolo di mediatori cognitivi e affettivi. L’interessante tematica delle immagini mentali nei soggetti con deficit visivo introduce l’importanza della lettura di libri tattilmente illustrati, soprattutto se realizzata all’interno del formato transattivo della lettura congiunta tra adulto e bambino. Si giunge, quindi, al focus della ricerca, cioè la tematica (scarsamente indagata in letteratura) delle domande poste dai bambini, in generale, e dai bambini con deficit visivo, in particolare, nella consapevolezza che “non c’é introduzione migliore alla logica del bambino che lo studio delle sue domande spontanee (Piaget, 1958)”.
Nella seconda parte vengono riportati gli esiti della ricerca, che ha coinvolto 33 bambini ciechi ed ipovedenti di età compresa tra i 2 e i 6 anni, i loro educatori e genitori nella lettura di un TIB, presso le sedi della Fondazione Hollman di Padova e Cannero Riviera.
In primo luogo, sono state esplorate le differenze tra i sottogruppi determinati da alcune variabili del gruppo di riferimento (entità del deficit visivo, presenza o assenza del deficit aggiuntivo, sesso); tali differenze riguardano la percentuale di domande espresse e la loro distribuzione, nella successione delle riprese e nelle diverse categorie di contenuto (analisi per variabili).
In secondo luogo, è stata realizzata un’analisi del contenuto relativa ad alcuni degli elementi presenti nel TIB (illustrazioni tattili, personaggio, scrittura in nero e in Braille…), anche al fine di restituire al Gruppo BiTiB e alla Casa Editrice Les Doigts Qui Rêvent alcune riflessioni, utili per la messa a punto del libro, in vista di una sua pubblicazione.
I risultati dell’analisi per singole variabili evidenziano che i bambini appartenenti a sottogruppi più compromessi dai deficit (i ciechi rispetto agli ipovedenti, i bambini con deficit aggiuntivo rispetto a quelli senza deficit aggiuntivo) pongono percentuali di domande più alte dei bambini meno compromessi dai deficit (gli ipovedenti rispetto ai ciechi, i bambini senza deficit aggiuntivo rispetto a quelli con deficit aggiuntivo).
Emerge, inoltre, che la rilettura del libro dopo sei mesi di intervallo riaccende il comportamento di domanda nei bambini appartenenti ai sottogruppi più compromessi dai deficit (i ciechi rispetto agli ipovedenti, i bambini con deficit aggiuntivo rispetto a quelli senza deficit aggiuntivo), ma non in quelli appartenenti ai sottogruppi meno compromessi dai deficit (gli ipovedenti rispetto ai ciechi, i bambini senza deficit aggiuntivo rispetto a quelli con deficit aggiuntivo).
Infine, nell’analisi della distribuzione dei codici nelle categorie di contenuto, riscontriamo che i bambini più compromessi dal deficit visivo (ciechi) formulano percentuali di domande più alte dei bambini meno compromessi (ipovedenti), principalmente nelle categorie dell’Informazione e della Relazione.
Considerando, invece, il deficit aggiuntivo, i bambini con deficit aggiuntivo formulano percentuali di domande più alte dei bambini senza deficit aggiuntivo, principalmente nelle categorie della Relazione e dell’Informazione.
Un ulteriore approfondimento, ottenuto tramite l’incrocio delle due variabili “deficit visivo” e “deficit aggiuntivo”, ha evidenziato che la percentuale complessiva delle domande è risultata massima per i bambini ciechi senza deficit aggiuntivo, per poi diminuire nel sottogruppo dei bambini ipovedenti con deficit aggiuntivo, dei bambini ciechi con deficit aggiuntivo e, infine, dei bambini ipovedenti senza deficit aggiuntivo.
L’analisi della distribuzione delle domande dei quattro sottogruppi, nelle quattro riprese, ci ha fatto ipotizzare che, in assenza di deficit aggiuntivo, il diverso livello di gravità del deficit visivo influisca sul numero di domande poste, ma non molto sulla loro distribuzione nelle quattro riprese; mentre, in presenza di deficit aggiuntivo, il diverso livello di deficit visivo influisca non tanto sul numero delle domande poste, quanto sulla loro distribuzione nelle quattro riprese.
Dall’analisi per contenuti, sono emerse numerose indicazioni per la messa a punto del libro, destinate al Gruppo BiTiB e alla Casa Editrice Les Doigts Qui Rêvent: la principale è quella di ricercare sempre il massimo livello di corrispondenza tra gli aggettivi usati nel testo per definire i materiali di cui sono composte le immagini (“ruvido”, “freddo”, “che punge”) e la reale sensazione tattile da essi trasmessa ai bambini. Essi vanno coinvolti in prima persona in questa ricerca, dando loro modo di esprimere opinioni ed eventuali perplessità, anche tramite la formulazione di domande.
In conclusione, dalla presente ricerca emerge il seguente intento: parafrasando la dichiarazione di Madrid 2002 , “niente libri tattili per i bambini con deficit visivo senza l’apporto dei bambini con deficit visivo”.
Tale apporto può essere fornito anche tramite le domande, che rappresentano una preziosa modalità di partecipazione attiva del bambino alla lettura del TIB il quale, nella sua veste di mediatore, favorisce lo scambio relazionale con l’adulto.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Caldin, Roberta
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 23 > Scuole per il 23simo ciclo > SCIENZE PEDAGOGICHE, DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE
Data di deposito della tesi:24 Ottobre 2013
Anno di Pubblicazione:24 Ottobre 2013
Parole chiave (italiano / inglese):bambini/children disabilità  visiva/ visual impairment lettura/reading libri tattili/Tactile illustrated Books domande/questions
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-PED/03 Didattica e pedagogia speciale
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata
Codice ID:6204
Depositato il:24 Apr 2015 17:28
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

AA.VV. (2007). ICF - Classificazione Internazionale del funzionamento, della Disabilità e della Salute. Versione per bambini ed adolescenti. Trento: Erickson. Cerca con Google

Abba, G. (2009). Lire ensemble: quand commenςons-nous? Voici une bonne manière de débuter. In Groupe Typlo&Tactus, Guide Typhlo & Tactus de l'album tactile illustré (p. 23-30). Talant (France): Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Abba, G. (2011, gennaio). Il cammino verso l'integrazione. Cenni storici sull'opera educativa dell'Istituto dei Ciechi di Milano - Abba.doc. Tratto da www.bibciechi.it: http://www.bibciechi.it/pubblicazioni/tiflologia/201101/Abba.doc Vai! Cerca con Google

Amundson, R. (2000). Against normal function. Studies in History and Philosophy of Biological and Biomedical Sciences, 33-53. Cerca con Google

Anfuso, L. (2010, anno 9, n°2). Libri tattili illustrati...con tatto. Conflitti - Rivista italiana di ricerca e formazione psicopedagogica, 46-49. Cerca con Google

Antoniotti, C., & Albanese, O. (1992). Analisi dello stile interattivo adulto sul processo di comprensione del bambino. Ricerche di psicologia, 3, 77-94. Cerca con Google

Arrigoni, G. (a.a. 2010/2011). La complessità del mondo degli ipovedenti: una ricerca esplorativa - Tesi di Laurea. Università degli Studi di Padova. Cerca con Google

Ayren, A. J. (1979). Sensory integration and the child. Los Angeles: Western Psychological Service. Cerca con Google

Balikov, H., & Feinstein, C. (1979). The blind child. In J. Call, & R. Cohen, Basic Handbook of Child Psychiatry. New York: Basic Books. Cerca con Google

Banchetti, S. (2003, Gennaio-marzo). Valori e limiti dell'educazione sensoriale. Tiflologia per l'integrazione, 3-10. Cerca con Google

Barachetti, C. (2007-2008). La lettura congiunta con bambini con ritardo/disturbo specifico del linguaggio: un'analisi dell'input linguistico materno e della responsività infantile. Tesi di Dottorato. Università degli Studi di Verona: Corso di Dottorato in Scienze dell'Educazione e della Formazione Continua. Cerca con Google

Barachetti, C., & Lavelli, M. (2007, giugno). Leggere con i bambini piccoli: sviluppi e recenti direzioni della ricerca sull'interazione durante la lettura congiunta. Giornale Italiano di Psicologia, 277-302. Cerca con Google

Barbieri, M., Devescovi, A., & Bonardi, P. (1983). L'interazione verbale tra bambino ed educatrice durante il racconto di una storia. In S. Mantovani, & T. Musatti, Adulti e bambini: educare e comunicare (p. 134-145). Bergamo: Juvenilia. Cerca con Google

Barsalou, L., Pezzulo, G., Cangelosi, A., Fischer, M. A., McRae, K., & Spivey, M. (2011). The mechanism of embodiement. A dialogue on embodiement and computational modeling. Frontiers in cognition 2 (5), 1-21. Cerca con Google

Bascetta, C. (1982). Il comportamento pedagogico dell'adulto e lo strutturarsi del linguaggio nell'interazione sociale. Studi di Psicologia dell'Educazione, vol.2. Cerca con Google

Bates, E., Camaioni, C., & Volterra, V. (1986). The acquisition of performatives prior to speech. Merryl Palmer Quarterly, 21 (3), 205-226. Cerca con Google

Biggeri, M., Trani, J., & Bakhshi, P. (2009). Le teorie della disabilità: una reinterpretazione attraverso l'approccio delle capability di Amartya Sen. Working Paper n. 04/2009. Dipartimento di Scienze Economiche, Università degli Studi di Firenze. Cerca con Google

Biggeri, N., & Bellanca, M. (2011). L'approccio delle capability applicato alla disabilità. Dalla teoria dello Sviluppo Umano alla pratica. Città di Castello (PG): LitografEditor. Cerca con Google

Biggs S. J., S. M. (2002). Haptic Interfaces. London: Lawrence Earlbaum. Cerca con Google

Bonanomi, P. (2004). Costruire il piacere di leggere: il primato delle illustrazioni tattili nei primi libri. In A. Quatraro, Immagini da toccare. Proposte metodologiche per la realizzazione e fruizione di illustrazioni tattili (p. 57-74). Monza (MI): Biblioteca Italiana per i Ciechi. Cerca con Google

Boschi, M., Faillace, L., & Dal Pozzo, S. (2000). Le principali cause di ipovisione nell'infanzia: eziologia, sintomatologia e diagnosi. In S. Abati, G. Giacomelli, & R. Volpe, Argomenti di Ipovisione (p. 37-49). Canelli (AT): Fabiano. Cerca con Google

Boscolo, P. (1997). Psicologia dell'apprendimento scolastico. Aspetti cognitivo e motivazionali. Torino: Utet. Cerca con Google

Braga, B., & Tosi, P. (1995). L'osservazione. In S. Mantovani, La ricerca sul campo in educazione. I metodi qualitativi (p. 83-162). Milano: Bruno Mondadori. Cerca con Google

Brambring, M. (2004). Lo sviluppo dei bambini non vedenti. Osservazione e intervento precoce. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Brambring, M., & Lanners, J. (2004). Lo sviluppo nei bambini non vedenti. Osservazione e intervento precoce. Milano: FrancoAngeli. Cerca con Google

Brown, R. (1980). The Maintenance of Conversation. In D. Olson, The Social Foundation of Language and Thought. New York: Norton. Cerca con Google

Bruner, J. (1975). The Ontogenesis of Speech Acts. Journal of Child Language, 2, 1-19. Cerca con Google

Bruner, J. (1987). Il linguaggio del bambino. Come il bambino impara a usare il linguaggio. Roma: Armando Armando. Cerca con Google

Bruner, J., & Sherwood, V. (1983). Thought, language and interation in infancy. In J. Call, E. Galenson, & R. Tyson, Frontiers of infant psychiatry (p. 38-45). New York: Basic Books. Cerca con Google

Burlingham, D. (1961). Some notes on the development of the blind. Psychoanalytic Study of the Child n° 16, 121-145. Cerca con Google

Bus, A., van Ijzendoorn, M., & Pellegrini, A. (1995). Joint book reading makes for success in learning to read. A meta-analysis on intergenerational transmission of literacy. Review of Educational Research, 65, 1-21. Cerca con Google

Butterworth, G., & Jarret, N. (1991). What minds have in common is space: spacial mechanism serving joint visual attention in infancy. British Journal of Developmental Psychology, 9, 55-72. Cerca con Google

Caldin, R. (2006). Con occhi nuovi. Disabilità visiva tra rischi e inceretezze. In R. Caldin, Percorsi educativi nella disabilità visiva. Identità, famiglia e integrazione scolastica e sociale (p. 17-43). Trento: Erickson. Cerca con Google

Caldin, R. (2007). Lo sguardo atteso. Genitori, figli con deficit visivo e intervento formativo. In A. Canevaro, L'integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Trent'anni di inclusione nella scuola italiana (p. 103-119). Trento: Erickson. Cerca con Google

Caldin, R. (2009, febbraio). Alla ricerca di mediatori. L'integrazione scolastica e sociale , 50-52. Cerca con Google

Caldin, R., Lanners, J., & Polato, E. (2009). Progetto "Per immaginare la mente ha bisogno di immagini". L'integrazione scolastica e sociale, febbraio, 40-57. Cerca con Google

Camaioni, L. (2001). Lo sviluppo del lessico. In L. Camaioni, Psicologia dello sviluppo del linguaggio (p. 85-106). Bologna: Il Mulino. Cerca con Google

Canevaro, A. (2008). Pietre che affiorano. I mediatori efficaci in educazione con la logica del "domino". Trento: Erickson. Cerca con Google

Canevaro, A. (2009). Il valore dei libri in rapporto alla disabilità. In I. Italia, La differenza non è una sottrazione. Libri per ragazzi e disabilità (p. 8-19). Roma: Lapis. Cerca con Google

Canevaro, A., & Ianes, D. (2005). Per un'integrazione di qualità. Quale Qualità dell'integrazione scolastica: dimensioni e indicatori. Tratto da CRHS - Centro risorse per l'integrazione dell'handicap e dello svantaggio - Faenza: http://cdhs.racine.ra.it/formazione/archivio/as_04-05/convegno_05/canevaro-janes.pdf Vai! Cerca con Google

Cannao, M. (1989). Funzione visiva e sviluppo. In M. Cannao, Ipovisione. I problemi dell'età evolutiva (p. 9-24). Como: La Nostra Famiglia. Cerca con Google

Cannao, M. (1999). La mente con gli occhiali. Sviluppo, patologia e riabilitazione della funzione visiva nel bambino. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Cannao, M. (2009). Principi della riabilitazione visiva in età infantile. In C. Martinoli, & E. Delpino, Manuale di riabilitazione visiva per ciechi ed ipovedenti (p. 157-168). Milano: FrancoAngeli. Cerca con Google

Caselli, M., & Casadio, P. (1995). Il primo vocabolario del bambino. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Castellano, C. (2000). Because books matter: Reading braille books with young children. Boston, M.A.: National Braille Press. Cerca con Google

Celani, B. (2003). La relazione madre - bambino non vedente. Tiflologia per l'integrazione n°4. Cerca con Google

Ceppi, E. (1960, 4 -3). Educabilità dell'immaginazione. Luce co luce - Rivista trimestrale della Scuola di Metodo "Augusto Romagnoli" per gli educatori dei ciechi, 40-44. Cerca con Google

Cisotto, L. (2000). Apprendimenti dello scrivere, metacognitivi e motivazionali. In R. De Beni, & L. Cisotto, Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione (p. 109-249). Trento: Erickson. Cerca con Google

Cisotto, L. (2002). Fattori cognitivi, sociali e culturali dell'apprendimento linguistico. Tratto da www.puntoeduri.indire.it.: Tratto da http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/offerta_cs/copertina_mat.php?att_id=1292&menu_2=307&menu_3=409. Vai! Cerca con Google

Cisotto, L. (2002). Il pensiero nei territori del testo. Percorsi modulari di lingua italiana. Cleup: Padova. Cerca con Google

Cisotto, L. (2006). Didattica del testo. Processi e competenze. Roma: Carocci. Cerca con Google

Cisotto, L., & Gruppo RDL. (2009). Prime competenze di letto-scrittura. Proposte per il curricolo di scuola dell'infanzia e primaria. Trento: Erickson. Cerca con Google

Cisotto, L., Polato, E., Farnea, B., & Vergani, V. (2011). Il Portfolio per la prima alfabetizzazione. Valutare le competenze emergenti nel passaggio tra scuola dell'infanzia e primaria. Trento: Erickson. Cerca con Google

Claudet, P. (2009). Les Doigts Qui Rêvent. In S. Sola, & M. Terrusi, La differenza non è una sottrazione. Libri per ragazzi e disabilità (p. 27-31). Roma: Lapis. Cerca con Google

Claudet, P. (2009, Septembre-Octobre). Vous avez dit albums tactiles?...non haptiques! Liaisons, n°17, p. 32-40. Cerca con Google

Claudet, P. (2011, Marzo). Quando i libri si leggono anche con le dita. Intervista a Philippe Claudet. Tratto da Di-To (Disabilità Torino): http://dito.areato.org/interviste-e-dintorni/quando-i-libri-si-leggono-anche-con-le-dita-intervista-a-philippe-claudet/ Vai! Cerca con Google

Claudet, P. (s.d.). Lire bout des doigts. Tratto da http://www.ricochet-jeunes.org: http://www.ricochet-jeunes.org/magazine-propos/article/170-claudet-lire-bout-des-doigts Vai! Cerca con Google

Claudet, P. (s.d.). Produzione in serie di Libri Tattili Iillustrati. Tratto da www.libritattili.prociechi.it/lt/: http://www.libritattili.prociechi.it/lt/index.php?module=documents&JAS_DocumentManager_op=downloadFile&JAS_File_id=35 Vai! Cerca con Google

Clay, M. (1991). Becoming Literate: The construction of inner control. Portsmouth, N. H.: Heinneman Educational Book. Cerca con Google

Comtois, L. (1997). Effets d'un programme de communication écrite sur la conscience de l'écrit de jeunes ajant une déficience visuelle. Saggio inedito. Sherbrooke, Québec, Canada: Università di Sherbrooke. Cerca con Google

Comtois, L., & Thibodeau, J. (in via di pubblicazione). Trousses d’intervention. Quebec, Canada: Institut Nazareth et Louis Braille. Cerca con Google

Corcio, M. (2011, Settembre-Ottobre). I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni . Tratto da www.quadernidellasalute.it: http://www.quadernidellasalute.it/archivio-quaderni/11-settembre-ottobre-2011.php Vai! Cerca con Google

Craig, C. (1996). Family support of the emergent literacy of children with visual impairments. Journal of Visual Impairment and Blindness, 90, 194-200. Cerca con Google

Crespo, S. (1990). Storybook for blind infant and children. Journal of Visual Impairment and Blindness, 84, 39-40. Cerca con Google

Cristensen Sköld, B., & Norberg, A. (2007, ottobre). Tactile picture books for blind and visually impaired children - Guidelines. Tratto da www.tactilebooks.org: http://www.tactilebooks.org/making/tactile_picture_books_20080109.pdf Vai! Cerca con Google

Cruciani, F. (2005 n. 3). A proposito della legge 138/01: "Classificazione e quantificazione delle minorazioni visive e norme in materia di accertamenti oculistici". A che punto siamo? Oftalmologia sociale, 4-9. Cerca con Google

Cruciani, F., & Di Pillo, S. (2011). Cecità ed ipovisione in Italia. Oftalmologia Sociale N.4, 28-50. Cerca con Google

D'Alonzo, G. (1992). L'apparato visivo: aspetti anatomo-fisiologici e patologici. In D. Galati, Vedere con la mente. Conoscenza, affettività, adattamento nei non vedenti (p. 383-410). Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Darras, B., & Batezat-Duarte, M. L. (2007). Regards aveugles, mains voyantes. Reliance, vol 25, n°3, 13-18. Cerca con Google

Dell'Osbel, G. (1992). La condizione dei non vedenti: aspetti medico-epidemiologici e socio-assitenziali. In D. Galati, Vedere con la mente. Conoscenza, affettività, adattamento dei non vedenti. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Delpino, E. (2004). Condizioni di vita e di sviluppo dei soggetti ipovedenti. Tiflologia per l'integrazione, 4, 11-23. Cerca con Google

Denis, M. (1979). Les images mentales. Paris: PUF. Cerca con Google

Dixon-Krauss, L. (2000). Vygotskji nella classe. Trento: Erickson. Cerca con Google

Dolcino Bolis, S. (2002). Al di là della conferma visiva. Roma: Armando. Cerca con Google

Donaldson, M. (2010). Come ragionano i bambini. Milano: Springler-Verlag. Cerca con Google

Dufier, J. (1996). Les cécités et déficiences visuelles a la naissance et dans l'enfance. Réadaptation, n° 428, 15-17. Cerca con Google

Edman, P. (1992). Tactile Graphics. New York: American Foundation for the Blind. Cerca con Google

Ellis, A. W., & Wells, G. (1980). Enablings factors in adult-child discourse. First Language,1, 46-62. Cerca con Google

Erickson, K. A., & Hatton, D. (2007). Expanding understanding of emergent literacy: Empirical support for a new framework. Journal of Visual Impairment and Blindness, 101 (5), 261-277. Cerca con Google

Erickson, K. D., Hatton, D., Roy, V., Fox, D. L., & Renne, D. (2007, February). Literacy in Early Intervention for Children with Visual Impairments: Insight from Individual Cases. Journal of Visual Impairment and Blindness, 101 (2) 80-98. Cerca con Google

Eriksson, Y. (1999). Livres d'images pour enfants déficients visuels. Premières assises européennes du livre tactile - First european assembly of the tactile book (p. 89-96). Dijon: Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Eriksson, Y. (2008). Images Tactiles: Représentations picturales pour les aveugles 1784-1940. Talant (France): Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Erin, J. (1986). Frequencies and Types of Questions in the Language of Visually Impaired Children. Journal of Visual Impairment & Blindness,, 670-674. Cerca con Google

Evangelista, M. (2010). Esperienze tattili nella scuola e nell'editoria. Contributo in occasione della manifestazione "Libri che prendono forma"- Roma, MiBAC- FNIPC. Tratto da www.libritattili.prociechi.it: http://www.libritattili.prociechi.it/lt/index.php?module=pagemaster&PAGE_user_op=view_printable&PAGE_id=117&lay_quiet=1 Vai! Cerca con Google

Ezell, H. K., & Justice, L. M. (1998). A pilot investigation of parent questions about print and pictures to preschoolers with language delay. Child Language Teaching and Therapy, 14, 273-278. Cerca con Google

Fasulo, A., & Pontecorvo, C. (1999). Come si dice? Roma: Carocci. Cerca con Google

Fazio, F. (2011, Settembre-Ottobre). Prefazione al volume su "Appropriatezza della prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia". Quaderni del Ministero della Salute, p. IX-XI. Cerca con Google

Ferreiro, E. (2003). Alfabetizzazione. Teoria e pratica. Milano: Raffaello Cortina. Cerca con Google

Ferreiro, E., & Teberosky, A. (1985). La costruzione della lingua scritta nei bambini. Firenze: Giunti-Barbèra. Cerca con Google

Fiocco, A. (2006). Cecità ed ipovisione: differenze ed affinità. In R. Caldin, Percorsi educativi nella disabilità visiva. Identità, famiglia e integrazione scolastica e sociale (p. 45-65). Trento: Erickson. Cerca con Google

Friso, V. (2012). Pensare positivo. In R. Caldin, Inclusione (p. 77-88). Bologna: Unipress. Cerca con Google

Galati, D. (1992). Vedere con la mente. Conoscenza, affettività, adattamento nei non vedenti. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Galiano, A., & Portalier, S. (2009). Les fonctions du langage chez la personne aveugle. Méta-analyse de la relation entre connaissance et langage. L'année Psycologique, 109, 123-153. Cerca con Google

Gargiulo, M. (16 ottobre 2010). Psicologia e disabilità della vista: lo stato dell'arte. Convegno "Psicologia e disabilità visiva. Una risorsa per le persone ipovedenti e non vedenti". Firenze. Cerca con Google

Gargiulo, M. (2005). Il bambino con deficit visivo. Comprenderlo per aiutarlo. Guida per genitori, educatori, riabilitatori. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Gargiulo, M. L., & Dadone, V. (2009). Crescere toccando. Aiutare il bambino con deficit visivo attraverso il gioco sonoro. Uno strumento per educatori e terapisti. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Ghedin, E. (2009). Ben-essere disabili. Un approccio positivo all'inclusione. Napoli: Liguori. Cerca con Google

Gibson, J. J. (1966). The Senses Considered as Perceptual System. Boston: Houghton Mifflin Company. Cerca con Google

Gibson, L. (1989). Literacy development in the early years: Through children's eyes. New York: Teachers College Press. Cerca con Google

Gold, G., & Gibson, A. (2001). Reading aloud to build comprehension using a thinkaloud. The Tutor, Spring, 1-11. Cerca con Google

Goodman, Y. (1986). Children Coming to Know Literacy. In W. H. Teale, & E. Sulzby, Emergent Literacy: Writing and Reading (p. 1-14). Ablex: Norwood (NJ). Cerca con Google

Goodman, Y. (1991). Discorsi sul linguaggio e acquisizione della lingua scritta. In M. Orsolini, & C. Pontecorvo, La costruzione del testo scritto nei bambini (p. 433-449). Firenze: La nuova Italia. Cerca con Google

Gringhuis, D., Moonen, J., & van Wouldenberg, P. (2002). Children with partial sight. Development, parenting, education and support. Doorn: Bartiméus. Cerca con Google

Hall, A., & Rodanbaugh, B. (1979). Development of a pre-reading concept program for visually handicapped children. Journal of Visual Impairment and Blindness, 73 (7), 257-263. Cerca con Google

Harris, M., & Coltheart, M. (1991). L'elaborazione del linguaggio nei bambini e negli adulti. Bologna: Il Mulino. Cerca con Google

Harrison, F., & Crow, M. (1993). Living and Learning with Blind Children. A Guide for Parents and Teachers of Visually Inpaired Children. Toronto: University of Toronto Press Incorporated. Cerca con Google

Hatwell, Y. (1992). Elaborazione dei dati spaziali e sviluppo cognitivo nei non vedenti. In D. Galati, Vedere con la mente (p. 87-112). Milano: FrancoAngeli. Cerca con Google

Hatwell, Y. (1996). Toucher l'espace, la main et la perception tactile de l'espace. Lille: Presse Universitaire. Cerca con Google

Hatwell, Y. (2000). Il bambino con disabilità visiva ed altra minorazione. In M. C. Holbroock, Il bambino con disabilità visiva. Guida per i genitori (p. 393-435). Monza: Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita". Cerca con Google

Hatwell, Y. (2003). Le toucher et les relations visuo-tactiles chez l'enfant et l'adulte. Voir Barré, 150-159. Cerca con Google

Hatwell, Y. (2010). Psicologia cognitiva della cecità precoce. Monza: Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita". Cerca con Google

Holbrook, M. (2000). Il bambino con disabilità visiva. Guida per i genitori. Monza: Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita" ONLUS. Cerca con Google

Hollins, M. (1989). Understanding blindness. New York: Laurence Erlbaum. Cerca con Google

Howe, C. (1980). Mother-child conversation and semantic development. In H. Giles, W. P. Robinson, & P. M. Smith, Language: Social Psychological Perspectives. Oxford: Pergmonton. Cerca con Google

IAPB. (2010). IAPB Report - State of the World Sight 2010. Tratto da www.iapb.org: http://www.iapb.org/resource/iapb-report-state-world-sight-2010 Vai! Cerca con Google

IAPB Italia. (2010, Dicembre). Opuscolo informativo sull'ipovisione. Tratto da www.iapb.it: http://www.iapb.it/polonazionale/descbreve.php?ozim=78 Vai! Cerca con Google

INPS. (s.d.). Provvidenze economiche a favore dei minorati civili - I ciechi civili. Tratto da www.inps.it: http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=6137 Vai! Cerca con Google

ISTAT. (2002, 03 13). Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari - Anni 1999-2000. Tratto da www.istat.it: http://www3.istat.it/dati/catalogo/20020313_01/ Vai! Cerca con Google

ISTAT. (2007, marzo 2). Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai Servizi Sanitari Nazionali - Periodo di riferimento Anno 2005. Tratto da www.istat.it: http://www3.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20070302_00/ Vai! Cerca con Google

ISTAT. (2010, maggio 13). La disabilità in Italia. Il quadro della statistica ufficiale. Tratto da www3.istat.it: www3.istat.it/dati/catalogo/...00/arg_09_37_la_disabilita_in_Italia.pdf‎ Vai! Cerca con Google

ISTAT. (s.d.). L'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e non statali. aa.ss 2008/2008 e 2009/2010. Tratto da www.istat.it: http://www.istat.it/it/files/2011/01/nota_informativa2.pdf?title=L'integrazionehttp://www.istat.it/it/archivio/50280 Vai! Cerca con Google

ISTAT, MIUR, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. (2011, 19 gennaio). L'integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, statali e non statali - Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010. Tratto da ISTAT: http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20110119_00/testointegrale20110119.pdf. Vai! Cerca con Google

Jalbert, Y., & Champagne, P. O. (2005). Le développement de la conscience de l'écrit chez l'enfant aveugle âgé de 0 à 5 ans. Recension des écrits. Longueil (Québec): Institut Nazareth & Louis Braille. Cerca con Google

Jalongo, M. (1988). Young Children and Picture Book. Washington D.C.: National Association For the Education of Young Children. Cerca con Google

Justice, L., & Kaderavek, J. (2002). Using Shared Storybook Reading to Promote Emergent Literacy. Teaching Exceptional Children, 8-13. Cerca con Google

Kennedy, J. (2000). Recognizing outline pictures via touch: alignment theory. In M. Heller, Touch, representation and blindness (p. 67-98). Oxford: Oxford University Press. Cerca con Google

Kennedy, J., & Bai, J. (2002). Haptic pictures: fit judgments predict identification, recognition memory and confidence. Perception, 31, 1013-1026. Cerca con Google

Kirp, D. (1982). Professionalism as policy choice: British special education in comparative perspective. World Politics, 34, 137-174. Cerca con Google

Koenig, A. (1992). A framework for understanding the literacy of individuals with visual impairments. Journal of Visual Impairment and Blindness, 227-284. Cerca con Google

Koenig, A. J. (2000 a). Farsi una cultura. In M. C. Holbrook, Il bambino con disabilità visiva. Guida per i genitori (p. 309-351). Monza: Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita" ONLUS. Cerca con Google

Koenig, A. J., & Farrenkopf, C. (1997). Essential experiences to undergird the early development of literacy. Yournal of Visual Impairment and Blindness, 14-24. Cerca con Google

Koenig, A., & Holbrook, C. (2000). Literacy skills. In A. J. Koenig, & C. Holbrook, Foundation of education, Vol. 2: Instructional strategies for teaching children and youths with visual impairments (p. 239-264). New York: AFB Press. Cerca con Google

Koenig, A., & Holbrook, C. (2002). Literacy focus. Developing skills and motivation for reading and writing. In R. L. Podgrund, & D. L. Fazzi, Early focus, working with young children who are blind or visually impaired and their falilies (p. 154-187). New York: AFB Press. Cerca con Google

Kosslyn, S. (1994). Image and Brain. The resolution of the imagery debate. Cambridge: MIT Press. Cerca con Google

Kosslyn, S. M. (1990). Mental Imaginery. In D. N. Osherson, S. M. Kosslyn, & J. M. Hollerbach, Visual cognition and action: An invitation to cognitive science, vol. 2 (p. 73-97). Cambridge, Massachusetts: The MIT Press. Cerca con Google

Kraemer, C. (2009). Approche de la lecture a fleur dl peau ou la prélecture Braille. Talant: Les Doigts qui Rêvent. Cerca con Google

La Femina, F. (2008-2009). L'intervento di supporto all'interazione genitore-bambino nelle condizioni di sviluppo atipico. Tesi di Dottorato. Università degli Studi di Trento: Dottorato in Scienze della Cognizione e della Formazione. Cerca con Google

Laakso, M., Poikkeus, A., & Lyytinen, P. (1999). Shared reading interaction in families with and without genetic risk of dyslexia: Implication for toddlers language development. Infant and Child Development, 8, 179-195. Cerca con Google

Lanners, J., & Block, A. (2009). Les premiers livres tactiles. In Gruppo Typhlo & Tactus, Guide Typhlo & Tactus de l'album tactile illustré (p. 31-46). Talant (France): Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Lederman, S., & Klatzky, R. (1987). Hand movements: A window into haptic object recognition. Cognitive Psychology, 19, 342-368. Cerca con Google

Leont'ev, A. (1981). The problem of activity in psychology. In J. V. Wertsch, The concept of activity in Soviet psychology. New York: Armonk. Cerca con Google

Levorato, M. (2000). Le emozioni della lettura. Bologna: Il Mulino. Cerca con Google

Lewi-Dumont, N. (1992). Les livres tactiles en France. Actes des Premières assises européennes du livre tactile (p. 64-68). Dijon: Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Lewis, S., & Tolla, J. (2003, vol. 35, n°3). Creating and Using Tactile Experience Books for Young Children With Visual Impairment. Teaching Exceptional Children, 22-28. Cerca con Google

Light, J., & Smith, A. (1993). Home literacy experiences of preschoolers who use AAC systems and of their nondisables peers. Augmentative and Alternative Communication , 9, 10-25. Cerca con Google

Lloyd, P. (1975). Communication in pre-school children. Edinbourgh University, unpublished doctoral dissertation. Cerca con Google

Loomis, J., & Lederman, S. (1986). Tactual Perception. In K. Boff, J. Kaufman, & J. Thomas, Handbook of Perception and Human Performance (p. cap. 31). New York: John Wiley. Cerca con Google

Margach, C. (1968). Spatial Perceptiopn in Low Visioned Persons. Toronto: AEVH. Cerca con Google

Martinoli, C., & Delpino, E. (2008). Manuale di riabilitazione visiva per ciechi ed ipovedenti. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Mazzeo, M. (2003). Tatto e linguaggio. Il corpo delle parole. Roma: Editori Riuniti. Cerca con Google

McLellan, J. (1999). Storybook interactions of African-American mothers and their children: A longitudinal study (Doctoral dissertation, University of North Carolina, Chapel Hill, 1998). Dissertation Abstract International Section A: Humanities and Social Sciences, 59 (8), 2908. Cerca con Google

Meduri, R. (1997). Immagini "visive" nel non vedente. Vedere oltre - Periodico di informazione dell'Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza, n°1, giugno, 8-11. Cerca con Google

Mellet, E. (2000). Actes des Premières Rencontres Inter-IUFM, 23, 24 & 25 mars. Bases neuralesde l'imaginerie mentale: apports de la neuroimaginerie. Caen: IUFM. Cerca con Google

Meuwes, S. (1999). Livres tactiles. Premières assises européennes du livre tactile - First european assembly of the tactile book (p. 69-74). Dijon (France): Les Doigts Qui Rêvent. Cerca con Google

Millar, S. (1991). A reverse lag in the recognition and productionof tactual drawings: theoretical implications for haptic coding. In M. Heller, & W. Schiff, The Psychology of touch (p. 301-325). Hillsdale, New Jersey: Erlbaum. Cerca con Google

Miller, D. D. (1985). Reading comes naturally: A mother and her blind child's experiences. Journal of Visual Impairment and Blindness, 79 (1), 1-4. Cerca con Google

Minchiotti, S. (2010 a). L'importanza della prevenzione visiva nei bambini. La prospettiva dell'OMS. Tratto da www.iapb.it: www.iapb.it/fileutente/file/OMS2010-cecita_e_ipovisione_mondo-bambini_e_adulti.pdf. Vai! Cerca con Google

Minchiotti, S. (2010 b). Meno ciechi e ipovedenti nel mondo. Oftalmologia sociale, ottobre/dicembre 6-11. Cerca con Google

MIUR. (s.d.). Sedi, alunni,classi, dotazioni organiche del personle della scuola statale - Situazione di Organico di Diritto - Anno scolaatico 2008-2009. Tratto da http://hubmiur.pubblica.istruzione.it: http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/org_diritto Vai! Cerca con Google

Molinari, R. (1989). La conversazione madre-bambino durante il racconto di una storia illustrata. In F. Emiliani, L. Molinari, & M. Gelati, Il bambino nella mente e nelle parole delle madri. Gli indicatori soggettivi della qualità della vita infantile (p. 89-101). Firenze: La Nuova Italia. Cerca con Google

Montechiani, M., & Polini, S. (2011, febbraio). Il Metodo Montessori e la disabilità visiva nella scuola dell'Infanzia. Tratto da www.bibciechi.it: http://www.bibciechi.it/pubblicazioni/tiflologia/201102/Monticchiani.doc Vai! Cerca con Google

Morris, J. (2001). That kind of life? Social exclusion and joung disabled people with high levels of support needs. London: Scope. Cerca con Google

Morrow, M., & Rand, M. (1991). Promoting literacy during play by designing early childhood classroom environments. The Reading Teacher, 44, 396-402. Cerca con Google

Mundy, P., & Gomez, A. (1998). Individual differences in joint attenction skill development in the second year. Infant Behavior and Development, 469-482. Cerca con Google

Murdoch University. (s.d.). Boxplots. Tratto il giorno 10 11, 2013 da Murdoch University-School of Chemical and Mathematical Sciences: http://www.cms.murdoch.edu.au/areas/maths/statsnotes/samplestats/boxplot.html Vai! Cerca con Google

Muzzatti, B. (2004). Aspetti psicologici della cecità acquisita: contributi teorici e speriemntali. Roma: I.RI.FO.R. Onlus. Cerca con Google

Neisser, U. (1976). Cognition and reality. San Francisco: Freeman. Cerca con Google

Neuman, S. (1996). Children angaging in storybook reading: The influence of access to print resources, opportunity, and parental interaction. Early Childhood Research Quarterly, 11, 495-514. Cerca con Google

Neuman, S., & Roskos, K. (1993). Language and literacy learning in early years: An integrated approach. Fort Worth, TH: Hancourt Brace Jovanovich. Cerca con Google

Ninio, A. (1983). Joint book reading as multiple vocabulary acquisition device. Developmental Psychology, 19, 445-451. Cerca con Google

Ninio, A., & Bruner, J. (1978). The achievement and antecedents of labelling. Journal of Child Language, 5, 1-15. Cerca con Google

Ogden, C., & Richards, I. (1966). Il significato del significato. Studio sull'influsso del linguaggio sul pensiero e della scienza del simbolismo. Milano: Il Saggiatore. Cerca con Google

Ogden, S. (1997). Che cos'è l'integrazione sensoriale. Come le sensazioni diventano percezioni attraverso l'inconscio "lavoro" dei primi anni di vita. Il Quaderno Montessori, 6-19. Cerca con Google

Olivier, M. (1996). Understanding disability: From theory to practice. Basingstoke Hampshire, UK: Palgrave Macmillian. Cerca con Google

Olson, M. (1981). Guidelines and games for teaching efficent braille reading. New York: America Foundation for the Blind. Cerca con Google

Paivio, A. (1971). Imagery and verbal processes. New York: Holt, Rinehart & Winston. Cerca con Google

Pasquinelli, E. (2002). Introduzione alla percezione aptica - Seminario tenuto presso il Dipartimento di Filosofia dell'Università di Pisa. Cerca con Google

Pasquinelli, E. (2004). Presentazione tesi di dottorato: "Le illusioni della percezione aptica.Aspetti epidemiologici ed applicazioni. Tratto da elenapasquinelli.free.fr/links/Pasquinelli_2004a_Pisa.ppt Cerca con Google

Pellegrini, A., & Galda, L. (2003). Joint readind as a context: Explicating the ways context is created by partecipants. In A. Van Kleeck, S. Stahl, & B. Bauer, On reading books to children (p. 321-335). Mahwah, N,J.: Erlbaum. Cerca con Google

Pérez-Pereira, M., & Conti-Ramsden, G. (2002). Sviluppo del linguaggio e dell'interazione sociale nei bambini ciechi. Azzano San Paolo (BG): Junior. Cerca con Google

Perticari, P. (1993). Della conversazione. La costruzione della conoscenza e il rapporto con l'altro. Rimini: Guaraldi. Cerca con Google

Pfeiffer, D. (2001). The conceptualisation of disabiliy. In B. Altman, & S. Barnartt, Exploring theories and expanding methodologies: Vol.2 Research in social sciences and disability (p. 29-52). Oxford, UK: Elsevier. Cerca con Google

Piaget, J. (1958). Giudizio e ragionamento nel bambino. Firenze: La Nuova Italia. Cerca con Google

Pinelli, M., & Bonfiglioli, C. (2010). Disabilità visiva. Trento: Erickson. Cerca con Google

Pinto, G. (2003). Il suono, il segno, il significato. Psicologia dei processi di alfabetizzazione. Roma: Carocci. Cerca con Google

Polato, E. (2010). Per immaginare la mente ha bisogno di immagini. L'importanza dei libri illustrati tattilmente come mediatori per l'alfabetozzazione emergente e la relazione nei bambini in età prescolare. Tratto da www.sed.beniculturali.it: http://www.sed.beniculturali.it/index.php?it/185/per-immaginare-la-mente-ha-bisogno-di-immagini-limportanza-dei-libri-illustrati-tattilmente-come-mediatori-per-lalfabetizzazione-e-la-relazione-nei-bambini-in-et-prescolare Vai! Cerca con Google

Putnam, H. (1980). Possibilità/necessità e Referenza/verità. In R. Romano, Enciclopedia. Torino: Einaudi. Cerca con Google

Pylyshyn, Z. (1973). What's the mind's eye tells the mind's brain: A critique of mental imagery. Psychological Bulletin, 80, 1-24. Cerca con Google

Pylyshyn, Z. (1981). The image debate: analogue media versus tacit knowledge. Psychological Review, 88, 16-45. Cerca con Google

Quaderni del Ministero della Salute. (2011, n. 11, Settembre-Ottobre). Tratto da Ministero della Salute: http://www.quadernidellasalute.it/archivio-quaderni/11-settembre-ottobre-2011.php Vai! Cerca con Google

Rabidoux, P., & MacDonald, J. (2000 ). An interactive taxonomy of mothers and children during storybook interactions. American Journal of Speech-Language Patology, 9 (4), 331-344. Cerca con Google

Reese, E., & Cox, A. (1999). Quality of adult book reading affects children's emergent literacy. Developmental Psychology, 35 (1), 20-28. Cerca con Google

Resnick, L. (1995). Imparare dentro e fuori la scuola. In C. Pontecorvo, A. M. Ajello, & C. Zucchermaglio, I contesti sociali dell'apprendimento. Acquisire conoscenze a scuola, nel lavoro, nella vita quotidiana. Milano: LED. Cerca con Google

Révész, G. (1950). Psychology and art for the blind. Toronto: Longmans. Cerca con Google

Ripley, M. (2007). Creating a Loans Collection of Books with Tactile Illustrations for Toung Children with a Visual Impairment. World Library and Information Congress: 73rd IFLA General Conference and Council. Durban, South Africa. Cerca con Google

Robeyns, I. (2003, settembre 7-9 ). The Capability Approach: An Interdisciplinary Introduction. Paper presentato alla III Conference on the Capability Approach "From Sustainable Development to Sustainable Freedom". Università di Pavia. Cerca con Google

Robeyns, I. (2005). The Capability Approach: a theoretical survey. Journal of Human Development and Capabilities, 6(1), 93-114. Cerca con Google

Robidoux, P., & MacDonald, J. (2000 n.9). An interactive taxonomy of mothers and children during storybook interactions. American Journal of Speech-Language Patology, 331-334. Cerca con Google

Rogow, S. (1972). Language acquisition and the blind retarded child. Education of the Visually Handicapped, 4, 36-40. Cerca con Google

Rogow, S. M. (1981 a). Developing play skills and communicative competence in multiply handicapped young people. Journal of Visual Impairment and Blindness, 75, 197-202. Cerca con Google

Sacks, H. (1992). Lectures on conversation. Cambridge (MA): G. Gefferson. Cerca con Google

Salmeri, S. (2011). I segni del comunicare: il passaggio dal concreto al simbolo per i minorati visivi. Tecomproject: San Bartolomeo in Bosco (Ferrara). Cerca con Google

Sandström, S. (1996). Intuition och åskådlighet. Stockholm: Carlsson Bokförlag. Cerca con Google

Santi, M. (2006). Ragionare con il discorso. Il pensiero argomentativo nelle discussioni in classe. Napoli: Liguori. Cerca con Google

Santi, M. (2010, gennaio 21). Il Modello di Classificazione OMS ICF-CY. Tratto da Ufficio Scolastico Regionale Veneto - MIUR: in http://disabilita.istruzioneveneto.it/wp/wp-content/uploads/2010/01/ICF_CY_Marina_Santi.pdf. Vai! Cerca con Google

Secchi, L. (2004). L'educazione estetica per l'integrazione. Roma: Carocci. Cerca con Google

Secchi, L. (2010, Marzo 17). Le metodologie dell'esplorazione tattile. per una conoscenza delle forme della rappresentazione ed estensione di senso dell'aptica. Tratto da www.sed.beniculturali.it: http://www.sed.beniculturali.it/index.php?it/184/le-metodologie-dellesplorazione-tattile-per-una-conoscenza-delle-forme-della-rappresentazione-ed-estensione-di-senso-dell-aptica Vai! Cerca con Google

Sen, A. (1999). Development as freedom. New York: Knopf. Cerca con Google

Sénéchal, M. (1997). The differential effect of storybook reading on preschoolers acquisition of expressive and receptive vocabulary. Journal of Child Language, 24, 123-138. Cerca con Google

Sénéchal, M. (2000). A naturalistic study of the links between storybook reading and vocabulary development in preschool children. Paris: Presses Universitaires de France. Cerca con Google

Sénéchal, M., LeFevre, J., Smith-Chant, B., & Colton, K. (2001). On refining theoretical models of emergent literacy: The role of empirical evidence. Journal of School Psychology, 439-460. Cerca con Google

Simeonsson, R., & Lollar, D. (2005). Diagnosis to Function: Classification for Children and Youth. Developmental and Behavioral Pediatrics, 26(4), 323-330. Cerca con Google

Snow, C., & Goldfield, B. (1983). Turn the page please: Situation-specific language acquisition. Journal of Child Language, 10, 551-569. Cerca con Google

Snow, C., & Ninio, A. (1986). The contracts of literacy: What children learn from learning to read books. In W. Teale, & E. Sulzby, Emergent literacy: Writing and reading (p. 116-138). Norwood, N.J.: Ablex. Cerca con Google

Stickler, K. (1979). Conversational acts and the acquisition of language. In E. Ochs, & B. Shieffelin, Develomental pragmatics (p. 339-361). New York: Academic Press. Cerca con Google

Stone, J. (1988). Can't I finish the story? Teaching Braille to infants. The British Journal of Visual Impairment 6 (2), 51-53. Cerca con Google

Stratton, J. M. (1996). Emergent literacy: a new perspective. Journal of Visual Impairment and Blindness, may/june, 177-183. Cerca con Google

Stratton, J., & Wright, S. (1991). On the Way to Literacy. Early Experiences for Visually Impaired Children. Luisville, Kentucky, USA: American Printing House for the Blind. Cerca con Google

Streri, A. (2000). Les coordinations intermodales chez le bébé. In Y. Hatwell, A. Streri, & E. Gentaz, Toucher pour connaître. Psychologie cognitive de la perception tactile manuelle (p. 193-210). Paris: PUF. Cerca con Google

Streri, A. (2003 ). Cross-modal recognition of shape from hands to eyes in human newborns. Somatosensory & Motor Research, n° 20 (1), 11-16. Cerca con Google

Strickland, G. (1936). The Reading Mother. In AA.VV., Best Loved Poems of the American People (p. 376). New York: Bandam Doubleday Dell. Cerca con Google

Swallow, R., Mangold, S., & Mangold, P. (1978). ABF Pratice Report: Informal assessment of developmental skills for visually handicapped students. New York: American Foundation for the Blind. Cerca con Google

Swenson, A. (1988). Using an integrated literacy curriculum with beginning Braille readers. Journal of Visual Impairment and Blindness, 82 (8), 336-338. Cerca con Google

Teale, W., & Sulzby, E. (1986). Emergent literacy: Writing and reading. Norwood: Ablex. Cerca con Google

Tioli, E. (2006, Gennaio). Dallo spazio aptico alla rappresentazione immaginativo-motoria. Tratto da Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita": www.bibciechi.it/pubblicazioni/tiflologia/200601/Tioli.rtf Vai! Cerca con Google

Treccani, Enciclopedia. (s.d.). Cecità dell'infanzia. Tratto da www.treccani.it: http://treccani.it/enciclopedia/cause-di-cecità-e-nuove-strategie-terapeutiche_(XXI_secolo)/Cecità dell'infanzia Vai! Cerca con Google

Trelease, J. (1989). The New Read-Aloud Handbook. New York: Penguin Books. Cerca con Google

Trevarthen, C. (1979). Communication and cooperation in early infancy: A description of primary intersubjectivity. In M. Bullova, Before Speech. Cambridge: Cambridge University Press. Cerca con Google

Trevarthen, C. (2001). Intrinsics motives for companionship in understanding: their origin, development, and significance for infant mental health. Infant Mantal Journal, 22, 233-346. Cerca con Google

Trevarthen, C. (2005). Action and emotion in development of the human self, its sociability and cultural intelligence: Why infants have feeling like ours. In J. Nadel, & D. Muir, Emotional Development (p. 61-91). Oxford: Oxford University Press. Cerca con Google

Trinchero, R. (2002). Manuale di ricerca educativa. Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Tronick, E., Als, H., & Brazeltin, T. (1978). The infant’s response to entrapment between contradictory messages in face-to-face interaction. Journal of the American Academy of Child Psychiatry, 17, 1-13. Cerca con Google

Tröster, H., & Brambring, M. (1993). Early motor development in blind infants. Journal of Applied Developmental Psychology, 14, 83-106. Cerca con Google

Tucci, F. (2000). Ipovisione: aspetti deontologici, giuridici, psicologici, sociali. In S. Abati, G. Giacomelli, & R. Volpe, Argomenti di Ipovisione (p. 203-215). Canelli (AT): Fabiano. Cerca con Google

Underhalter, E., & Bringhouse, H. (2003). Distribution of what? How will we know if we have achieved Education for All. Paper presented for the Third Conference on the Capability Approach: From Sustainable Development to Sustainable Freedom, (p. 7). Pavia, Italia. Cerca con Google

Usai, M., Zanobini, M., & Fugagnoli, B. (2005). Disabilità visiva. In M. Zanobini, & M. Usai, Psicologia della disabilità e della riabilitazione. I soggetti, le relazioni, i contesti in prospettiva evolutiva (p. 58-86). Milano: Franco Angeli. Cerca con Google

Valentino Merletti, R., & Tognolini, B. (2006). Leggimi forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura. Milano: Salani. Cerca con Google

Vallat, D., & Schwab, A. (2010, Settembre). Créer une bibliothèque tactile en Suisse romande pour faire face au manque de moyens d'accès à la lecture. Terra Haptica, n.1, 95-106. Cerca con Google

Venuti, P. (2007). Percorsi evolutivi. Forme tipiche e atipiche. Roma: Carocci. Cerca con Google

Vinter, A. (2010, Settembre). Le dessin chez l'enfant malvoyant et chez l'enfant aveugle. Terra Haptica, n°1, 22-30. Cerca con Google

Volterra, V., Antoniotti, C., Pennavaja, A., & Rivardo, M. (1979). Le intenzioni comunicative espresse da bambini che frequentano il nido e da bambini che non lo frequentano. Roma: Istituto di Psicologia Cnr. Cerca con Google

Vretnar, N. (2003). Leggere per crescere. Come aiutare i figli ad amare la lettura. Roma: Armando. Cerca con Google

Vygotskij, L. (1978). Mind in Society.The development of higher psychological processes. Cambridge (Massachussets): Harvard University Press. Cerca con Google

Vygotskij, L. (1980). Il processo cognitivo. Torino: Bollati Boringhieri. Cerca con Google

Vygotskji, L. (1981). The genesis of higher mental functions, in Wertsch J.V., a cura di, The concept of activity in Soviet psycology. New York: Armonk. Cerca con Google

Warren, D. (1994). Blindness and Children. An Individual Differences Approach. New York: Cambridge University Press. Cerca con Google

Webster, A., & Roe, J. (1998). Children with visual impairments: Social interaction, language and learnong. London: Routledge. Cerca con Google

Westberg, L. (2008). Developing Early Literacy: Report of the National Early Literacy Panel 2006. Jessup, MD: National Institute for Literacy. Cerca con Google

Whitehurst, G., & Lonigan, C. (2002). Emergent Literacy: Development from prereaders to readers. In S. Neuman, & D. Dickinson, Handbook of early literacy research (p. 11-29). New York: Guilford Press. Cerca con Google

Whitehurst, G., Falco, F., Lonigan, C., Fischel, J., Debarsyshe, B., Valdez-Menchaca, M., & Caulfield, M. (1998). Accelerating language development through picture book reading. Developmental Psycology, 24, 552-559. Cerca con Google

WHO - IAPB . (s.d.). Vision 2020. Tratto da www.vision2020.org: http://vision 2020.org/main.cfm?type=WHATISBLINDNESS Vai! Cerca con Google

Winnicott, D. (1990). Dal luogo delle origini. Milano: Raffaello Cortina. Cerca con Google

Wood, D. (1980). Teaching the Young Child: some Relationships between Social Interaction, Language and Thought. In D. Olson, The Social Foundation of Llanguage and Thought. New York: Norton. Cerca con Google

World Health Organization. (2012, June). Fact sheets 282. Tratto da www.who.int: www.who.int/mediacentre/factsheets/fs282 Vai! Cerca con Google

World Health Organization. (2001). ICF - International Classification of Functioning, Disability and Health. Geneva, Switzerland: World Health Organization. Cerca con Google

World Health Organization. (2007). ICF- CY International Classification of Functioning, Disability and Health - Children & Youth Version. Geneva, Switzerland: World Health Organization. Cerca con Google

Wright, S. (2008). Guide to Designing Tactile Illustrations for Children's Books. Luisville, Kentucky: American Printing House for the Blind. Cerca con Google

Yaden, D. (1999). Reading disabilities and dynamical systems: When predictability implies patology. In P. Mosenthal, & D. Evens, Reconsidering the role of the reading clinic in a new age of literacy (p. 293-323). Greenwich, CT: JAJ Press. Cerca con Google

Yaden, D. (2003). Parent-child storybook reading as a complex adaptive system:Or "An igloo is a house for bears". In A. Van Kleeck, S. Stahl, & B. Bauer, On reading book to children (p. 336-362). Mahwah, N.J.: Erlbaum. Cerca con Google

Zanobini, M., & Usai, M. (2005). Psicologia della disabilità e della riabilitazione. I soggetti, le relazioni, i contesti in prospettiva evolutiva. Milano: FrancoAngeli. Cerca con Google

Zuccherini, R. (1991). Conversazione e interazione. Adulto e bambino nella relazione educativa. Firenze: La Nuova Italia. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record