Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione | Spostati sulla ricerca | Vai al menu | Contatti | Accessibilità

| Crea un account

Peretti, Umberto (2015) HUMANITARIAN LOGISTICS: INNOVATIVE METHODOLOGIES FOR HUMANITARIAN LOGISTICS MANAGEMENT. [Tesi di dottorato]

Full text disponibile come:

[img]
Anteprima
Documento PDF
9Mb

Abstract (inglese)

During the last decades, disasters and catastrophes both natural and handmade have been radically increased and it seems this way of things will continue the next years.
In such this situation there has been even a growth in terms of humanitarian operations, in particular of the total humanitarian effort in terms of resources and supply chain in general. According to the literature here, the logistic impact covers up to 80% percent of the total effort.
All the organizations involved in these operations gave special attention to logistic performance, with an always crescent focus on effectiveness, efficiency and sustainability. In fact, the long term social impact that the disasters and the next operations can cause to the population and in general to the area, is well known by the researchers. For these reasons it is important to define, monitor and improve the logistic functions efficiency; moreover it is important to introduce a new sustainable way to reach the success of all the operations perspectives.
With this goal in mind, this research introduces new theoretical innovative methods to analyze the logistic systems performances and it introduces, through an appropriate and deep literature review, new models that present the sustainability and the social impact associated to the logistic practices in the humanitarian environment.
This thesis is composed by these principal sections:

• Introduction and analysis of the humanitarian literature with a focus on the different divers that usually are used for the evaluation of humanitarian operations. Moreover it presents a definition of a general decision making framework and its application.

• Introduction and definition of forward distribution models. In particular, the discussion of the tradeoff between the costs analysis and the demand satisfaction or shortage, associated to the use of different fleets and the development of innovative heuristic models for the distribution that considers typical humanitarian features.

• Introduction and definition of innovative reverse logistics practices based on what is normally used in the industrial supply chain and based on what the humanitarian organizations are implementing in the fields; as an example it is presented a real reverse logistics case, with real data and issued from an Italian case study, the Emilia Romagna earthquake (2012). Moreover, an innovative reverse logistic model for the location of reverse plants is presented, with the study of their impact in humanitarian operations.

The present work has carried out to the publishing of several scientific contributions in relevant International Journals and Conferences, like Journal of Humanitarian Logistics and Supply Chain Management, International Journal of Service and Operations Management and International Journal of Operations and Quantitative Management.

Abstract (italiano)

Negli ultimi decenni sono aumentati considerevolmente i disastri e le catastrofi sia naturali sia derivanti dall’uomo, con una conseguente crescita del numero delle relative operazioni umanitarie.
In questa situazione, è diventato enorme l’impiego di risorse nella catena di fornitura umanitaria, in cui, secondo la letteratura, la logistica copre fino all’ottanta per cento del totale sforzo.
Inoltre, è stata posta maggiore attenzione alle performance logistiche delle diverse organizzazioni coinvolte nelle operazioni umanitarie e grande cura nei confronti dell’efficienza e della sostenibilità degli aiuti. Efficienza e sostenibilità sono due caratteristiche fortemente legate tra loro, in particolare per quanto riguarda l’impatto sociale a lungo termine dei disastri e le successive operazioni di risposta ai bisogni delle popolazioni colpite.
É stato importante quindi riuscire a definire, monitorare e migliorare l’efficienza delle funzioni logistiche, oltre a introdurre nuovi termini per raggiungere una sostenibilità che si riferisca a tutti gli ambiti dell’operazione.
Su tale fronte, questo elaborato introduce innovativi modelli teorici per l’analisi delle performance dei sistemi logistici e sostiene, attraverso un appropriato studio della letteratura, nuovi modelli che introducono e sviluppano la sostenibilità e l’impatto sociale delle pratiche logistiche in ambiente umanitario, con esclusiva attenzione alle particolarità e alle problematiche ad esso associate.

L’elaborato si articola nelle seguenti parti:
1. Introduzione della letteratura e dei criteri-drivers utilizzati per la valutazione di questioni di carattere umanitario. Sviluppo dello studio del loro legame con applicazioni logistiche reali e numeriche;
2. Introduzione di modelli per la distribuzione nell’ultimo miglio. Discussione dello stretto legame tra flotta logistica e performance in termini di costi e soddisfazione della domanda;
3. Presentazione e sviluppo di modelli euristici per la distribuzione che considerino le caratteristiche tipiche umanitarie e allo stesso tempo introduzione di modelli semplici da implementare e utilizzare in casi reali;
4. Introduzione e definizione di nuove tecniche di reverse logistics in operazioni umanitarie, con studi provenienti dal campo, dalla letteratura e dagli aspetti che le organizzazioni stanno implementando;
5. Presentazione di un caso di reverse attuato in Italia: il waste management dopo il terremoto in Emila Romagna del 2012;
6. Definizione di un nuovo modello per la locazione di impianti di smaltimento e studio dell’impatto, in termini di performance, che questo può avere nelle operazioni umanitarie.

Il lavoro di tesi è stato sviluppato in stretta collaborazione con il Prof. Luk Van Wassenhove, Professore di “Technology and Operations Management” e Direttore dell’Humanitarian Research Group presso l’INSEAD Business School (Fontainebleau, France), e con il Prof. Peter Tatham, Professore di logistica umanitaria presso la Griffith University e Direttore del Dipartimento di “International Business and Asian Studies”. Durante il dottorato e grazie ai periodi di ricerca all’estero, i contributi di tale ricerca sono stati portati alla pubblicazione su importanti riviste e presentati a convegni internazionali.

Statistiche Download - Aggiungi a RefWorks
Tipo di EPrint:Tesi di dottorato
Relatore:Sgarbossa, Fabio
Dottorato (corsi e scuole):Ciclo 27 > scuole 27 > INGEGNERIA MECCATRONICA E DELL'INNOVAZIONE DEL PRODOTTO
Data di deposito della tesi:20 Gennaio 2015
Anno di Pubblicazione:31 Gennaio 2015
Parole chiave (italiano / inglese):humanitarian logistics
Settori scientifico-disciplinari MIUR:Area 09 - Ingegneria industriale e dell'informazione > ING-IND/17 Impianti industriali meccanici
Struttura di riferimento:Dipartimenti > Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali
Codice ID:7502
Depositato il:20 Nov 2015 15:25
Simple Metadata
Full Metadata
EndNote Format

Download statistics

Solo per lo Staff dell Archivio: Modifica questo record