Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Vianello, Lucia (2014) Una Lampada nella notte [:] L'Ars inventiva per triginta statuas di Giordano Bruno. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF - Versione preliminare (Draft)
88Mb

Abstract (inglese)

The subject of this thesis, i.e. Giordano Bruno's treatise, known as 'Lampas triginta statuarum', is a text that remained inedited for a long time and was published only in 1891 by Felice Tocco and Girolamo Vitelli in Opera latine conscripta third volume.
This philosophic work was written by Bruno during his stay in Wittemberg (1586-88) when he, working as a teacher in Wittemberg Academy, lectured on Aristotle's Organon.
During those years he wrote and sent to press other two 'Lampadi' behind this: De Lampade combinatoria Lulliana (a Lullo's Ars Magna comment) and De progressu et Lampade venatoria logicorum (Topici compendium). With Lampas triginta statuarum, that completes the Thrilogy, he intended to improve traditional logical instruments, those derived from Aristotelian and "Porphirian" tradition as well as those derived from Lullian tradition.
This treatise was conveyed in its first redaction by Augsburn Codex (A), together with printed test of De Lampade combinatoria Lulliana and with the manuscript Animadversiones circa Lampadem Lullianam, written using the same paper and the same ink already used for the Lampas by a unknown copyist, who was a German Bruno's student. Codex A, preserved in Augsburn Bibliothec, probably belongs to Heinrich Heinzel to whom Bruno dedicated last published work, De imaginum, signorum, et idearum compositione (Francoforte, 1591), that, although written later, can be for many aspects related to Lampas.
Having left Wittemberg in 1588, and living in Helmsted (1589 - 90), Bruno devoted himself to the composition of some texts (De magia e Theses de magia, De rerum principiis et elementis et causis, Medicina Lulliana, De magia Mathematica), that remained unedited and were collected in Moscow Codex (M) together with a second manuscript of Lampas triginta statuarum and with De Vinculis in genere. Moscow Codex, also named Norov Codex from the Russian nobleman Avraam Sergeevic Norov that acquired it for his collection from the bookseller Edwin Tross, contains some autograph pages, but it's mostly written by Hyeronimus Besler. In the autumn 1591, while Bruno was living in Padua, Besler transcribed De Vinculis, drafted in Frankfurt, and copied the treatise 'ars inventiva per triginta statuas'. In this work the philosopher leaves the harsh tone used to polemize with his contemporary followers of Aristotle's philosophy, to open to a dialog and a tight mach with the tradition, in particular with the Aristotelian-scholastic one, through a deep analysis of thirty concepts used in philosophic practice, represented by thirty powerful mythologic figures.
From this point of view, the treatise is structured like a dictionary of philosophic terms (Bruno appears to be inspired by Aristotle's Metafisica V book.) and also shows some affinity with another text, that was composed some time later in Zurich and that remained unedited (this text was published as a posthumus work by Bruno's student Raphael Egli in two following editions, the first one in 1595 and the second in 1609 comprehensive of the section Praxis descensus seu applicatio entis): it's the Summa terminorum metaphysicorum, a "philosophic nomenclature treatise" as defined by Erminio Troilo) in which fifty two conceptual categories belonging to Aristotelian scholastic lexicom are deeply analysed.
In Centum et viginti articuli de natura et mundo adversus Peripateticos (the programmatic phamplet dealing with Cambrai disputation that took place in Paris in 1586), also taken up in Acrotismus (edited in Praga in 1588), the criticism of the natural Aristotle's philosophy is developed through theses regarding some fundamental concepts such as nature, movement, time, place...and so on.
In Lampas Bruno goes on in this re-definition of philosophic terms, already started in De la causa, principio et uno: he translates his revolutionary philosophic conceptions into tradition lexicon and in doing this he moulds the meanings and transforms them, joining them in a new plot. In "thirdy statues treatise" the philosopher seems to be moved by a strong systematic intent: that is by the need to proceed in a rigorous and scientific way in the exposition of the foundation of the 'nova filosofia'. Knowledge architecture, within which speculative contents are placed is an imaginary museum filled with statues/concepts: Apollo (unitas), Saturn (principium), Prometheus (agens), Vulcan (forma), Thetis (causa materialis), Sagittarius (causa finalis) and Mount Olympus (finis)...and so on.
In moulding the statues, taking from the wide mithology catalogue Bruno uses the "Fidia's seal" (Explicatio triginta sigillorum), as Frances Amelia Yates first guessed (The Art of Memory, 1966).
In this thesis my intent is to focus on Bruno's ars memoriae original characters as well as on the forms in which "seals art" is used in Lampas, developing F.A. Yates's insight.
One of the most fundamental figure appears to be Prometheus, the imagination architect, the sculptor that first moulded clay statues breathing into them the spiritus. In Bruno's texts, specifically in Lampas and De Imaginum Prometheus became the archetype of the imagination activity, the symbol of the memory artist's praxis. A special emphasis is given to the analysis of the ways used by Bruno to compose the images (consisting in very detailed verbal descriptions) through the research of both literary and iconologic sources (from Boccaccio to Ovidio to the Renaissance mythographers Vincenzo Cartari e Natale Conti).
Bruno's work is deeply permeated and inspirited by a didactic intent that is here mostly considered: i.e. the figuration of the most abstract concepts by means of sensitive statues, that appear to sight and mind exploration.
The treatise 'ars inventiva per triginta statuas' intends to be mainly a new modus docendi a way of "thinking through images" that is in the same time a way of "thinking through concepts". The "discursiva architectura", hosting the statues must not be considered static or motionless, like physical buildings: in fact the statues can be moved and joined together in many different ways, depending on everybody's own ingenium.
Bruno's images are imagini agentes, in other words they have a special effectiveness from the emotional point of view, having the ability to activate cognitive processes.
Bruno's opera distinctive features, Lamp structure and functioning, characters and purposes of Bruno's complex logical linguistic system are gradually outlined in this thesis, through text analysis and sources examination.
The first chapter presents the great framework inclosing statues gallery: two infigurabilia triads that together represent Bruno's architecture fundamentals and metaphysical basis for ars inventiva that is here applied. In the second chapter "statues and trees" you are introduced to Bruno's use of "statua" mnemonic artifice. By means of the first sequence of statues (Apollo, Saturn, Prometheus, Vulcan, Thetis, Sagittarius and Mount Olympus), it's explained the whole process in natural and human creation.
The lexical reference plot is reviewed, with specific consideration to Aristotle's Metafisica fifth Book. "Tree" image in Bruno's texts and "tree" use in the section dedicated to the logic in Lampas treatise is examined for what concerns its relations with both Lullo's and Aristotelian scholastic tradition. Creative activity is represented by Prometheus, the sculptor of alive statues, the creator of natural and artificial things. In the third chapter "Prometheus myth in Lampas triginta statuarum", a deep analysis is carried on about the Statue dedicate by Bruno to Titan, with the purpose to highlight its special relevance in the complete framework.
In the two statues dedicated to Minerva (De campo Minervae, seu de noticia e De schala Minervae, seu de habitibus cognitionis) Bruno doesn't provide any goddess image. To Minerva's portrait, outlined by Bruno in Oratio Valedictoria is dedicated the last section (Minerva in light shadow).
In Lampas treatise Bruno puts into practice his art of memory, deeply rooted in the living art of nature and represents a new "methodus", suitable for human mind's cognitive structures.
The relation among art of memory, theory of knowledge and doctrine of soul is a complex problem of which I pointed out the most important aspects and that in my opinion and in my wishes would be worth further analysing.
Beside the figure of the ingenious architect and of the cultivator of imagination "campus", it comes out in my work the image of the other Bruno, the "philosopher", the systematic and rigorous thinker and the fine connoisseur of Aristotelian doctrines, although by himself severely criticized.

Abstract (italiano)

SINTESI DEI CONTENUTI



Il trattato noto come 'Lampas triginta statuarum' di Giordano Bruno, oggetto della mia dissertazione, è uno scritto rimasto inedito e pubblicato solo nel 1891 da Felice Tocco e Girolamo Vitelli nel terzo volume degli Opera latine conscripta.
La sua composizione risale al periodo trascorso da Bruno a Wittemberg (1586-88). Nell'Accademia della città tedesca egli insegnò come docente privato, leggendo l'Organon di Aristotele. In quegli anni diede alle stampe altre due 'Lampadi' oltre a questa: il De Lampade combinatoria Lulliana (un commento dell'Ars Magna di Lullo) e il De progressu et Lampade venatoria logicorum (un compendio dei Topici). Con la sua Lampas triginta statuarum, che completa la trilogia, egli intendeva perfezionare gli strumenti logici tradizionali, sia di matrice aristotelica e "Porfiriana" che di derivazione lulliana.
Il trattato è trasmesso nella sua prima redazione dal Codice di Augusta (A), insieme al testo a stampa del De Lampade combinatoria Lulliana e al manoscritto delle Animadversiones circa Lampadem Lullianam, redatto sulla stessa carta e con lo stesso inchiostro della Lampas da un ignoto copista, un allievo tedesco di Bruno. Il Codice A, conservato nella Biblioteca di Augsburg, apparteneva probabilmente ad Heinrich Heinzel, al quale Bruno dedicò l'ultima opera da lui pubblicata, il De imaginum, signorum, et idearum compositione (Francoforte, 1591) che, benché più tarda, è per molti aspetti legata alla Lampas
Lasciata Wittemberg nel 1588, ad Helmstedt (1589-90) il filosofo si dedicò alla composizione di alcuni testi (De magia e Theses de magia, De rerum principiis et elementis et causis, Medicina Lulliana, De magia Mathematica) rimasti inediti e raccolti nel Codice di Mosca (M), insieme ad una seconda redazione della Lampas triginta statuarum e al De Vinculis in genere. Il Codice di Mosca, o Codice Norov, dal nome del nobile russo Avraam Sergeevic Norov che lo acquistò per la sua collezione dal libraio Edwin Tross nell'Ottocento, contiene alcune pagine autografe, ma per la maggior parte è di mano di Hyeronimus Besler.
Nell'autunno del 1591, durante il soggiorno patavino di Bruno, Besler trascrisse il De Vinculis, abbozzato a Francoforte, e copiò il trattato di 'ars inventiva per triginta statuas'. In quest'opera il filosofo Nolano abbandona i toni aspri della polemica diretta contro gli aristotelici del suo tempo per aprirsi ad un dialogo e un confronto serrato con la tradizione, in special modo aristotelico-scolastica, che viene condotto attraverso l'analisi in profondità di trenta concetti in uso nell'esercizio del filosofare, simboleggiati da trenta possenti statue di figure mitologiche
Sotto questo profilo l'opera presenta la struttura di un dizionario di termini filosofici (per il quale Bruno sembra ispirarsi al V libro della Metafisica di Aristotele) e mostra affinità con un altro testo, composto più tardi a Zurigo e rimasto inedito (venne pubblicato postumo dal suo allievo Raphael Egli in due edizioni, nel 1595 e poi nel 1609 con la sezione Praxis descensus seu applicatio entis): la Summa terminorum metaphysicorum, un "trattato di nomenclatura filosofica" (secondo l'espressione di Erminio Troilo) nel quale vengono esaminati cinquantadue categorie concettuali appartenenti al lessico aristotelico-scolastico.
Nei Centum et viginti articuli de natura et mundo adversus Peripateticos (l'opuscolo programmatico della disputa di Cambrai che ebbe luogo a Parigi nel 1586) il cui testo viene ripreso nell'Acrotismus (edito a Praga nel 1588) la critica alla filosofia naturale di Aristotele è svolta attraverso tesi, che riguardano nozioni fondamentali come natura, movimento, tempo, luogo, e così via.
Nella Lampas Bruno prosegue tale opera di ridefinizione dei termini filosofici, iniziata già nel De la causa, principio et uno: egli traduce le sue rivoluzionarie concezioni filosofiche nel linguaggio della tradizione e nel far questo piega i significati e li trasforma, collegandoli in una nuova trama.
Nel "trattato delle trenta statue" il filosofo appare mosso da un forte intento sistematico: ossia dall'esigenza di procedere in modo scientifico nell'esposizione dei capisaldi della 'nova filosofia'. L'architettura del sapere entro cui vengono disposti i contenuti speculativi è un museo immaginario di statue/concetti: Apollo (unitas), Saturno (principium), Prometeo (agens), Vulcano (forma), Teti (causa materialis), Sagittario (causa finalis) and Monte Olimpo (finis)...e cosi via.
Nel plasmare le statue, attingendo al vastissimo repertorio della mitologia, Bruno impiega il "sigillo di Fidia" (Explicatio triginta sigillorum), come per prima intuì Frances Amelia Yates (The Art of Memory, 1966).
Il mio lavoro si prefigge di mettere a fuoco i caratteri originali dell'ars memoriae bruniana e le forme in cui l''arte dei sigilli' è utilizzata nella Lampas, sviluppando l'indicazione della Yates.
Una figura per molti aspetti centrale si è rivelata quella di Prometeo, l'architetto della fantasia, lo scultore che per primo foggiò statue di argilla infondendovi lo "spiritus". Negli scritti bruniani, in particolare nella Lampas e nel De Imaginum, tale figura diviene l'archetipo dell'attività fantastica, l'immagine simbolo della prassi dell'artista della memoria. Nel mio lavoro ho dedicato una particolare attenzione alle modalità con cui Bruno componeva le immagini (che consistono in descrizioni verbali estremamente dettagliate) attraverso la ricerca delle fonti letterarie e iconologiche (da Boccaccio ad Ovidio ai mitografi rinascimentali Vincenzo Cartari e Natale Conti).
L'opera è stata presa in considerazione soprattutto alla luce dell'intento didattico che la percorre e la anima: la figurazione delle nozioni più astratte mediante statue sensibili, che si rendono presenti all'esplorazione della vista e dell'intelletto. L''ars inventiva per triginta statuas' vuol essere in primo luogo un nuovo modus docendi, un "pensare per immagini" che è nel medesimo tempo un "pensare per concetti". La "discursiva architectura" che ospita le statue non va pensata statica ed immobile, come accade per gli edifici fisici: le statue infatti possono essere mutate di sede e collegate tra loro in modi diversi, così come suggerisce il personale ingegno di ciascuno.
Le immagini bruniane sono imagini agentes, ossia di particolare efficacia sul piano emotivo, capaci di attivare i processi cognitivi.
Attraverso l'analisi dei testi e l'esame delle fonti ho cercato di delineare via via la fisionomia dell'opera, la struttura e il funzionamento della Lampada, i caratteri e gli scopi del complesso apparato logico linguistico ideato da Bruno.
Nel primo capitolo: "La struttura profonda della Lampas", ho presentato la grande cornice che racchiude la galleria di statue: le due triadi degli infigurabilia, che costituiscono insieme le fondamenta dell'architettura bruniana e le basi metafisiche dell'ars inventiva che qui trova applicazione.
Nel secondo capitolo: "Statue e alberi", si viene introdotti all'uso bruniano dell'artificio mnemonico della "statua". Tramite la prima serie di statue (Apollo, Saturno, Prometeo, Vulcano Teti, Sagittario e Monte Olimpo) viene illustrato il processo della creazione, naturale e umana.
Si è cercato di ripercorrere la trama dei riferimenti lessicali, in particolare al V libro della Metafisica di Aristotele. L'immagine dell'"albero" negli scritti bruniani e l'impiego di "alberi" nella sezione dedicata da Bruno alla logica nella Lampas vengono esaminati nei rapporti sia con la tradizione lulliana sia con quella di matrice aristotelico-scolastica.
L'attività creativa è simboleggiata dalla figura di Prometeo, lo scultore di statue vive, l'artefice delle cose naturali e delle cose artificiali. Nel terzo capitolo: "Il mito di Prometeo nella Lampas triginta statuarum" si conduce un'approfondita analisi della Statua dedicata da Bruno al Titano, al fine di metterne in luce la particolare rilevanza nel quadro dell'opera.
Nelle due statue dedicate a Minerva (De campo Minervae, seu de noticia e De schala Minervae, seu de habitibus cognitionis) Bruno non ci offre l'immagine della dea. Al ritratto di Minerva tratteggiato da Bruno nell'Oratio Valedictoria è dedicata l'ultima sezione ("Minerva in ombra di luce").
Nella Lampas Bruno mette in pratica la sua arte della memoria che affonda le sue radici nell'arte vivente della natura e rappresenta una nuova "methodus", adeguata alle strutture cognitive della mente umana. Il problema dei rapporti tra arte della memoria, teoria della conoscenza e dottrina dell'anima è un tema di cui ho rilevato gli aspetti salienti e che a mio avviso merita di essere ulteriormente approfondito, cosa che mi auguro di poter fare
Accanto alla figura dell'ingegnoso architetto e del coltivatore del "campus" fantastico, nel mio lavoro emerge l'immagine di un Bruno "filosofo", un pensatore sistematico e rigoroso, profondo conoscitore delle dottrine aristoteliche da lui a lungo combattute.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Piaia, Gregorio
Correlatore:Rossitto, Cristina
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 24 > Scuole 24 > FILOSOFIA > FILOSOFIA E STORIA DELLE IDEE
Data di deposito della tesi:24 Gennaio 2014
Anno di Pubblicazione:24 Gennaio 2014
Parole chiave (italiano / inglese):Arte della memoria/Art of Memory
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-FIL/06 Storia della filosofia
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata
Codice ID:6334
Depositato il:03 Nov 2014 12:52
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Bibliografia

I riferimenti della bibliografia possono essere cercati con Cerca la citazione di AIRE, copiando il titolo dell'articolo (o del libro) e la rivista (se presente) nei campi appositi di "Cerca la Citazione di AIRE".
Le url contenute in alcuni riferimenti sono raggiungibili cliccando sul link alla fine della citazione (Vai!) e tramite Google (Ricerca con Google). Il risultato dipende dalla formattazione della citazione.

BIBLIOGRAFIA Cerca con Google

1 . OPERE Cerca con Google

Jordani Bruni Nolani Opera latine conscripta, publicis sumptibus edita, recensebat F. Fiorentino [F. Tocco, H. Vitelli, V. Imbriani, C.M. Tallarigo] 3 voll. in 8 parti, Neapoli - Florentiae, 1879-1891. Cerca con Google

G. Bruno, Due dialoghi sconosciuti e due dialoghi noti: "Idiota triumphans", "De somni interpretatione", Mordentius", "De Mordenti circino", a cura di G. Aquilecchia, Roma1957. Cerca con Google

Bruno, "Praelectiones geometricae" e "Ars deformationum": Testi inediti, a cura di G. Aquilecchia, Roma, 1964. Cerca con Google

Scritti scelti di G. Bruno e T. Campanella, a cura di L. Firpo, Torino 1949. Cerca con Google

Opere di G. Bruno e T. Campanella, a cura di A. Guzzo e R. Amerio, Milano-Napoli 1956. Cerca con Google

Bruno, Dialoghi italiani, nuovamente ristampati con note da Giovanni Gentile, terza ed. a cura di G. Aquilecchia, Firenze1958 (ristampa, Firenze 1985). Cerca con Google

L. Limentani, La lettera di Giordano Bruno al Vicecancelliere della Università di Oxford, in "Sophia", I, 1933, pp. 317-354. Cerca con Google

Bruno, La cena de le Ceneri, a cura di G. Aquilecchia, Torino 1955. Cerca con Google

Bruno, De la Causa, principio et uno, a cura di G. Aquilecchia, Torino 1973. Cerca con Google

Bruno, De la Causa, principio et uno, a cura di A. Renda, Padova 1941. Cerca con Google

Bruno, De la Causa, principio et uno, a cura di P. Chiodi, Torino 1944 (2° rist.). Cerca con Google

Bruno, De la Causa, principio et uno, a cura di A. Guzzo, Milano 1985. Cerca con Google

Bruno, Candelaio, a cura di G. Bàrberi Squarotti, Torino1981. Cerca con Google

Bruno, De l'infinito, universo e mondi, a cura di S. Russo, Roma 1961. Cerca con Google

Bruno, Cabala del cavallo pegaseo, Introduzione di N. Badaloni, Palermo 1992. Cerca con Google

Bruno, Spaccio de la bestia trionfante, a cura di M. Ciliberto, Milano 1985. Cerca con Google

Bruno, Eroici Furori, a cura di S. Bassi, con una Introduzione di M. Ciliberto, Roma-Bari 1995. Cerca con Google

Bruno, Opere complete/Euvres complètes, (collana bilingue, Paris, Les Belles Lettres) sous la direction Yves Hersant e Nuccio Ordine. Opere Italiane/Euvres Italiennes: I. Chandelier, introduction philologiqique de G. Aquilecchia, texte établi par G. Aquilecchia, prèface et notes de G. Bárberi Squarotti, traduction de Y. Hersant (1993); II. Le souper de cendres, texte ètabli par G. Aquilecchia, notes de G. Aquilecchia, préface de A. Ophir, traduction de Y. Hersant (1994); III. De la cause, du principe et de l'un, texte établi par G. Aquilecchia, notes de G. Aquilecchia, introduction de M. Ciliberto, traduction de L. Hersant (1996); IV. De l'infini, de l'univers et des mondes, texte établi par G. Aquilecchia, notes de J. Seidengart, introduction de M. A Granada, traduction de J.-P. Cavaillé (1995); V: Expulsion de la bête triomphante, texte établi par G. Aquilecchia, notes de M. P. Ellero, introduction de N. Ordine, traduction de J. Balsamo (1999); VI: Cabale du cheval pégaséen, texte établi par G. Aquilecchia, préface et notes de N. Badaloni, traduction de T. Dragon (1994); VII: Des fureurs héroïques, texte établi par G. Aquilecchia, introduction et notes de M. A. Granada, traduction de P.-H. Michel revue par Y. Hersant (1999). Cerca con Google

Bruno, Dialoghi filosofici italiani, a cura e con un saggio introduttivo di Michele Ciliberto, commento di Nicoletta Tirinnanzi, Milano 2002. Cerca con Google

Bruno, Opere italiane, Torino 2002. Cerca con Google

Bruno, Opere italiane, riprod. anast. delle conquecentine, a cura di E. Canone, Firenze 1999. Cerca con Google

Bruno, De imaginum, signorum, et idearum compositione. Ad omnia inventionum, et memoria genera libri tres..., Francofurti, apud Ioan. Wechelum et Petrum Fischerum consortes, 1591. Cerca con Google

Bruno, Opere latine. Il triplice minimo e la misura, La monade, il numero e la figura, L'immenso e gli innumerevoli, a cura di C. Monti, Torino 1980. Cerca con Google

Giordano Bruno, scelta e intr. di M. Ciliberto, Ist. Pol. e Zecca di Stato, Roma 1995. Cerca con Google

Infinità della natura e significato della civiltà, a cura di F. Papi, Firenze 1975. Cerca con Google

Bruno, De Magia. De Vinculis in genere, a cura di A. Biondi, Pordenone,1986. Cerca con Google

Bruno, Le ombre delle idee, trad. a cura di A. Caiazza, Milano 1988. Cerca con Google

Bruno, De umbris idearum, a cura di R. Sturlese, Firenze, 1991. Cerca con Google

Bruno, L'arte della memoria. Le ombre delle idee, trad. a cura di M. Maddamma, Milano 1996. Cerca con Google

Bruno, Il sigillo dei sigilli. I diagrammi ermetici. Giordano Bruno filosofo e pittore, a cura di U. Nicola, trad. di E. Colombi, Milano 1995. Cerca con Google

Bruno, De rerum principiis, a cura e con un'introduzione di N. Tirinnanzi, prefazione di M. Ciliberto, Napoli 1995. Cerca con Google

Bruno, De umbris idearum, Cantus circaeus, Sigillus sigillorum, trad. a cura di N. Tirinnanzi, introduzione di M. Ciliberto, Milano 1997. Cerca con Google

Bruno, Summa terminorum metaphysicorum, rist. anast. dell'ed. Marburg 1609, a cura di E. Canone, Roma 1989. Cerca con Google

Bruno, La magia e le ligature, a cura di Luciano Parinetto, Milano 2000, pp. 151. Cerca con Google

Bruno, Poemi filosofici latini, rist. anast. delle cinquecentine, a cura di E. Canone, La Spezia 2000. Cerca con Google

Bruno, Corpus iconographicum. Le incisioni nelle opere a stampa. Catalogo, ricostruzioni grafiche e commento di Mino Gabriele, Milano 2001. Cerca con Google

Bruno, Opere magiche, edizione diretta da Michele Ciliberto, a cura di Simonetta Bassi, Elisabetta Scapparone, Nicoletta Tirinnanzi, Milano 2000. Cerca con Google

Bruno, Opere mnemotecniche, vol. I, edizione diretta da M. Ciliberto, vol. I, De umbris idearum, Cantus Circaeus, a cura di M. Matteoli, R. Sturlese, N. Tirinnanzi, Milano 2004. Cerca con Google

Bruno, Opere mnemotecniche, vol. II, edizione diretta da M. Ciliberto, a cura di Marco Matteoli, Rita Sturlese, Nicoletta Tirinnanzi, Milano 2009. Cerca con Google

Bruno, CD Rom delle Opere complete, a cura di N. Ordine, Roma-Torino, 1999. Cerca con Google

Bruno, Prose e Poesie. Gedichte und Prosa, a cura di G. Zevola, Napoli 2004. Cerca con Google

Bruno, De l'infinito, universo e mondi, brani scelti, a cura di G. Zevola, Napoli 2005. Cerca con Google

Bruno, Il primo libro della Clavis Magna, ovvero, Il trattato sull'intelligenza artificiale - (De Imaginum, Signorum et Idearum Compositione), trad. di Claudio D'Antonio, Roma 1997. Cerca con Google

Bruno, Il secondo libro della Clavis Magna, ovvero, Il Sigillo dei sigilli, trad. di Claudio D'Antonio, Roma 1997. Cerca con Google

Bruno, Il terzo libro della Clavis Magna, ovvero la logica per immagini, trad. di Claudio D'Antonio, Roma 2007. Cerca con Google

Bruno, Il quarto libro della Clavis Magna, ovvero, l'arte di inventare con Trenta Statue - trad. di Claudio D'Antonio, Roma 2002. Cerca con Google

Bruno, L'incantesimo di Circe, trad. di Claudio D'Antonio, Roma 2005. Cerca con Google

Bruno, De Umbris Idearum, trad. di Claudio D'Antonio, Roma 2004. Cerca con Google

Bruno, L'Arte di Comunicare (Artificium Perorandi), trad. di Claudio D'Antonio, Roma 2007. Cerca con Google

Bruno, Due Orazioni. Oratio Valedictoria. Oratio consolatoria, trad. a cura di Guido Del Giudice, Roma 2007. Cerca con Google

Bruno, La disputa di Cambrai. Camoeracensis Acrotismus, trad. a cura di Guido Del Giudice, Roma 2008. Cerca con Google

Bruno, Centoventi articoli sulla natura e sull'universo contro i peripatetici, trad. a cura di E. Canone, Serra ed., Pisa-Roma 2007. Cerca con Google

Bruno, Acrotismo Cameracense, trad. di Barbara Amato, Supplementi di "Bruniana & Campanelliana", Pisa-Roma 2009. Cerca con Google

Bruno, Opere Lulliane, ed. diretta da Michele Ciliberto, a cura di M. Matteoli, R. Sturlese, N. Tirinnanzi, Milano 2012. Cerca con Google

Bruno, Castiçal (Candelaio), traduçao de Alessandra Vanucci e Luiz Carlos Bombassaro, Caxias do Sul, 2010. Cerca con Google

Bruno, A ceia de Cinzas (La cena de le Ceneri), tradução de Luiz C. Bombassaro, Caxias do Sul 2012. Cerca con Google

Bruno, Lumânãrul (Candelaio), pref. di N. Ordine, prima traduzione in romeno e adattamento per recita teatrale di Smaranda Bratu Elian, Bucarest 2000. Cerca con Google

Bruno, Gen'in genri issha nituite (De la causa, principio et uno), introd., trad. e note di M. Kato, Tokio 1998. Cerca con Google

Bruno, Über die Ursache, das Prinzip un das Eine, (De la causa, principio et uno), traduzione, introduzione e commento di Thomas Leinkauf, Hamburg 2007. Cerca con Google

Bruno, Austreibung des triumphierenden Tieres (Spaccio della bestia trionfante), traduzione, introduzione e commento di Elisabeth e Paul Richard Blum, 2009. Cerca con Google

Giovanni Boccaccio, Genealogie deorum gentilium, in Tutte le opere di Giovanni Boccaccio, a cura di Vittore Branca, Milano 1998. Cerca con Google

Charles de Bovelles, Il libro del Sapiente, a cura di Eugenio Garin, Torino 1987. Cerca con Google

Giovanni Bonsignori, Ovidio Metamorphoseos Vulgare, ed. critica a cura di Erminia Ardissino, Bologna 2001. Cerca con Google

Publio Ovidio Nasone, Metamorfosi, a cura di N. Scivoletto, Torino 2000. Cerca con Google

Gabriele Simeoni, Del Metamorphoseo abbreviato, con la rinovatione d'alcune stanze, Lione, 1559. Cerca con Google

Mythographi Vaticani, Corpus Christianorum, Series Latina, XCI c, cura et studio Péter Kulcsar, Turnholti, Brepols, MCMLXXXVII. Cerca con Google

Andrea Alciato, Il libro degli emblemi, a cura di Mino Gabriele, Milano 2009. Cerca con Google

Pierio Valeriano, Hieroglyphica, sive De sacris Aegyptiorum, aliarumque gentium literis Commentarij, Ioannis Pieri Valeriani Bolzanij... à Caelio Augustino Curione duobus libris aucti...; Lyon 1602, (reprint New York 1976). Cerca con Google

Carolus Bovillus, Que in hoc volumine continetur: Liber de intellectu. Liber de sensibus. Liber de nihilo. Ars Oppositorum. Liber de generatione. Liber de sapiente. Liber de duodecim numeris, Epistole complures. Liber de numeris perfectis. Libellus de Mathematicis rosis. Liber de Geometricis corporibus. Libellus de Geometricis supplementis, Parisiis, ex officina Henrici Stephani, 1510 (1511); riproduzione anastatica Stuttgart-Bad Cannstatt 1970. Cerca con Google

Vicenzo Cartari, Le vere e nove imagini de gli dei delli antichi, in Padova, appresso Pietro Paolo Tozzi, 1615. Cerca con Google

Cartari, Le immagini de i dei de gli antichi, a cura di Ginetta Auzzas et al., Vicenza, Neri Pozza, 1996 (ed. del 1587). Cerca con Google

Cartari, Le immagini... delli dei, New York, Gardland Pub, 1976 (riprod. anast. Venice 1571 per le immagini). Cerca con Google

Cartari, Imagini delli dei de gl'antichi, pref. di Alessandro Grossato, Milano, Luni, 2004 (ripr. anast. Venezia 1647). Cerca con Google

Natalis Comitis Mithologiae sive explicationis fabularum libri X, Padova, (apud Petrum Paulum Tozzium) 1616. Cerca con Google

Ioannis Bocatii Peri genealogias deorum libri quindecim, a cura di Iacobus Micyllus, Basileae, 1532. Cerca con Google

Giovanni Boccaccio, Genealogia de gli Dei . I quindici libri di m. Giovanni Boccaccio sopra la origine et discendenza di tutti gli dei de' gentili... tradotti et adornati per Messer Giuseppe Betussi da Bassano (Venezia 1547) in 4° Cerca con Google

C. Iulij Higini...Fabularum liber, Poeticon Astronomicon....a cura di Jacob Moltzer (Mycillus), Basileae, 1535 e 1549. Cerca con Google

C. Iulii Hygini...De mundi et sphaerae declaratione, Venezia 1517. Cerca con Google

I primi volgarizzamenti italiani delle nozze di Mercurio e Filologia, a cura di Gabriella Moretti: "Delle nozze di Eloquenza con Mercurio di Marziano Capella Cartaginese libri due" tradotti da Eureta Misoscolo, pseudonimo di Francesco Pona, Padova, 1629 (edizione padovana) Cerca con Google

Aristotele, De Anima, a cura di Giancarlo Movia, Milano 1996. Cerca con Google

Aristotele, Metafisica, a cura di Giovanni Reale, Milano 2000. Cerca con Google

Aristotele, Analitici secondi. Organon IV, a cura di Mario Mignucci, Roma-Bari 2007. Cerca con Google

Aristotele, Etica Nicomachea, a cura di Carlo Natali, Roma-Bari 2009. Cerca con Google

Aristotelis Opera, cum Averrois commentariis, Venetiis, apud Iunctas, 1562-1574 (riprod. anast. Minerva, Frankfurt a. M., 1962). Cerca con Google

Averrois in librum 5 (D) Methaphysicorum Aristotelis Commentarius, a cura di Ruggero Ponzalli, Berna 1971. Cerca con Google

Marsilio Ficino, Lettere II. Epistolarum familiarum liber II, Firenze 2010. Cerca con Google

Ficino, Teologia platonica, a cura di Errico Vitale, Milano 2011. Cerca con Google

Ficino, Sulla Vita, a cura di Alessandra Tarabochia Canavero, Milano 1995. Cerca con Google

Luciano di Samosata, Tutti gli scritti, introd., note e apparati di Diego Fusaro, trad. di Luigi Settembrini, Milano 2007. Cerca con Google

Heinrich Cornelius Agrippa, De occulta philosophia libri tres, a cura di Perrone Compagni, Leiden 1992. Cerca con Google

Agrippa, Dell'incertitudine e della vanità delle scienze, a cura di Tiziana Provvidera, Torino 2004. Cerca con Google

J. H. Alsted, Encyclopedia, riprod. anast. Stuggart 1989. Cerca con Google

Nicolai De Cusa De docta ignorantia - Die belehrte Unwissenheit, Buch I, hrsg. v. P. Wilpert, Hamburg 1964. Cerca con Google

Nicolai Cusae Cardinalis Opera, 3 voll., (riprod. facs. edizione Parisiis, in aedibus Ascensianis, 1514), Frankfurt, Minerva, 1962. Cerca con Google

Nicolai de Cusa Opera Omnia, jussu et auctoritate Academiae Litterarum Heidelbergensis ad codicum fidem edita, edd. E. Hoffmann-R. Klibansky, Hamburgi-Lipsiae 1932-. Cerca con Google

G. Santinello, Nicolò Cusano, La dotta ignoranza. Le congetture, Milano 1988. Cerca con Google

Raimondo Lullo, Arte breve, a cura di Marta M.M. Romano, Milano 2002. Cerca con Google

Lullo, Ars Demonstrativa, Corpus Christianorum. Continuatio mediaevalis vol. 213, Raimundi Lulli Opera latina vol. 32, a cura di J. E. Rubio Albarracin, Turnhout 2007. Cerca con Google

Hygin, L'astronomie, texte établi et traduit par André Le Boeuffle, Paris 1983. Cerca con Google

Igino, Mitologia astrale, a cura di G. Chiarini e G. Guidorizzi, Milano 2009. Cerca con Google

Porfirio, Isagoge, a cura di Bruno Maioli, Padova 1969. Cerca con Google

2 . STRUMENTI BIBLIOGRAFICI E STUDI CRITICI Cerca con Google

V. Salvestrini, Bibliografia di Giordano Bruno (1582-1950), seconda edizione postuma a cura di L. Firpo, Firenze 1958. Cerca con Google

V. Spampanato, Vita di Giordano Bruno, Messina 1921 (ed. anast. con postfazione a cura di N. Ordine, Roma, Gela, 1988). Cerca con Google

Spampanato, Documenti della vita di Giordano Bruno, Firenze 1933. Cerca con Google

A. Mercati, Il Sommario del processo di Giordano Bruno, con appendice di documenti sull'eresia e l'inquisizione a Modena nel secolo XVI, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1942 (rist. anast. Roma 1972). Cerca con Google

L. Firpo, Il processo di Giordano Bruno, in "Rivista storica italiana", LX 1948, pp. 542-97; LXI 1949, pp. 5-59, quindi Napoli 1949; studi ripubblicati ora in: L. Firpo, Il processo di Giordano Bruno, a cura e con una introduzione di D. Quaglioni, Roma 1993. Cerca con Google

D. Berti, Vita di G. Bruno da Nola, Torino 1868. Cerca con Google

G. Aquilecchia, Giordano Bruno, Roma 1971. Cerca con Google

F. Tocco, Le opere latine di G. Bruno esposte e confrontate con le italiane, Firenze, Le Monnier, 1889. Cerca con Google

Tocco, Le opere inedite di Giordano Bruno, Napoli 1891. Cerca con Google

E. Troilo, Prospetto, sintesi e commentario della filosofia di Giordano Bruno, in Atti e Memorie dell'Accademia Nazionale dei Lincei, classe di scienze morali, storiche, filologiche, s. 8, III, 1951, fasc. 9, pp. 543 -607. Cerca con Google

Troilo, La filosofia di Giordano Bruno, Torino 1907. Cerca con Google

L. Spruit, Due documenti noti e due sconosciuti sul processo di Bruno nell'Archivio del Sant'Uffizio, "Bruniana e Campanelliana", IV (1998), 2, pp. 496-473. Cerca con Google

L. Parinetto, Processo e morte di Giordano Bruno, Santarcangelo di Romagna 1999. Cerca con Google

A. Verrecchia, Giordano Bruno, la falena dello spirito, Roma, 2002. Cerca con Google

S. Ricci, Giordano Bruno nell'Europa del Cinquecento, Roma 2000. Cerca con Google

M. Ciliberto, Giordano Bruno. Il teatro della vita, Milano 2007. Cerca con Google

AA. VV. Giordano Bruno. Gli anni napoletani e la 'peregrinatio' europea. Immagini, testi, documenti, a cura di E. Canone, Università degli studi, Cassino 1992. Cerca con Google

Giordano Bruno, Le deposizioni davanti al tribunale dell'Inquisizione, a cura di A. Gargano, Napoli 2007. Cerca con Google

X. Atanassievitch, La doctrine métaphysique et geometrique de Bruno, Belgrade 1923. Cerca con Google

G. Gentile, Giordano Bruno e il pensiero del Rinascimento, Firenze 1920. Cerca con Google

A. Corsano, Il pensiero di Giordano Bruno nel suo svolgimento storico, Firenze 1940. Cerca con Google

E. Cassirer, Individuo e cosmo nella filosofia del Rinascimento, trad. it. Firenze 1935. Cerca con Google

A. Nowicki, Centralne Kategorie filozofii Giordana Bruna, Panstwowe Wydawnictwo Naukowe, Warszawa 1962. Cerca con Google

Nowicki, Il pluralismo metodologico e i metodi lulliani di Giordano Bruno, Accademia polacca di scienze e lettere, Wroclaw Warszawa, Kracow 1965. Cerca con Google

N. Badaloni, La filosofia di Giordano Bruno, Firenze 1955. Cerca con Google

Badaloni, Giordano Bruno. Tra cosmologia ed etica, Bari-Roma 1998. Cerca con Google

Badaloni, L'impulso del negativo: la vanitas in Giordano Bruno, in Filosofia e Cultura. Per Eugenio Garin, a cura di Michele Ciliberto e Cesare Vasoli, Roma 1991, pp. 309-326. Cerca con Google

Badaloni, Note sul bruniano De gli Eroici Furori, in "Scienza e filosofia: problemi teorici e di storia del pensiero scientifico. Studi in onore di Francesco Barone", a cura di S. Marcucci, Pisa, Giardini, 1995, pp. 175-198. Cerca con Google

Badaloni, Sulla struttura del Tempo in Bruno, "Bruniana e Campanelliana", III (1997), I, pp. 11-45. Cerca con Google

Badaloni, Il De umbris idearum come discorso del metodo, in "Paradigmi", XVIII, 53, n.s., 2000. Cerca con Google

R. Mondolfo, Figure e idee della filosofia del Rinascimento, Firenze 1955. Cerca con Google

A. Guzzo, Giordano Bruno, Torino 1960. Cerca con Google

G. Calogero - G. Radetti, La professione di fede di Giordano Bruno, in "La Cultura", I (1963), pp. 64-77. Cerca con Google

E. Garin, Giordano Bruno, Milano 1966. Cerca con Google

Garin, Attualità di Bruno, "Giornale critico della filosofia italiana", LXXII (1993), 3, pp. 394-404. Cerca con Google

F. Papi, Antropologia e civiltà nel pensiero di Giordano Bruno, Firenze 1968. Cerca con Google

Papi, L'amore infinito: Bruno, in Figure del Tempo, Milano 2002, pp. 97-106. Cerca con Google

Papi, La costruzione delle verità. Giordano Bruno nel periodo londinese, Milano-Udine 2010. Cerca con Google

C. Vasoli, Studi sulla cultura del Rinascimento, Manduria 1968. Cerca con Google

Vasoli, Bruno, Ramo e Patrizi, "Nouvelles de la République des Lettres", 1994, II. Cerca con Google

Vasoli, Bruno e i suoi primi scritti sull'arte della memoria, in "Physis", n. 5, 38, 2001. Cerca con Google

Vasoli, La dialettica e la retorica dell'Umanesimo. "Invenzione" e "Metodo" nella cultura del XV e XVI secolo, Napoli 2007. Cerca con Google

P.O. Kristeller, Otto pensatori del Rinascimento italiano, trad. it. Milano-Napoli 1970. Cerca con Google

F.A Yates, Giordano Bruno and the Hermetic Tradition, London 1964. Cerca con Google

Yates, The Art of Memory, London 1966. Cerca con Google

Yates, Giordano Bruno e la tradizione ermetica, trad. it., Bari 1969. Cerca con Google

Yates, L'arte della memoria, trad. it., Torino 1972. Cerca con Google

Yates, Astrea. L'Idea di Impero nel Cinquecento, trad. it., Torino 1978. Cerca con Google

Yates, Giordano Bruno e la cultura europea del Rinascimento, trad. it., Bari 1988. Cerca con Google

Yates, Lull & Bruno. Collected Essays, I, London, Boston and Henley, Routledge & Kegan Paul, 1982. Cerca con Google

Yates, Raimondo Lullo e la sua arte, Roma 2009. Cerca con Google

A. Koyré, Dal mondo chiuso all'universo infinito, Milano 1970. Cerca con Google

R. Klein, La forma e l'intelligibile. Scritti sul Rinascimento e l'arte moderna, trad. it. Torino 1975. Cerca con Google

L. Bolzoni, Il Teatro della Memoria. Studi su Giulio Camillo, Padova 1984. Cerca con Google

Bolzoni, La stanza della memoria. Modelli letterari e iconografici nell'età della stampa, Torino 1995. Cerca con Google

A. Ingegno, Cosmologia e filosofia nel pensiero di Giordano Bruno, Firenze 1978. Cerca con Google

Ingegno, La sommersa nave della religione. Studio sulla polemica anticristiana del Bruno, Napoli 1985. Cerca con Google

Ingegno, Regia Pazzia. Bruno lettore di Calvino, Urbino 1987. Cerca con Google

M. Ciliberto, Lessico di Giordano Bruno, 2 voll., Roma 1979 Cerca con Google

Ciliberto, La ruota del tempo. Interpretazione di Giordano, Roma 1986. Cerca con Google

Ciliberto, Giordano Bruno, Roma-Bari, 1990. Cerca con Google

Ciliberto, Introduzione a Bruno, Bari, 1996. Cerca con Google

Ciliberto, Umbra profunda. Studi su Giordano Bruno, Roma 1999. Cerca con Google

Ciliberto, Apocalisse e furore, in I volti del Tempo, Milano 2001. Cerca con Google

Ciliberto, Infinito e tempo nel pensiero di Giordano Bruno, in Filosofia del Tempo, a cura di Luigi Ruggiu, Milano 1998. Cerca con Google

Ciliberto, Pensare per contrari: disincanto e utopia nel Rinascimento, Roma 2005. Cerca con Google

P. Rossi, I filosofi e le macchine. 1400-1700, Milano 1962. Cerca con Google

Rossi, Clavis universalis. Arti mnemoniche e logica combinatoria da Lullo a Leibniz, Bologna 1984. Cerca con Google

Rossi, Bambini, sogni, furori, Milano 2001. Cerca con Google

Rossi, Il tempo dei maghi. Rinascimento e modernità, Milano 2006. Cerca con Google

Rossi, Giordano Bruno: memoria e magia, in "Rivista di filosofia", XCV, 1, 2004, pp. 9-36. Cerca con Google

L. De Bernart, Immaginazione e scienza in G. Bruno, Pisa 1986. Cerca con Google

AA. VV., Il dialogo filosfico nel '500 europeo. Atti del convegno internazionale di studi. Milano 28-30 maggio 1987, Milano 1990. Cerca con Google

L. Spruit, Il problema della conoscenza in Giordano Bruno, Napoli 1988. Cerca con Google

H. Blumenberg, La leggibilità del mondo. Il libro come metafora della Natura, trad. it. Bologna, 1984. Cerca con Google

P. R. Blum, Aristoteles bei Giordano Bruno, Munchen 1980. Cerca con Google

Blum, Dio e gli individui: l'"Arbor Porphyriana" nei secoli XVII e XVII, in "Rivista di Filosofia neoscolastica", 91, pp. 18-49. Cerca con Google

J. Bossy, G. Bruno e il mistero dell'ambasciata, Milano 1992. Cerca con Google

G. Aquilecchia, Schede bruniane (1950 - 1991), Roma, 1993. Cerca con Google

N. Ordine, La cabala dell'asino. Asinità e conoscenza in Giordano Bruno, Napoli 1987. Cerca con Google

Ordine, La soglia dell'ombra. Letteratura, filosofia e pittura in Giordano Bruno, prefazione di Pierre Hadot, Venezia 2003. Cerca con Google

Ordine, Contro il Vangelo armato, Milano 2007. Cerca con Google

A. Foa, Giordano Bruno, Bologna 1998. Cerca con Google

G. De Rosa, Il concetto di immaginazione nel pensiero di Giordano Bruno, Napoli 1997. Cerca con Google

Tirinnanzi, Umbra naturae: l'immaginazione da Ficino a Bruno, Roma 2000. Cerca con Google

S. Mancini, La sfera infinita. Identità e differenza nel pensiero di Giordano Bruno, Mimesis, Milano 2000. Cerca con Google

Mancini, I modi della contrazione nel De coniecturis di Nicola Cusano, in «Fieri», Annali del Dipartimento di Filosofia, Storia e critica dei saperi, 4, dicembre 2006, Università di Palermo, pp. 199-222. Cerca con Google

Giordano Bruno 1548-1600. Mostra storico documentaria, a cura di E. Canone, Firenze, Olschki, 2000. Cerca con Google

H. Gatti (1999), Giordano Bruno e la scienza del Rinascimento, trad. it., Milano 2001. Cerca con Google

AA. VV. Destino e Verità, a cura di Daniele Goldoni e Luigi Ruggiu, Venezia 2002. Cerca con Google

P. Sabbatino, Giordano Bruno e la "mutazione" del Rinascimento, Firenze 1993. Cerca con Google

Sabbatino, A l'infinito m'ergo, Firenze 2003. Cerca con Google

AA.VV. Letture bruniane I-II del Lessico Intellettuale Europeo 1996-1997, a cura di E. Canone, Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici, Supplementi "Bruniana e Campanelliana", Studi 3, 2002. Cerca con Google

AA.VV., La filosofia di Giordano Bruno, Problemi ermeneutici e storiografici, Convegno internazionale, Roma, 23-24 ottobre 1998, a cura di E. Canone, Firenze 2003. Cerca con Google

Bruno redivivus. Momenti della fortuna di Giordano Bruno nel XIX secolo, a cura di E. Canone, Suppl. "Bruniana e Campanelliana", 1998, Studi, 1, pp. XLV-338. Cerca con Google

E. Canone, Il dorso e il grembo dell'eterno. Percorsi della filosofia di Giordano Bruno, Suppl. "Bruniana e Campanelliana", Studi, 4, 2003, pp. pp. XII-256. Cerca con Google

Canone (a cura di), Metafisica, logica, filosofia della natura. I termini delle categorie aristoteliche dal mondo antico all'età moderna. Atti dei Seminari di terminologia filosofica dell'Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle idee - CNR (Roma, gennaio-maggio 2003), Sarzana 2004. Cerca con Google

Canone, Magia dei contrari. Cinque studi su Giordano Bruno, Roma 2005. Cerca con Google

Canone, Le 'due luci'. Il concerto finale degli Eroici furori, "Bruniana & Campanelliana", IX, 2003, 2, pp. 295-318. Cerca con Google

Canone, Giordano Bruno. Arte della memoria, onto-cosmologia, etica, in La filosofia del Rinascimento. Figure e problemi, a cura di G. Ernst, Roma, Carrocci editore, 2003, pp. 229-251. Cerca con Google

Canone, Giordano Bruno: Hermeticism and Magic in Wisdom's Mirror, in "Bruniana & Campanelliana", X, 2004, 1, pp. 151-155. Cerca con Google

Canone, Giordano Bruno lettore di Averroè, in Averroes and the Aristotelian Heritage, ed. by C. Baffioni, Napoli 2004, pp. 211-247. Cerca con Google

Canone, Bruno e la fine di tutte le cose. Sui motivi apocalittici dello Spaccio, in "Bruniana & Campanelliana", X, 2004, 2, pp. 269-282. Cerca con Google

Canone, Il concetto di macchina in Giordano Bruno, in Machina. Atti dell'XI Colloquio internazionale del Lessico Intellettuale Europeo (Roma, 8-10 gennaio 2004), Atti a cura di M. Veneziani, Firenze 2005, pp. 297-319. Cerca con Google

Canone, Il concetto di "ingenium" in Bruno, "Bruniana & Campanelliana", 4, 1998/1, pp. 1135. Cerca con Google

Canone, Fenomenologie dell'anima nei Poemi francofortesi, in La filosofia di Giordano Bruno. Problemi ermeneutici e storiografici, Convegno Internazionale, Roma, 23-24 ottobre 1998, a cura di E. Canone, Firenze 2003. Cerca con Google

A. Montano, La mente e la mano, Napoli 2000. Cerca con Google

Montano, La fiamma e la farfalla, Napoli 2003. Cerca con Google

Montano, Aspetti di una storia della filosofia non dialettica e non continuista, in "Rivista di storia della filosofia", LVIII, 3/2003, pp. 437-457. Cerca con Google

F. Camerota, Il compasso di Fabrizio Mordente. Per la storia del compasso di proporzione, Firenze 2000. Cerca con Google

AA. VV., Giordano Bruno e il Rinascimento quale prospettiva verso una cultura europea senza frontiere (Atti del Seminario Internazionale e Interdisciplinare di Bucarest - 3-5 dicembre 2000), Editura Fundatiei Culturale Romane, Bucaresti, 2002. Cerca con Google

AA. VV., La mente di Giordano Bruno, a cura di F. Meroi, Firenze 2004. Cerca con Google

M. Cambi, La machina del discorso. Lullismo e retorica negli scritti latini di Giordano Bruno, Napoli 2002. Cerca con Google

A. Nowicki, La natura nella filosofia di Giordano Bruno, "Bollettino di Storia della Filosofia" dell'Università degli Studi di Lecce, I (1973), pp. 70-87. Cerca con Google

Nowicki, Il policentrismo della cosmologia di Giordano Bruno come fondamento della sua filosofia policentrica della natura, "Misure critiche", VI, 1976, pp. 57-72. Cerca con Google

Nowicki, Erga Musas... Giordano Bruno e la filosofia di 'Cultus Musarum' ed 'Ardens Erga Musas', in Giordano Bruno e il Rinascimento quale prospettiva verso una cultura europea senza frontiere (Atti del Seminario Internazionale e Interdisciplinare di Bucarest - 3-5 dicembre 2000), Bucaresti 2002, pp. 176-190. Cerca con Google

P.- H. Michel, L'atomisme de Giordano Bruno, in La science au seizeme siecle, Colloque International (Royaumont, 1-4 juilliet 1957), Paris s.d., pp. 251-263. Cerca con Google

A. Gorfunkel, Giordano Bruno in Russia, "Rivista di Filosofia", LII, 1961, 4, pp. 461-476. Cerca con Google

Gorfunkel, Notizie bruniane I: "Et partito de Paris per causa di tumulti, me ne andai in Germania", II: "Giordano Bruno e il mistero dell'ambasciata", "Rivista di storia della filosofia", n.s., LII, 1997, 4, pp. 745-761. Cerca con Google

A. Noferi, Caos, Simulacro e scrittura nella teoria bruniana dell'immaginazione, in Letteratura critica. Studi in onore di Natalino Sapegno, vol. I, Roma 1974, pp. 361-408. Cerca con Google

Noferi, Giordano Bruno: ombre, segni, simulacri e la funzione della grafia, in Il gioco delle tracce, Firenze 1979. Cerca con Google

R. Westman, Magical Reform and Astronomical Reform. The Yates Thesis reconsidered, in Hermeticism and the Scientific Revolution, Los Angeles 1977. Cerca con Google

R. Sturlese, Il "De imaginum, signorum et idearum compositione" di Giordano Bruno e d il significato filosofico dell'arte della memoria, in "Giornale critico della filosofia italiana", LXIX (1990), 2, pp. 182-203. Cerca con Google

Sturlese, Per una interpretazione del "De umbris idearum" di Giordano Bruno, "Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia", s. III, XXII (1992), 3, pp. 943-968. Cerca con Google

Sturlese, Le fonti del Sigillus Sigillorum del Bruno, ossia: il confronto con Ficino a Oxford sull'anima umana, in "Giornale critico della filosofia italiana", LXXIII (1994), I, pp. 33-72. Cerca con Google

G. De Rosa, Giordano Bruno: il linguaggio delle ombre, "Atti dell'Accademia Nazionale di Scienze Morali e Politiche" della Società Nazionale di Scienze, Lettere ed Arti in Napoli, CII (1991), pp. 67-86. Cerca con Google

F. Torchia, La chiave delle ombre, "Intersezioni", XVII (1997), I, pp. 131-151. Cerca con Google

C. Luthy, Bruno's "Area Democriti" and the origins of atomist imagery, "Bruniana e Campanelliana", IV (1998), I, pp. 59-92. Cerca con Google

Luthy, Entia e spherae: due aspetti dell'atomismo bruniano, in La filosofia di Giordano Bruno, Problemi ermeneutici e storiografici, Convegno internazionale, Roma, 23-24 ottobre 1998, a cura di E. Canone, Firenze 2003, pp. 165-198. Cerca con Google

A. Bonker-Vallon, Metaphysic und Mathematik bei Giordano Bruno, Berlin, Akademie Verlag, 1995. Cerca con Google

Bonker-Vallon, Giordano Bruno e la matematica, "Rinascimento", XXXIX, 1999, pp. 67-93. Cerca con Google

A. Perfetti, Un nuovo documento sul secondo soggiorno parigino di Giordano Bruno (1685-6), in Giordano Bruno: gli anni napoletani e la 'peregrinatio' europea. Immagini - testi - documenti, a cura di E. Canone, Cassino, Università degli studi, 1992, pp. 99-100. Cerca con Google

J. Moltmann. "Che Dio mai sarebbe quello che abbandonasse il mondo al suo destino?". Il caso Giordano Bruno, in Scienza e Sapienza, Brescia 2002, pp. 161-172. Cerca con Google

B. Amato, Iordani Bruni Nolani Camoeracensis acrotismus. Una traduzione per il 2000, "Bruniana e Campanelliana", Pisa-Roma, Ist. Ed. Pol., 1, 1999, pp. 117-130. Cerca con Google

Amato, Aspetti dell'antiaristotelismo bruniano nel Camoeracensis acrotismus, "Bruniana e Campanelliana", XI, 2005, 1, pp. 143-165. Cerca con Google

M. A. Granada, El debate cosmologico en 1588: Bruno, Brahe, Rothmann, Ursus, Roslin, Napoli 1996, pp. 15-30. Cerca con Google

Granada, Giordano Bruno e l'interpretazione della tradizione filosofica: l'aristotelismo e il cristianesimo di fronte all'"antiqua vera filosofia", in L'interpretazione nei secoli XVI e XVII, Atti del Convegno internazionale di studi (Milano, 18-20 novembre 1991, Parigi, 6-8 dicembre 1991) a cura di G. Canziani, Y.C Zarka, Milano 1993, pp. 59-82. Cerca con Google

V. Lepri, Besler a Erlangen: per una nuova datazione dell'ultimo Bruno, in "Rinascimento", XLIV (2004), pp. 359-372, Firenze 2004. Cerca con Google

Lepri, Johann Wechel, Giovan Battista Ciotti e le ultime edizioni di Bruno, "Rinascimento", II s., XLVII, 2007, pp. 367-388. Cerca con Google

AA. VV. Autobiografia e filosofia. L'esperienza di Giordano Bruno, Atti del convegno, Trento, 18-20 maggio 2000, a cura di N. Pirillo, Roma 2003. Cerca con Google

N. Tirinnanzi, La composizione della Lampas triginta statuarum, in La filosofia di Giordano Bruno. Problemi ermeneutici e storiografici, Convegno internazionale, Roma, 23-24 ottobre 1998, a cura di E. Canone, Firenze 2003, pp. 305-324. Cerca con Google

Tirinnanzi, «Materia prima» e «scala della natura»: dalla Lampas triginta statuarum alle opere magiche, in Autobiografia e filosofia. L'esperienza di Giordano Bruno, Atti del convegno, Trento, 18-20 maggio 2000, a cura di N. Pirillo, Roma 2003, pp. 37-51. Cerca con Google

Tirinnanzi, Il nocchiero e la nave: forme della revisione autoriale nella seconda redazione della Lampas triginta statuarum, in La mente di Giordano Bruno, a cura di F. Meroi, Firenze 2004, pp. 323-341. Cerca con Google

Tirinnanzi, La monade e le sue ombre nell''ars memoriae' di Giordano Bruno, in Monadi e monadologie. Il mondo degli individui tra Bruno, Leibniz e Husserl, Atti del Convegno internazionale di studi, Salerno, 10-12 giugno 2004, a cura di B. m. Ippolito, A. Montano, F. Piro, Catanzaro 2005, pp. 29-40. Cerca con Google

S. Bassi, L'arte di Giordano Bruno. Memoria, furore, magia, Firenze 2004. Cerca con Google

Bassi, Da collezionista a studioso: il percorso di Avraam Norov, «Rinascimento», II s., XLVI, 2006, pp. 619-628. Cerca con Google

Giordano Bruno in Wittemberg 1586-1588. Aristoteles, Raimundus Lullus, Astronomie, hrsg. Von T. Leinkauf, Pisa-Roma 2004. Cerca con Google

M. Muslow, Figuration und philosophische Findungskunst. Giordano Brunos Lampas triginta statuarum, in Giordano Bruno in Wittemberg 1586-1588. Aristoteles, Raimundus Lullus, Astronomie, hrsg. Von T. Leinkauf, Pisa-Roma 2004, pp. 83-94. Cerca con Google

A. Angelini, Bruno, l'architettura e il terzo nome del gatto, in Con l'ali de l'intelletto. Studi di filosofia e di storia della cultura, a cura di F. Meroi, presentazione di S. Bassi, Firenze 2005, pp. 87-115. Cerca con Google

Angelini, Metodo ed Enciclopedia nel Cinquecento francese. Il pensiero di Pietro Ramo all'origine dell'enciclopedismo moderno, Firenze 2008. Cerca con Google

Angelini, "Bruno: tra enciclopedia, architettura, memoria e metodo", in Bruno nel XXI secolo. Interpretazioni e ricerche, Atti delle giornate di studio (Pisa, 15-16 ottobre 2009), Firenze 2012. Cerca con Google

AA. VV. Monadi e monadologie. Il mondo degli individui tra Bruno, Leibniz e Husserl, Atti del Convegno internazionale di studi, Salerno, 10-12 giugno 2004, a cura di B. M. Ippolito, A. Montano, F. Piro, Catanzaro 2005. Cerca con Google

AA. VV. Con l'ali dell'intelletto. Studi di filosofia e di storia della cultura, a cura di Fabrizio Meroi, Firenze 2005. Cerca con Google

AA. VV. Bruno nel XXI secolo. Interpretazioni e Ricerche, a cura di S. Bassi, Firenze 2009. Cerca con Google

P. Secchi, «Del mar più che del ciel amante». Bruno e Cusano, Roma 2006. Cerca con Google

La magia nell'Europa moderna. Tra antica sapienza e filosofa naturale, Atti del Convegno, Firenze, 2-4 ottobre 2003, a cura di F. Meroi, con la collaborazione di E. Scapparrone, Firenze 2007, pp. 383-395. Cerca con Google

Favole, metafore, storie. Seminario su Giordano Bruno, a cura di O. Catanorchi e D. Pirillo, Pisa 2007. Cerca con Google

M. Mertens, A Perspective on Bruno's De compendiosa architectura et complemento artis Lullii, «Bruniana & Campanelliana», XV, 2009, 2, pp. 513-525. Cerca con Google

Mertens, Memory and Geometry in Bruno: some analogies, in "Foundations of Science", 1-20, february 2013 (www.link.springer.com). Vai! Cerca con Google

M. Matteoli- R. Sturlese, La nuova «arte» del Bruno in tre enigmi, in «Rinascimento», XLI, 2001, pp. 113-65. Cerca con Google

A. Rossius, Works within a Codex: the structure of Bruno's 'magical' writings, in "Bruniana & Campanelliana", XVIII, 2, 2012, pp. 453-473. Cerca con Google

P. Zambelli, «Il "De auditu Kabbalistico" e la tradizione lulliana nel Rinascimento», in L'apprendista stregone. Astrologia, cabala e arte lulliana in Pico della Mirandola e seguaci, Venezia 1995. Cerca con Google

Zambelli, White magic, black magic in the European Renaissance, Leiden 2007. Cerca con Google

AA. VV. Geometrie della memoria: schemi, ordini e figure della mnemotecnica di Giordano Bruno, in Aspetti della geometria nell'opera di Giordano Bruno, a cura di Ornella Pompeo Faracovi, Lugano 2012. Cerca con Google

S. Ulliana, Il concetto creativo e dialettico dello spirito nei Dialoghi italiani di Giordano Bruno, Napoli 2003. Cerca con Google

Ulliana, Una modernità mancata. Giordano Bruno e la tradizione aristotelica, Roma 2004. Cerca con Google

I. Celestino Lopes, A cosmologia bruniana como pressuposto de uma reforma moral / Ideusa Celestino Lopes.- João Pessoa, 2013. 153f. Orientador: Marconi José Pimentel Pequeno .Tese (Doutorado). Cerca con Google

L. Girelli, Bruno, Aristotele e la materia, Bologna 2013. Cerca con Google

F. dell'Omodarme - F. Di Dio, L'"Editio Mycilli" fonte di Giordano Bruno, in "Rinascimento", s. II, XLV, 2005, pp. 367-88. Cerca con Google

Walter J. Ong, Ramus, Method, and the Decay of Dialogue. From the Art of Discourse to the Art of Reason, Cambridge 1958. Cerca con Google

G. Santinello, Introduzione a Niccolò Cusano, Roma-Bari 2008. Cerca con Google

E. Berti: Struttura e significato della Metafisica di Aristotele, Roma 2008 (seconda ed.) Cerca con Google

Berti, «Coincidentia oppositorum» e contraddizione nel «De docta ignorantia» I, 1-6, in G. Piaia (a cura), «Concordia discors». Studi su Niccolò Cusano e l'umanesimo europeo offerti a Giovanni Santinello, Padova 1993, pp. 107-27. Cerca con Google

L. Bianchi, Filosofi, uomini e bruti. Note per un'antropologia averroista, in "Rinascimento", II s., XXXII, 1992, pp. 185-201. Cerca con Google

B. Nardi, Saggi sull'aristotelismo padovano dal secolo XIV al XVI, Firenze 1958. Cerca con Google

U. Eco, Scritti sul pensiero medioevale, Milano 2012. Cerca con Google

AA. VV. L'averroismo in Italia. Convegno internazionale, Roma 18-20 aprile 1977, Accademia Nazionale dei Lincei, Roma 1979. Cerca con Google

J. Gayà Esterlich, Raimondo Lullo. Una teologia per la missione, Milano 2002. Cerca con Google

C. Catà, Forking Paths in Sixteenth-Century Philosophy: Charles de Bovelles and Giordano Bruno, in "Viator", vol. 40, n°2, 2009. Cerca con Google

A. De Petris, Prometeo, un mito, Firenze 2003. Cerca con Google

U. Curi, Endiadi, Milano 2002. Cerca con Google

R. Bassi, Canoni di mitologia. Materiali per lo studio delle fonti vichiane, Roma 2005. Cerca con Google

J. M. Victor, Charles de Bovelles 1479-1553. An intellectual biography, Genève 1978. Cerca con Google

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record