Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Polo, Anna (2014) La traducción de la modalidad en un corpus de textos científico-divulgativos. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]Documento PDF (Tesi di dottorato) - Versione sottomessa
Tesi non accessible per motivi correlati alla proprietà intellettuale.
Visibile a: nessuno

8Mb

Abstract (inglese)

This doctoral thesis, titled La traducción de la modalidad en un corpus de textos científico-divulgativos, develops within the research area of corpus—based experimental studies on translation. It focuses on the specific text typology of popular scientific writings, and investigates the specific phenomenon of translation of modality from Spanish to Italian, intended as a complex and systematic translation problem.
The semantic domain of modality, that is the speaker’s attitude towards the truth value of what they stated, though characterizing any communicative act, represents a complex and multifaceted concept. It is indeed one of the most controversial linguistic domains.
In this light, at first the thesis will present a critical review of the different theoretical approaches proposed in the literature. In this work modality is characterized as a semantic—pragmatic category, based on the logical values of necessity and possibility, expressed through the subdomains of epistemic and radical modality, (the latter includes dynamic, deontic and anankastic domains). This conception of modality is specifically related to the attitude of the speaker towards the necessity or possibility of the truth value stated in the enunciation, to their degree of certainty and their involvement with respect to the text. The lexical markers of interest for this thesis are: the modal periphrasis, epistemic verbs such as conocer, saber, creer, etc., and the phrasal adverbs.
The methodology adopted in this work is based on the analysis of two different corpus (a parallel corpus and a comparable one), that allowed both the statistical evaluation of a large data set, and the study of regularities and discrepancies in the reference texts.
The originality of the presented methodology is due to the use of different and complementary analysis methods and instruments.
The homogeneity and significant dimension of the considered corpus confirmed that some systematic trends exist in the translation process, that could not be simply ascribed to stylistic choices. The presented results allowed to demonstrate that the translation of modality markers is actually a problem.

Abstract (italiano)

La tesi di dottorato che viene qui presentata, La traducción de la modalidad en un corpus de textos científico-divulgativos, si inserisce nel filone di studi di traduzione empirico-sperimentali basato sullo studio di corpus, e si propone di osservare se la traduzione della modalità, in relazione con una specifica tipologia testuale, ovvero il saggio di argomentativo di divulgazione scientifica, rappresenti un problema dal punto di vista traduttologico.
Il dominio semantico della modalità, inteso come manifestazione dell’attitudine del parlante rispetto al valore di verità di quanto viene espresso nell’enunciato, pur essendo caratteristico di qualsiasi atto comunicativo, rappresenta una nozione complessa e costituisce, di fatto, uno dei domini più controversi della linguistica. Per questo motivo si è deciso di elaborare una revisione critica delle differenti approssimazioni teoriche riguardanti questo dominio che ha portato all’adozione di un punto di vista considerato ristretto. In questo lavoro, la modalità si caratterizza quindi, come una categoria semantico-pragmatica basata sui valori logici di necessità e possibilità -espressi attraverso i subdomini di modalità epistemica e radicale, a sua volta suddivisa in dinamica, deontica e anankastica- relazionati, in particolare, alla posizione del parlante rispetto alla possibilità o alla necessità del valore di verità espresso nell’enunciato, dal suo grado di certezza e il suo coinvolgimento rispetto al testo. I marcatori lessicali oggetto dell’analisi presentata in questa tesi sono: le perifrasi modali, i verbi di attitudine proposizionale e gli avverbi modali. Questi marcatori non apportano un contributo significativo al contenuto informativo all’enunciato, ma rappresentano il punto di vista dell’enunciatore, perciò il mancato riconoscimento del valore effettivo di questi elementi può portare a una significativa modificazione dell’equivalenza funzionale dei testi tradotti.
La metodologia adottata in questo lavoro si basa sulla compenetrazione di due tipologie distinte di corpus (uno parallelo e uno comparabile), che ha portato all’analisi statistica di un ampio insieme di dati, che hanno permesso di determinare e interpretare sia regolarità che discrepanze nei testi di riferimento, altrimenti difficilmente analizzabili. Da una parte, lo studio sia qualitativo, sia quantitativo dei dati, dedicato a questioni di tipo linguistico, ha portato ad una quantificazione delle occorrenze dei singoli marcatori e all’analisi dei rispettivi valori di frequenza (relativa e assoluta) di questi ultimi; dall’altra l’analisi traduttologica dei marcatori oggetto di studio ha messo in luce quali procedimenti tecnici vengono utilizzati in relazione alla traduzione di questi marcatori e quali modificando sostanzialmente il punto di vista di chi emette l’enunciato sono da considerarsi non accettabili.
L’originalità di questa metodologia deriva dalla complementarietà dei diversi strumenti e metodi di analisi utilizzati: da una parte si trova la compenetrazione tra uno studio quantitativo e uno qualitativo, dall’altra si sottolinea l’importanza dell’adozione di un corpus di controllo a supporto del corpus parallelo allineato, che permette di analizzare in modo più accurato alcuni fenomeni sia linguistici, che traduttologici, connessi con la complessità intrinseca al processo traduttivo.
L’ampiezza e l’omogeneità del corpus di lavoro hanno mostrato l’esistenza di alcune tendenze sistematiche nel processo traduttivo, che non rappresentano semplici opzioni di tipo stilistico. I risultati presentati in questo lavoro di tesi hanno permesso di dimostrare che la traduzione dei marcatori modali è effettivamente un problema che deve essere affrontato sistematicamente tanto nella didattica quanto negli studi di traduzione.

Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Castillo Peña, Carmen
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 26 > Scuole 26 > SCIENZE LINGUISTICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE > LINGUISTICA, LINGUE CLASSICHE E MODERNE
Data di deposito della tesi:27 Luglio 2014
Anno di Pubblicazione:30 Luglio 2014
Parole chiave (italiano / inglese):modalità epistemica, corpus parallelo, corpus comparabile, traduzione, epistemic modality, aligned corpus, comparable corpus, translation
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-LIN/01 Glottologia e linguistica
Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-LIN/07 Lingua e traduzione - Lingua spagnola
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari
Codice ID:6979
Depositato il:30 Lug 2015 09:35
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record