Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Ashraf, Sadia (2013) Study of mechanism of action of Scorpion neurotoxins. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF
Tesi non accessible fino a 31 Dicembre 2017 per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

34Mb

Abstract (inglese)

Summary
Scorpions are important representative of arthropods. They have been well adapted to the extremes of environmental conditions. Scorpions also play a vital role in ecological systems by maintaining balance between different populations in an ecosystem. Apart from their positive role scorpions are responsible for more than 1.2 million stings per year with almost 3000 deaths worldwide per year and thus posing serious threat to public health. Two families of scorpions i.e. Buthida and Hemiscorpiidae are dangerous for humans. Scorpion sting can result in mild effects of redness and pain to very severe and lethal effects which can result failure of multiple organs eventually leading to death.
Scorpion venom is composed of many different components such as low molecular weight peptides, nucleotides, lipids and certain enzymes. The diverse detrimental effects of scorpion sting result due to presence of many different types of toxins (neurotoxin, cardiotoxin, nephrotoxin, hemolytic toxin) and different enzymes (phosphodiesterases, phospholipases and hyaluronidases) in their venom. Since scorpions have a long evolutionary history during this long time period scorpions have developed a series of venom peptides that display a diverse range of biological functions.
The most widely studied components of scorpion venom are the ion channel-modulating toxins which have been studied and described in detail in literature. Antarease a new class of unique scorpion metalloproteases capable of cleaving SNARE proteins has been described only recently with no previous evidence on presence of such enzymes in scorpions. Up till now SNARE proteins have only been shown to be targets of clostridial neurotoxins. To investigate such a class of metalloproteases we have analyzed the action of different scorpion venoms both on recombinant SNARE proteins as well as in neuronal cell models.
Conclusion: This study shows for the first time the presence of antarease like proteins in scorpion species: Buthus eupeus and Orthochirus scrobiculosus. Both of the scorpion species contain active components i.e. metalloproteases that are able to cleave SNARE proteins in a mechanism similar to antarease.

Abstract (italiano)

RIASSUNTO

Gli Scorpioni sono importanti rappresentanti del phylum Artropodi. Essi si sono ben adattati a condizioni ambientali estreme e giocano un ruolo fondamentale in diversi ecosistemi. Allo stesso tempo gli scorpioni sono responsabili di più di 1.2 milioni di punture per anno con quasi 3000 morti in tutto il mondo. Sono due le famiglie di scorpioni pericolose per l’uomo: Buthida e Hemiscorpiidae. Le punture di scorpione possono causare da effetti lievi come rossore, e dolore a effetti gravi che causano danni a diversi organi ed eventualmente la morte del soggetto colpito.
Il veleno di scorpione è costituito da diversi componenti come peptidi a basso peso molecolare, lipidi ed enzimi. Gli effetti patologici della puntura di scorpione sono causati dalla presenza di diverse tossine (neurotossina, cardiotossina, nefrotossina, tossina emolitica) e diversi enzimi (fosfodiesterasi, fosfolipasi, ialuronidasi) nel veleno. Dato che gli scorpioni hanno una lunga storia evolutiva, durante questo lungo periodo hanno sviluppato un serie di peptidi e proteine che possiedono diverse funzioni biologiche.
Grazie alla loro abbondanza e quindi alla facilità d’isolamento, i componenti del veleno più studiati sono le tossine che esplicano la loro azione sui canali ionici i quali sono stati molto studiati e descritti in dettaglio in letteratura. Recentemente è stata descritta una nuova classe di metalloproteasi di scorpione capace di proteolizzare le proteine SNARE che è stata denominata Antarease. Fino ad ora le proteine SNARE che hanno un ruolo chiave nel processo di neuroesocitosi, sono state descritte essere il bersaglio molecolare solo di neurotossine batteriche quali le tossine del tetano e del botulismo. Per studiare questa nuova classe di metalloproteasi, abbiamo analizzato l’azione di diversi veleni di scorpioni sia su proteine SNARE ricombinanti sia su modelli di neuroni primari in coltura.
Questo studio ha dimostrato la presenza di metalloproteasi simili all’Antarease in specie di scorpioni Buthus eupeus e Orthochirus scrobiculosus e che questi enzimi sono in grado di proteolizzare in maniera specifica le proteine SNARE.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore: Montecucco, Cesare
Correlatore:Rossetto, Ornella
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 26 > Scuole 26 > BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE > BIOLOGIA CELLULARE
Data di deposito della tesi:29 Gennaio 2014
Anno di Pubblicazione:29 Gennaio 2013
Parole chiave (italiano / inglese):Scorpions, metalloproteases, SNAREs
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 05 - Scienze biologiche > BIO/13 Biologia applicata
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Scienze Biomediche
Codice ID:6435
Depositato il:04 Nov 2014 15:07
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record